Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


max_gin99

Nuovo Utente

  • "max_gin99" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Feb 2nd 2020

  • Send private message

1

Sunday, February 2nd 2020, 7:02pm

Controllo ossessivo del respiro

Buonasera,
sono nuovo nel forum e perciò colgo l'occasione per presentarmi. Sono un ragazzo di 20 anni che ha sofferto di attacchi di panico, trattati e poi svaniti, che tuttavia sono tornati al termine di una terapia farmacologica nonostante fosse stata ben scalata. Sono tornati gli attacchi con una forte ansia generalizzata e ora oltre ad un trattamento farmacologico (seppur blando) ho aggiunto un trattamento di psicoterapia strategica. Le cose piano piano migliorano certo ma una cosa è costantemente presente. La paura che il respiro non vada autonomamente con il pensiero che si fissa sempre lì e lo controlla come se da solo non andasse bene, come se potessi soffocare da un momento ad un altro. Non so come piano piano tornare ad un respiro autonomo e fluido visto che poi passando giornate costantemente in ansia, i muscoli sono tesi e quando provo a non forzare il respiro si fa corto e quasi sempre neanche che l'aria entra ed esca. Qualcuno ha provato una sensazione simile? E' davvero molto fastidiosa.

Attendo i vostri pareri con ANSIA (si drammatizza su ahahah) e vi ringrazio cordialmente!

max_gin99

Nuovo Utente

  • "max_gin99" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Feb 2nd 2020

  • Send private message

2

Monday, February 3rd 2020, 11:12pm

Nessuno che ha un parere?
Buona serata a tutti

Nicole2019

Utente Attivo

Posts: 72

Activitypoints: 293

Date of registration: Jun 26th 2019

  • Send private message

3

Monday, February 3rd 2020, 11:30pm

Ciao Max e benvenuto.
Anche a me capita spesso,molto spesso, di controllare in maniera ossessiva il respiro, e il semplice respirare si trasforma da azione naturale quale essa sia, ad un'azione totalmente "meccanizzata ". Io poi ,quando inizio a controllarmi il respiro, entro in un vortice fatto di capogiri, forte tachicardia, muscoli tesi ( ciò che a quanto ho letto capita anche a te) etc etc...Inoltre ,soffro spesso di battiti cardiaci accelerati ,anche senza nessun motivo, e ciò non fa che accrescere la mia ansia, le mie paure.
Scusami se invece di tirarti su non ho fatto altro che buttarti addosso anche le mie di ansie!!! :wacko: :wacko:
:hi:

4

Tuesday, February 4th 2020, 10:08am

ciao Max,
non posso aiutarti per quanto riguarda l'aspetto specifico dell'ansia perché non ho esperienza personale però quando ho letto respiro nel titolo mi sono incuriosita.
faccio yoga da tanti anni e uno dei pilastri è proprio il respiro. si fanno molto esercizi diversi, si usano tecniche respiratorie diverse e si impara a sentirlo e controllarlo. negli anni mi sono accorta che il mio respiro è diventato molto più lento e profondo, me lo conferma anche chi mi sta vicino.

non so se ti può interessare ma forse questa disciplina potrebbe aiutarti.
namasté

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,958

Activitypoints: 5,624

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

5

Wednesday, February 5th 2020, 5:27pm

Sono tornati gli attacchi con una forte ansia generalizzata e ora oltre ad un trattamento farmacologico (seppur blando) ho aggiunto un trattamento di psicoterapia strategica.


Ciao, potresti chiarire, se ti va, il significato di "trattamento blando" in ordine all'aspetto farmacologico?

max_gin99

Nuovo Utente

  • "max_gin99" started this thread

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Feb 2nd 2020

  • Send private message

6

Sunday, February 9th 2020, 2:14pm

Grazie per le numerose risposte, tanti mi hanno consigliato di praticare yoga che sicuramente può aiutare anche per distendere i muscoli, dato che con ansia e tensioni sono sempre contratti. Lo prenderò in considerazione. Per quanto riguarda la terapia farmacologica riguarda una pastiglia di trittico 75 a rilascio prolungato. Garantisce il riposo notturno e agisce in maniera blanda sull'ansia. Io passo giornate intere a controllare il mio respiro pur riuscendo a fare altro e senza stare male, tuttavia spesso quando l'ansia si fa forte o il fisico si snerva da questo controllo ossessivo, inizia a darmi sensazione di soffocamento, tachicardia, sudorazione e senso di diaframma bloccato. Mi dà sempre l'idea non sia ansia ma qualcosa di fisico, invece tutti gli esami sono a posto. Poi si perde fiducia a fare le cose, ad allontanarsi da soli sempre per paura di stare male ovviamente e non riuscire a respirare

Jameshs

Nuovo Utente

Posts: 10

Activitypoints: 30

Date of registration: Dec 5th 2019

  • Send private message

7

Sunday, March 15th 2020, 2:14am

Ciao,

anche io soffro da un annetto di questo disturbo. In passato ho sofferto di attacchi di panico e ipocondria, ho una certa ossessione per le mie funzioni vitali involontarie (respiro, battito cardiaco, ecc) insomma come se dovessi tenere tutto sotto controllo, da qui il sintomo di perdere il ritmo del respiro, non affidarsi più a questa macchina incredibile che è il nostro corpo,come se ci potesse tradire da un momento all'altro. Anche io non mi volevo rassegnare al fatto che fosse un problema di ansia, ero sicuro che ci fosse qualcosa di fisico sotto,ma gli esami sono sempre andati bene e più dottori mi hanno rassicurato. Credo che l'unica cosa da fare sia davvero mettersi l'animo in pace e cercare di distrarsi il più possibile... un abbraccio

Jameshs

Nuovo Utente

Posts: 10

Activitypoints: 30

Date of registration: Dec 5th 2019

  • Send private message

8

Monday, April 6th 2020, 7:20pm

Ciao a tutti,

vi scrivo approfittando di questo topic, riallacciandomi anche al mio ultimo post qui sopra, per chiedervi se qualcuno, per quanto riguarda la gestione del respiro, abbia mai riscontrato questi sintomi: negli ultimi tempi in cui facevo sport -tennis- non appena andavo sotto sforzo perdevo completamente il ritmo della mia respirazione, la sensazione era quella di non sentirsi più coordinato fra mente e corpo, e dopo cinque minuti mi sentivo letteralmente spossato a causa del movimento fisico e dello stress mentale nel dover controllare volontariamente la respirazione. Avvertivo quasi uno straniamento, come se respirare non fosse più naturale, o avessi disimparato a farlo. Mi sembrava di correre una maratona dopo pochissimi scambi...diciamo che purtroppo anche a riposo questo senso di mancanza di coordinazione del respiro rimane, ma durante lo sport si accentua fino a causarmi pesante iperventilazione. Ho fatto tutti i controlli di routine (ecg, polmoni), che sono nella norma, e lo psichiatra mi ha solo prescritto ansiolitico al bisogno...

qualcuno di voi avverte i miei stessi sintomi?
Grazie in anticipo