Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Tortadimele

Nuovo Utente

  • "Tortadimele" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Sep 4th 2013

  • Send private message

1

Wednesday, September 4th 2013, 1:16pm

Ansia panico

Ciao a tutti.
È parecchio tempo che leggo i vostri post da esterna, e adesso mi sono decisa a scrivere anche io la mia esperienza.
Sono sempre stata una ragazza molto solare, non avevo paura di nulla, sciavo, guidavo sempre io durante i viaggi, stavo sola, ero indipendente sotto tutti i punti di vista.
Nel 2002 mi sono fidanzata con un ragazzo con il quale sto ancora. Sono 11 anni e mezzo ormai, e io ne ho 27.
Da un paio d'anni il BUIO.
Iniziavo ad avere sempre nausea, ed essendo emetofobica, questo mi provocava un'ansia non indifferente... Ma facevo comunque tutto.
Poi il mio stato fisico ha iniziato a bloccarmi sempre di più fino ad oggi che non guido più in autostrada, non esco praticamente mai sola, prendo xanax, non scio più e gli attacchi di panico aumentano a vista d'occhio.
Sono in psicoterapia da ormai 2 anni e da un anno frequento anche un gruppo sempre all'interno dell'associazione.
Ogni minimo scivolone, arrabbiatura, malinconia, si ripercuotono nei giorni successivi e mi fanno stare tanto male.
Sono stata anche da una psichiatra che mi aveva suggerito l'effexor, ma non ho mai avuto il coraggio di prenderlo.
Ho bisogno di conforto. Tanto.
Grazie a tutti

papiro

Giovane Amico

  • "papiro" is male

Posts: 158

Activitypoints: 519

Date of registration: Jul 26th 2013

  • Send private message

2

Wednesday, September 4th 2013, 2:52pm

Dolcissima torta di mele, Sulle terapie farmacologiche si potrebbe aprire un dibattito infinito, io posso solo orientarti in base alla mia esperienza.
Io sono vent'anni che soffro d'ansia e depressione, sin dal inizio ho assunto farmaci (e nonostante siano trascorsi vent'anni, sono sempre quelli) non so dirti se mi hanno aiutato o meno, i veri aiuti sono arrivati da altro, accettazione, distrazioni, rimozione quando possibile di elementi ansiogeni etc. etc.
Non so quanto male o bene facciano i farmaci ma visto che so quanto male provocano ansia e depressione se c'è un qualcosa che possa lenire le sofferenze, ben vengano.
Nel mio caso fortunatamente non ho mai sofferto di effetti collaterali, ma ne sono diventato dipendente a livello psicologico e nel caso degli ansiolitici anche fisico, ma ci sono stati periodi in cui ho ridotto le dosi e in alcuni casi proprio sospeso.
Se riesci a farne meno è meglio, ma se vedi che la situazione diventa ingestibile e insopportabile, valuta col tuo specilista una terapia di sostegno.
Solo lui conoscendoti può indicarti come comportarsi in tal senso.
Per adesso tieni duro, vedrai che col tempo e l'esperienza imparerai a fronteggiare meglio le situazioni.

Posts: 39

Activitypoints: 159

Date of registration: Aug 24th 2013

  • Send private message

3

Wednesday, September 4th 2013, 7:37pm

Ciao,
il tuo evitamento è molto controproducente e con il lungo andare rischia di cronicizzare ancora di più il disturbo per mia esperienza personale, il fatto che ti stai facendo aiutare da uno specialista è molto importante anche se sono contrario alla psicoterapia di gruppo in questi casi, tu devi metterti in testa che non sia malata ma che hai un problema da risolvere. Personalmente i farmaci mi hanno permesso di espormi nelle situazioni temute e quindi mi sono stati di grandi aiuto.