Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Sie sind nicht angemeldet.


Lieber Besucher, herzlich willkommen bei: Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Falls dies Ihr erster Besuch auf dieser Seite ist, lesen Sie sich bitte die Hilfe durch. Dort wird Ihnen die Bedienung dieser Seite näher erläutert. Darüber hinaus sollten Sie sich registrieren, um alle Funktionen dieser Seite nutzen zu können. Benutzen Sie das Registrierungsformular, um sich zu registrieren oder informieren Sie sich ausführlich über den Registrierungsvorgang. Falls Sie sich bereits zu einem früheren Zeitpunkt registriert haben, können Sie sich hier anmelden.

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

1

Dienstag, 25 Juni 2019, 11:35

Di nuovo il buio

Buongiorno a tutti,
non entravo da molto tempo, purtroppo sto rientrando con tutto l'ambaradan in un periodo difficile a livello psicologico,
prima ansia per mesi con palpitazioni, attacchi di panico, ora vedo tutto buio, sono stanto e depresso, credo di avere anche episodi di depersonalizzazione o derealizzazione.
Avevo interrotto il Cipralex il 1 Marzo 2017, non so se ancora sia un effetto rebound, ho avuto tanto stress in questi mesi, mi preoccupavo per qualsiasi sintomo, avevo sempre paura di sbagliare qualcosa al lavoro, ora di nuovo cosi, mi sento a terra mentalmente, ciò però che mi dà più fastidio e la depersonalizzazione, sensazione che ricordavo a malapena, bruttissima.
Ho pure il Morbo di Crohn, sto messo proprio bene!
Domani ho prenotato con una psicologa (lo psichiatra torna lunedì).
Vivo da solo da 7 anni e per me era una cosa sacra ma ora come faccio?
Ho i miei genitori vicino, sarò costretto ad andare da loro altrimenti i pensieri intrusivi se sto solo mi distruggeranno ancora di più.
Si vede che sto proprio abbattuto

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

2

Dienstag, 25 Juni 2019, 18:56

ciao.....scusa il mio mantra ma lo voglio sempre dire che non sono un medico, parlo per esperienza personale e da "veterano". Purtroppo le stime indicano che circa il 70% delle persona affette da depressione/ansia definite patologiche vanno incontro durante l'arco della vita a recidive. Fai bene a rivolgerti allo psichiatra e magari qualche altra seduta di psicoterapia non farebbe male. Personalmente non penso sia proprio l'effetto rebound del farmaco in quanto sospeso da molto tempo. Il perchè di queste recidive è sconosciuto, ma fattori ambientali, personali affiancati a deficit dei neurotrasmettitori, fanno si che la vecchia ansia ritorni. In bocca al lupo vedrai che anche questa volta ne uscirai.......

viking

Utente Fedele

Beiträge: 333

Aktivitätspunkte: 1 090

Registrierungsdatum: Mittwoch, 15 April 2015

  • Nachricht senden

3

Dienstag, 25 Juni 2019, 22:32

Si concordo con repcar, anche il mio Psichiatra mi ha detto che queste crisi depressive ansiose dovrò gestirmele fino alla fine della mia vita.... ho avuto anche io ricaduta e anche io do la colpabuonanotte allo stress al lavoro ecc. ecc., però prima non succedeva, ora invece siamo invecchiati e questa vita o meglio modello di vita non fa piu per noi, non riusciamo a sopportarla, ci crea dei problemi anche a livello di neurotrasmettitori e andiamo in crisi

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

4

Mittwoch, 26 Juni 2019, 09:26

ciao.....scusa il mio mantra ma lo voglio sempre dire che non sono un medico, parlo per esperienza personale e da "veterano". Purtroppo le stime indicano che circa il 70% delle persona affette da depressione/ansia definite patologiche vanno incontro durante l'arco della vita a recidive. Fai bene a rivolgerti allo psichiatra e magari qualche altra seduta di psicoterapia non farebbe male. Personalmente non penso sia proprio l'effetto rebound del farmaco in quanto sospeso da molto tempo. Il perchè di queste recidive è sconosciuto, ma fattori ambientali, personali affiancati a deficit dei neurotrasmettitori, fanno si che la vecchia ansia ritorni. In bocca al lupo vedrai che anche questa volta ne uscirai.......

ciao.....scusa il mio mantra ma lo voglio sempre dire che non sono un medico, parlo per esperienza personale e da "veterano". Purtroppo le stime indicano che circa il 70% delle persona affette da depressione/ansia definite patologiche vanno incontro durante l'arco della vita a recidive. Fai bene a rivolgerti allo psichiatra e magari qualche altra seduta di psicoterapia non farebbe male. Personalmente non penso sia proprio l'effetto rebound del farmaco in quanto sospeso da molto tempo. Il perchè di queste recidive è sconosciuto, ma fattori ambientali, personali affiancati a deficit dei neurotrasmettitori, fanno si che la vecchia ansia ritorni. In bocca al lupo vedrai che anche questa volta ne uscirai.......

Grazie per la risposta, si gli psichiatri dicono tutti questo, purtroppo lo so, anche quello che mi seguiva (e penso ci riandrò anche se andrò pure dallo psicologo) me lo disse dall'inizio, lui diceva semplicemente che i farmaci (nel mio caso era il Cipralex da 10mg) bisognava prenderlo tranquillamente a vita) "perché poi succede che si ritorna nel tempo indietro e si torna ad avere le recidive". Però non è giusto. Questi farmaci non sono zucchero, quando intrapresi il percorso per toglierlo ne vidi tutti gli effetti e non sono facili da subire (insonnia persistente, scossette nella testa, ansia che ritorna di botto, strane sensazioni fisiche). In quel momento capii che avevo preso per circa 5 anni non una semplice compressina piccola piccola ma un farmaco anche potente che praticamente faceva parte del compito che avrebbe dovuto fare il cervello (come dormire ad esempio). Questa esperienza mi ha segnato tanto e vorrei non tornare a prendere psicofarmaci ma capisco che ormai chi è entrato nel tunnel degli psicofarmaci è difficile che se ne esca.
Riguardo a questo momento la colpa è un pò anche mia perché dopo l'interruzione del farmaco stando bene (bene o male conducevo una vita normale senza problemi ansiogeni o depressivi) ho smesso di farmi seguire dallo psichiatra (errore comune a quasi tutti quelli che iniziano a sentirsi bene) e neanche consulti da qualche psicologo ho fatto. Sono stato uno sborone pensando di non aver mai più problemi simili. So che è inutile darsi colpe ora però diciamo che potevo evitare tutto questo se continuavo a fare qualche consulto magari spegnendo le prime avvisaglie (preoccupazioni inutili ad esempio per il lavoro) cosi evitando magari di arrivare a questo punto.

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

5

Mittwoch, 26 Juni 2019, 12:16

ciao.....non darti colpe che non hai. Sul fattore farmaci psichiatrici sono d'accordo che non sono caramelle, però ricorda che gli antidiabetici, antipertensivi, etc. devono essere assunti per tutta la vita e ti posso dire che pure questi hanno degli effetti collaterali che implicano anche aree del cervello. Il problema che non riusciamo a capire è che il nostro cervello è un organo del corpo umano e può andare incontro a malattie. Certamente non è conosciuto come altri, ed è per questo motivo che la scienza va a tentoni in special modo quando si tratta di ansia e depressione. Pertanto cerca di risollevarti e segui le prescrizione del medico.....
personalmente preferisco una compressa a vita che il buio totale di una grotta, anche con gli effetti collaterali che comporta........Forza leone....... :thumbup:

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

6

Mittwoch, 26 Juni 2019, 13:52

ciao.....non darti colpe che non hai. Sul fattore farmaci psichiatrici sono d'accordo che non sono caramelle, però ricorda che gli antidiabetici, antipertensivi, etc. devono essere assunti per tutta la vita e ti posso dire che pure questi hanno degli effetti collaterali che implicano anche aree del cervello. Il problema che non riusciamo a capire è che il nostro cervello è un organo del corpo umano e può andare incontro a malattie. Certamente non è conosciuto come altri, ed è per questo motivo che la scienza va a tentoni in special modo quando si tratta di ansia e depressione. Pertanto cerca di risollevarti e segui le prescrizione del medico.....
personalmente preferisco una compressa a vita che il buio totale di una grotta, anche con gli effetti collaterali che comporta........Forza leone....... :thumbup:

Oggi ho un appuntamento con lo psicologo (psicologa) vediamo come va. Non ci sono mai stato da uno psicologo. Andai direttamente o dallo psichiatra la prima volta con antidepressivo subito prescritto.

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

7

Mittwoch, 26 Juni 2019, 19:07

ciao......totalmente d'accordo, l'unione tra psicologo e psichiatra sono la migliore cura........In bocca al lupo e fai sapere...... :thumbup:

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

8

Mittwoch, 26 Juni 2019, 19:23

ciao......totalmente d'accordo, l'unione tra psicologo e psichiatra sono la migliore cura........In bocca al lupo e fai sapere...... :thumbup:

Ciao Repcar ad oggi non sono tornato dallo psichiatra ancora.
Ora provo ad iniziare questo percorso di psicoterapia sperando che i disturbi dissociativi la smettano che è quello che mi ha fatto impaurire più che la classica ANSIA. La depersonalizzazione è terribile e purtroppo la sto provando da qualche giorno. La psicologa credo non mi abbia molto creduto su di questo perché mi ha detto che ho letto troppo su internet ma ebbi tutto ciò anche anni fa quando non sapevo manco cosa fossero

Dieser Beitrag wurde bereits 1 mal editiert, zuletzt von »Furiadicheb« (26/06/2019, 19:39)


Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

9

Dienstag, 02 Juli 2019, 09:21

Iniziato oggi di nuovo il Cipralex, ieri lo psichiatra mi disse che per lui ne avevo bisogno non potevo continuare cosi.
Il pensiero che più mi attanaglia è la sensazione di dissociazione col mio corpo e mi mette paura addosso. Proprio terrore lungo tutto il corpo appena ho questa sensazione.
Un'esperienza terribile che non auguro a nessuno non so neanche se si tratti di depersonalizzazione perché vedo che quelli che ne soffrono boh vivono tranquillamente mentre io ne ho il terrore, come se mi sentissi d'un tratto prigioniero in un corpo (mah!?).

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

10

Dienstag, 02 Juli 2019, 11:05

ciao.....indubbiamente quanto l'ansia porta come come somatizzazione la depersonalizzazione una cura farmacologica diventa necessaria. Ha anche abbinato una benzodiazepina per un po di tempo finchè il principio attivo dell'antidepressivo inizi a funzionare? Ora devi avere un po di pazienza perchè esiste un tempo di latenza del farmaco affinchè entri in circolo completo nel corpo, che va dalle 3 alle 4 settimane, quindi molta ma molta pazienza. In bocca al lupo...... :thumbup:

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

11

Dienstag, 02 Juli 2019, 12:14

ciao.....indubbiamente quanto l'ansia porta come come somatizzazione la depersonalizzazione una cura farmacologica diventa necessaria. Ha anche abbinato una benzodiazepina per un po di tempo finchè il principio attivo dell'antidepressivo inizi a funzionare? Ora devi avere un po di pazienza perchè esiste un tempo di latenza del farmaco affinchè entri in circolo completo nel corpo, che va dalle 3 alle 4 settimane, quindi molta ma molta pazienza. In bocca al lupo...... :thumbup:

Diciamo che non mi ha detto preventivamente di prendere le gocce di lexotan ma solamente di vedere se ne avessi avuto bisogno in questo primo periodo

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

12

Montag, 08 Juli 2019, 09:19

Sono 6 giorni che ho iniziato il Cipralex, ora sono alla seconda compressa da 10mg, non so se il farmaco sta facendo qualcosa di buono non ne ho idea.
Ieri tutto sommato con la depersonalizzazione è stata una giornata positiva anche se lo stesso ho continuato a controllarmi il corpo però il pensiero tornava subito a cose più "futili" e non si fissava.
Stamattina invece sono tornato proprio indietro con testa distratta, tra le nuvole, continuamente a pensare alla depersonalizzazione, abbattuto e silenzioso, ieri mi sono illuso :(

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

13

Montag, 08 Juli 2019, 12:16

ciao.....è ancora presto per dare un giudizio e valutazione :thumbup: alla cura.......ricorda tre/quattro settimane a dosaggio pieno........ci vuole pazienza e tanta ricordalo....... :thumbup:

Furiadicheb

Utente Attivo

  • »Furiadicheb« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 63

Aktivitätspunkte: 231

Registrierungsdatum: Montag, 09 Januar 2017

  • Nachricht senden

14

Montag, 08 Juli 2019, 12:25

ciao.....è ancora presto per dare un giudizio e valutazione :thumbup: alla cura.......ricorda tre/quattro settimane a dosaggio pieno........ci vuole pazienza e tanta ricordalo....... :thumbup:

Ciao Repcar, ieri ero anche forse euforico di sentirmi "benino" per la prima volta dopo tanti giorni continui di quella sensazione di sentirmi imprigionato nel mio corpo con conseguente paura (ps. ho letto di altri che però nn spiegano questi sintomi ma altri sintomi diversi da questo mi sto quindi convincendo che sono l'unico a sentire questa sensazione di voler fuggire dal proprio corpo boh). Negli ultimi 4 giorni vedevo che miglioravo un pò la sera mentre ieri proprio quasi tutta la giornata mi sentivo privo di questi pensieri.

repcar

Amico Inseparabile

  • »repcar« ist männlich

Beiträge: 1 507

Aktivitätspunkte: 4 257

Registrierungsdatum: Samstag, 10 Dezember 2016

Wohnort: reggio calabria

Beruf: forze di polizia

  • Nachricht senden

15

Montag, 08 Juli 2019, 19:56

ciao....la prima cosa da lasciare stare è l'effetto collaterale ed il raffronto con altra persona che prende il tuo stesso farmaco. Nulla di più sbagliato ed i motivi sono i più disparati possibili. Il problema centrale sta che quando una persona percepisce diciamo una giornata "si", subito dopo l'esultanza viene invalidata dalla giornata "no". Bene se questo può esserti d'aiuto è l'inizio dell'effetto del farmaco, che come ti dicevo deve raggiungere lo steady nell'organismo. Piano piano e tanta fiducia......in bocca al lupo......... :thumbup:

Zurzeit ist neben Ihnen 1 Benutzer in diesem Thema unterwegs:

1 Besucher