Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

The Heart

Colonna del Forum

  • "The Heart" is male
  • "The Heart" has been banned

Posts: 2,274

Activitypoints: 7,455

Date of registration: Aug 24th 2011

Location: Roma

Occupation: Studente psicologia

  • Send private message

16

Wednesday, January 4th 2012, 12:56am

Ciao Hallo,

anche io ho una forte tendenza a rimuginare fin da bambino, è uno dei limiti della mia personalità che affronto più spesso.
Ho diversi metodi pratici che potresti usare, tutti possono richiedere un pò di pazienza all'inizio in quanto il rimuginare ha radici profonde dentro di noi.

1) Secondo me la tecnica più efficace è, lo dico per esperienza diretta, ogni volta che ti viene il pensiero, costringerti subito a pensarci altre 5 volte. Sembra masochismo, giusto? Ma la tua mente ha raggiunto un equilibrio disfunzionale nel pensare tanto a questo evento; se tu la obblighi a pensarci tantissimo, otterai lo stesso effetto del mettere ancora più legna al fuoco: lo spegnerai.

2) Puoi rispondere a un sacco di post su questo sito per aiutare chi sta soffrendo: l'empatia ci decentra sempre dai nostri dolori privati, inoltre per aiutare chi soffre sentiamo di dover essere più forti se vogliamo essere "aiutanti" credibili.

3) Puoi scrivere, 1-2 volte al giorno, tutti i sentimenti dolorosi che hai provato, tutto il fastidio che ti porti dentro per questo fatto.

4) Puoi re-immaginare la scena della telefonata e cambiarla, immaginando che il tuo interlocutore sia molto gentile e che la conversazione sia paicevole e gratificante per entrambi.

Fammi sapere cosa ne pensi, e se hai provato qualcosa di queste possibilità.
Un abbraccio,
Fabrizio
Si vede bene solo con il cuore: l'essenziale è invisibile agli occhi

Hallomarc

Piezz e' core...

  • "Hallomarc" is male
  • "Hallomarc" started this thread

Posts: 1,548

Activitypoints: 5,715

Date of registration: Jun 14th 2011

Location: Milano

  • Send private message

17

Wednesday, January 4th 2012, 1:08pm

E' passato tempo dall'apertura di questo topic

e ho le idee più chiare. Il vero problema è la risposta, nel caso in cui sia rancorosa.

Cioé se la rabbia è reattiva ci può stare, perché è funzionale alla difesa di un nostro bisogno e può ottenerlo.

La sofferenza è una cosa che nasce a posteriori, quando si pensa che la nostra risposta a un dato torto sia stata inadeguata.
Occorre io credo essere critici. E' proprio del tutto vero che la risposta che noi abbiamo dato era inadeguata?
Perché al momento ci è sembrata adeguata (è quella che abbiamo scelto al momento) e oggi non più?

Il rancore va allontanato. Possimo non volerlo fare con la mente, ma il corpo lo esige. Perché al termine di una giornata normale, ma colma di rancore, fai fatica a prendere sonno. Al corpo non interessano torti e ragioni, esige la tranquillità per riposare.
Il rancore è una forma di autolesionismo.
Se non ci fossero i miei difetti, non ci sarei nemmeno io.

linette

Utente Fedele

Posts: 317

Activitypoints: 1,007

Date of registration: Aug 22nd 2011

  • Send private message

18

Saturday, January 7th 2012, 12:04am

Il rancore è una forma di autolesionismo.
Come non essere d'accordo?

questo 3ed è molto educativo per me. grazie Hallomarc.
"L'intelligenza è data all'uomo per dubitare" Emilie Verhaeren (dal Pensiero del momento)

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests