Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


saretta00

Giovane Amico

Posts: 292

Activitypoints: 988

Date of registration: Jun 2nd 2012

  • Send private message

16

Thursday, June 28th 2012, 12:38am

ciao ,i cmq uno svenimento è anche una conseguenza ansiosa,con il caldo poi è peggio.fai i controlli che ti hanno suggerito,e stai tranquillo che poi l asia si controlla con il tempo! non preoccuperti facci sapere!

This post has been edited 1 times, last edit by "saretta00" (Jun 28th 2012, 12:46am)


negato88

Nuovo Utente

  • "negato88" started this thread

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Jun 21st 2012

  • Send private message

17

Tuesday, July 3rd 2012, 11:56pm

esami tutti nei limiti della norma... il cardiologo mi ha consigliato di andare da uno psicanalista e di escludere il neurologo... non so ce andarci o no!!!

18

Wednesday, July 4th 2012, 11:12am

Ciao negato!
Sono stata pure io come te fino a qualche settimana fa... Pazzesco anche a me da settembre e' iniziato tutto.,,,
Cmq io nn sono andata dallo psicologo .. Ho fatto visite e sto bene... Ma la paura , gli sbandamenti e la sensazione di svenimento continuava ... Ho preso l'ipervaleriana !
Devo dire che a me ha aiutato ed ho cominciato ad uscire ed organizzare io proprio le uscite !
All'inizio stavo male e mi pentivo ma piano piano sto riuscendo ad abbattere questa ansia ... Tornerà??? Beh ora nn ci penso senno' rientro nel tunnel ...
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

negato88

Nuovo Utente

  • "negato88" started this thread

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Jun 21st 2012

  • Send private message

19

Wednesday, July 4th 2012, 1:38pm

bhe io di insonnia non ne soffro più o almeno mi capita qualche notte ma non sempre come prima...tu dici che l'ipervaleriana potrebbe oltre a curare l insonnia anche diminuire lo stato ansioso durante la giornata???

20

Wednesday, July 4th 2012, 6:33pm

bhe io di insonnia non ne soffro più o almeno mi capita qualche notte ma non sempre come prima...tu dici che l'ipervaleriana potrebbe oltre a curare l insonnia anche diminuire lo stato ansioso durante la giornata???

guarda a me ha aiutato molto....gli effetti veri e propri si cominciano a vedere in 15gg....anche se gli effetti benefici si cominciano a vedere quasi subito
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

negato88

Nuovo Utente

  • "negato88" started this thread

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Jun 21st 2012

  • Send private message

21

Friday, July 6th 2012, 12:19am

ok...grazie mille per la dritta...cmq i miei hanno fissato un appuntamento con un psicoanalista non ce la fanno piu a vedermi cosi(figuratevi io)...domani ho il primo appuntamento, chissà.

martina86

Utente Avanzato

Posts: 786

Activitypoints: 2,414

Date of registration: Jun 10th 2010

  • Send private message

22

Friday, July 6th 2012, 11:52am

Ciao..... le
Salve a tutti sono un ragazzo di 23 anni, mi sono appena registrato e voglio condividere con voi la mia storia ansiosa che dura da 8 mesi.
Era il 27 settembre e mentre ero in bagno mi sono improvvisamente sentito male: sensazione di perdita di controllo, giramenti di testa,tachicardia e senso di svenimento. Da li in poi una tragedia, ho iniziato a soffrire anche di insonnia e avevo sempre la nausea, cosa mai successa. Il giorno dopo andai a lavoro e sembrava tutto apposto fino a quando non ritorno a casa e mi reco allo stadio a seguire la mia squadra(cosa che facevo sempre prima che mi accadesse ciò); non riesco nemmeno ad entrare che mi viene la stessa sensazione del giorno prima se non peggio e mi faccio venire a prendere da mio padre che causa traffico tardava ad arrivare: la mezz ora piu brutta della mia vita. Vado stesso in quella giornata in ospedale, mi fanno un elettrocardiogramma e non esce niente di strano, anzi tutto normale. Da li in poi due settimane a casa con poca voglia di mangiare e sempre a letto con la paura che mi venisse un infarto o un malore(ho perso 7 chili).In queste due settimane prendo tre pillole di iperico al giorno(consiglio di mia madre) e passate le due settimane mi sentivo meglio(non bene). Faccio tutti gli accertamenti: analisi, tiroide, holter 24h per la frequenza cardiaca tutti con risultati nella norma. Allora il medico mi consiglia una visita dal neurologo che mi scrive di prendere cipralex e halcion. Non l avrei mai presi. il giorno dopo ritorno a lavoro e a mezzogiorno prendo il cipralex, al ritorno in macchina credevo di non arrivare piu a casa di nuovo le stesse sensazioni e decido cosi di non andare piu a lavoro; l halcion la sera non mi serviva a niente lo stesso non dormivo. l indomani dopo un ora che ho preso il cipralex mi è venuto un attacco di panico(credo) mi sono immobilizzato a letto e non riuscivo nemmeno a parlare, mi hanno trasportato con l ambulanza in ospedale e facendo un elettrocardiogramma non è uscito niente e una flebo mi ha fatto ritornare in me. Da li in poi ho smesso di prendere cipralex halcion e cose varie e dopo un mesetto ho ritrovato anche l equilibrio nel sonno; attacchi di panico non mi sono venuti piu e la tachicardia è passata(o almeno mi viene raramente). Quello che è rimasto sono le vertigini, sensazioni di perdita di equilibrio,sbandamento, paura di stare da solo. Cose che non mi hanno fatto tornare a lavorare e non vivo piu la vita come prima. Quando esco con i miei amici ho quasi sempre quello stato di allerta e quella sensazione che mi possa venire un malore e non ce la faccio piu a convivere con questa cosa, anche se cerco sempre di non pensarci e quando sto in compagnia sembra che stia bene(anche perchè i miei amici non si accorgono di niente).

Qualcuno ha qualche consiglio da darmi? Sembra che con questo caldo queste sensazioni sgradevoli aumentino. Vorrei ritornare quel ragazzo positivo che ero prima, ho paura di andare a lavoro, ho paura di farmi una partitella di calcio, ho paura di andare allo stadio.


Ciao... leggendo la tua storia mi ritrovo in alcuni aspetti..
La prima volta che sono stata male anche io ero nel bagno. Non mi trovavo a casa mia, è una storia un po' complicata. Ma mi sono sentita malissimo, anche se in modo diverso da quello che descrivi tu. Io sono stata malissimo con la pancia, ma così male che sono stata sul punto di svenire. Da allora per me è cominciato il baratro. Ho perso dal 2006 (anno di quella fatidica notte) ad oggi quasi 13 kg. Ho cominciato a non mangiare più per la paura di stare male. All'inizio non mi rendevo conto di quello che stavo passando, mi dicevo che la mia era solo una fissazione che con il tempo mi sarebbe passata. Avevo paura di ammettere, anche solo a me stessa, che io avevo paura di svenire per un mal di pancia. Sono stata 4 anni così, a combattere con le sensazione di allarme che il mio corpo mi mandava. Fino a quando due anni sono comparsi gli attacchi di panico e finalmente mi sono decisa a chiedere aiuto. Nonostante questo, rimango sempre sola con il mio problema. Ho paura di uscire, come te. Vivo molto la paura, quando esco sono sempre sul "chi va là", sono attenta ad ogni sensazione del mio corpo. Se comincia a girarmi la testa, se sento un doloretto alla pancia. Non faccio sport perchè quello che ti provoca lo sport sono le stesse sensazioni di un attacco di panico: senso di debolezza, tachicardia, affanno.
Ho paura di rimanere da sola: proprio ieri ho avuto un brutto attacco di panico mentre ero al supermercato. Probabilmente dovuto al fatto che nella mia mente non avevo pensieri rassicuranti, perchè sapevo che una volta tornata a casa, non 'cera nessuno. Che sarei stata da sola per almeno 4 ore. E questo mi ha fatto entrare più o meno in crisi. Era da un po' che non stavo così- Da due anni sono in terapia (solo psicologica) e l'aspetto dello stare da sola avevo cominciato ad accettarlo. Ma ultimamente sembra da questo punto di vista io sia ritornata indietro, tanto da farmi pensare di utilizzare un blando ansiolitico, ma ancora non so..
Fortunatamente il coraggio di andare a lavorare o di andare in uni ce l'ho, ma quello dipende da un rapporto disastroso con mia madre, che sarebbe stata capace di non parlarmi più se all'epoca, quando ero in crisi nera che nemmeno uscivo di casa, non fossi andata più nemmeno in questi luoghi. E' un po' complicato da spiegare, ma il fatto che lei non accetti, che non mi chieda come sta andando la terapia, che non mi chieda nulla, non mi fa accettare il mio disagio e di conseguenza me lo fa vivere peggio.
Perdonami se mi sono dilungata, avevo bisgono un po' di sfogarmi dopo quello che mi è successo ieri e pensando a tutto quello che mi aspetta questi giorni. Mi viene da piangere e mi viene mal di pancia solo al pensiero.. Ma cmq.. io l'unico consiglio che mi sento di darti, anche se può sembrarti stupido è: vivi.. vivi con la paura, vivi con l'attacco di panico, vivi anche se ti senti morire. Questa è l'unica via d'uscita. Fare le cose anche se dentro stai impazzendo, non rinunciare a nulla.. è come se dovessimo riabituare il nostro corpo.. dobbiamo riconvincere la nostra mente che quello che proviamo è solo dannata ansia, che ha un picco e che poi scende.
Detto così sembra semplice.. ma so che non lo è.. e se hai bisogno di aiuto, psicologico, farmacologico o quant'altro.. non esitare, mi raccomando..

negato88

Nuovo Utente

  • "negato88" started this thread

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Jun 21st 2012

  • Send private message

23

Friday, July 6th 2012, 6:39pm

sono stato dallo psichiatra e mi ha dato cipralex(mezza compressa al giorno per tre giorni e poi un intera) associato allo alprazolam(1 la mattina 1 a pranzo e 2 la sera)...non so che fare se cominciare questa cura(x tre mesi) o continuare a provare ad uscirmene da solo... consigli???

Used tags

ansia, paura, Vertigini