Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

1

Sunday, December 9th 2018, 8:26pm

devo allontanarmi dal mio paese, ma sono agorafobico...come faccio?

Salve a chiunque si imbatta in queste righe. Come scritto nel titolo, soffro gravemente di agorafobia, allontanarmi da casa mia/dal mio paese mi mette in angoscia e mi provoca mille sintomi debilitanti che riesco leggerissimamente arginare con lo xanax, che però tende a intontirmi parecchio per la prima mezz'ora. Venerdì prossimo dovrò andare a causa lavoro a frequentare un corso a oltre 1 ore e mezza di macchina da casa mia...e non so come farò. Solo al pensiero ho la tachicardia e le palpitazioni. Un ora e mezza andare, 9 ore di permanenza laggiù e un'altra ora e mezza tornare saranno letteralmente mortali per la mia condizione, l'ultima volta che mi sono allontanato da casa sono stato malissimo. Ero debole, intontito, irritabile, instabile, avevo la nausea e forti cefalee e non ero riuscito a mangiare nulla tutto il giorno. Poi appena tornato a casa sono subito dovuto andare a letto.

L'idea di allontanarmi mi sta facendo sta facendo dormire poco e male. Ho veramente una paura folle, per chiunque immotivata, e non so davvero come e se riuscirò ad affrontare questa situazione, sto pensando di fingere un'influenza per evitare il tutto, ma non risolverebbe il problema e lo rimanderebbe e basta.

Mi piacerebbe avere qualche consiglio da qualche agorafobico o da chiunque affronti queste situazioni provando disagio.

PS: Aggiungo che oltre l'agorafobia, soffro anche di fobia sociale e ipocondria, quindi per me sarà un vero inferno stare in un luogo sconosciuto, chiuso, con una trentina di persone sconosciute, lontano ore da un luogo per me sicuro

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

2

Sunday, December 9th 2018, 8:44pm

Ho avuto anch'io problemi simili in passato, ed in parte li ho ancora, anche se nel mio caso non so se si tratti di agorafobia o paura più generica di affrontare le cose che tutti fanno normalmente, ma che per me sono eccezionali.
Purtroppo non ci sono soluzioni che tu possa trovare dall'oggi al domani per risolvere. Fai benissimo a dire che fingere l'influenza non ti servirà,perchè prima o poi il problema lo dovrai affrontare, e se lo rimandi oggi, domani avrai ancora più paura.

Se non devi guidare tu, fregatene di essere intontito e prendi lo xanax, se ti aiuta, oppure prendilo all'ultimo proprio appena prima di entrare nella stanza.

Sono stata anch'io ipocondriaca e in particolare con una paura folle di beccarmi qualche virus influenzale,ma ogni volta che nonostante la folla non mi beccavo niente, mi rinforzavo ...nel senso che capivo che non è così facile ammalarsi.

Va da sè che, se già non lo stai facendo, devi lavorare sul problema con l'aiuto di uno psicologo, soprattutto se, come si deduce, ti sta limitando la vita fino a questo punto.

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

3

Sunday, December 9th 2018, 8:58pm

Va da sè che, se già non lo stai facendo, devi lavorare sul problema con l'aiuto di uno psicologo, soprattutto se, come si deduce, ti sta limitando la vita fino a questo punto.


Ci sto già lavorando con uno psicologo...ma la cosa non mi sta portando a niente di niente, anzi mi sembra di peggiorare. Senza contare che è una spesa piuttosto elevata. Nelle ultime settimane sto seriamente pensando di lasciare perdere lo psicologo e di continuare solo con lo psichiatra, tanto mi dice cose che già so.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

4

Sunday, December 9th 2018, 9:42pm

se ti può consolare, io ho fatto una terapia piuttosto lunga ma questo problemi non me li ha tolti. Ho capito i motivi che ci stanno alla base, ho capito perchè mi viene l'ansia, ma l'ansia è rimasta.

Con lo psichiatra, sei in cura solo con lo xanax?

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

5

Sunday, December 9th 2018, 10:05pm

se ti può consolare, io ho fatto una terapia piuttosto lunga ma questo problemi non me li ha tolti. Ho capito i motivi che ci stanno alla base, ho capito perchè mi viene l'ansia, ma l'ansia è rimasta.

Con lo psichiatra, sei in cura solo con lo xanax?



Daparox/Paroxetina (15 gocce), Xanax a bisogno (in media 14 gocce ogni 2 giorni) e Trilafon/Perfenazina 2mg la sera.

6

Sunday, December 9th 2018, 10:31pm

Non mi sembri in grado al momento di riuscirci.

Sarebbe angosciante per te (credo)

Forse non scrivi altro della diagnosi: dalla terapia mi sembra più complessa (magari sbaglio)

La psicoterapia non l'abbandonerei al tuo posto, puoi cambiare con una diversa se inadatta a te ce ne son tante.

Con i farmaci non stai meglio?

Il medico cosa dice?
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

7

Monday, December 10th 2018, 9:17am

Non mi sembri in grado al momento di riuscirci.

Sarebbe angosciante per te (credo)

Forse non scrivi altro della diagnosi: dalla terapia mi sembra più complessa (magari sbaglio)

La psicoterapia non l'abbandonerei al tuo posto, puoi cambiare con una diversa se inadatta a te ce ne son tante.

Con i farmaci non stai meglio?

Il medico cosa dice?

La mia diagnosi è ben più complessa...ho scritto solo le fobie che riguardano direttamente questo evento, ne avevo già parlato in altri post delle mie mille fobie, ma volevo evitare di essere ripetitivo. Comunque ho anche la depressione e soffro di attacchi di panico piuttosto spesso...sono un soggetto estremamente ansioso e la mia ipocondria è fuori controllo, così come l’agorafobia. Sto sempre male e sono uno straccio. Mi reputo un fallimento e non ho relazioni sociali e nemmeno riesco a mantenerle (parlo del passato) perché non voglio risultare invadente e comunque in ogni caso, quando sono con gli altri mi sento sempre osservato e giudicato.
Il mio medico di base non nutre una grande considerazione dei psichiatri e non si esprime, la psichiatra dice di aver pazienza e fiducia. I farmaci onestamente mi sembra peggiorino la mia situazione certi giorni! E gli altri giorni la lascia pressoché invariata...mi sento demoralizzato. La psichiatra cerca sempre di farmi considerare i pro, ma i contro mi sembrano maggiori. L’unico farmaco che mi aiuta, ma fino a un certo punto, è lo xanax. Nei momenti di feroce ansia mi rilassa, mentre nei momenti di attacco di panico però è inutile, o meglio mi aiuta se riesco ad anticiparlo, il problema è che mi intontisce parecchio, soprattutto la prima mezz’ora dal l’assunzione

gomitolo

Utente Attivo

  • "gomitolo" is male

Posts: 40

Activitypoints: 111

Date of registration: Mar 2nd 2016

  • Send private message

8

Monday, December 10th 2018, 11:42am

Considera,che nonostante l'agorafobia ,ipocondria,attacchi di panico ,non ti è mai successo nulla di grave,e niente ti succederà.
Quindi occorre sforzarsi e mettersi alla prova ogni giorno,gradatamente senza fretta,sminuendo le sensazioni sgradevoli che ti
affliggono che sono ingigantite smisuratamente ed infondatamente dai tuoi timori,che non hanno valide ragioni di manifestarsi.
La terapia farmacologica credo sia di aiuto.

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

9

Monday, December 10th 2018, 11:57am

Considera,che nonostante l'agorafobia ,ipocondria,attacchi di panico ,non ti è mai successo nulla di grave,e niente ti succederà.
Quindi occorre sforzarsi e mettersi alla prova ogni giorno,gradatamente senza fretta,sminuendo le sensazioni sgradevoli che ti
affliggono che sono ingigantite smisuratamente ed infondatamente dai tuoi timori,che non hanno valide ragioni di manifestarsi.
La terapia farmacologica credo sia di aiuto.

Mai successo nulla di grave, ma son finito, solo quest’anno, un paio di volte in pronto soccorso causa attacchi di panico...so che col senno di poi è facile dire è “solo” panico, ma quanto ti succede no riesce razionalmente a pensare è solo panico, perché ogni volta pensi “questa volta è un infarto”

gomitolo

Utente Attivo

  • "gomitolo" is male

Posts: 40

Activitypoints: 111

Date of registration: Mar 2nd 2016

  • Send private message

10

Monday, December 10th 2018, 12:13pm

Ecco,allora occorre comportarsi con maggiore razionalità,valutando un attimo le cose per quello che realmente sono.
Non stai riferendo nulla di nuovo,ma sintomi e paure che abbiamo provato e conosciamo un po tutti noi che soffriamo di ansia,oltretutto lo psichiatra
credo le senta riferire dai pazienti praticamente tutti i giorni,quindi scrollati di dosso un fardello immaginario che non hai motivo di portare.

pino33bis

Giovane Amico

Posts: 383

Activitypoints: 791

Date of registration: Jun 28th 2013

  • Send private message

11

Monday, December 10th 2018, 4:00pm

lost time, vorrei sapere che lavoro fai, quanti anni hai e

se sai il perchè ti sono iniziati gli attacchi di panico?

Gli attacchi di panico non vengono mai a caso.

Bisogna capire cosa vengono a dirci. Ad esempio

a me sono venuti a dirmi che la vita lavorativa che stavo

facendo era assurda e stressante

12

Monday, December 10th 2018, 10:42pm

Non mi sembri in grado al momento di riuscirci.

Sarebbe angosciante per te (credo)

Forse non scrivi altro della diagnosi: dalla terapia mi sembra più complessa (magari sbaglio)

La psicoterapia non l'abbandonerei al tuo posto, puoi cambiare con una diversa se inadatta a te ce ne son tante.

Con i farmaci non stai meglio?

Il medico cosa dice?

La mia diagnosi è ben più complessa...ho scritto solo le fobie che riguardano direttamente questo evento, ne avevo già parlato in altri post delle mie mille fobie, ma volevo evitare di essere ripetitivo. Comunque ho anche la depressione e soffro di attacchi di panico piuttosto spesso...sono un soggetto estremamente ansioso e la mia ipocondria è fuori controllo, così come l’agorafobia. Sto sempre male e sono uno straccio. Mi reputo un fallimento e non ho relazioni sociali e nemmeno riesco a mantenerle (parlo del passato) perché non voglio risultare invadente e comunque in ogni caso, quando sono con gli altri mi sento sempre osservato e giudicato.
Il mio medico di base non nutre una grande considerazione dei psichiatri e non si esprime, la psichiatra dice di aver pazienza e fiducia. I farmaci onestamente mi sembra peggiorino la mia situazione certi giorni! E gli altri giorni la lascia pressoché invariata...mi sento demoralizzato. La psichiatra cerca sempre di farmi considerare i pro, ma i contro mi sembrano maggiori. L’unico farmaco che mi aiuta, ma fino a un certo punto, è lo xanax. Nei momenti di feroce ansia mi rilassa, mentre nei momenti di attacco di panico però è inutile, o meglio mi aiuta se riesco ad anticiparlo, il problema è che mi intontisce parecchio, soprattutto la prima mezz’ora dal l’assunzione
Il tuo medico di base è com'era il mio.
Credo sia non corretto svalutare una specialistica poi da parte di un medico.
Capitò anche a me.
Son rientrato nel forum non da tanto.
Quindi non sapevo delle tue problematiche.
Anche con me i farmaci non hanno funzionato.
Vado anche io avanti con un benzo, che non dovrei assumere, ma è ad emivita medio lunga e disinibente(nel tuo caso il medico potrebbe valutare diversamente se non funzionano).
Ma sa...quando nulla funziona avendo provato di tutto.
Nel tuo caso forse no, hai delle possibilità,il medico può aiutarti con farmaci diversi?
La base è sempre la stessa: ansia.Ma si dirama in te in varie sfaccettature, compresa la depressione.
Un consiglio: non tendere a discernere tra le varie ansie, anche perchè non ne verresti a capo.
Tre cose sole: ansia e depressione,attacchi di panico.
Poi si manifestano in altre dinamiche.
Finiresti a contarne cosi tante di manifestazioni.
Da come descrivi il tuo caso sembra complesso (molto).


La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

13

Wednesday, December 12th 2018, 9:00am

lost time, vorrei sapere che lavoro fai, quanti anni hai e

se sai il perchè ti sono iniziati gli attacchi di panico?

Gli attacchi di panico non vengono mai a caso.

Bisogna capire cosa vengono a dirci. Ad esempio

a me sono venuti a dirmi che la vita lavorativa che stavo

facendo era assurda e stressante


Ho 25 anni.
Non so perchè sono iniziati gli attacchi, ma quelli che mi hanno cambiato la mia vita li ricordo benissimo...il primo il 1/1/2012, da li divenni ipocondriaco e per mesi e mesi stavo mentalmente male e verso settembre iniziarono a sfociare i primi sintomi fisici con una fitta e un bruciore ben definito alla sinistra del petto che mi spaventò molto...la cosa poi scomparve e piano piano l'ansia si allontanò. Il secondo grave avvenne il 15/7/2015...una mattina...e questo ha aperto un nuovo ciclo ansioso che non mi ha mai più abbandonato. Questi due sono quelli cardini, ma ne ho avuti molti altri pure più violenti che mi hanno fatto finire al PS.
Lavoro come artigiano/operaio, è un lavoro così...non posso dire niente ne di positivo ne di negativo, e ha la grande fortuna di essere a 5 km da casa che nelle mie condizioni è fondamentale.

Lost Time

Utente Attivo

  • "Lost Time" is male
  • "Lost Time" started this thread

Posts: 68

Activitypoints: 98

Date of registration: Mar 26th 2017

Location: venezia

Occupation: schiavo della società per un salario che non mi permetterà mai di farmi qualcosa di mio

  • Send private message

14

Wednesday, December 12th 2018, 9:16am

Non mi sembri in grado al momento di riuscirci.

Sarebbe angosciante per te (credo)

Forse non scrivi altro della diagnosi: dalla terapia mi sembra più complessa (magari sbaglio)

La psicoterapia non l'abbandonerei al tuo posto, puoi cambiare con una diversa se inadatta a te ce ne son tante.

Con i farmaci non stai meglio?

Il medico cosa dice?

La mia diagnosi è ben più complessa...ho scritto solo le fobie che riguardano direttamente questo evento, ne avevo già parlato in altri post delle mie mille fobie, ma volevo evitare di essere ripetitivo. Comunque ho anche la depressione e soffro di attacchi di panico piuttosto spesso...sono un soggetto estremamente ansioso e la mia ipocondria è fuori controllo, così come l’agorafobia. Sto sempre male e sono uno straccio. Mi reputo un fallimento e non ho relazioni sociali e nemmeno riesco a mantenerle (parlo del passato) perché non voglio risultare invadente e comunque in ogni caso, quando sono con gli altri mi sento sempre osservato e giudicato.
Il mio medico di base non nutre una grande considerazione dei psichiatri e non si esprime, la psichiatra dice di aver pazienza e fiducia. I farmaci onestamente mi sembra peggiorino la mia situazione certi giorni! E gli altri giorni la lascia pressoché invariata...mi sento demoralizzato. La psichiatra cerca sempre di farmi considerare i pro, ma i contro mi sembrano maggiori. L’unico farmaco che mi aiuta, ma fino a un certo punto, è lo xanax. Nei momenti di feroce ansia mi rilassa, mentre nei momenti di attacco di panico però è inutile, o meglio mi aiuta se riesco ad anticiparlo, il problema è che mi intontisce parecchio, soprattutto la prima mezz’ora dal l’assunzione
Il tuo medico di base è com'era il mio.
Credo sia non corretto svalutare una specialistica poi da parte di un medico.
Capitò anche a me.
Son rientrato nel forum non da tanto.
Quindi non sapevo delle tue problematiche.
Anche con me i farmaci non hanno funzionato.
Vado anche io avanti con un benzo, che non dovrei assumere, ma è ad emivita medio lunga e disinibente(nel tuo caso il medico potrebbe valutare diversamente se non funzionano).
Ma sa...quando nulla funziona avendo provato di tutto.
Nel tuo caso forse no, hai delle possibilità,il medico può aiutarti con farmaci diversi?
La base è sempre la stessa: ansia.Ma si dirama in te in varie sfaccettature, compresa la depressione.
Un consiglio: non tendere a discernere tra le varie ansie, anche perchè non ne verresti a capo.
Tre cose sole: ansia e depressione,attacchi di panico.
Poi si manifestano in altre dinamiche.
Finiresti a contarne cosi tante di manifestazioni.
Da come descrivi il tuo caso sembra complesso (molto).




Il mio medico di base è molto diffidente da psichiatri e compagnia...per non dire altro. Quando ho iniziato la cure psicologica e in seguito psichiatrica ero sotto un altro medico di base, che ho dovuto cambiare perchè passato al piano superiore.
Invece lo psichiatra che mi segue mi ha già cambiato una volta i farmaci perché avevano effetti collaterali, ma di per sé non ho visto alcun benefico dai farmaci tranne che dallo xanax che però mi inebetisce.
Dici che sono un caso complesso? Hai tremendamente ragione...sono negativista e catastrofico e mi demoralizzo immediatamente...per venerdì ho veramente una paura che non ti dico...ci credi se sto preparando una lettera con le mie volontà? Che lascerò a mia mamma con l'ordine di aprirla se non torno?

Lu898

Giovane Amico

  • "Lu898" is female

Posts: 503

Activitypoints: 620

Date of registration: Jan 7th 2018

Occupation: Segretaria

  • Send private message

15

Wednesday, December 12th 2018, 9:33am

Ei..su su..Non devi dire ste cose..l anno scorso ero come te..allora prima di tutto..devi essere più razionale..secondo poi hai una cura farmacologica su cui contare..terzo ESCI devi provarci anche solo sotto casa con le cuffie alle orecchie..io ho iniziato così.. stavo sotto casa 15 min camminavo o chiamavo qualcuno al telefono e così passeggiavo..cerca di non leggere internet di malattie e sintomi vari ti prego..e ogni volta che arriva un pensiero scrivi scrivi e scrivi prendi un quaderno e metti su carta tutto..ogni volta che ti viene una paura o una fobia..io molte le ho sconfitte così..una strategia che a me h aiutati è stata quella del nastro dei bagagli, ti spiego..appena mi arriva un pensiero negativo o rimurgino, chiudo gli occhi e penso di mettere tutti questi pensieri sul nastro e poi lo vedo andar via, sembra una cavolata ma più lo fai più trovi beneficio..io purtroppo ti capisco le fobie sono antipatiche come l ansia..io ho l ansia che mi prende se ce confusione e non ho la situazione sotto controllo..ho la fobia del dentista, di fare viaggi troppo lunghi e degli ospedali..sono duri da far passare, ma credimi in un anno sono riuscita a combattere tanto..ho fatto 2 mesi con una psicologa molto brava..e ho preso per circa 5 mesi delle erbe, che a me hanno dato molto beneficio..tu continua con la tua cura più che perfetta, io la prendevo 8 anni fa e sono stata benissimo..aspetta un Po che faccia effetto..ma tu nel fratempo cerca di sviare i pensieri in tutti i modi possibili ed ESCI con qualcuno se non riesci all inizio ma fai i passi piano piano ma falli..si chiama esposizione graduale ed è molto efficace.. un abbraccio e vedrai che andrà tutto bene..

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests