Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Flavio10

Giovane Amico

  • "Flavio10" is male
  • "Flavio10" started this thread

Posts: 189

Activitypoints: 728

Date of registration: Apr 29th 2014

Location: Italia

Occupation: scrittore per scherzo e scienziato senza lavoro

  • Send private message

1

Wednesday, May 7th 2014, 12:49pm

attacchi di panico e farmaci, fame d'aria!

Dicevo dei farmaci, allora, anni fa, precisamente intorno al 2010 mi son lasciato con la ragazza che adoravo. in quel periodo stavo riducendo i farmaci.
Dopo che ci siam lasciati per i primi mesi dal punto di vista ansioso stavo discretametne bene, ma poi sono ricaduto di brutto passavo le giornate a letto etc.
Allora siccome lo psichiatra dove andavo stava per cambiare città mi sono rivolto ad un mio amico di infanzia che aveva un parente psicologo e ho chiesto un appuntamento.
Da allora son passati 3 anni e con questo psicologo ho fatto oltre a terapia individuale anche di gruppo. nel frattempo aero riuscito a tornare dallo psichiatra che stava per trasferisi e mi aveva dato una cura di solo paroxetina, ormai non prendevo più ansiolitico vero e proprio ma solo antidepressivo, 14 gocce.
Beh, sembrava che tutto andava per il meglio, nel frattempo lo psichiatra si trasferisce al nord (io sono del sud). Quindi lo perdo e rimango solo con la psicologa e con le 14 gocce che mi aveva dato lo psichiatra, ad un certo punto della terapia la psicologa mi dice, ti vuoi prendere le gocce per tutta la vita, è arrivato il momento di toglierle, dopo tanti tentativi riusciamo a contattare il vechio psichiatra che per telefono prescrive una riduzione delle gocce ma non va bene, infatti sto male etc.... allora non potendo più contattare lo psichiatra intanto avverto il mio medico di base che mi dice di prenderle ma magari 8, cos' faccio e le cose sembrano andare meglio, nel frattempo dico alla psicologa di trovarmi uno psichiatra in zona e cos' fa, vado e gli spiego i miei problemi e gli porto le ricette del vecchio psichiatra, lui i voleva dare anche ansiolitico ma ioho rifiutato perchè ormai erano due anni che non li prendevo e con le iniziali 14 goce stavo bene, anche se ora ne prendevo solo 8, ok presugiamo il tutto siamo ad aprile dell anno scoros, ci rivediamo e concordiamo di ridurre da 8 a prima 7 e poi 6 etc....
intanto passano i mesi e la psicologa dice che ormai non ho più attacchi dipanico etc.. ma io le dico che invece li ho magari non frquenti ma li ho e comunque ho le mie paure classiche quello di allontanarsi da casa etc....ma niente.. dice che non ne ho e che comunqe devo pensare al lavoro(non lavoro nonostante la mia laurea in facoltè scientifica), va beh...verso la fine dell anno scorso inizio a stare male daventi la psivologa di frequente quando vado mi vengono attacchi di forte ansia e magari di panico, inizio a non voler andare da lei e dico vado dopo natale, ri prendo a gennaio...ma ho proprio fastidio ad andare...lei prova a convincermi ad andare almeno al gruppo ma niente....inoltre l ultima volta che vado al gruppop mi sento male.,.. esco dalla stanza pooi dopo una decina di minuti rientro e dico che sto male, la psicologa mi rimproverà dicendo che non posso interrompere (c era un altro che stava prlando), mi da fastidio il suo atteggiamento magari giustificato ma io avevo bisogno di aiuto, bene quella è la goccia che fa trabboccar eil vaso e decido di non andare, mi sento nelle settimen successive piuù libero e bene nel frattempo rivado dallo psichiatra ma quel giorno sono agitato lui mi vede e decide di aumentare le gocce a 7 (si prima erano 8 ma nel corso dell anno son diventate 6), mi da ste gocci a 7 di paroextina e le cose sembrano andare per il meglio fino a una settimana fa sabato ero con miei amiche in un negoizo e mi sento come mancare l aria(ed uno dei sintomi che a me colpisce e fiaccca di più), da allora come sapete sono sato maggiormente in casa tranna ieri che sono iniziato ad uscire e sicurament mi ha fatto bene e da allora ho ripreso a scrive qui e a disturbarvi :)
Ora dovrei andare dalo psichiatra dopo pasqua, da un lato ho paura a dirglli che sono stato ale in questi giorni perchè sicuramente vorrà darmi altre medicine tipo ansiolitico che ormai non prendo da 3 anni dopo che lho preso per più di 10 anni e so io quanto è stata dura non prendelro più però mi dico se io allor aprima che la psicologa mi convincesse a togliere le ie 14 gocce di paroxetina stavo bene perchè dovrei prendere anche l ansiolitioc?
ma secondo voi le 7 gocce che prendo immagino che per uno che sofffre di attachi di panico siano niente o sbaglio?
da un lato questa cosa mi inorgogllisce perchè immagino non tutti ma che molti prendano più farmaci per stare meglio ma dall'altro mi dico, così non va...che fare?
Ho scritto tanto, spero che almeno mi sia servito da sfodo e che ne pensate della psicologa cioè ha forse un po travalicato o è stata corretta?
Ora mentre scrivo da due giorni ho nuovamente questi sintomi di mancaza d aria e tendo a stare in casa, cioè esco, si, ma con tanta paura.

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

2

Wednesday, May 7th 2014, 2:21pm

Dicevo dei farmaci, allora, anni fa, precisamente intorno al 2010 mi son lasciato con la ragazza che adoravo. in quel periodo stavo riducendo i farmaci.
Dopo che ci siam lasciati per i primi mesi dal punto di vista ansioso stavo discretametne bene, ma poi sono ricaduto di brutto passavo le giornate a letto etc.
Allora siccome lo psichiatra dove andavo stava per cambiare città mi sono rivolto ad un mio amico di infanzia che aveva un parente psicologo e ho chiesto un appuntamento.
Da allora son passati 3 anni e con questo psicologo ho fatto oltre a terapia individuale anche di gruppo. nel frattempo aero riuscito a tornare dallo psichiatra che stava per trasferisi e mi aveva dato una cura di solo paroxetina, ormai non prendevo più ansiolitico vero e proprio ma solo antidepressivo, 14 gocce.
Beh, sembrava che tutto andava per il meglio, nel frattempo lo psichiatra si trasferisce al nord (io sono del sud). Quindi lo perdo e rimango solo con la psicologa e con le 14 gocce che mi aveva dato lo psichiatra, ad un certo punto della terapia la psicologa mi dice, ti vuoi prendere le gocce per tutta la vita, è arrivato il momento di toglierle, dopo tanti tentativi riusciamo a contattare il vechio psichiatra che per telefono prescrive una riduzione delle gocce ma non va bene, infatti sto male etc.... allora non potendo più contattare lo psichiatra intanto avverto il mio medico di base che mi dice di prenderle ma magari 8, cos' faccio e le cose sembrano andare meglio, nel frattempo dico alla psicologa di trovarmi uno psichiatra in zona e cos' fa, vado e gli spiego i miei problemi e gli porto le ricette del vecchio psichiatra, lui i voleva dare anche ansiolitico ma ioho rifiutato perchè ormai erano due anni che non li prendevo e con le iniziali 14 goce stavo bene, anche se ora ne prendevo solo 8, ok presugiamo il tutto siamo ad aprile dell anno scoros, ci rivediamo e concordiamo di ridurre da 8 a prima 7 e poi 6 etc....
intanto passano i mesi e la psicologa dice che ormai non ho più attacchi dipanico etc.. ma io le dico che invece li ho magari non frquenti ma li ho e comunque ho le mie paure classiche quello di allontanarsi da casa etc....ma niente.. dice che non ne ho e che comunqe devo pensare al lavoro(non lavoro nonostante la mia laurea in facoltè scientifica), va beh...verso la fine dell anno scorso inizio a stare male daventi la psivologa di frequente quando vado mi vengono attacchi di forte ansia e magari di panico, inizio a non voler andare da lei e dico vado dopo natale, ri prendo a gennaio...ma ho proprio fastidio ad andare...lei prova a convincermi ad andare almeno al gruppo ma niente....inoltre l ultima volta che vado al gruppop mi sento male.,.. esco dalla stanza pooi dopo una decina di minuti rientro e dico che sto male, la psicologa mi rimproverà dicendo che non posso interrompere (c era un altro che stava prlando), mi da fastidio il suo atteggiamento magari giustificato ma io avevo bisogno di aiuto, bene quella è la goccia che fa trabboccar eil vaso e decido di non andare, mi sento nelle settimen successive piuù libero e bene nel frattempo rivado dallo psichiatra ma quel giorno sono agitato lui mi vede e decide di aumentare le gocce a 7 (si prima erano 8 ma nel corso dell anno son diventate 6), mi da ste gocci a 7 di paroextina e le cose sembrano andare per il meglio fino a una settimana fa sabato ero con miei amiche in un negoizo e mi sento come mancare l aria(ed uno dei sintomi che a me colpisce e fiaccca di più), da allora come sapete sono sato maggiormente in casa tranna ieri che sono iniziato ad uscire e sicurament mi ha fatto bene e da allora ho ripreso a scrive qui e a disturbarvi :)
Ora dovrei andare dalo psichiatra dopo pasqua, da un lato ho paura a dirglli che sono stato ale in questi giorni perchè sicuramente vorrà darmi altre medicine tipo ansiolitico che ormai non prendo da 3 anni dopo che lho preso per più di 10 anni e so io quanto è stata dura non prendelro più però mi dico se io allor aprima che la psicologa mi convincesse a togliere le ie 14 gocce di paroxetina stavo bene perchè dovrei prendere anche l ansiolitioc?
ma secondo voi le 7 gocce che prendo immagino che per uno che sofffre di attachi di panico siano niente o sbaglio?
da un lato questa cosa mi inorgogllisce perchè immagino non tutti ma che molti prendano più farmaci per stare meglio ma dall'altro mi dico, così non va...che fare?
Ho scritto tanto, spero che almeno mi sia servito da sfodo e che ne pensate della psicologa cioè ha forse un po travalicato o è stata corretta?
Ora mentre scrivo da due giorni ho nuovamente questi sintomi di mancaza d aria e tendo a stare in casa, cioè esco, si, ma con tanta paura.


Spiegami i come sono queste tue mancanze d'aria, quando sbadigli ti migliora il sintomo? Io ci soffro tantissimo.

Flavio10

Giovane Amico

  • "Flavio10" is male
  • "Flavio10" started this thread

Posts: 189

Activitypoints: 728

Date of registration: Apr 29th 2014

Location: Italia

Occupation: scrittore per scherzo e scienziato senza lavoro

  • Send private message

3

Wednesday, May 7th 2014, 5:05pm

ciao Antonio,

come sono queste mie mancaza d'aira? uhmm cosa dire...semplicemente in qualsiasi situazione mi trovi improvvisamente posso avere questa sensazione.
Negli ultimi mesi è stata una cosa che si è verificata più di frequente, ne ho sempre sofferto, ma devo dire la verità non come di frequente come negli ultimi mesi.
La cosa mi da fastidio e mi chiedo, se questa sensazione mi venisse lontano da casa? Ed ecco che cerco di non allontanarmi troppo e questo so che è un male ma per il momento la mia testa dice così.
Ho letto che tu sei stata in iraq? WOWOWO mi soprende che uno come te soffra di panico a meno che questo panico non ti sia venuto dopo la tua esperienza in iraq e forse è per questo che ti è venuto?
tornando al respiro, talvolta appunto mi sembra che mi manchi altre volte ho la sensazione opposta come se mi entrasse troppo aria, non so se a te è mai capitato.
beh ora ti saluto, provo ad uscire un pochino, sperando che vada tutto bene, scrivimi quando vuoi, è un piacere.

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

4

Wednesday, May 7th 2014, 10:53pm

ciao Antonio,

come sono queste mie mancaza d'aira? uhmm cosa dire...semplicemente in qualsiasi situazione mi trovi improvvisamente posso avere questa sensazione.
Negli ultimi mesi è stata una cosa che si è verificata più di frequente, ne ho sempre sofferto, ma devo dire la verità non come di frequente come negli ultimi mesi.
La cosa mi da fastidio e mi chiedo, se questa sensazione mi venisse lontano da casa? Ed ecco che cerco di non allontanarmi troppo e questo so che è un male ma per il momento la mia testa dice così.
Ho letto che tu sei stata in iraq? WOWOWO mi soprende che uno come te soffra di panico a meno che questo panico non ti sia venuto dopo la tua esperienza in iraq e forse è per questo che ti è venuto?
tornando al respiro, talvolta appunto mi sembra che mi manchi altre volte ho la sensazione opposta come se mi entrasse troppo aria, non so se a te è mai capitato.
beh ora ti saluto, provo ad uscire un pochino, sperando che vada tutto bene, scrivimi quando vuoi, è un piacere.


Ciao flavio, ho sempre sofferto di ansia fin da piccolissimo, ma non sapevo cosa fosse, i veri attacchi di panico sono iniziati 13 anni fa...fame d'aria continua, il tutto mi e durato circa 1anno, poi improvvisamente e scomparso dopo che mi sono separato con la mia ex, forse era lei che mi stressava troppo, comunque ti posso dire che per 12 anni sono stato veramente bene, non ho avuto piu sintomi, questa estate e precisamente in agosto e ricomparsa la fame d'aria, ho avuto veramente tanto stress, ma sono stato malissimo credimi..
Si sono stato in iraq ero in missione, ti posso dire al comtrario quando stavo la il mio obiettivo era vivere e non pensavo ad altro, sono stato bene li, comunque sono stato pure il Russia e in libia per altre missioni, adesso da un po mi sono congedato, ho un officina restauro auto d"epoca.

Flavio10

Giovane Amico

  • "Flavio10" is male
  • "Flavio10" started this thread

Posts: 189

Activitypoints: 728

Date of registration: Apr 29th 2014

Location: Italia

Occupation: scrittore per scherzo e scienziato senza lavoro

  • Send private message

5

Thursday, May 8th 2014, 11:23am

complimenti

Beh, complimenti Antonio,

cioè essere stato in tutti quei posti, io non ci riuscirò mai anche solo per fare una vacanza, anche se quelli non sono posti da vacanza. :)
caspita 12 anni bene è fantastico, io mai così tanto tempo, al più qualche anno e forse neanche.
Comunque, officina di macchina d epoca, è particolare, bravo davvero, sicuramente hai scleto una vita più tranquilla rispetto a quella che facevi prima.
Oggi io con la mia fame daria va meglio, non so se è solo una cosa temporanea ma cerco di godermi il momento, tra alcuni giorni dovrei contattare lo psichiatra per la visita di controllo, ma
sinceramente non mi va tanto, ogni volta che devo andare mi mette ansia. Forse le visite sono tropo frequenti preferirei diradarle un po, ma vedremo.
Beh ora vado, alla prossima. e stammi bene.

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

6

Thursday, May 8th 2014, 8:37pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione totale...

Arya70

Nuovo Utente

Posts: 13

Activitypoints: 39

Date of registration: May 4th 2014

  • Send private message

7

Friday, May 9th 2014, 9:38pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!

Flavio10

Giovane Amico

  • "Flavio10" is male
  • "Flavio10" started this thread

Posts: 189

Activitypoints: 728

Date of registration: Apr 29th 2014

Location: Italia

Occupation: scrittore per scherzo e scienziato senza lavoro

  • Send private message

8

Saturday, May 10th 2014, 11:20am

ciao

hai
Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione totale...
ragione, la routine forse crea più problemi a chi è ansioso, è un circolo vizioso, io lo so bene.
Io piano piano mi sono reso conto di essere entrato in una specie di imbuto da cui non so uscire, anche se cerco sempre di sperare che il futuro possa essere migliore anche se invece tutto mi fa credere che sarà peggiore, ma nonostante tutto ancora ci credo e quindi vado avanti, forse anche a me va bene un po così lamia situazione, non lo so, però l'ansia talvolta è davvero terribile e fa crollare quelle poche certezze che ho.
Beh, ora esco un po mi faccio una passeggiata ne ho bisogno.

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

9

Saturday, May 10th 2014, 10:40pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)

Arya70

Nuovo Utente

Posts: 13

Activitypoints: 39

Date of registration: May 4th 2014

  • Send private message

10

Saturday, May 10th 2014, 11:44pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)
Antonio io davvero non ho parole per ringraziarti. Perché non puoi minimamente immaginare quanto le tue parole siano un faro che brilla in questa notte che mi attanaglia. Purtroppo essendo un nuovo utente non posso contattarti tramite messaggio privato ma questo metodo di cui mi hai parlato mi interessa moltissimo e mi piacerebbe saperne di più. Ho provato a cercare in internet ma mi piacerebbe anche sapere (se non è chiedere troppo!!) la tua esperienza personale. Ti ringrazio ancora tantissimo

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

11

Sunday, May 11th 2014, 2:38pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)
Antonio io davvero non ho parole per ringraziarti. Perché non puoi minimamente immaginare quanto le tue parole siano un faro che brilla in questa notte che mi attanaglia. Purtroppo essendo un nuovo utente non posso contattarti tramite messaggio privato ma questo metodo di cui mi hai parlato mi interessa moltissimo e mi piacerebbe saperne di più. Ho provato a cercare in internet ma mi piacerebbe anche sapere (se non è chiedere troppo!!) la tua esperienza personale. Ti ringrazio ancora tantissimo

Appena potrai ricevere i messaggi privati ti mandero il mio numero cosi ti daro tanti consigli x vivere!!!! E credimi te lo dice uno che ha sofferto maledettamente con la fame d'aria!!! Sintomo estremamente brutto ma non pericoloso.

Arya70

Nuovo Utente

Posts: 13

Activitypoints: 39

Date of registration: May 4th 2014

  • Send private message

12

Sunday, May 11th 2014, 2:45pm

Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)
Antonio io davvero non ho parole per ringraziarti. Perché non puoi minimamente immaginare quanto le tue parole siano un faro che brilla in questa notte che mi attanaglia. Purtroppo essendo un nuovo utente non posso contattarti tramite messaggio privato ma questo metodo di cui mi hai parlato mi interessa moltissimo e mi piacerebbe saperne di più. Ho provato a cercare in internet ma mi piacerebbe anche sapere (se non è chiedere troppo!!) la tua esperienza personale. Ti ringrazio ancora tantissimo

Appena potrai ricevere i messaggi privati ti mandero il mio numero cosi ti daro tanti consigli x vivere!!!! E credimi te lo dice uno che ha sofferto maledettamente con la fame d'aria!!! Sintomo estremamente brutto ma non pericoloso.
Grazie davvero!!! Io di somatizzazioni ne ho avute tante ma questa è una delle più terribili. Non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico.
E ti dirò.... Non so se sia suggestione o cosa ma da ieri provo a respirare come mi hai consigliato e....cavolo va meglio!!!! Non dico che sia passato completamente ma da ieri mi sembra di aver fatto passi da gigante!!!

antonio71

Utente Avanzato

  • "antonio71" is male

Posts: 519

Activitypoints: 1,942

Date of registration: Sep 15th 2013

Location: trapani

Occupation: imprenditore

  • Send private message

13

Sunday, May 11th 2014, 6:00pm

Quest
Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)
Antonio io davvero non ho parole per ringraziarti. Perché non puoi minimamente immaginare quanto le tue parole siano un faro che brilla in questa notte che mi attanaglia. Purtroppo essendo un nuovo utente non posso contattarti tramite messaggio privato ma questo metodo di cui mi hai parlato mi interessa moltissimo e mi piacerebbe saperne di più. Ho provato a cercare in internet ma mi piacerebbe anche sapere (se non è chiedere troppo!!) la tua esperienza personale. Ti ringrazio ancora tantissimo

Appena potrai ricevere i messaggi privati ti mandero il mio numero cosi ti daro tanti consigli x vivere!!!! E credimi te lo dice uno che ha sofferto maledettamente con la fame d'aria!!! Sintomo estremamente brutto ma non pericoloso.
Grazie davvero!!! Io di somatizzazioni ne ho avute tante ma questa è una delle più terribili. Non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico.
E ti dirò.... Non so se sia suggestione o cosa ma da ieri provo a respirare come mi hai consigliato e....cavolo va meglio!!!! Non dico che sia passato completamente ma da ieri mi sembra di aver fatto passi da gigante!!!



Questo mi fa solo piacere, respira sempre con la pancia senza affaticarti pero, cosi si espande il diaframma e il polmone si riempie completamente di aria, poi dovresti fare altre esercitazioni respirando e guardando l'orologio, contando in un minuto esatto quante volte respiri, sono esercitazioni x imparare a controllare il tuo respiro, quando sarai consapevole al controllo i tuoi attacchi di panico si potranno attaccare....vai tranquilla non e mai morto nessuno x questo, e solo un sintomo bugiardo...la mente che mente....

Arya70

Nuovo Utente

Posts: 13

Activitypoints: 39

Date of registration: May 4th 2014

  • Send private message

14

Sunday, May 11th 2014, 9:08pm

Si ma sta mente è bastarda forte!!!! Oddio già l'esercizio dell'orologio mi mette ansia!!!! Però oggi devo dire davvero che è andata meglio. Fatico ancora un po' ma rispetto a ieri sono un'altra!!!!
Quest
Il problema che l'ansia e un circolo vizioso, quindi nel mio caso essendo in posti sempre diversi diciamo che la mia mente aveva altro da pensare, viceversa se fai una vita sedentaria credimi e difficile uscirne.
Questa estate nel mese di agosto ho avuto un picco di malessere terribile!!!! Piu provavo di fare un lungo respiro piu non ci riuscivo, attacchi di panico a mai finire, credevo di morireeeeeee!!!!!!!!! Sintomo cosi brutto non avevo mai provato, grazie a Dio adesso riesco a comtrollarlo abbastanza bene, non prendo piu medicine e questo mi da sicurezza ad una possibile guarigione
Ma Antonio come fai a controllarlo?!? Te lo chiedo perché per me oggi è stato davvero terribile. Ne abbiamo già parlato in un altro post ma cavolo oggi ero quasi tentata di andare in ospedale da quanto stavo male. Perché più non riuscivo a tirare il fiato, più mi aumentava l'ansia e più faticavo a respirare. E da li partono tutte le paranoie a random....del tipo "Oddio sto soffocando.... Soffocherò....morirò....."
La cosa ancor peggiore è che lo so che è ansia ma non riesco a non pensarci, provo a distrarmi ma non cambia nulla ma anzi mi concentro ancora di più sul disturbo. Come ne esco stavolta?!? E se poi stavolta fosse davvero qualcosa di più grave dell'ansia?!?! Io non voglio più stare così male.
E del resto non posso nemmeno parlarne con nessuno perché se lo dico a mia madre si fa venire l'ansia pure lei ed oltre a gestire la mia devo gestire pure la sua!!!!


Le persone ansiose tendono a respirare con la parte alta dei polmoni, prova a respirare con tutto il polmone, respira con la pancia, concentrati e respira piu lentamente possibile, ma sempre con la pancia, esercitati sempre tutte le volte che lo ricordi respira con la pancia sempre, prestocti abituersi come mi sono abituato io, solo il tempo di qualche mese e poi vedrai che riuscirai a fare sempre e solo quando lo deciderai tu il cosiddetto respiro profondo, ho fatto un corso sulla respirazione chiamato il metodo buteyco, se hai bisogno di informazioni sono qui, anche in messaggio privato. :)
Antonio io davvero non ho parole per ringraziarti. Perché non puoi minimamente immaginare quanto le tue parole siano un faro che brilla in questa notte che mi attanaglia. Purtroppo essendo un nuovo utente non posso contattarti tramite messaggio privato ma questo metodo di cui mi hai parlato mi interessa moltissimo e mi piacerebbe saperne di più. Ho provato a cercare in internet ma mi piacerebbe anche sapere (se non è chiedere troppo!!) la tua esperienza personale. Ti ringrazio ancora tantissimo

Appena potrai ricevere i messaggi privati ti mandero il mio numero cosi ti daro tanti consigli x vivere!!!! E credimi te lo dice uno che ha sofferto maledettamente con la fame d'aria!!! Sintomo estremamente brutto ma non pericoloso.
Grazie davvero!!! Io di somatizzazioni ne ho avute tante ma questa è una delle più terribili. Non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico.
E ti dirò.... Non so se sia suggestione o cosa ma da ieri provo a respirare come mi hai consigliato e....cavolo va meglio!!!! Non dico che sia passato completamente ma da ieri mi sembra di aver fatto passi da gigante!!!



Questo mi fa solo piacere, respira sempre con la pancia senza affaticarti pero, cosi si espande il diaframma e il polmone si riempie completamente di aria, poi dovresti fare altre esercitazioni respirando e guardando l'orologio, contando in un minuto esatto quante volte respiri, sono esercitazioni x imparare a controllare il tuo respiro, quando sarai consapevole al controllo i tuoi attacchi di panico si potranno attaccare....vai tranquilla non e mai morto nessuno x questo, e solo un sintomo bugiardo...la mente che mente....

AndreaC

In cibum est medicina

Posts: 1,345

Activitypoints: 4,277

Date of registration: May 5th 2014

  • Send private message

15

Monday, May 12th 2014, 8:05am

Ci sono persone che prendono molti più farmaci di te, che ne buttano giù davvero tanti.
Tu pensa a trovare di volta in volta la giusta misura come hai fatto finora e vedrai che non sbaglierai. Fino a riuscire a smettere del tutto perché no ?
Riguardo alla tua psicologa che ti ha risposto in maniera poco gentile ho sentito molte persone parlare di terapeuti molto poco equilibrati, per non dire malati. Anche qui la ricerca di persone con cui ti senti bene è tua, specialisti compresi. Riguardo al tuo psichiatra valuta anche in questo caso se dirgli o no dei nuovi disturbi che sono sopraggiunti-Puoi rifiutarti di prendere gli ansiolitici se lui valuta che è il caso di prenderli di nuovo ? Se metti in discussione il suo giudizio sei costretto a cambiare specialista ?

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests