Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


This thread is closed.

Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Titty87

Giovane Amico

  • "Titty87" is female
  • "Titty87" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 409

Date of registration: Jul 12th 2011

Location: Sicilia

Occupation: Studentessa di psicologia

  • Send private message

31

Tuesday, July 26th 2011, 3:27pm

Si lo so, però io ho il difetto di essere troppo riflessiva e a volte questo continuo pensare non fa che farmi spaventare ancora di più.
Comunque è probabile che se non noto miglioramenti da sola poi li prenderò, non escludo a priori questo

Pame81

Utente Attivo

  • "Pame81" is female

Posts: 33

Activitypoints: 99

Date of registration: Sep 7th 2011

  • Send private message

32

Monday, October 31st 2011, 5:32pm

Ciao ragazze, non so se troverò ancora qualcuna di voi in questo forum xkè sono già passati un pò di mesi da l'ultima volta ke avete scritto, cmq se ci fosse ancora qualcuna di voi disponibile a scirvere avrei bisogno ank'io di aiuto perkè sto attraversando un periodo davvero difficile....grazie anticipatamente:-))

shaka26

Utente Attivo

Posts: 10

Activitypoints: 44

Date of registration: Jan 14th 2011

  • Send private message

33

Monday, November 14th 2011, 5:25pm

Derealizzazione???.... SE NE ESCE!!!

Ciao a tutti,

credo che tutti coloro che soffrono di questo disturbo debbano conoscere la mia storia, perchè, al contrario di ciò che si legge su internet vi assicuro che da questo labirinto si esce ragazzi!!!
Tutto ebbe inizio nel mese di aprile 2010, a causa di fastidiosi bruciori di stomaco e dolori lancinanti che perduravano ora mai da parecchi giorni cominciai a pensare di avere un tumore; una notte raggiunsi il culmine delle mie paure ed ebbi un attacco di panico che non si limitò ai soliti 30 secondi: quello è durato per ore.
Per la prima volta nella mia vita mi sentì realmente spacciato, convinto di essere malato terminale e che l'indomani la prima cosa che avrei fatto sarebbe stata quella di alzarmi dal letto e correre di filata al pronto soccorso.
In effetti dopo quella notte infernale che non augurerei nemmeno al mio peggiore dei nemici non riuscivo nemmeno ad alzarmi dal letto, sembrava avessi avuto 41 di febbre per giorni; le gambe non rispondevano allo stimolo del rimanere in piedi e la mia testa era a dir poco annebbiata.
Non mi rendevo conto però che quella nottata era solo la punta dell' iceberg e che da li in poi la mia vita sarebbe diventata un incubo 24 ore su 24; infatti da li a breve cominciò ben presto il mio rapporto stretto con l'ansia che giorno dopo giorno cresceva in maniera esponenziale e la DEREALIZZAZIONE che quando colpisce la prima volta da veramente l'impressione della follia latente.
Quando all'inizio mi ritrovai a combattere con questo demone ero totalmente inerme, mi ricordo che successe nel mese di giugno sul posto di lavoro, tutto ciò che vedevo, le parole mie e delle altre persone, i rumori...tutto era un sogno e lontano chilometri come se osservassi la realtà da un binocolo; ovviamente il tutto condito con una tachicardia che avrebbe fatto esplodere ogni tipo di strumentazione. In quel momento non c'erano soluzioni, la realtà era distorta a livelli terrificanti, nulla poteva alleviare nulla, iniziai a chiamare all'impazzata dapprima mio padre, poi un numero verde di assistenza per schizofrenici ed infine il mio medico curante (neurologo) il tutto ovviamente nello stesso pomeriggio e con pianti di disperazione totale. Forse in quei momenti frenetici l'unico sollievo poteva solo essere veramente LA MORTE; in ogni caso...Appena riferì i sintomi al mio dottore egli si spaventò non poco e mi convocò subito in ambulatorio (potete immaginare che ulteriore aumento dei sintomi ebbi dopo questa bella notizia); beh, una volta in ambulatorio entrai e scoppiai a piangere...allora lui mi prescrisse all'istante e senza pensarci su troppo il Risperidone, un potente anti-psicotico utilizzato per curare la schizofrenia dicendomi che ero avviato ad una forma primitiva di schizofrenia, ed io ovviamente pur di stare anche meglio di un 10% avrei dato l'anima a satana in quel momento.
Corsi in farmacia e subito iniziai il trattamento; sebbene in dosi basse il farmaco dopo un paio di giorni iniziò subito a fare effetto e i sintomi di DERE cominciavano a svanire in maniera molto rapida...tanto che, dopo pochi giorni dall'inizio del trattamento tutti i sintomi sembravano svaniti nel nulla.
Ricominciai a vivere la mia vita serena e decisi di smettere il trattamento perchè sentivo di stare bene...Come ogni patologia psichica ci insegna....MAI interrompere un trattamento di colpo, pena: ricaduta inesorabile e a livelli ancora maggiori, ricominciai quindi a stare male e decisi perciò di rivolgermi ad una psichiatra (una delle più brave sullo scenario italiano) e ahimè...appena gli riferì che il mio medico mi prescrisse Risperdal fece un salto sulla sedia e diventò bianca cadaverica in faccia . Mi prescrisse perciò una cura estremamente più blanda con Xanax e Daparox. Facendola breve... seguì in maniera altalenante la cura perchè sono un testone e alternai momenti migliori a ricadute più o meno intense.
Sono passati quasi 10 mesi e ora (a parte ansia generalizzata che ciclicamente ritorna) sono riuscito a capire come combattere la DEREALIZZAZIONE e ora vengo al cuore del discorso.
RAGAZZI, IO SONO RIUSCITO A SCONFIGGERLA SENZA FARMACI (SI OK ALL'INIZIO MI HANNO AIUTATO LO AMMETTO), LEI QUANDO ARRIVA PERO' SPAVENTA, FA RUMORE E CI FA SOBBALZARE DALLA NOSTRA TRANQUILLITA' PERCHE' SUBITO INIZIAMO A PENSARE: "ODDIO E' TORNATA, HO PAURA...ORA COSA FACCIO? ASPETTA FAMMI RIFLETTERE....VA BENE ORA MI CONCENTRO E FACCIO IN MODO DI NON PENSARCI..." NULLA DI PIU' SBAGLIATO PER CADERE NEL SUO VORTICE ANCORA UNA VOLTA. DAL MOMENTO CHE PENSIAMO CHE LEI C'E' E DAL MOMENTO CHE CI SFORZIAMO A NON PENSARLA INIZIAMO AD ALIMENTARLA...E' COME SE SFRUTTASSE LA NOSTRA FORZA PER RAFFOZZARSI E PIU' CERCHIAMO DI FARE RESISTENZA PIU' LEI SI IMPADRONISCE DELLA NOSTRA REALTA'. ALLORA COMINCIAI A PENSARE: "E SE AL POSTO DI CERCARE DI NON PENSARCI SFORZANDOMI DI FARLO LA FACESSI ARRIVARE SEMPLICEMENTE ACCETTANDOLA?" QUESTA E' LA CHIAVE DI TUTTO... QUANDO IMPARERETE A VEDERLA COME UN AMICA CHE DEVE DIRVI QUALCOSA AL POSTO DI UNA NEMICA CHE NON ASPETTA ALTRO CHE VOI CONTINUIATE A PENSARE AD UN MODO PER SCACCIARLA ENTRANDO PERCIO' IN QUEL CIRCOLO VIZIOSO MENTALE DA CUI NON SI ESCE PIU'...COSI SE NE ESCE E NON IN ALTRI MODI, IO HO IMPARATO AD ASCOLTARLA, AD ACCOGLIERLA NELLA MIA VITA E A NON SPAVENTARMI PERCHE' E' LA PAURA LA MIGLIORE FONTE DI RIGENERAZIONE DI QUESTO INCUBO. ADESSO IO CI ENTRO E CI ESCO QUANDO VOGLIO, ANCHE ORA SE VOGLIO DEREALIZZARE LO FACCIO MA SE DECIDO CHE FRA 9 SECONDI NE VOGLIO USCIRE CI ESCO SORRIDENDO, IO HO FATTO MIA LA MIA DEREALIZZAZIONE, MA IO SONO SOLO MIO E DI NESSUN ALTRO RICORDATEVELO SEMPRE RAGAZZI.
Con affetto e con i migliori auguri di pronta guarigione a tutti;
Shaka 26.

Laura67

Nuovo Utente

Posts: 2

Activitypoints: 6

Date of registration: May 11th 2019

  • Send private message

34

Saturday, May 11th 2019, 11:11am

si diciamo che la derealizz e la depers sono sintomi dissociativi che però se derivano da stati ansiosi non sono vere e proprie "dissociazioni", ma sono più che altro "sensazioni" che derivano da stati emotivi. nel senso che quando gli avevo parlato di questo "non percepirmi", e gli avevo detto che pensavo si trattasse di depers, lui mi aveva risposto: la depersonalizzazione vera è un'altra cosa, molte persone che ne soffrono si vedono da fuori, quello che hai tu è una percezione alterata delle cose e di te stessa perchè con l'ansia hai cambiato prospettiva, sei più attenta a te e più attenta a ogni piccola cosa. ed è così.

leggo che nel tuo caso però si tratta di un sintomo a sé, scisso da ansia\panico. gli episodi che hai descritto sono molto "forti", quindi è molto probabile che quei sintomi siano un meccanismo di difesa. evidentemente nel corso degli anni la tua mente ha imparato a difendersi così, creando questo distacco fortissimo dalla realtà.
sono contenta però che ti sei tranquillizzata. che dipendano dall'ansia o meno, una volta che si scaccia via il malessere che si ha dentro, se ne andranno anche loro. non te li porterai a vita! o magari compariranno sporadicamente nei periodi di maggiore stress, ma sono sicura che la cura, anche se magari sarà un pò più lunga del previsto, darà i suoi frutti! e se ti fidi di questo specialista ancora meglio!

comunque io si ne soffro in seguito ad un attacco di panico sfociato poi in un disturbo d'ansia \ panico, sono ormai quasi 4 mesi. ora sto già nettamente meglio rispetto anche solo a un mese fa, e questo grazie alla psicoterapia.

comunque come mai hai dato via il cane, se posso? secondo me sono una cura naturale, regalano un sacco di gioia! anche io ho preso da poco una cucciola e penso che in parte sia anche merito suo se mi sento un pò meglio!
facci sapere! :kiss:

Ho il tuo stesso problema e non so come uscirne, se sei riuscita a superarlo potresti darmi dei consigli?

35

Saturday, May 11th 2019, 3:30pm

Ciao Laura, hai scritto su un post del 2011
.
Ti ricordo che non è consigliato scrivere in thread datati e di controllare sempre che l'autore sia attivo.
In quanto nuova utente ti invito inoltre a leggere il regolamento e le regole per i nuovi utenti.
Sara per lo staff
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

36

Saturday, May 11th 2019, 3:31pm

Chiudo il threadin quanto l'autore non si collega dal 2012.
Sara per lo staff
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*