Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Phil96

Utente Attivo

  • "Phil96" started this thread

Posts: 57

Activitypoints: 304

Date of registration: Jun 25th 2017

  • Send private message

1

Sunday, June 25th 2017, 3:05pm

Ansia e attacchi di panico pesanti

Ciao a tutti ormai sono mesi che convivo in maniera disperata con ansia e attacchi di panico. Mi hanno stravolto, università interrotta,praticamente non riesco piu ad uscire di casa, ho il terrore che mi venga qualcosa e nonostante i controlli ho la paura che possa essere qualcosa come una malattia, capogiri,derealizzazione,tachicardia, insonnia, depressione ho praticamente tutto...c'è qualcuno disperato come me o sono l'unico?

KnoxAnSiA

Utente Attivo

  • "KnoxAnSiA" is male

Posts: 56

Activitypoints: 273

Date of registration: Jul 20th 2010

Location: Marche, Fermo

  • Send private message

2

Monday, June 26th 2017, 9:11am

ciao...tutti siamo nella tua stessa situazione.... io provo le tue stesse sensazioni. Devi farti seguire da un professionista....fai una bella visita da qualche psicologo che usa la terapia cognitivo comportamentale poi valuti con lui se ti servono anche dei farmaci e semmai senti uno psichiatra.
La via migliore per uscirne è essere aiutati da qualcuno e guidati.
Poi pian piano il cervello si guarisce da solo....
Ognuno di noi ha le carte in regola per fare della propria vita un Successo! Non MolliamO!!!!

Phil96

Utente Attivo

  • "Phil96" started this thread

Posts: 57

Activitypoints: 304

Date of registration: Jun 25th 2017

  • Send private message

3

Monday, June 26th 2017, 11:12am

Ciao grazie della risposta.. prendo gia alprazolam per tenermi calmo e ho preso daparox per un po sotto consiglio del neurologo ma con i ritmi irregolari dell'insonnia fa poco effetto ora sto aspettando una visita psicologica a luglio..ma è dura stare cosi e con il terrore di morire che mi perseguita...

gigi197172

Utente Fedele

Posts: 318

Activitypoints: 1,014

Date of registration: Jun 9th 2010

  • Send private message

4

Wednesday, June 28th 2017, 5:50pm

Dovresti associare allo Xanax un antidepressivo vero tipo Serupin o simili che curano la causa senti magari un Psichiatra
Ciao

Mikbassani

Nuovo Utente

  • "Mikbassani" is male
  • "Mikbassani" has been banned

Posts: 1

Activitypoints: 3

Date of registration: Jun 28th 2017

Location: Boara Pisani

Occupation: Studente

  • Send private message

5

Wednesday, June 28th 2017, 7:31pm

Ansia e derealizzazione estrema !! Aiuto!

ciao ragazzi !
Sono nuovo del forum, quindi cercherò di essere il più breve possibile per cercare di spiegarvi il mio disturbo. Sono mesi ormai che tento di convivere con questa mia condizione ma devo dire che non ce la faccio più e, scorrendo i vostri post, mi sono sentito in un certo senso "compreso" ,motivo per cui ho deciso di aprirmi liberamente con voi.
Partiamo dal principio: sono uno studente di giurisprudenza iscritto al 1 anno fuoricorso, mi mancano nove esami alla laurea, ma da dicembre non riesco più ad essere me stesso. Tutto é iniziato a dicembre 2016, ormai sette mesi fa. Premesso che sono sempre stato uno studente lavoratore ( ho sempre studiato e lavorato per mantenermi gli studi, perché non volevo pesare più di tanto sui miei genitori ),all'Università sono sempre andato bene, ho sempre avuto dei risultati soddisfacenti e cosa più importante, mi ha sempre affascinato fin da piccolo il mondo del diritto. Non ho mai avuto problemi a scuola, sono sempre stato uno studente che si impegnava nelle cose che faceva e, soprattutto, che ha sempre avuto un metodo di studio piuttosto "valido" ( sempre osservando i miei risultati pregressi ovviamente, non vorrei peccare di presunzione). Vi dicevo a dicembre è cominciato il mio calvario, dovevo preparare degli esami (tra cui un esame veramente tosto, uno dei più complicati del mio corso), e ad un tratto, una mattina, mentre ero a casa a studiare, ho cominciato a sentirmi strano... come distaccato dal mio corpo, come in un certo senso estraneo a me stesso... ho cominciato a sperimentare sensazioni terribili come visione "puntinata" ,offuscata, flusso di pensieri non coerente o comunque non collegati tra loro da un filo "logico", sensazione di distacco anche dal punto di vista tattile, senso di ottundimento e sbandamento... da allora la mia vita è diventata un incubo, praticamente non ho più dato esami (l'ultimo risale praticamente ad un anno fa) e soprattuto, la mia vita è peggiorata in maniera incredibile. Non riesco più a concentrarmi su nulla, mi chiedo il perché della vita è di cosa mi succede attorno, mi chiedo perché dobbiamo vedere, perché vediamo le cose in un certo modo e non in un altro, e questo mi impedisce veramente di concentrarmi su qualsiasi cosa. Mi ripeto sempre che siamo fatti di "atomi" e che in realtà niente ha senso ma siamo noi a spronarci ad attribuirlo.ho inoltre un acufene fortissimo( ronzio all'orecchio) che aggrava ancora di più il mio disturbo. Non mi sento più in grado di affrontare nessuna situazione, ed anche quando lavoro, sebbene mi sforzi di andarci, non riesco ad rimanere concentrato. È come se tutto mi sembrasse lontano, non familiare, come se anche le persone che conosco da un vita fossero diverse, persino con i miei genitori faccio questi pensieri! Ora so che tutti questi sintomi sono ricollegati alla derealizzazione/depersonalizzazione, ho passato gli ultimi mesi praticamente a cercare qualsiasi cosa sull'argomento, perché non riesco veramente a pensare ad altro. Non riesco più a fare un discorso senza incepparmi, o comunque dimenticare ciò di cui sto parlando.Preciso che appena mi sono accadute queste cose, ho subito tentato di rivolgermi ad uno psicoterapeuta, ma, dopo svariate sedute, ho deciso di abbandonare un po' per questioni finanziare ed anche perché sinceramente, non traevo nessun beneficio dalle sedute... nel frattempo, a marzo, ho avuto un altro fortissimo attacco di panico, i miei mi hanno accompagnato al pronto soccorso dove, dopo tutti gli accertamenti del caso, non riscontrando nessuna malattia fisica mi è stata consigliata una visita psichiatrica. Lo psichiatra mi Ha visitato meno di un mese fa e mi ha diagnosticato uno "stato ansioso con note depressive" (cito testualmente dal referto). Mi ha detto che il mio è una sorta di "esaurimento nervoso", che devo prendermi una pausa e concentrarmi su me stesso, il punto è che io non voglio perdere altro tempo, voglio tornare a studiare perché è ciò che voglio fare e soprattutto, finire quest'anno benedetta università! Mi ha prescritto xanax tre volte al giorno (dicendomi di scalarlo dopo due settimane, perché provoca assuefazione) e nel frattempo mi ha prescritto escitalopram (cipralex) nove gocce al giorno ( chiarendo che comunque è ancora una dose blanda). Devo dire che il farmaco in parte funziona, non so se sia effetto placebo o meno. Ho comunque un altra visita tra venti giorni.
Il punto é, ragazzi, che veramente non mi sento più in grado di fare nulla, mi chiedo sempre "come ho fatto a fare gli esami finora ? Come ho fatto a non concentrarmi su questi pensieri fino all 'anno scorso ? " e allora mi sale il panico, finisco per fumare come un ossesso (sono sempre stato un fumatore "lieve" ma adesso fumo praaticamente un pacchetto al giorno ) e soprattutto non trovo un luogo sicuro in nessun posto ... ho paura di essere diventato pazzo, Di essere schizofrenico o comunque di avere una malattia mentale grave, soprattutto non vedo nessuna prospettiva nel futuro, e i giorni passano tutti uguali... veramente ho la sensazione che non riuscirò più a venirne fuori, e soprattutto non riesco più a rilassarmi nemmeno per un secondo se non basta. Ora io ho praticamente da sempre un blocco sessuale, non ho mai avuto rapporti sessuali con una ragazza per via di una serie di problemi alle parti basse, tant è vero che pochi mesi fa ho anche subito un intervento chirurgico per risolvere la situazione. Ma nonostante l'operazione sia riuscita benissimo, continuo a vivere con questa situazione di estraniamento. Non so, è come se mi fossi auto convinto che gli altri non riescano a capire quando parlo, ho paura di essere preso per pazzo. Scusate la lunghezza del post,naturalmente vi ho descritto in generale la situazione ma spero che mi rispondiate almeno per raccontarmi le vostre esperienze e come avete fatto ( se ci siete riusciti ) per venirne fuori .... grazie ancora ragazzi !

Phil96

Utente Attivo

  • "Phil96" started this thread

Posts: 57

Activitypoints: 304

Date of registration: Jun 25th 2017

  • Send private message

6

Thursday, June 29th 2017, 6:05am

Ciao mik,ho letto tutto quello che hai scritto e posso solo dirti che stiamo nella stessa barca, io ho di tutto derealizzazione attacchi di panico nausea dolori dsppertutto,come te passo gran parte delle mie giornate a pensare alla morte e al senso della vita. Sono cambiato totalmente ormai vivo con il terrore di morire da un momento all altro ma mi dicono che sia tutta ansia somatizzata e credo sia cosi anche per te..io credo che uno psicoterapeuta possa essere d aiuto,magari prova persone differenti se il primo non ti ha convinto perchè purtroppo per uscire da questa condizione non bastano i farmaci. Ho letto che ancora lavori e riesci ad uscire..gia è qualcosa fidati io sono recluso in casa..