Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Cedra

Utente Attivo

  • "Cedra" is female
  • "Cedra" started this thread

Posts: 91

Activitypoints: 350

Date of registration: Aug 29th 2017

  • Send private message

1

Thursday, August 31st 2017, 8:15pm

Come curate le vostre fobie?

Io ho il terrore di uscire da sola.
Spesso mi dicono: vuoi andare da qualche parte? Prendi il treno e vai. Chi ti ferma?
La paura. Ho l'autentico, sincero, profondissimo terrore di essere aggredita.
E quello che mi fa più rabbia è che non posso parlarne. Perché temere un'aggressione è una forma di vanto (!) Come dire: sono bellissima, mi aggrediranno.
Di solito, infatti, la risposta è una battutaccia: sei racchia, ma chi ti piglia.
Sinceramente? Se avessi l'assoluta certezza di farla franca con un brutto aspetto, non ci penserei due volte. Andrei in giro sporca, stracciata e puzzolente pur di avere la libertà di "Prendere un treno e andarmene".

La mia idea era creare un rapporto d'amicizia o almeno di interessi comuni per aver compagnia, ma non è semplice. Del resto, non posso certo aspettare che arrivi qualcuno a risolvermi la vita, che venga a prendermi, mi porti in giro e mi riaccompagni. (Vi confesso una fantasia stupida: spesso penso di assumere un body-guard).

E vedo che in giro ci sono molte ragazze che questo problema non lo hanno: vanno anche all'estero da sole. Io mi angoscio se devo atttraversare una stradina solitaria in pieno giorno... E tenete presente che non abito in una violenta metropoli, ma in un paesello di 8000 anime.

Qualcuna di voi ha avuto gli stessi problemi? Come li ha risolti?

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,840

Activitypoints: 26,953

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

2

Saturday, September 2nd 2017, 10:31am

Evidentemente in te risuonano le incitazioni alla prudenza sentite dalla mmamma o dal babbo, siano esse state attive o passive.
Questa fissazione non è ragionevole. E' un condizionamento famigliare. Per cui procedi progressivamente verso l'emancipazione fisica e psicologica, senza abbandonare la prudenza naturale.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Cedra

Utente Attivo

  • "Cedra" is female
  • "Cedra" started this thread

Posts: 91

Activitypoints: 350

Date of registration: Aug 29th 2017

  • Send private message

3

Saturday, September 2nd 2017, 5:48pm

Non so quanto dipende dagli altri. Intendo, i miei sono sempre stati chiusi (da bambina non potevo nemmeno uscire sul pianerottolo di casa perché avrei dato fastidio agli altri inquilini) sul genere "Non dare confidenza, non parlare con gli sconosciuti, ecc" però adesso la mia paura sta degenerando in modo inquietante, è proprio una fissazione irrazionale.
Non riesco a razionalizzare, questo è il problema. Magari mi dico "Adesso esco, è un piccolo paese, non si è mai sentita nessuna brutta notizia". Poi mi trovo in mezzo alla strada, sola, si avvicina un tizio qualsiasi e comincio a dare di matto, senza nemmeno una lontana minaccia. L'ultima volta mi hanno avvicinato due ragazzine per chiedermi una sigaretta. Sono letteralmente scappata come se mi avessero puntato contro una pistola.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,840

Activitypoints: 26,953

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

4

Sunday, September 3rd 2017, 10:52am

La risposta te la sei data da sola.
Il fatto che ora tu ne senta di più l'invadenza è semplicemente perchè ti stanno venendo meno le sicurezze su cui era appoggiata e spalleggiata la tua vita. Per esempio, se stai cambiando casa, o se entrerai in una scuola nuova, o se i genitori stanno invecchiando o forse uno di loro è mancato da poco.

Poi se non riesci a razionalizzare e controllare questo impulso allla fuga, chiedi aiuto. Esci in compagnia, trova qualche spalla a cui appoggiarti per un po'. Poi vedrai. Se il tuo carattere è quello di preferire la sicurezza della solitudine ai rischi della moltitudine va bene cosi'.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Used tags

cura, Fobia, paura