Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Penelope

Utente Attivo

  • "Penelope" is female
  • "Penelope" started this thread

Posts: 61

Activitypoints: 211

Date of registration: Sep 10th 2007

  • Send private message

31

Monday, October 15th 2007, 12:21pm

Grazie mille!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Carmen

Giovane Amico

Posts: 178

Activitypoints: 604

Date of registration: Aug 21st 2007

  • Send private message

32

Monday, October 15th 2007, 5:51pm

Mio Dio, dal momento che mi sento male anch'io,
mentre ti leggevo ho cominciato a sentire ansia e nausea (che già mi tormenta da una settimana).
E ti confesso che, in alcuni punti del racconto,mi hai fatto ridere per il modo dettagliato di descrivere l'attacco di panico che mi ha rammentato quando mi venivano in metro o in casa, addirittura, con parestesie, per cui mi sentivo bruciare le braccia!



Quoted from "Penelope"

Caro Robi, scrivo a te ma scrivo praticamente a tutti.Ebbene si, ieri ho preso la macchina per andare in città dalla psicoterapeuta...di solito non mi crea problemi questa cosa, ma da quando una mattina in auto ho avvertito un malessere ,ora ho una paura tremenda.Quando sono uscita di casa già avevo un terrore folle, ma mi sono forzata.Mi ripetevo per strada:non ho niente, non ho niente.
Purtroppo per via ho cominciato a provare un senso di ansia crescente, e questo sempre di più a mano a mano che mi allontanavo da casa.A un tratto, prima di imboccare la tangenziale, ho avvertito paura, ansia, solitudine, volevo fermarmi, ma non sapevo dove...non potevo neanche tornare indietro perchè ero distante anche da casa, così ho continuato a forzarmi e ho pensato:devo andare in tangenziale, altrimenti per me sarebbe una sconfitta enorme,se proprio stò male, mi fermo al pronto soccorso che è la prima uscita..continuavo a stare male, per strada ho rischiato di finire contro un altra auto, le gambe mi tremavano a tal punto da non poter tenere il piede sull'acceleratore(tra l'altro è pericoloso guidare in questo stato).Arrivata in centro ho dovuto combattere con il traffico(io appena sono ferma in auto impazzisco), è stato terribile...ho sentito il bisogno di telefonare qualcuno, e così ho fatto.La situazione intanto peggiorava perchè non riuscivo a venir fuori dal traffico e a trovare parcheggio, in più non avevo intenzione di infilarmi nella fila dei due parcheggi a pagamento disponibili, essendo appunto la fila interminabile.Sapevo che sarei morta di paura lì dentro.In più, se mi sentivo male che facevo?Lasciavo l'auto lì e fuggivo via??Ma dove?E la gente, cosa avrebbe pensato di me??Alla fine(si era fatto tardi)ho dovuto per forza utilizzare il parcheggio,attendendo una fila interminabile:ero allo stremo;l'ansia ti distrugge, ti sfianca.La gola era completamente chiusa, stretta, non riuscivo a parlare.Lo spettacolo che si è presentato di fronte alla dottoressa è stato a dir poco straziante,ha dovuto farmi bere dell'acqua, nel frattempo ho potuto telefonare a casa così dopo la visita, il marito di mia madre è potuto venire a prendermi in modo tale da poter tornare a casa in due, con due auto, la mia avanti, la sua indietro.
E' stata un altra sconfitta...credo di non prendere più l'auto per andare in città.Stò troppo male, sono distrutta, non ho il coraggio di aggiungere altro.
"L'uomo ebbe l'arte per non perire a causa della verità". F. Nietzsche

Penelope

Utente Attivo

  • "Penelope" is female
  • "Penelope" started this thread

Posts: 61

Activitypoints: 211

Date of registration: Sep 10th 2007

  • Send private message

33

Wednesday, October 17th 2007, 1:14pm

Si Carmen, da quel fatidico giorno sono andata solo a ritroso, non ci sono miglioramenti, anzi, sono stanca anche di combattere.E' come se da un lato io non volessi guarire perchè questa situazione mi fa comodo,mi sento solo così protetta dagli altri..e so che nel momento in cui guarirei,dovrei affrontare questa maledeta realtà che mi spaventa da sola, e ho paura!Un terrore folle..non voglio trovarmi mai più faccia a faccia con questi sintomi perchè sono terribili!Stò rinunciando ai miei sogni, giorno dopo giorno stò regredendo..

Aprikose

Forumista Incallito

  • "Aprikose" is female

Posts: 4,768

Activitypoints: 14,783

Date of registration: Jun 5th 2007

Location: il pianeta delle Fate

  • Send private message

34

Wednesday, October 17th 2007, 8:24pm

Che succede, Penelope? Da dove nasce tutto questo? Ti sei sentita male, è stato l'esame...cosa?
Viviamo in un mondo in cui l'uomo è l'abito che indossa. Meno c'è l'uomo, più è necessario l'abito.

Penelope

Utente Attivo

  • "Penelope" is female
  • "Penelope" started this thread

Posts: 61

Activitypoints: 211

Date of registration: Sep 10th 2007

  • Send private message

35

Monday, October 29th 2007, 2:31pm

Ciao a tutti...mi scuso per questa lunga assenza..sono stata abbastanza impegnata.
Aprikose, ciao...Miglioramenti ancora niente, a parte che sono riuscita ad andare da sola dal parrucchiere..(capirai).
Intanto la mia dottoressa dice che non devo esitare ad applicare la logica dei "piccoli passi",essendo contenta anche dei più piccoli e apparentemente insignificanti progressi.A volte mi sento una stupida perchè ancora non ho ripreso ad andare in città da sola con l'auto,l'università non se ne parla proprio, anche se stò preparando un altro esame, e in più mi sento passiva, priva di ogni stimolo.E' ovvio che quando si rinuncia un pò ai propri sogni, gli stimoli ti passano!Mi sento pigra e senza voglia di fare alcuna cosa.Non ho avuto neanche modo di scrivere, ma non mi sono dimenticata di voi!

Aprikose

Forumista Incallito

  • "Aprikose" is female

Posts: 4,768

Activitypoints: 14,783

Date of registration: Jun 5th 2007

Location: il pianeta delle Fate

  • Send private message

36

Monday, October 29th 2007, 7:52pm

La tua psicologa non ha torto di certo ;)
Perché sminuisci i tuoi progressi? Sono importantissimi, non importa se non sei riuscita ad andare in città in auto o all'università...sei andata dal parrucchiere in compenso, e sono certa che hai fatto molti altri passi. Non chiedere troppo a te stessa...
Viviamo in un mondo in cui l'uomo è l'abito che indossa. Meno c'è l'uomo, più è necessario l'abito.

Carmen

Giovane Amico

Posts: 178

Activitypoints: 604

Date of registration: Aug 21st 2007

  • Send private message

37

Tuesday, October 30th 2007, 10:12am

AVERE PAURA DI VIVERE:

Anch'io mi sono ammalata per la paura di VIVERE, di crescere, di diventare adulta, di dovermi gestire la vita autonomamente, indipendentemente, di assumermi tutte le responsabilità della mia esistenza senza poterle delegare a nessuno: dover essere adulta, senza tuttavia esserlo ancora (così difficile non essere più la bambina che torna a casa quando c'è aria di tempesta, così difficile dimostrare a se stessi e agli altri che non si è più bambini, che si è capaci di combattere da soli, soprattutto poi quando la famiglia non ha mai costituito un supporto saldissimo).

Con il mio trasferimento al nord, per lavoro, la vita in una casa nuova, solitaria ed estranea (non ne sopportavo l'odore, non era quello di casa mia, quello dei miei ricordi), il lavoro da portare avanti e che odio (odio tuttora il mio lavoro ma, come sapete, una persona depressa non si rimette in gioco facilmente e spesso non ne ha neppure le energie), la solitudine, la mancanza di amici e di persone affettuose intorno a me, furono le cause della "caduta".
Il 2003 è stato un anno terribile, di malattia (l'ansia/panico era così violenta che una sera mi privò parzialemtne della vista),
di cure con successi piccoli ed a fasi alterne, di cleptomania (durata fino al 2004),di devastazione psicologica, ma anche di riflessione e di analisi su me stessa che non mi portarono, ahimè, ad amarmi di più.

Io non so se tutta quella sofferenza sia stata veramente necessaria affinchè io potessi lasciare il vecchio "involucro" immaturo ed assumerne un altro. Perchè, in verità, a me non piace nemmeno quello attuale.
E poi, neppure oggi, dopo 5 anni, sto bene.
Perchè c'è altro, perchè la vita è senza amore, e non solo la mia.
La serenità mi appare ancora un lusso. E sento che aver perso una buona parte della mia identità passata per assumerne un'altra che è sì più temprata, rispetto al passato, tuttavia infelice lo stesso, non mi pare un gran guadagno.

Forse l'unica cosa buona che ho fatto finora,tra ripensamenti e pianti, è stata la scelta di portare avanti la gravidanza nel più disperato e nel più assoluto rispetto della vita.
E intendo assoluto nella vera accezione del termine: separato, sciolto, indipendente da me (e dal mio soffrire).
E mi sento come una pianta squassata dai venti che, malgrado le intemperie, resiste con le sue radici piantate nella terra.
A volte mi sento così arida, forse perchè ancora non mi sento libera da zavorre psicologiche per poter dare,e perchè, mentre desidero di fare qualcosa per qualcuno (es. volontariato) mi viene una gran rabbia e penso: cazzo, a me nessuno ha dato niente, perchè devo dare? Ma tuttavia, perchè mi sento di dare? Forse coltivo l'illusione di stare meglio io e di sentirmi conseguentemente viva?



Quoted from "Penelope"

Si Carmen, da quel fatidico giorno sono andata solo a ritroso, non ci sono miglioramenti, anzi, sono stanca anche di combattere.E' come se da un lato io non volessi guarire perchè questa situazione mi fa comodo,mi sento solo così protetta dagli altri..e so che nel momento in cui guarirei,dovrei affrontare questa maledeta realtà che mi spaventa da sola, e ho paura!Un terrore folle..non voglio trovarmi mai più faccia a faccia con questi sintomi perchè sono terribili!Stò rinunciando ai miei sogni, giorno dopo giorno stò regredendo..
"L'uomo ebbe l'arte per non perire a causa della verità". F. Nietzsche

Carmen

Giovane Amico

Posts: 178

Activitypoints: 604

Date of registration: Aug 21st 2007

  • Send private message

38

Tuesday, October 30th 2007, 10:15am

Non abbandonare gli studi.
Un giorno capirai quanta indipendenza di spirito ti avranno lasciato.
Anche se tu dovessi metterci 10 anni, coltiva una passione, e so che ce l'hai.
Fai ciò che ti piace, perchè ti lascerà una ricchezza che ora non sei in grado di vedere.
Vivi come vuoi tu, non compiacere nessuno se i desideri degli altri non sono i tuoi. Fu questo il mio sbaglio e, credi, come giunge presto il tempo in cui essi si scontano!

Carmen



Quoted from "Penelope"

Ciao a tutti...mi scuso per questa lunga assenza..sono stata abbastanza impegnata.
Aprikose, ciao...Miglioramenti ancora niente, a parte che sono riuscita ad andare da sola dal parrucchiere..(capirai).
Intanto la mia dottoressa dice che non devo esitare ad applicare la logica dei "piccoli passi",essendo contenta anche dei più piccoli e apparentemente insignificanti progressi.A volte mi sento una stupida perchè ancora non ho ripreso ad andare in città da sola con l'auto,l'università non se ne parla proprio, anche se stò preparando un altro esame, e in più mi sento passiva, priva di ogni stimolo.E' ovvio che quando si rinuncia un pò ai propri sogni, gli stimoli ti passano!Mi sento pigra e senza voglia di fare alcuna cosa.Non ho avuto neanche modo di scrivere, ma non mi sono dimenticata di voi!
"L'uomo ebbe l'arte per non perire a causa della verità". F. Nietzsche

maperosa

Utente Attivo

Posts: 27

Activitypoints: 88

Date of registration: Oct 30th 2007

Location: Costiera Amalfitana(Salerno)

  • Send private message

39

Tuesday, October 30th 2007, 9:11pm

Quoted from "Penelope"

Ciao a tutti...mi scuso per questa lunga assenza..sono stata abbastanza impegnata.
Aprikose, ciao...Miglioramenti ancora niente, a parte che sono riuscita ad andare da sola dal parrucchiere..(capirai).
Intanto la mia dottoressa dice che non devo esitare ad applicare la logica dei "piccoli passi",essendo contenta anche dei più piccoli e apparentemente insignificanti progressi.A volte mi sento una stupida perchè ancora non ho ripreso ad andare in città da sola con l'auto,l'università non se ne parla proprio, anche se stò preparando un altro esame, e in più mi sento passiva, priva di ogni stimolo.E' ovvio che quando si rinuncia un pò ai propri sogni, gli stimoli ti passano!Mi sento pigra e senza voglia di fare alcuna cosa.Non ho avuto neanche modo di scrivere, ma non mi sono dimenticata di voi!

Ciao Penelope..(abbiamo anche la stessa età) io mi sono appena iscritta al forum e rileggendo la tua storia mi sono molto immedesimata perchè è simile alla mia... paura di uscire,di guidare,,di vivere insomma,,,con la consapevolezza che non sarei mai guarita,che non sarei ritornata la Caterina di prima,quella iper-attiva e che vive la vita a 360 gradi...ma grazie allo psicologo e proprio alla teoria dei piccoli passi sto definitivamente guarendo... piccoli passettini...pensa che i giorni immediati agli attacchi di panico ero contenta di me stessa perchè ero riuscita ad uscire con i miei amici,rimanendo categoricamente in auto...e quando sono riuscita ad andare dal parrucchiere da sola mi è sembrato di aver scalato l'Everest:D:D:D ... quest'estate i mei amici avevano programmato la consueta vacanza ed io avevo desistito proprio perchè consapevole che sarebbe stato troppo per me... il mio psicologo mi ha detto "provaci,vedrai che la realtà è meglio di ciò che si crede".. Sono partita,informandomi ovviamente sugli ospedali più vicini:) , è stata una bella vacanza...impensabile solo alcuni mesi prima!!! Provaci,anche tu...a piccoli passi, non scoraggiarti perchè non hai nulla da temere... Ogni tentativo fallito non è una sconfitta ma solo un tassello verso il mosaico della completa guarigione!!!E ' importante anche che tu ci provi!!!!! Non mollare... Ti prego di non farlo,perchè spesse volte ho pensato anch'io di farlo.
Baci Cate...
quod me nutrit me destruit

autore

Utente Attivo

Posts: 32

Activitypoints: 131

Date of registration: Oct 12th 2007

  • Send private message

40

Tuesday, October 30th 2007, 9:47pm

Leggete l'articolo "Guarigione rapida delle fobie", è disponibile sul sito.
Cosa ne pensate?