Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Minimo

Utente Attivo

  • "Minimo" started this thread

Posts: 20

Activitypoints: 130

Date of registration: Jan 27th 2014

  • Send private message

1

Wednesday, August 12th 2015, 5:20pm

Ce la farò, senza psicofarmaci?

Allora, mi è stato "diagnosticato" da una psicologa, il disturbo ossessivo compulsivo, ed effettivamente i miei sintomi sembrano corrispondere...vi prego non ridete di quello che sto per raccontarvi, so che il tutto è irrazionale e so anche che è frutto della mia immaginazione...ma l'ansia c'è sempre...ho paura di essere diventato pazzo.
Una settimana fa circa stavo pensando a una mia preoccupazione riguardo un avvenimento non grave avvenuto un anno fa, non mi va di raccontare, fatto sta che non c'è nulla da preoccuparsi.
Però poi realizzo che non avevo pensato a una cosa (sempre parlando di questa preoccupazione) così vado a controllare, ma mi rendo conto che era un falso allarme...per farvi capire meglio faccio un esempio: ho paura di aver lasciato il gas acceso...vado a controllare invece è spento.
Fatto sta che però nonostante io mi convinco di essere tranquillo, attivo un meccanismo ossessivo compulsivo (e non me ne ero reso conto) e inizio ad attivare un rituale: pensare alla tranquillità che avevo prima di questa preoccupazione, e alla tranquillità che ho ora, finché entrambi i pensieri non restituissero a me, la stessa sensazione...(pensando a entrambi i giorni, i ricordi del giorno di prima e quelli del giorno dopo, dovevano darmi le stesse sensazioni, e insistevo finché non le avevo, quelle sensazioni)...poi una volta fatto ciò mi tranquillizzo, ripenso se ho fatto bene o no il rituale e noto che l'ho fatto bene...poi mi viene un'altra preoccupazione infondata, e ritorno a fare il rituale, sta volta però anche il fatto di controllare dopo se avessi fatto bene il rituale era diventato un rituale anch'esso...quindi dovevo pensare a cose che mi facessero sentire bene, per poi dopo pensare al fatto che il rituale fosse fatto bene, finché non mi sentissi bene...lo so, è molto confusionario, ma il DOC è così, dopotutto. Poi la mia ansia mi dice "se non fai bene questo rituale, avrai la percezione distorta, percepirai una realtà alterativa quindi se il rituale lo hai fatto male, penserai di averlo fatto bene" quindi se penso che il rituale è fatto bene, in realtà è fatto male in quanto i ricordi sono alterati, quindi dovrei percepire (ovviamente io non ci credo) una realtà parallela a quella raele, in cui avviene tutto il contrario di ciò che percepisco, se vedo che il cielo è blu, in realtà è verde, se penso che 1+1 fa 2, in realtà fa 3, se do una carezza a uno in realtà gli ho dato un pugno, quindi se conosco una persona in realtà non l'ho mai conosciuta...insomma, cose che non si vedono nemmeno in un fim di Harry Potter, cose da pazzi, ovviamente io NON credo a queste cose, sono pienamente consapevole che sia tutto frutto della mia immaginazione, so che non esiste e che non ci crederebbe nemmeno un bambino, quindi ho detto BASTA!...Ma?...Ma ho ancora un po d'ansia...perché poi quest'ansia mi dice: "se pensi che sia tutto frutto della tua immaginazione, in realtà pensi male, lo pensi solo perché il rituale è andato male", ma io non do retta a quest'ansia, io non ci credo, io sono pienamente consapevole che il tutto è una cosa ai limiti della follia...ho paura che un giorno divento veramente pazzo a tal punto da credere a che questa cosa sia vera, e arrivare a credere che tutte le persone che conosco e che ho vicine a me non siano reali...io non ci credo, io sono ancora razionale...ma ho paura di impazzire.
Per questo ogni tanto penso che la morte non sia un male assoluto dopotutto...poi però mi riprendo.
Quindi la mia domanda è: riuscirò a dimenticare questa idiozia e a ritornare in me...oppure ormai sono diventato un malato mentale per il resto dei miei giorni?

beautiaddicted

Amico Inseparabile

  • "beautiaddicted" is female

Posts: 1,078

Activitypoints: 3,542

Date of registration: Jul 7th 2014

Location: Roma

Occupation: impiegata

  • Send private message

2

Wednesday, August 12th 2015, 6:30pm

Il Doc non è altro che un tentativo fallito di sedare l'ansia.
Non é una cosa da matti, e non ti consiglio di prendere psicofarmaci per questo. Esiste la terapia cognitivo comportamentale che é l'ideale per questa problematica.
Consulta uno psicologo che la pratica.