Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

1

Thursday, January 5th 2017, 6:02pm

Ansia di tipo fuga

Ciao a tutti da pochi giorni (3) ho molta paura di uscire da casa ed andare a scuola, o in un qualsiasi posto chiuso con delle persone. Spiego in breve la mia storia.
Quest'Estate è iniziato tutto, dopo una canna (non era la prima, anzi...), fatto sta che mi fumavo questa canna e sono stato malissimo, mi sono buttato per terra sdraiato e avevo formicolii, tremolii, tachicardia e sudorazione eccessiva. Da quel momento non riuscivo più a fumare, e così ho smesso, però la prima volta che ho bevuto alcolici dopo questo evento, sentivo che mi faceva stare male pure l'alcol (ero agitato e sentivo che dovevo allontanarmi dagli altri) infatti sono scappato dopo aver bevuto vodka perché non c'è la facevo, dopo questo sono stato veramente male perché io sono timido con persone che non conosco e con poca autostima e solo grazie all'alcol riuscivo a fregarmene e a provarci con ragazze e divertirmi in discoteca, quindi ho detto basta devo farcela e a forza di bere riuscivo a controllare l'ansia e quindi c'è l'ho fatta a bere e divertirmi, il problema è che quando bevevo anche solo un goccetto ero agitato e dovevo calmarmi, questo mi dava un po fastidio, però dopo aver avuto 2 ragazze quest'estate anche solo per 1 sera (tipica botta e via) stavo meglio anche la mia autostima si era alzata, e ho iniziato pure ad allenarmi (Fitness) ed ero felice, ogni cosa che facevo di difficile mi dicevo devo farlo per (Nome della ragazza) e trovavo la forza, mi stavo anche mettendo meglio, mi curavo, ho gia un appuntamento con il dermatologo per dei brufoli sulla schiena, insomma ero abbastanza felice, tutta questa felicità crolla nel 2 gennaio, dove in un ristorante con mio cugino e i suoi genitori mi viene ansia (senza aver bevuto niente, perché io ero convinto fino ad adesso che quest'ansia mi viene solo se bevo o fumo), insomma mi è venuto questo attacco d'ansia e sono scappato via dal ristorante perché non c'è la facevo, poi una volta fuori stavo bene. Però adesso ho il terrore che mi ricapiti senza alcun motivo tra i miei coetanei o compagni di classe, insomma se mi capita in classe sarebbe troppo imbarazzante scappare così. E per via di questo fatto che da quel giorno non riesco uscire di casa e la mia autostima è andata di nuovo a 0, non ho la forza di allenarmi, nemmeno di sorridere, non riesco a trovare uno spiraglio di felicità, insomma non c'è niente che mi potesse rendere felice, fino a 4 giorni fa pensavo che una ragazza mi avrebbe fatto felice, ma ora non mi interessa niente, mi sento tristissimo però sento anche che sono in una specie di gabbia da cui non riesco a uscire e mi metto a piangere molto facilmente.

P.s. Volevo raccontare la mia storia, più che altro per capire se è tutto normale e per sfogarmi , perché scrivere mi fa stare un po meglio. Ho 18 anni e sono sempre stato un po il burlone della classe , per questo non vorrei che i miei amici e compagni mi vedano come un depresso. Anche se dentro di me vedo solo tristezza e paura.
P.P.S. la mia più grande paura è vomitare.
Alice Andiamo via, sono tutti normali

Karma91

Utente Attivo

  • "Karma91" is female

Posts: 24

Activitypoints: 86

Date of registration: Jan 5th 2017

Occupation: Fotografa

  • Send private message

2

Thursday, January 5th 2017, 8:58pm

Ciao Rabber98,
purtroppo non posso darti consigli per la situazione creata dall'assunzione di sostanze ( parli di canne e di vodka) , ma capisco benissimo quello che provi, l'esigenza di fuggire senza una vera ragione. Probabilmente le ragazze, il mantenerti in forma ed andare in discoteca sono tutte cose che fai per dare uno scopo alla tua vita ed evitare di lasciare che i brutti pensieri arrivino a te.Io posso solo dirti che una storia sentimentale stabile per me ha e sta facendo tutt'ora la differenza: una persona al di fuori della sfera familiare che ti ama, ti supporta e ti incoraggia è di grande aiuto per alleviare le paure e il senso di inadeguatezza. Quando mi ritrovo in quelle situazioni orribili, cerco di focalizzarmi sulla conversazione o di distrarmi guardando il cellulare o pensando a qualcosa di preciso..molte volte mi capita che arrivi l'ondata di ansia ma una volta superata passa tutto e mi calmo ( a volte anche troppo, quasi senso di sonnolenza). Devi dare al tuo corpo e alla tua mente il tempo di capire che non c'è nulla di cui aver paura, ma se non te la senti di affrontare l'argomento con le persone che hai vicine in quel momento (tipo amici, familiari) cerca una scusa come andare al bagno oppure uscire per telefonare e lì fare respiri profondi!

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

3

Thursday, January 5th 2017, 10:47pm

Ciao Karma91,
fino a poco tempo fa pensavo pure io che avere una relazione sarebbe stata la mia felicità, ma ora mi vergogno veramente moltissimo dello stato in cui sono messo, sento che se sarei con qualcuno che non ha idea di cosa sia l'ansia farei una figura da perdente, da sfigato con problemi mentali. Per questo anche ho paura di stare con persone che non sanno niente di queste cose, che non si sono mai chieste cosa sia l'ansia, insomma persone "normali", non voglio essere etichettato come "matto" anche se io so che persone come me e anche tutti in questo forum non siamo dei matti. E comunque non so se riuscirò mai ad avere una ragazza, gia prima era difficile per me parlare con ragazze (anche perché non ho amiche femmine) colpa della mia bassa autostima, ma ora che sto così male puoi immaginare la forza che ho. Per calmarmi dall'ansia ancora non ho provato ad andare a scuola, infatti la sto marinando gia da 3 giorni, e veramente non riesco a pensare ad altro, sento come sto ingigantendo il problema ma non riesco a stare tranquillo, so benissimo che quando andrò a scuola, (perché prima o poi dovrò andarci per recuperare 4 materie gli ultimi giorni del 1 semestre), starò male, sarò agitato in classe, avrò quasi terrore, e come faccio in classe a calmarmi, cioè inizio a sudare e muovermi costantemente, e sembrerò un matto, non credo riuscirò a calmarmi senza scappare dalla classe e ho troppa paura di provarci... Credi che sia tempo di cercare uno psicologo? oppure è ancora troppo presto? però noto il miglioramento del mio stato di depressione e apatia, sto gia un po meglio e non piango più a cavolo, oggi però ho provato a bere proteine in polvere (avevo letto tempo fa che posso provocare vomito, ma le prendevo facile tutto questo tempo) ma oggi no, oggi dopo aver fatto 2 sorsi stavo iniziando a sudare e di nuovo via con l'ansia e la paura, è tutto nel mio cavolo di cervello non riesco più a fare cose che un tempo facevo facilmente, non ci sto a capire più niente... Comunque grazie per la risposta
Alice Andiamo via, sono tutti normali

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • "drcollevecchio" is male

Posts: 756

Activitypoints: 2,271

Date of registration: Jul 15th 2013

Location: Pescara

Occupation: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

4

Friday, January 6th 2017, 12:05pm

Buongiorno,
la fuga è una reazione molto frequente in caso di ansia e panico. Hai mai pensato di imparare a gestire l'ansia e la tua timidezza tramite un percorso psicoterapeutico?
Buona giornata
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

5

Friday, January 6th 2017, 1:12pm

Buongiorno drcollevecchio
Si ho pensato di contattare uno psicologo e adesso aspetto finiscano le vacanze e ci vado, all'inizio mi vergognavo di andarci, mi dicevo "se ci vado sono un matto, io non voglio essere matto" e mi vergognavo tantissimo anche a dirlo ai miei genitori che mi serve uno psicologo, però quello che sto vivendo adesso, sento dentro di me che da solo non riesco a vincere, quindi mi sono "arreso" e ho detto tutto e i miei mi troveranno uno psicologo a breve, avrei una domanda, da questo mio tipo di ansia che a confronto di quello che leggo nel forum e da altre parti non è molto serio, ho qualche possibilità di tornare alla vita prima che l'ansia mi colpisca? intendo si può tornare spensierati come quando nemmeno sapevo cosa fosse l'ansia?
Grazie per la risposta , Buona giornata
Alice Andiamo via, sono tutti normali

Karma91

Utente Attivo

  • "Karma91" is female

Posts: 24

Activitypoints: 86

Date of registration: Jan 5th 2017

Occupation: Fotografa

  • Send private message

6

Friday, January 6th 2017, 1:20pm

Rabber98 quando dici di aver visto un miglioramento cosa intendi di preciso? Perchè credo che si possa parlare di miglioramenti certi solo quando passa molto tempo da un malessere all'altro, non qualche giorno purtroppo :( all'inizio dei sintomi ero scossa come te e non sapevo a chi affidarmi: mi vergognavo di parlarne con parenti e amici perchè ero convinta di essere "matta" . Questa è una di quelle cose che devi proprio cancellare dala tua mente... come dici tu stesso qui non c'è nessuno di matto, anzi, io sono convinta che siano le persone piú sensibili ad avere questi problemi. Per prima cosa cerca qualcuno della tua famiglia e parlagli onestamente,digli che hai veramente bisogno di aiuto e di parlarne con uno psicoterapeuta. Per calmare queste sensazioni orribili ti consiglierei anche una visita dallo psichiatra per farti prescrivere qualcosa che possa aiutarti a superare la paura. Quello che ti consiglio di fare è di non interrompere le sedute con il terapeuta se senti che le medicine stanno facendo effetto e stai meglio... perchè quelle prima o poi dovrai toglierle! E visto che sei all'inizio di questi sintomi potresti riuscire ad eliminare totalmente il problema.

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • "drcollevecchio" is male

Posts: 756

Activitypoints: 2,271

Date of registration: Jul 15th 2013

Location: Pescara

Occupation: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

7

Friday, January 6th 2017, 6:24pm

Buona sera,
purtroppo ci sono ancora molti pregiudizi sulla figura dello psicologo. Sono proprio queste idee ad impedire a molti di migliorare e superare le proprie difficoltà.
Fa benissimo a contattatemi terapeuta. Fortunatamente, dall'ansia se ne esce.
Buona giornata
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

8

Friday, January 6th 2017, 6:41pm

Karma91, intendevo miglioramento per il mio stato di apatia, riesco a sorridere un po, riesco anche a ridere e a concentrarmi un po di piu, ho sempre paura di uscire di casa ma almeno a casa sto abbastanza bene, questo stato di apparente depressione può essere stato causato da mia sorella a cui voglio un mondo di bene ma viene poco a casa perché studia in Francia, e lei è partita via proprio prima del mio attacco d'ansia improvviso, quindi può essere per questo che ero così triste, adesso l'umore pian piano mi si sta alzando. Invece per l'ansia, mi sto convincendo che al ristorante stavo male perché ho mangiato troppo e troppo in fretta e do tutta la colpa al mio essere emetofobico, cioè ho sempre una gran paura ma devo affrontare queste cose assolutamente, io sono uno che quando ho paura di qualcosa l'affronto, ma in questi giorno non avevo paura, ero terrorizzato, adesso sto meglio e vedrò di affrontare pure questa.. Ho un amico che tempo fa mi diceva che ha attacchi di panico e tuttora va dallo psicologo, dovrei dirgli del mio stato? Un po mi vergogno ma forse mi potrebbe aiutare, non so, lui mi ha sempre visto come il menefreghista, e a me piace come mi ha etichettato... Grazie per l'aiuto Karma :)

Grazie drcollevecchio per le sue risposte! Ancora un consiglio, lei pensa che devo affrontare le mie paure a viso aperto?
Alice Andiamo via, sono tutti normali

drcollevecchio

Utente Avanzato

  • "drcollevecchio" is male

Posts: 756

Activitypoints: 2,271

Date of registration: Jul 15th 2013

Location: Pescara

Occupation: Psicologo e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

9

Saturday, January 7th 2017, 12:25am

Buona serata,
sicuramente affrontare le paure a viso aperto è la strategia migliore per far diminuire l'ansia, nonostante sia quella che all'inizio può creare più ansia. Affrontando le paure si scoprono che molti pensieri "catastrofici" che si hanno, in verità non hanno fondamento e che anche in caso di malessere si sopravvive e si migliora.
L'evitamento è un meccanismo molto subdolo perchè mantiene e cronicizza il disturbo, ti consiglio questo articolo sull'evitamento.
Buona serata
"L'uomo non è spaventato dalle cose, ma dall'idea che ha delle cose" - Epiteto

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

10

Saturday, January 7th 2017, 12:46am

Buona serata dottore
Grazie per l'articolo, letto immedesimandosi nella vita che sto facendo ora come ora, sto completamente evitando di uscire di casa e sto marinando la scuola da 3 giorni per la paura, quindi affronterò il problema lunedì e speriamo bene, mi sento già che quando sarò in classe avrò i soliti pensieri negativi, ma ho capito che devo affrontarli prima o poi. L'unica paura alla fine è quella che mi prendano per matto, non tanto di morire o cose varie, ho capito che l'unica paura che non mi fa andare a scuola è la vergogna, se inizio a sudare e agitarmi in classe, mi prendono per matto, figuriamoci se scappo all'improvviso (nella mia scuola non lasciano andare in bagno durante l'ora di lezione), però se c'è una cosa che ho capito è che non posso nascondermi per sempre. Grazie per il suo interessamento al mio caso dottore.
Buona serata
Alice Andiamo via, sono tutti normali

alecspan

Giovane Amico

  • "alecspan" has been banned

Posts: 157

Activitypoints: 618

Date of registration: Jan 18th 2013

  • Send private message

11

Saturday, January 7th 2017, 4:20pm

Inizia a piccoli
Buona serata dottore
Grazie per l'articolo, letto immedesimandosi nella vita che sto facendo ora come ora, sto completamente evitando di uscire di casa e sto marinando la scuola da 3 giorni per la paura, quindi affronterò il problema lunedì e speriamo bene, mi sento già che quando sarò in classe avrò i soliti pensieri negativi, ma ho capito che devo affrontarli prima o poi. L'unica paura alla fine è quella che mi prendano per matto, non tanto di morire o cose varie, ho capito che l'unica paura che non mi fa andare a scuola è la vergogna, se inizio a sudare e agitarmi in classe, mi prendono per matto, figuriamoci se scappo all'improvviso (nella mia scuola non lasciano andare in bagno durante l'ora di lezione), però se c'è una cosa che ho capito è che non posso nascondermi per sempre. Grazie per il suo interessamento al mio caso dottore.
Buona serata




Inizia a piccoli passi . Rispettando te stesso.
Inizia ad andare a scuola e nn vergognarti. Se pure dovessi sentirti male. Guarda qui in quanti siamo. Non scappare da chi sei. Da un caso.
Respira profondamente
Non associare più cannabinoidi ad alcool .
Fai qualche seduta da uno psicologo. Fai un po d attivita sportiva e vedi che nel giro di un mese starai bene.

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male
  • "Rabber98" started this thread

Posts: 417

Activitypoints: 1,489

Date of registration: Jan 4th 2017

Occupation: Scuola

  • Send private message

12

Monday, January 9th 2017, 12:11pm

Ma non ho capito una cosa , io ho anche attacchi di panico? mi potete spiegare la differenza tra ansia ed attacchi di panico? grazie in anticipo
Alice Andiamo via, sono tutti normali