Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

lelemilano

Nuovo Utente

  • "lelemilano" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 41

Date of registration: Oct 30th 2009

  • Send private message

1

Friday, October 30th 2009, 12:57am

Cosa mi succede?

Ciao a tutti ragazzi!

Sono un ragazzo di 26 anni che vive un periodo no da quasi otto anni. Premetto che sono sempre stato una persona che aveva le sue amicizie, che non faceva fatica a trovare ragazze, ma poi, otto anni fa...bam! Disastro! La mia personalità è molto cambiata. Se prima riuscivo a relazionarmi bene con gli altri adesso la cosa è diventata francamente impossibile, ho paura della gente. Ho paura di guardarla negli occhi, mi sento sempre a disagio con gli altri e mi sento sempre TESO COME UNA CAXXO DI CORDA DI VIOLINO! Inoltre faccio fatica a concentrarmi, sono sempre ansioso e mi sento apatico.Come se non bastasse gli esiti di un incidente in moto mi provocano dei grossi disturbi fisici che mi sfiancano sin dal mattino presto (ma questo probabilmente con l'adeguata fisioterapia riusciro a risorverlo, anche se non ci credo piu tanto).
Se tra di voi c è qualcuno che si intende di psicologia e sa fornirmi maggiori chiarimenti su questi sintomi gliene sarei grato.

Vi ringrazio in anticipo per avermi ascoltato.

LELE

This post has been edited 1 times, last edit by "lelemilano" (Oct 30th 2009, 11:12am)


Kublai

Moderatore

  • "Kublai" is male

Posts: 7,696

Activitypoints: 25,180

Date of registration: Jun 5th 2007

  • Send private message

2

Friday, October 30th 2009, 1:41am

Benvenuto sul forum!

Ti consiglio innanzitutto di dare una letta al regolamento: Regolamento del Forum di Nienteansia.it

Come primo consiglio ti suggerirei di modificare il titolo di questa discussione. Il maiuscolo e le parolacce non sono ammesse ( almeno nei titoli! :rolleyes: ).

Grazie
E' il tuo comportamento a qualificarti, non ciò che possiedi o dici di essere...

This post has been edited 1 times, last edit by "Kublai" (Oct 30th 2009, 1:46am)


3

Friday, October 30th 2009, 2:27am

ho paura della gente. Ho paura di guardarla negli occhi, mi sento sempre a disagio con gli altri e mi sento sempre TESO COME UNA CAXXO DI CORDA DI VIOLINO! Inoltre faccio fatica a concentrarmi, sono sempre ansioso e mi sento apatico


E' successo qualcosa 8 anni fa che potrebbe averti portato a questo ? Prima eri socievole e tranquillo, improvvisamente hai sviluppato una specie di sociofobia... se hai 26 anni 8 anni fa ne avevi già 18 e diventare sociofobici a 18 anni con un passato di socievolezza normale tendenzialmente comporta una causa specifica, uno o piu eventi scatenanti.....

al di là della causa... perchè hai paura della gente, di guardarla ? Cosa pensi quand ti trovi davanti a qualcuno ? Di essere giudicato ?

minci

...dov'è l'amore????....

  • "minci" is female

Posts: 3,091

Activitypoints: 9,537

Date of registration: Feb 2nd 2009

Location: roma

  • Send private message

4

Friday, October 30th 2009, 7:08am

Ho paura di guardarla negli occhi, mi sento sempre a disagio con gli altri e mi sento sempre TESO


ciao, secondo me pretendi troppo da te stesso e credi di non essere all'altezza....non credi nelle tue capacità e nelle tue potenzialità e questo credo che sia relativo alla tua autostima....il fatto strano è che sei stato in un modo fino ai 18 anni e poi sei cambiato....cosa può averti portato ad avere una considerazione diversa di te?qualche esperienza negativa o in famiglia o nella società...

L'uomo ama poco e spesso, la donna molto e raramente.

marya

Utente Attivo

  • "marya" is female

Posts: 62

Activitypoints: 270

Date of registration: Jun 17th 2009

Location: napoli

  • Send private message

5

Friday, October 30th 2009, 9:37am

ciao Lele mi sento chiamata in causa perche anch io ho il tuo stesso problema che si chiama fobia sociale.
Quando dici che non riesci a incrociare lo sguardo degli altri so cosa significa.... sentirsi tesissimi mentre l altro ti sta parlando e tu non riesci neanche a concentrarti sul discorso perche sei occupato a tener a bada i tuoi sintomi fisici. A volte puo risultare difficile anche bere e mangiare davanti agli altri..In effetti è un tipo di fobia che ti rende molto faticosi i rapporti con gli altri e alcune cose diventano quasi impossbili poi dipende dalle declinazioni personali del problema.

Nel mio caso lo sguardo degli altri mi fa paura perche dietro si nasconde un giudizio, io stessa sono molto critica ed a questo di aggiunge che sin da piccola la mia autostima non è stata alimentata bene...
La paura che ho degli altri è la paura della disapprovazione di non piacere, di non essere voluta bene ( ovviamente inutile dire che non si puo piacere a tutti ).
Ma forse paura è pure riduttivo, in certi casi ho il terrore del giudizio delle persone, di cosa pensano di me, di che opinione si stanno facendo in quel preciso istante: è come se mi sdoppiassi e mentre parlo con qualcuno a volte, c' è una parte di me che si esamina dall esterno cercando di capire l impressione che sta dando,.
Insomma una faticaccia...
Non so nel tuo caso specifico perche siano sorti questi problemi ma penso sempre che la causa scatenante porta alla luce qualcosa che già era in latenza.
Il bambino ha bisogno di conferme, di essere premiato e lodato e non solo rimproverato, A volte atteggiamenti troppo critici da parte dei genitori o l essersi circondati di persone troppo esigenti puo far nascere nel bambino l idea di essere inadeguato, di non valere abbastanza. Ma anche un genitore troppo protettivo puo trasmettere l idea che il mondo esterno sia ostile e pauroso. Se a questo poi si aggiungono conferme nel corso della vita adulta allora è un disastro.
Spero di averti fornito un aiuto. Mi raccomando non perdere tempo non fare che i tuoi problemi si cronicizzino

lelemilano

Nuovo Utente

  • "lelemilano" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 41

Date of registration: Oct 30th 2009

  • Send private message

6

Friday, October 30th 2009, 11:12am

che mi succede?

Grazie a tutti per le vostre risposte, sopratutto a Marya. A proposito Marya, ormai penso che questo sia già un problema cronico, tu pensi che abbia bisogno di fare della psicoterapia? Per rispondere a Elair, si penso ci siano state tante cause scatenanti... 1) L' incidente in moto, il fatto di non poter più gestire il mio corpo bene prima ed essermi fatto così del male mi fa incaxxare così tanto che arrivo ad odiarmi! Io che ero un atleta! Vabbe, ma probabilmente questo con l'adeguata fisioterapia lo potrò correggere. Un rapporto ossessivo con una ragazza con cui sono stato quattro anni, che anche lei era un bel po depressa all' epoca e, della quale, devo dire la verità, non sono mai stato innamorato veramente, ma con cui sono stato solo per dovere, dato che sapevo che non potevo lasciarla sola in quelle condizioni. Adesso mi rendo conto che tutto questo è stato sbagliatissimo, perchè non ho fatto altro che fare male a lei e a me stesso. Non so se poi possa contribuire anche il fatto che ho salvato mia madre da un suicidio...non lo so...

This post has been edited 1 times, last edit by "lelemilano" (Oct 30th 2009, 11:23am)


7

Saturday, October 31st 2009, 12:25pm

. 1) L' incidente in moto, il fatto di non poter più gestire il mio corpo bene prima ed essermi fatto così del male mi fa incaxxare così tanto che arrivo ad odiarmi! Io che ero un atleta!
con il tempo questo si aggiusta, quindi devi solo portare pazienza e pensare che è temporaneo.
C'è gente che dopo un incidente stradale sviluppa i cosiddetti sintomi da stress post-traumatico, c'è chi comincia ad avere attacchi di panico, nel tuo caso l'ansia viene fuori nelle situazioni sociali. Probabilmente è collegabile al fatto che non ti sent piu' troppo a tua agio in queste condizioni e si unisce ai postumi che l'incidente ti ha lasciato a livello psichico.

Chi piu' chi meno dopo un incidente si rimane sempre un po' così per qualche giorno o settimana, è lo spavento e spesso questo viene appunto tramutato in qualcos'altro ( ansia in particolari situazioni ) .

Pero' se pensi che è una condizione temporanea non hai alcun motivo di temere nulla.

Un rapporto ossessivo con una ragazza con cui sono stato quattro anni, che anche lei era un bel po depressa all' epoca e, della quale, devo dire la verità, non sono mai stato innamorato veramente, ma con cui sono stato solo per dovere, dato che sapevo che non potevo lasciarla sola in quelle condizioni
sicuramente è un impegno bello grande quello che ti sei preso e in una coppia in cui uno dei due è depresso paradossalmente è sempre l'altro a star peggio. Senza sminuire la sua depressione che avrà sicuramente tutto il suo malessere dietro.

Sia nell'incidente che in questa relazione probabilmente hai provato un senso di impotenza, un timore di non non poter controllare le cose. E questo ti ha scombussolato.
Senza contare la frustrazione per il fatto che ti sentivi obbligato (moralmente ) a stare assieme a lei quando magari avresti voluto accanto una persona che capisse anche te e per la quale provassi un sentimento reciproco.

Adesso mi rendo conto che tutto questo è stato sbagliatissimo, perchè non ho fatto altro che fare male a lei e a me stesso. Non so se poi possa contribuire anche il fatto che ho salvato mia madre da un suicidio...non lo so...
Questo, tra i tre, credo sia l'evento più sconvolgente.... certo che contribuisce, se poi messo assieme agli altri due. E' evidente che tu abbia accumulato dello stress ( parecchio ) e l'ansia viene fuori per forza. Mi sembra di capire in conclusione che la tua sociofobia sia una sorta di spostamento dell'oggetto originario che causa ansia su un altro oggetto ( le persone ) magari piu inconsciamente per te piu' controllabile o piu' accettabile....

Fossi in te ne parlerei con qualcuno. Hai fatto tu molto per gli altri ( tua madre e la tua ex ) ora tocca a te.

Noto che hai scelto di stare accanto a una ragazza incline alla depressione e tua madre ha tentato il suicidio.. non è una cosa da trascuare questa tua scelta- E' la prima volta che tua madre fa una cosa del genere ?

lelemilano

Nuovo Utente

  • "lelemilano" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 41

Date of registration: Oct 30th 2009

  • Send private message

8

Saturday, October 31st 2009, 12:49pm

Cosa mi succede?

Si èla prima volta, ma non la farà più per ora, su qesto sono sicuro. Questo è successo parecchi anni fa, adesso sta bene.

9

Saturday, October 31st 2009, 1:25pm

RE: Cosa mi succede?

Si èla prima volta, ma non la farà più per ora, su qesto sono sicuro. Questo è successo parecchi anni fa, adesso sta bene.
Menomale. Te lo auguro !

Resta il fatto che sicuramente è una cosa che lascia il suo segno.

Probabilmente faresti bene a rivolgerti a qualcuno. Anche perchè non essendo tu ( a quanto ho capito ) sociofobico di tuo ma avendo degli eventi scatenanti dietro hai sicuramente più probabilità che la cosa si risolvi prima.

lelemilano

Nuovo Utente

  • "lelemilano" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 41

Date of registration: Oct 30th 2009

  • Send private message

10

Saturday, October 31st 2009, 1:26pm

Ok grazie mille.

Un bacio

Lele

Similar threads