Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Sie sind nicht angemeldet.


Lieber Besucher, herzlich willkommen bei: Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Falls dies Ihr erster Besuch auf dieser Seite ist, lesen Sie sich bitte die Hilfe durch. Dort wird Ihnen die Bedienung dieser Seite näher erläutert. Darüber hinaus sollten Sie sich registrieren, um alle Funktionen dieser Seite nutzen zu können. Benutzen Sie das Registrierungsformular, um sich zu registrieren oder informieren Sie sich ausführlich über den Registrierungsvorgang. Falls Sie sich bereits zu einem früheren Zeitpunkt registriert haben, können Sie sich hier anmelden.

Complicated soul

Utente Attivo

  • »Complicated soul« ist weiblich

Beiträge: 86

Aktivitätspunkte: 279

Registrierungsdatum: Freitag, 08 November 2013

  • Nachricht senden

16

Samstag, 09 November 2013, 02:52

Ciao DOmenico!
Anche io sono pugliese :) e anche io soffro di ansia similissima alla tua che a periodi mi disturba con alti e bassi. Quando ti leggevo mi ritrovavo in te soprattutto per la tua paura di affaticare il cuore! :( in una visita cardiologica ho scoperto di avere un arching della valvola mitrale, cosa che non desta preoccupazione, ma da allora io non riesco a star tranquilla appena si parla di cuore..anche in tv...mi prende l'ansia. E sai che fobia ho sviluppato? Quella di misurarmi la pressione. :( non ci riesco più perchè si alza tantissimo appena mi metto l'apparecchiatura al braccio e quindi sfasa tutto...non so come fare. Io ho provato la terapia cognitivo comportamentale ma non mi ha soddisfatta, o forse era il terapeuta non molto bravo, non so :S fatto sta che l'ansia ritorna. HO i miei momenti di calma e serenità...ho dovuto molto molto lavorare su me stessa ma è molto difficile. Io credo che siamo particolari noi che soffriamo di questo antipatico disturbo, però come diceva jack folla siamo speciali e pià sensibili di altri...quindi pensiamola al positivo :)

Sto attraversando un momento molto stressante ora, anche con il mio ragazzo sta andando male, devo fare l'esame di stato per avvocato e non riesco a concentrarmi ed eccola: sta tornando la mia amica ansia :S ...però ho deciso di accettarla, perchè ci sono abituata :) e se proprio devo morire...beh. Succederà prima o poi. :(

Ti racconto brevissimamente la mia storia: il mio primo attacco di panico l ho avuto nel dicembre 2006, dopo sei mesi da un incidente stradale mentre ero alla guida e ho creduto di morire...poi ho avuto un periodo più acuto con una decina di crisi in due anni e poi tutto è andato scemando lasciandomi però le crisi d'ansia...più leggere, conosciute, ma sempre debilitanti. Io ho anche attuato la terapia del 'mettermi alla prova' :) c'erano un sacco di cose che non facevo più, ma mi son costretta a rifarle in questi anni, anche piangendo mentre le facevo. Piano piano...

Ora resta ancora il 'guidare fuori dal paese da sola' il grande scoglio e .....il misurarmi la pressione. :dash: Però pian pianno ce la faremo. FORSE su queste crisi incide anche una componente di timidezza anche, di insicurezza, e nel mio caso di 'non sentirmi all'altezza' :) cose che prima dell incidente non avevo, anzi, mi sentivo forte e pronta a spaccare il mondo. :police: ...MAh...chissà se si ritornerà come un tempo...ma almeno noi abbiamo davvero qualcosa in più, un terzo occhio per guardare il mondo interiore del prossimo e comprenderlo ;)

Ti sono vicina, come anche alla ragazza che ha scritto con cui condivido anche l'età :). Ce la faremo! Non siamo soli a soffrire per il panico ;) e si sa...mal comune....mezzo gaudio! :thumbup:

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • »drcollevecchio« ist männlich

Beiträge: 766

Aktivitätspunkte: 2 301

Registrierungsdatum: Montag, 15 Juli 2013

Wohnort: Pescara

Beruf: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Nachricht senden

17

Samstag, 09 November 2013, 03:15

Salve,
non si deve assolutamente scusare per lo sfogo, è sano e giusto farlo.
Per quanto concerne la terapia, mi fa molto piacere che abbia deciso di non demoralizzarsi e provare altre strade. Chieda al terapeuta tutte le informazioni che ritiene esserle utili per prendere la decisione di continuare con consapevolezza.
Sinceramente, anche io sono rimasto colpito dal suo racconto in riferimento al comportamento del suo psichiatra.
Io consiglio sempre di non evitare le situazioni, perchè tale comportamento può essere un rinforzo per l'ansia. Provi a mettersi alla prova. Lo yoga è un ottimo ausilio per il benessere.
Si ponga queste domande: Chi mi assicura che starò male? Posso prevedere il futuro? Ci sono state altre situazioni nelle quali ho fatto questa attività e sono stato bene? Anche se dovessi stare mal quale sarebbe la cosa peggiore che potrebbe accadere?
Questi piccoli spunti possono essere di ausilio per affrontare i pensieri ansiogeni.
Buona vacanza...sono sicuro che starà bene! :)
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Meggie85

Giovane Amico

  • »Meggie85« ist weiblich

Beiträge: 305

Aktivitätspunkte: 971

Registrierungsdatum: Mittwoch, 11 September 2013

Wohnort: Firenze

  • Nachricht senden

18

Samstag, 09 November 2013, 23:01

ciao Domenico, hai ragione, la nostra situazione è così deprimente.. Io soffro di attacchi di panico, ansia e disturbi ossessivi-compulsivi.. Se non fosse perché vado da uno psichiatra da un anno, oggi forse non ci sarei più.. Io non ho paura di morire, anzi, spesso mi sembra l'unica via di uscita! la vita a volte mi sembra una prigione, una rete di obblighi e di doveri che mi schiacciano e non mi fanno respirare.. che dire, non ci resta che andare avanti, tra le difficoltà di tutti i giorni.. sono abbastanza rassegnata, ormai
"Dove c'è molta luce l'ombra è più nera.."

Zurzeit ist neben Ihnen 1 Benutzer in diesem Thema unterwegs:

1 Besucher