Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


td17

Nuovo Utente

  • "td17" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: May 16th 2019

  • Send private message

1

Thursday, May 16th 2019, 9:49pm

Ansie nel dire le cose

Salve riporto qui alcuni problemi che mi stanno dando non pochi problemi nella mia vita. Ho poco più di 22 anni, e già da un paio d'anni soffro di ansie che mi destabilizzano la vita. Ho spesso paura di dire le cose, per paura che possa offendere i sentimenti altrui, ho spesso timore di essere osservat, come se ci fosse qualcosa che controllasse ogni cosa che dico, anche se dico le cose più banali, mi si crea l'ansia che quella cosa detta possa essere sbagliata, offensiva per qualcuno, e il mio cervello senza volerlo pensa sempre quella suddetta cosa.

Non ho molta dimestichezza con questo forum, spero solo che qualcuno possa capire, commentare e aiutare, grazie.

Vitto75-pr

Giovane Amico

  • "Vitto75-pr" is male

Posts: 341

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 8th 2017

Location: Parma

Occupation: Progettista meccanico

  • Send private message

2

Friday, May 17th 2019, 8:44am

CIao...anche io ho tutto cio'...Ho 44 anni, ma se devo parlare a piu' di 2 persone, incomincia a battermi il cuore e a tremare la voce. Inoltre se sto in una stanza con tante persone, credo sempre che qualcuno mi osservi.... E anche io in quel che dico guardo sempre di non offendere nessuno...nel caso..rimugino tutto il giorno....perchè l'ho detto, potevo tacere..etc..etc.. quindi sei in buona compagnia!

Calliope1987

Utente Attivo

  • "Calliope1987" is female

Posts: 21

Activitypoints: 70

Date of registration: Apr 1st 2019

Location: Milano

  • Send private message

3

Friday, May 17th 2019, 11:09am

Ciao, anche io avevo questo problema, adesso, grazie alla psicoterapia, la situazione è migliorata. Comunque ti posso capire, td17, a volte mi sentivo completamente bloccata, nel dire alcune cose, dall'ansia. E purtroppo la mente torna su alcune frasi: è un problema abbastanza comune a noi ansiosi!

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,223

Activitypoints: 3,405

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

4

Saturday, May 18th 2019, 6:33pm

ciao.....penso che più del 90% delle persone che frequentano questo forum capiscono molto bene quello che provi. Quando si è giovani è molto facile essere preda delle nostre ansie, paure, che in un certo modo si nutrono, acclarando le loro potenzialità nei sintomi. Uno dei potenziali più alti è lo stress inteso come patologico. Ricorda che in una certa misura lo stress è nostro amico, ci aiuta in un periodo dove la nostra psiche richiede maggiore attenzione, reazione etc. Tutto questo ha un limite, oltrepassato il quale cambia e diventa nemico agendo sia nel nostro fisico che nella nostra psiche. Tutto quanto precede al fine di chiederti se stati attraversando un forte periodo di stress oppure qualche accadimento tipo lavoro, studio, famiglia) che ti porta a logorare il tuo stato psicologico scatenando la tua ansia. Il motivo del perchè alcune persone si ed alcune non, non trovano per ora risposte adeguate se non diversi meccanismi di autodifesa attuate dal nostro cervello. Comunque sia l'ansia ha una sua genesi, bisogna scoprire da dove viene, ma ripeto solo "l'ansia patologica " e non quella normale che insiste in ogni essere umano (ed animale). In bocca al lupo e fai sapere...... :thumbup:

Scorpio1963

Utente Fedele

  • "Scorpio1963" is male

Posts: 500

Activitypoints: 1,549

Date of registration: Feb 21st 2019

Location: Toscana

  • Send private message

5

Saturday, May 18th 2019, 7:02pm



Ho spesso paura di dire le cose, per paura che possa offendere i sentimenti altrui, .


Posso portare la mia attuale prospettiva su questa cosa che segnali

Secondo me ti attribuisci un potere che in realtà non hai

Non puoi offendere nessuno nella.misura in cui non tocchi un suo nervo scoperto interno, del quale dovrebbe eventualmente esserti riconoscente, per averglielo in questo modo segnalato

Io credo di non aver alcun potere, ad esempio, di offendere i sentimenti di nessuno.

E se qualcuno restasse offeso da una mia parola, atteggiamento, osservazione, credo significhi che quello che avessi eventualmente toccato non era già solido dapprima, ma anzi era molto ma molto traballante in lui.
Attento a quel che desideri: potresti ottenerlo..

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

6

Sunday, May 19th 2019, 2:52pm

Ciao, anch'io ho un problema simile. Ho spesso paura di dire qualcosa di sbagliato, fuori luogo. Se una persona ha un atteggiamento o un difetto che non mi piace, non riesco a dirglielo direttamente per paura che si arrabbi. Ho anche timore di essere considerata poco intelligente o immatura. Insomma, ho difficoltà nel relazionarmi con gli altri.
È insicurezza, bisogna provare ad esprimerci nonostante le nostre paure, ma capisco bene che non è sempre facile.

arianna73

Utente Avanzato

Posts: 826

Activitypoints: 2,492

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

7

Sunday, May 19th 2019, 4:24pm

Porsi l'obiettivo di rispettare la sensibilità degli altri è una cosa bellissima e molto matura. E' il modo in cui possiamo fare fruttare la nostra fragilità (perché tutti abbiamo una nostra fragilità a prescindere da quanto bene la si nasconde) per renderci più empatici e meno str.... :D
Una delle trappole è quella di essere più preoccupati di come la cosa possa ritorcersi contro di noi, del giudizio degli altri e del nostro stesso giudizio "ma che razza di impiastro sono" ecc., anziché mettere a frutto le nostre fragilità ci sprofondiamo dentro e vediamo mostri e pericoli dove non ce ne potrebbero nemmeno essere. Poi c'è l'ansia di parlare in pubblico , di "offrirsi" agli altri e di sbagliare qualcosa per farsi accettare etc. Sempre temendo conseguenze oscuramente catastrofiche. Insomma non riusciamo ad uscire dal nostro caos. Il punto come dice repcar è capire quanto questo meccanismo scaturisca da un momento o da una situazione particolare e vedere poi come non boicottarci (io ho avuto questo tipo di problema supergiù alla tua età, in un periodo di depressione "lieve" seguita ad evento piuttosto traumatico che mi ha spinto a riconsiderare un sacco di cose date per scontate nel mio rapporto con gli altri)