Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


MindTheGap

Nuovo Utente

  • "MindTheGap" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 29

Date of registration: Nov 11th 2014

  • Send private message

1

Tuesday, November 11th 2014, 3:10pm

Come fa ad essere solo ansia?

Sono nuovo, ed è la prima volta che scrivo su un forum perchè non ho mai creduto che potesse essere di qualche aiuto. Ora che sto vivendo da anni con uno stato d'ansia continuo, ho provato di tutto per uscirne e mi sono convinto a provare anche questa cosa (tanto male non fa!)
Evito di raccontare tutta la mia evoluzione ansiosa, mi limito alla situazione presente che è anche quella che mi desta più preoccupazioni.
Praticamente io vivo con dei dolori toracici cronici, onnipresenti. Dolori di varia natura che cambiano localizzazione e soprattutto intensità, a questo si accompagnano ovviamente da extrasistole (che non so a voi, ma a me fanno proprio male, mi sento una fitta dal petto alla gola che mi provoca dolore, e paura!) tachicardia o comunque una sensazione orribile di percezione del battito cardiaco in tutto il corpo e sembra che il cuore stia per scoppiare da un momento all'altro.
Ho fatto tre visite cardiologiche nell'ultimo anno (ho un cuore perfetto), visita gastroenterologica (lieve gastrite con abbondanti reflussi gastroesofagei) poi per i dolori ho visto un osteopata e un fisioterapista. Nulla! non c'è nulla che non va!
Il mio medico parla di nevralgie a livello toracico che provocano questi dolori e io nella mia infinita ipocondria sto li ad ascoltarli uno per uno e gli do un significato esagerato.
Il mio problema è proprio quello: l'ipocondria! nonostante tutto non riesco a convincermi che stia bene, mi chiedo: "se non ho nulla perchè sto cosi?" e sto vivendo male, ho ventidue anni e non esco praticamente di casa perchè sono terrorizzato che il mio cuore abbia un infarto o cose del genere, passo le giornate a cercare sintomi e malattie su internet... non è vita questa!
Ho iniziato da poco ad andare da uno psicologo che mi ha prescritto un ansiolitico come copertura e un antidepressivo che farà effetto tra un mese (classica cura contro i disturbi d'ansia)
Qualcuno ha una situazione simile alla mia? Cioè nonostante la consapevolezza che non ci sia nulla che non vada non riesce ad accettare che sia tutto provocato dall'ansia!

Narserer

Nuovo Utente

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Nov 2nd 2014

  • Send private message

2

Tuesday, November 11th 2014, 10:28pm

Io! Ho 18 anni e sono più ipocondriaco di te!! Io sono fissato col cervello però! Ho sempre paura di avete un qualche tumore

kenparker68

Nuovo Utente

Posts: 2

Activitypoints: 6

Date of registration: Nov 12th 2014

  • Send private message

3

Wednesday, November 12th 2014, 5:04pm

Ciao MindTheGap!

Premetto subito che mi sono appena iscritto al forum, e sono solo un semplice "paziente" con qualche anno di esperienza di ansia sulle spalle (in tutti i sensi!).
Il tuo post per certi versi mi ha rincuorato, e non avertene a male, ora mi spiego. Mi sono iscritto qui proprio per condividere uno stato d'ansia molto simile al tuo. Sono prossimo alla cinquantina. Sin dalla tua età, forse anche prima, ho sempre sofferto di ansia. Anche io avevo dolori in petto, ma i cardiologi mi dicevano che ero perfettamente sano. E me lo dicono tutt'ora. Solo da pochi anni ho affrontato di petto (gioco di parole...) la mia ansia, che da più parti mi è stata diagnosticata come "anticipatoria".
Sarò breve, per quanto mi hanno detto tutti i medici, i dolori possono essere causati da uno stato di ansia. Quindi, mal comune mezzo gaudio, non sei il solo, non siamo soli. Anzi, conosco tanta gente che vive male a causa di diverse forme di ansia.

Circa tre anni fa ero ormai in preda a crisi d'ansia continue, avevo paura di fare qualsiasi cosa. Persino una vacanza estiva si trasformò in un incubo. Decisi allora di rivolgermi ad uno psichiatra. Intrapresi una terapia farmacologica di circa 8/9 mesi, grazie alla quale riuscii a stare molto meglio. E durante tutto quel periodo non ebbi più dolori di schiena o alla cervicale. Dopo la sospensione della terapia, graduale e concordata col medico, sono stato circa due anni in discreta forma. Quest'estate avevo anche intrapreso una leggera attività sportiva. Alla fine dell'estate sono ripresi i dolori. In parte reali, dovuti ad un problema alla mia colonna vertebrale, ma in gran parte accentuati dalla mia ansia, tornata prepotentemente a galla anche in seguito a diversi accadimenti personali, oltre che per gli stessi dolori. Per certi versi sono entrato in un loop. Avevo i dolori, e l'ansia di chissà quale malattia me li accentuava, e l'ansia cresceva, e così via. E nei fine settimana, quando i medici non fanno visita, vado ancora più in ansia, tanto da essermi recato alla guarda medica!
Nel frattempo ho fatto quasi tutti gli esami possibili. Un completo checkup cardiologico, già programmato per via di una leggera ipertensione, tutto negativo. RX torace, negativo. Ecografia dell'addome, negativa. Esami del sangue articolati, negativi. Il mio medico curante ha ribadito che i miei dolori al costato ed alla schiena alta possono solo essere di origine nervosa. E gli credo, razionalmente. Anche se la mia mente insiste a cercare cause strane, improbabili ed assurde.

Per questo ti dico, datti da fare, rivolgiti ad uno specialista, e cerca di uscire prima possibile dal tunnel dell'ansia! Sei ancora giovane, i tuoi schemi mentali sono ancora modificabili, sei ancora in tempo per fare qualcosa.

Se il tuo medico curante ti ha assicurato che non hai nulla di fisico, fatti consigliare sui prossimi passi da compiere. Ricorda, un supporto di un medico è fondamentale, assolutamente evita il fai da te!

Per quanto mi riguarda, e vengo al motivo del mio ingresso nel forum, vorrei chiedere a chi ha già esperienza quale dovrebbe essere il mio prossimo passo.

Sono sinceramente indeciso se rivolgermi nuovamente allo psichiatra per intraprendere la terapia farmacologica, sicuramente immediata e certa come risultato a breve termine, ma poco efficace a lungo andare, o se intraprendere una terapia più lunga ed incerta, senza farmaci, col supporto di uno psicologo?

Grazie a chi ci saprà aiutare!

and4611

Utente Attivo

Posts: 9

Activitypoints: 62

Date of registration: Nov 8th 2014

  • Send private message

4

Wednesday, November 12th 2014, 7:35pm

Ciao!:)
Guarda, io più o meno ho le tue stesse ansie!
Fai conto che ho fatto un ECG e esami del sangue per un'operazione in anestesia totale, non è uscito nulla e ho fatto l'operazione tranquillamente ma comunque mi tormenta il pensiero di essere malato tanto che ho paura di fare l'attività sportiva che svolgevo un mese fa, prima che nascessero le mie preoccupazioni ;(

beautiaddicted

Amico Inseparabile

  • "beautiaddicted" is female

Posts: 1,078

Activitypoints: 3,542

Date of registration: Jul 7th 2014

Location: Roma

Occupation: impiegata

  • Send private message

5

Thursday, November 13th 2014, 10:50am

ciao kenparker,
Prova prima con la psicoterapia,ti darà senz'altro miglioramento. Sarà lo stesso terapeuta a indirizzarti verso una terapia farmacologica. Non sono caramelle i farmaci, non sono neanche bacchette magiche.

kenparker68

Nuovo Utente

Posts: 2

Activitypoints: 6

Date of registration: Nov 12th 2014

  • Send private message

6

Saturday, November 15th 2014, 12:45pm

Difatti mi sono rivolto ad una psicologa, la settimana prossima inizierò una terapia di tipo cognitivo comportamentale.

Speriamo bene!

MindTheGap

Nuovo Utente

  • "MindTheGap" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 29

Date of registration: Nov 11th 2014

  • Send private message

7

Tuesday, November 18th 2014, 4:12pm

Ciao kenparker68,
hai detto bene.. nonostante razionalmente uno sappia che non c'è nulla che non va, il corpo e i pensieri vanno per conto loro e ti riempiono di dolori e preoccupazioni.
Comunque sto vedendo uno psichiatra, dopo essere stato da uno psicologo sto provando anche con una terapia farmacologica, anche se per ora nulla di nuovo..
Ieri sono tornato nel panico.. mi spiego: ho fatto una lievissima attività fisica, giusto un po' di yoga, e nel mentre mi sono iniziate le extrasistole. E' la prima volta che mi prendono "sotto sforzo" e mi sono ovviamente preoccupato. Premetto che non mi muovo da molto tempo, per la paura del cuore, e mentre facevo attività pensavo al cuore e controllavo regolarmente il battito.. mi sa che sto impazzendo.

Flavio10

Giovane Amico

  • "Flavio10" is male

Posts: 188

Activitypoints: 725

Date of registration: Apr 29th 2014

Location: Italia

Occupation: scrittore per scherzo e scienziato senza lavoro

  • Send private message

8

Tuesday, November 18th 2014, 8:16pm

Ciao MindTheGap!

Premetto subito che mi sono appena iscritto al forum, e sono solo un semplice "paziente" con qualche anno di esperienza di ansia sulle spalle (in tutti i sensi!).
Il tuo post per certi versi mi ha rincuorato, e non avertene a male, ora mi spiego. Mi sono iscritto qui proprio per condividere uno stato d'ansia molto simile al tuo. Sono prossimo alla cinquantina. Sin dalla tua età, forse anche prima, ho sempre sofferto di ansia. Anche io avevo dolori in petto, ma i cardiologi mi dicevano che ero perfettamente sano. E me lo dicono tutt'ora. Solo da pochi anni ho affrontato di petto (gioco di parole...) la mia ansia, che da più parti mi è stata diagnosticata come "anticipatoria".
Sarò breve, per quanto mi hanno detto tutti i medici, i dolori possono essere causati da uno stato di ansia. Quindi, mal comune mezzo gaudio, non sei il solo, non siamo soli. Anzi, conosco tanta gente che vive male a causa di diverse forme di ansia.

Circa tre anni fa ero ormai in preda a crisi d'ansia continue, avevo paura di fare qualsiasi cosa. Persino una vacanza estiva si trasformò in un incubo. Decisi allora di rivolgermi ad uno psichiatra. Intrapresi una terapia farmacologica di circa 8/9 mesi, grazie alla quale riuscii a stare molto meglio. E durante tutto quel periodo non ebbi più dolori di schiena o alla cervicale. Dopo la sospensione della terapia, graduale e concordata col medico, sono stato circa due anni in discreta forma. Quest'estate avevo anche intrapreso una leggera attività sportiva. Alla fine dell'estate sono ripresi i dolori. In parte reali, dovuti ad un problema alla mia colonna vertebrale, ma in gran parte accentuati dalla mia ansia, tornata prepotentemente a galla anche in seguito a diversi accadimenti personali, oltre che per gli stessi dolori. Per certi versi sono entrato in un loop. Avevo i dolori, e l'ansia di chissà quale malattia me li accentuava, e l'ansia cresceva, e così via. E nei fine settimana, quando i medici non fanno visita, vado ancora più in ansia, tanto da essermi recato alla guarda medica!
Nel frattempo ho fatto quasi tutti gli esami possibili. Un completo checkup cardiologico, già programmato per via di una leggera ipertensione, tutto negativo. RX torace, negativo. Ecografia dell'addome, negativa. Esami del sangue articolati, negativi. Il mio medico curante ha ribadito che i miei dolori al costato ed alla schiena alta possono solo essere di origine nervosa. E gli credo, razionalmente. Anche se la mia mente insiste a cercare cause strane, improbabili ed assurde.

Per questo ti dico, datti da fare, rivolgiti ad uno specialista, e cerca di uscire prima possibile dal tunnel dell'ansia! Sei ancora giovane, i tuoi schemi mentali sono ancora modificabili, sei ancora in tempo per fare qualcosa.

Se il tuo medico curante ti ha assicurato che non hai nulla di fisico, fatti consigliare sui prossimi passi da compiere. Ricorda, un supporto di un medico è fondamentale, assolutamente evita il fai da te!

Per quanto mi riguarda, e vengo al motivo del mio ingresso nel forum, vorrei chiedere a chi ha già esperienza quale dovrebbe essere il mio prossimo passo.

Sono sinceramente indeciso se rivolgermi nuovamente allo psichiatra per intraprendere la terapia farmacologica, sicuramente immediata e certa come risultato a breve termine, ma poco efficace a lungo andare, o se intraprendere una terapia più lunga ed incerta, senza farmaci, col supporto di uno psicologo?

Grazie a chi ci saprà aiutare!
Ciao Ken,
secondo me hai dato un ottimo consiglio all'amico di 22 anni che cercava aiuto.
Detto questo, io penso che se puoi dal punto di vista economico, io mi rivolgerei sia allo psichiatra che allo psicologo,
il primo per una terapia d'urto che ti possa aiutare e l'altro per una terapia a lungo termine che ti rassicuri.
Io credo in parte di essere in una situazione simile almeno dal punto di vista dell età... simile alla tua.
Io non viaggio, crisi di panico...questo mi rattrista e mi fa sentire andicappato.
Purtroppo la psicoterapia è dispendiosa e io lho fatta per tre ani senza grandi risultati, ma è un esperienza personale.
ORa seguo lo psichiatra... non è che prenda chi sa quante medicine.. anche perchè ne ho prese abbastanza in passato.
Tuttavia diciamo che vivo sull orlo del precipizio, dal punto di vista del panico, un po sto bene e un po no.
Cmq, ripeto se puoi affidati ad entrambi gli specialisti.

Billa

Nuovo Utente

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Nov 18th 2014

  • Send private message

9

Tuesday, November 18th 2014, 9:48pm

Billa

Anche io soffro delle famigerate extrasistole che non mi fanno vivere... Anche io ho fatto mille controlli dove tutto risulta essere in ordine (a parte il reflusso e la gastrite che potrebbe incidere) e anche a me dicono che dipende tutto da uno stato ansioso. Certo è che non avevo mai sofferto di crisi di panico... Ed ora invece specie quando sono in macchina mi sento tutti i disturbi.. Giramento di testa.. Tachicardia.. Formicolio alle braccia.. Gambe pesanti... Addirittura non riesco più a percorrere alcune strade a scorrimento veloce... Pensare che ho sempre amato guidare, non mi riconosce più.... Finora non ho pensato a un sostegno psicologico, e vorrei evitare ansiolitici