Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

ele850

Nuovo Utente

  • "ele850" is female
  • "ele850" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 20

Date of registration: Apr 13th 2019

  • Send private message

1

Saturday, April 13th 2019, 2:40pm

Depressione e fobia sociale

Ho superato da poco gli "enta" e sono sola,senza amici,fidanzato e con la depressione che mi assale giorno e notte. Mi va tutto storto ultimamente, scelte sbagliate, errori irriparabili... Ho problemi in famiglia e ho la fobia sociale (che altro mi manca?) Ma è quest'ultima che mi ha distrutto la vita perchè mi porta a isolarmi da tutto e da tutti. Insomma un bel dilemma! Ho pensato di andare da uno psicologo ma ci vorrebbero anni, per cosa poi?
C'è qualcuno che si trova nella mia situazione? (fobia sociale, depressione?) Accetto consigli e amicizie virtuali.

2

Saturday, April 13th 2019, 3:45pm

Ciao Ele, secondo me sei ancora relativamente giovane, quindi gli errori non credo che possono essere cosi "irreparibili" sicuramente ci sarà un modo per aggiustare le cose. Non dico che sia facile, bisogna metterci molto impegno e sacrificarsi per quanto possibile. Non soffro di ansia sociale, ma ho la dismorfofobia, e per un periodo di tempo ho sofferto di stati ansiosi e depressione. Segui qualche terapia per l'ansia sociale? Hai un terapeuta di fiducia con il quale poter stilare un piano terapeutico? Conoscere persone con interessi simili è sempre possibile, a volte dobbiamo essere noi a fare il primo passo.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,311

Activitypoints: 3,331

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

3

Saturday, April 13th 2019, 4:03pm

Anche se difficile cerca di reagire e non chiuderti in te stesso. Il mondo fa paura a molti, necessita ritagliarsi un angolino per se. Come non saprei, ma non certo chiudendosi in casa. Prova a fare passeggiate, solo con te stesso troverai molto di cui parlare, forse ti sarà di aiuto. Forza.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

arianna73

Utente Attivo

Posts: 120

Activitypoints: 374

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

4

Saturday, April 13th 2019, 4:25pm

Cara Ele, la risposta è sì, c'è qualcuno anzi credo più di quanti non si dica, nella tua stessa condizione - a cominciare da me.
"Solo" che io ho 46 anni, e l'irreparabilità degli errori è decisamente più stringente, e soprattutto è davvero irreparabile il lutto gravissimo e molto recente che mi ha colpito e che mi sta inginocchiando. Escludendomi ancora di più dalla serenità della vita.

Premesso questo "bel quadretto confortante", posso dirti che dalla mia prospettiva il vero consiglio - l'unico - che posso darti è di non scoraggiarti e di non vedere tutto più nero di quello che è, perché già avere la tua età è ancora un grandissimo respiro di sollievo che puoi e devi tirare :)
Non so di che natura siano i problemi familiari di cui parli, né il percorso che ti ha condotto alla tua situazione e a diagnosticarti questi disturbi (autodiagnosi o qualche parere medico?...), e non oso chiederti - se vuoi, sarai tu a raccontarti a chi ti legge.

Ma la cosa sicura è che puoi porre rimedio - ancora - a tutto quanto e che la fase storta con un po' di fortuna (che ci vuole) e di fiducia da parte tua può terminare.
Non autosabotarti, considera il ricorso a uno psicoterapeuta. Io alla tua età ho scacciato il proposito di andarci, c'erano una serie di complicazioni e ostacoli ma soprattutto non ci credevo davvero io. Errore madornale.

Smuoversi per cercare una soluzione è già l'inizio della soluzione. E sempre con un po' di fortuna e perseveranza potresti trovare un aiuto prezioso. Non lasciarti scoraggiare dall'idea che ci vogliono "anni".
Potrebbe tornare tutto comunque a tuo vantaggio (brutalmente, meglio perdere qualche anno a rompersi anche le scatole con un impegno non sempre facilissimo come una psicoterapia seria, che trovarsi peggio poi - tipo, esempio concreto e al momento vivente, arrivare alla mia età come sto messa io).

E poi non è detto.
Potrebbe volerci molto meno.
O magari il solo fatto di fare qualche incontro, spezzare questo periodo negativo potrebbe già tirarti fuori dalle secche.

Prova ;) Credimi, già solo provare a fare qualcosa è un investimento in serenità futura. In bocca al lupo :)

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,095

Activitypoints: 3,014

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

5

Saturday, April 13th 2019, 4:52pm

ciao.....in questo sito penso che la maggior parte delle persone si trovano nella tua stessa situazione/condizione. Lo stato depressivo e la fobia sociale ti è stato diagnosticato da uno specialista? oppure stai vivendo un momento particolare della tua vita?. Vi sono due ben distinguo, se il tutto non ti porta a vivere una situazione quotidiana tranquilla, con i suoi alti e bassi fisiologici, allora devi rivolgerti ad uno specialista (psichiatra) ed è anche utile un supporto psicologico. In primis perchè una terapia farmacologica attenua i sintomi, in secundis perchè una psicoterapia breve arriva al nucleo del problema. I farmaci sono solo sintomatici, sicuramente validi ed utili, ma è anche utile per arrivare al nocciolo del problema. I nuovi schemi di psicologia prevedono percorsi brevi e strategici, sono finiti i lettini del vecchio psicoanalista dove stavi anni a raccontare storie su storie che neanche il 5% raggiungeva un obiettivo conclusivo. Sei giovane, quindi se come detto prima «se soffri nella tua quotidianità» allora il mio consiglio è questo, perdere tempo non fa altro che continuare la tua agonia senza un motivo. Un saluto........ :thumbup:

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests