Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

antonino92

Nuovo Utente

  • "antonino92" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Jul 17th 2019

  • Send private message

1

Wednesday, July 17th 2019, 11:06am

Come l'ansia può distruggere la tua vita

Ciao ragazzi/e ho letto tantissime vostre discussioni, alcune mi hanno aiutato, altre meno. C'è tanta difficoltà dietro questi problemi psicofisici. Sono qui per raccontarvi la mia esperienza e che spero possa essere d'aiuto per quelle persone che, come me, combattono questa brutta situazione.

Ho 26 anni e circa 2 anni fa ho provato la terrificante esperienza di un attacco di panico, di quelli belli forti. Stavo passando un periodo abbastanza stressante per motivi familiari e l'aver avuto problemi con alcuni amici d'infanzia non ha fatto altro che peggiorare le cose. Quella sera ero talmente nervoso che non riuscivo neanche a respirare, fino a quando non ebbi il mio primo attacco di panico. Quella sera lì mi cambiò la vita.
A distanza di due anni la situazione non è cambiata, anzi è peggiorata (purtroppo ho perso mio fratello per una brutta malattia). Ho smesso di fare attività fisica di qualsiasi genere, dal body building al calcio. La mia fissazione quotidiana si riflette sui battiti del cuore, più forti sono, più la mia preoccupazione per un problema cardioca aumenta. E' assurdo come io sia passato dalla persona più spensierata e attiva del gruppo, all'essere la persona più ansiosa, meno attiva del gruppo. Passo le mie giornate a scandire il battito del cuore, nella speranza che possa mantenersi sui livelli standard. Ho fatto svariati esami e tutti risultati negativi, fino a quando il mio dottore non mi ha espressamente chiesto di rivolgermi ad uno psicologo. Ho iniziato questo percorso da circa 3 mesi ma ancora non abbiamo risolto nulla. Purtroppo vivo in Germania ed a meno che non vi siano gravi casi come il pensare di suicidarsi, non ti vengono fornite nessune medicine per contrastare l'ansia, la preoccupazione o il panico. Mi è stata diagnosticata una forma di depressione severa (la più grave viene qui in Germania definita depressione acuta, ma solo in presenza di istinti suicidi). Vorrei tanto tornare alla normalità, alla vita quotidiana, amo fare sport, andare in bici, giocare a calcio, allenarmi in palestra ma non posso fare nulla di tutto ciò, resto confinato in casa o passeggio con colleghi di lavoro senza sforzare il corpo, influenzando anche la mia attività sessuale, scandita da continui momenti di pausa dovuti alle pulsazioni, per me difinite troppo forti (normalissime in realtà).

Chi di voi ha mai affrontato la mia stessa situazione? Qualcuno ne è venuto fuori? ha consigli da darmi?

Furiadicheb

Utente Attivo

Posts: 87

Activitypoints: 317

Date of registration: Jan 9th 2017

  • Send private message

2

Thursday, July 18th 2019, 9:13am

Ciao, questa è una cosa che puoi e devi risolvere, è molto comune quando l'ansia ti fa porre l'attenzione sui battiti del cuore, ricorda che sei stesso tu ad aumentarli, in realtà se è questione di ansia (e mi pare che il tuo cardiologo lo ha detto) il tuo cuore pulsa normalmente ma la tua attenzione è capace di fare aumentarne i battiti o addirittura averne solo l'impressione che aumentino. E' questione di attenzione quindi, tu poni l'attenzione (tutta) in questo punto, la stessa cosa è successa a me per diverso tempo. Se da solo non riesci a "distrarre" la tua attenzione, fatti aiutare da uno psicoterapeuta che saprà darti delle dritte per tornare ad avere abitudini sane.
Dai che questa è una cosa che puoi risolvere anche in tempi brevi!

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,780

Activitypoints: 5,083

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

3

Thursday, July 18th 2019, 11:27am

ciao....il tuo stato ansioso ha preso come organo bersaglio il cuore, ma se tutti gli esami fatti sono risultati negativi allora è solo la sintomatologia dell'ansia. Sicuramente degli stressor vissuti con cadenza continua portano, nelle persone predisposte, a soffrire di ansia patologica. La notizia sconcertante è che in Germania non somministrano farmaci per ansia patologia, depressione etc., eppure sono al terzo posto in Europa per vendita di tali farmaci. La psicoterapia è sicuramente un percorso da seguire ma se lo stato ansioso è tanto allora una cura farmacologica diventa quasi un obbligo, certamente anche secondo il grado di severità dei sintomi. Un consiglio che posso darti è di continuare a fare attività sportiva che è un toccasana, ricorda che il cuore ha dei livelli di sopportazione di sollecitazioni fisiche e psichiche incredibili, oltre il fatto che tutti gli esami sono stati negativi. Altra cosa è che devi gestire lo stress che ha bisogno di un periodo di adattamento in considerazione della perdita di tuo fratello. Stai tranquillo che ne uscirai, ma devi avere tanta calma e pazienza. Su indicazione medica potresti provare delle terapie alternativa alle classiche medicine, in Germania per quanto ne sappia l'omeopatia e la fitoterapia vengono dispensate dal sistema sanitario della Germania. in bocca al lupo...... :thumbup:

Maggi23

Utente Attivo

  • "Maggi23" is female
  • "Maggi23" has been banned

Posts: 41

Activitypoints: 144

Date of registration: Jul 17th 2019

Location: Roma

Occupation: Impiegata

  • Send private message

4

Thursday, July 18th 2019, 12:53pm

Posso solo dirti ora che ti sono vicino non ho soluzioni nemmeno per me figuriamoci per gli altri ma credo che la croce se portata insieme forse pesa un po' di meno..non sei solo ora

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,550

Activitypoints: 4,055

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

5

Thursday, July 18th 2019, 1:17pm

Non ti chiudere in casa. Gli attacchi di panico e l'ansia cambiano davvero la vita in peggio e per sempre. Peccato ma davvero una cura con ansiolitici potrebbe aiutarti, seguito da medici. Concordo con quanto scritto dagli altri. Cerca di rimanere tranquillo.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 2,091

Activitypoints: 6,287

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

6

Thursday, July 18th 2019, 1:23pm

Ciao, gli altri ti hanno già dato risposte utili che sottoscrivo pienamente. Concordo con il suggerimento dello psicoterapeuta, non solo per strategie anti-ansia che ti liberino dalle paure per il cuore, ma anche per affrontare - forse - i nodi irrisolti che la morte di tuo fratello ha lasciato.

antonino92

Nuovo Utente

  • "antonino92" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Jul 17th 2019

  • Send private message

7

Thursday, July 18th 2019, 5:49pm

Apprezzo tanto i vostri consigli ed è per questo motivo che sono qui. Purtroppo non è così semplice per me. Quando dopo il minimo sforzo, il cuore inizia a battere velocemente, si presenza una sorta di dispnea (del tutto immaginaria ossigenazione perfetta) che non solo mi fa entrare nel panico, ma inizia a farmi smettere di fare qualsiasi attività per "ricaricare il fiato". Questo succede durante la fase sportiva, sessuale e di vita quotidiana.

Furiadicheb

Utente Attivo

Posts: 87

Activitypoints: 317

Date of registration: Jan 9th 2017

  • Send private message

8

Thursday, July 18th 2019, 6:53pm

'Il fatto è che continui a concentrarti sulla questione sbagliata, devi imparare a spostare la tua attenzione, l’ansia ha portato la tua attenzione ai battiti del tuo cuore (ma poteva portarla in qualsiasi altra situazione l’attenzione) e tu ovviamente stai sempre lì con il pensiero, il problema quindi non è l’attacco di panico o la dispnea ma è l’attenzione perché tu non te ne accorgi ma è da lì che parte il tutto. Ti accorgi ovviamente solo quando senti i sintomi fisici ma quello è il risultato di una concentrazione eccessiva protratta per chissà quanto tempo sulle pulsazioni del cuore. Devi farti aiutare da uno psicoterapeuta e capire come puoi direzionare l’attenzione in cose più utili perché se non lo fai o rimani così oppure l’ansia peggiorerà e la tua attenzione si sposterà in altre situazioni. Da solo non ci riesci, gli specialisti ci sono appositamente per questo. Dai che puoi tornare a vivere serenamente. :)