Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Luce78

Utente Attivo

  • "Luce78" is female
  • "Luce78" started this thread

Posts: 31

Activitypoints: 121

Date of registration: Sep 25th 2012

  • Send private message

1

Friday, December 7th 2012, 3:52pm

Ansia: Cercasi Consigli Utili

Mi sono iscritta da circa un mesetto su questo forum, ciò che mi ha spinto ha farlo e' stato in primis quello di rapportarmi con persone che come me vivono il mio stesso disagio, la voglia di uscirne una volta per tutte.Sono delusa, mi aspettavo di ricevere dei consigli suggerimenti delle dritte, chiamatele come volete, ma la mia richiesta d'aiuto non e' stata recepita...Stiamo qua a raccontare i sintomi, ma non le possibili soluzioni...a parte la famosa frase, che cita a sua volta la FAMOSA FORZA DI VOLONTÀ, sinceramente mi aspettavo di meglio..da questo popolo di ansiosi e depressi, ma cavolo e' possibile che non siamo in grado di aiutarci, tra di noi... Vogliamo essere aiutati dagli altri, da quelli che fortunatamente, non ci capiscono, perché fortunatamente per loro, non vivono, i nostri disagi...Scusate lo sfogo, non si senta offeso nessuno..ma la decantata sensibilità che si attribuisce agli ansiosi, io qui ne ho vista poca.Postate consigli utili concreti, dite quello che vi aiuta, nei momenti di crisi, di disagio imbarazzo...Vorrei tanto che tutti insieme scrivessimo una sorta di vademecum, di utili consigli, che possano dare risposta a tutte le persone che si iscrivono, qui perché vogliono dei suggerimenti, un'ancora, un appiglio,un incoraggiamento per uscirne...Perché dobbiamo uscirne aiutandoci....Detto questo chiedo scusa a chi si sentira' offeso...il fine del mio 3d non e' quello...

micettagattina

Utente Attivo

  • "micettagattina" is female

Posts: 37

Activitypoints: 146

Date of registration: Jul 11th 2012

  • Send private message

2

Friday, December 7th 2012, 4:11pm

quoto!
Mi sono iscritta da circa un mesetto su questo forum, ciò che mi ha spinto ha farlo e' stato in primis quello di rapportarmi con persone che come me vivono il mio stesso disagio, la voglia di uscirne una volta per tutte.Sono delusa, mi aspettavo di ricevere dei consigli suggerimenti delle dritte, chiamatele come volete, ma la mia richiesta d'aiuto non e' stata recepita...Stiamo qua a raccontare i sintomi, ma non le possibili soluzioni...a parte la famosa frase, che cita a sua volta la FAMOSA FORZA DI VOLONTÀ, sinceramente mi aspettavo di meglio..da questo popolo di ansiosi e depressi, ma cavolo e' possibile che non siamo in grado di aiutarci, tra di noi... Vogliamo essere aiutati dagli altri, da quelli che fortunatamente, non ci capiscono, perché fortunatamente per loro, non vivono, i nostri disagi...Scusate lo sfogo, non si senta offeso nessuno..ma la decantata sensibilità che si attribuisce agli ansiosi, io qui ne ho vista poca.Postate consigli utili concreti, dite quello che vi aiuta, nei momenti di crisi, di disagio imbarazzo...Vorrei tanto che tutti insieme scrivessimo una sorta di vademecum, di utili consigli, che possano dare risposta a tutte le persone che si iscrivono, qui perché vogliono dei suggerimenti, un'ancora, un appiglio,un incoraggiamento per uscirne...Perché dobbiamo uscirne aiutandoci....Detto questo chiedo scusa a chi si sentira' offeso...il fine del mio 3d non e' quello...

Dott. Rocco Berloco

Utente Attivo

  • "Dott. Rocco Berloco" is male

Posts: 111

Activitypoints: 347

Date of registration: May 28th 2011

Location: Bari

Occupation: Medico

  • Send private message

3

Sunday, December 9th 2012, 4:54pm

Cara Amica,
non so se se i miei suggerimenti ti sarnno graditi, visto che non sono un ansioso, ma da anni il mio lavoro e' quello di interfacciarmi con questo terribile disagio del corpo e dell'anima, ti dico del corpo perche' l'ansia non e' soltanto una serie di manifestazioni psichiche, ma anche invalidanti sintomi fisici che a volte ti impediscono le piu' normali attivita' quotidiane. Volevi un vademecum, in sintesi ti faccio un elenco di punti, che se vorrai potremo commentare insieme o potranno commentare, e non condividere, gli altri utenti del Forum...ma questo e' uno stralcio di lavoro che sottopongo ai miei pazienti (brutta parola, usata solo per intenderci, preferisco parlare di persone che mi chiedono aiuto!)

  • Lasciarsi andare all'ansia (cosa facile a dirsi, difficile a farsi, impossibile da pensare la prima volta che viene proposta a qualcuno che soffre di questo disagio)
  • Consapevolezza del corpo (essere centrati il piu' possibile, anche questo all'inizio quasi improponibile, a tutte le sensazioni del proprio corpo, in altre parole alla propria cenestesia, quindi sensazioni fisiche quali caldo, freddo, postura, etc)
  • Respirazione (tecniche che determinano una respirazione piu' consapevole e meno automatica)
  • Visualizzazioni
  • tecniche fisiche di rilassamento (yoga, qi-gong, etc)
  • Rimedi naturali quali omeopatia, floriterapia, fitoterapia
Ti garantisco quasi sempre funzionano!
Fammi sapere che ne pensi, ovviamente questo e' semplicemente un elenco, poi punto per punto vanno ampliati ed approfonditi.
A presto
Dott. Rocco Berloco
Fiori di Bach Omeopatia PNL Intolleranze Alimentari

Per maggiori informazioni collegati al SITO WEB PERSONALE presente nel profilo

4

Monday, December 10th 2012, 2:17am



[*]Consapevolezza del corpo (essere centrati il piu' possibile, anche questo all'inizio quasi improponibile, a tutte le sensazioni del proprio corpo, in altre parole alla propria cenestesia, quindi sensazioni fisiche quali caldo, freddo, postura, etc)


Mi scuso per l' intromissione, ma vorrei capire meglio questo "punto" :)

Luce78

Utente Attivo

  • "Luce78" is female
  • "Luce78" started this thread

Posts: 31

Activitypoints: 121

Date of registration: Sep 25th 2012

  • Send private message

5

Monday, December 10th 2012, 12:09pm

@ Dott Berloco, grazie per la sua risposta e per aver proposto un vademecum di consigli, che come ha detto lei andrebbero visti ed approfonditi singolarmente. "LASCIARSI ANDARE ALL'ANSIA": ho scritto su un foglio questa frase,cercando di darle un possibile e più ampio significato, spiegazione, la prima che mi viene in mente e' quella di non combattere l' ansia come un demone cattivo con il solo scopo di eliminarlo, ma di accettarla come si accetta un difetto o una parte di noi che non ci piace, o ancora meglio considerarla parte di noi stessi e imparare a conviverci. Questa e' la spiegazione teorica che mi sono data, teoricamente sembra facile, come accettare che so le mie mani, che non ne faccio un dramma, ma non mi piacciono un gran che, e così via. Ma se dovessi pensare alla pratica,"LASCIARSI ANDARE ALL'ANSIA" vuol dire che se dovessi avvertire ansia, dovrei non agitarmi, non impaurirmi ed aspettare che passi?. Invito gli altri forumisti, ad esprimere il loro parere..:D

Jivanmukti

Udele Fetente

  • "Jivanmukti" is male
  • "Jivanmukti" has been banned

Posts: 393

Activitypoints: 1,228

Date of registration: Sep 22nd 2012

  • Send private message

6

Monday, December 10th 2012, 3:45pm

Stiamo qua a raccontare i sintomi, ma non le possibili soluzioni...
.Postate consigli utili concreti, dite quello che vi aiuta, nei momenti di crisi, di disagio imbarazzo...Vorrei tanto che tutti insieme scrivessimo una sorta di vademecum, di utili consigli, che possano dare risposta a tutte le persone che si iscrivono, qui perché vogliono dei suggerimenti, un'ancora, un appiglio,un incoraggiamento per uscirne...Perché dobbiamo uscirne aiutandoci....
Brava! Finalmente!
:clap: :clap: :clap:
Colui che conosce gli altri è sapiente; colui che conosce se stesso è illuminato.
Colui che vince un altro è potente; colui che vince se stesso è forte.

Dott. Rocco Berloco

Utente Attivo

  • "Dott. Rocco Berloco" is male

Posts: 111

Activitypoints: 347

Date of registration: May 28th 2011

Location: Bari

Occupation: Medico

  • Send private message

7

Monday, December 10th 2012, 6:21pm

Mi scuso per l' intromissione, ma vorrei capire meglio questo "punto" :)

Vedi Cara Amica,
questo punto e' fondamentale in quasi tutte le discipline orientali, ed io provo a riproporlo ai miei pazienti nei corsi o nelle terapie singole. Essere consapevole del proprio corpo significa essere centrato nel presente costantemente, vivere attimo per attimo le sensazioni senza distrarre la mente con altri input. Prova ad esercitarti a sentire quante piu' sensazioni fisiche puoi, il rumore dei passi per strada quando cammini, il movimento della gamba, la sensazione del piede per terra, i profumi, gli aromi che percepisci per strada, l'aria che entra attraverso le tue narici e scende fino ai polmoni per poi uscire nuovamente (seguine il percorso) allenati a guardare tutto cio' che vedi....(spesso vediamo volti, insegne, strade, ma non le guardiamo con attenzione). Tutto questo porta il tuo essere nel qui ed ora e ti allontana lentamente ma irreversibilmente dall'ansia...
Prova...e poi fammi sapere!
Dott. Rocco Berloco
Fiori di Bach Omeopatia PNL Intolleranze Alimentari

Per maggiori informazioni collegati al SITO WEB PERSONALE presente nel profilo

Dott. Rocco Berloco

Utente Attivo

  • "Dott. Rocco Berloco" is male

Posts: 111

Activitypoints: 347

Date of registration: May 28th 2011

Location: Bari

Occupation: Medico

  • Send private message

8

Monday, December 10th 2012, 6:34pm

Ma se dovessi pensare alla pratica,"LASCIARSI ANDARE ALL'ANSIA" vuol dire che se dovessi avvertire ansia, dovrei non agitarmi, non impaurirmi ed aspettare che passi?

Certo cara Amica,
lasciarti andare all'ansia significa proprio questo....vivere il momento, solo il momento...quindi se c'e' ansia vivila, consumala, falla tua...ma quando non c'e', continua a vivere il momento, quindi non ti far assalire dalle paure di quel che puo' succedere ma continua il tuo percorso di vita istante dopo istante, sempre nell'hic et nunc. Cerca di essere nelle cose, anzi cerca di essere le cose che fai...e vedrai che lentamente, ma lentamente dopo che l'hai vissuta, l'hai conosciuta, l'ansia non la temerai piu' e sara' allora...sara' allora che non sara' piu' tua.
Fammi sapere.
Dott. Rocco Berloco
Fiori di Bach Omeopatia PNL Intolleranze Alimentari

Per maggiori informazioni collegati al SITO WEB PERSONALE presente nel profilo

Luce78

Utente Attivo

  • "Luce78" is female
  • "Luce78" started this thread

Posts: 31

Activitypoints: 121

Date of registration: Sep 25th 2012

  • Send private message

9

Monday, December 10th 2012, 7:19pm

@Dott
Credo fermamente, che prima di lasciarsi andare all'ansia, bisognerebbe capire in che modo si possa gestire la PAURA, mi spiego meglio: più che l' ansia, e' la paura che ci paralizza, ci impedisce in quel momento di essere razionali, di ammettere che quel che sentiamo in quell istante, non e' reale..al primo accenno di ansia, si accende come una scintilla, ti offusca la mente, e subentra l' agitazione il panico, la voglia di scappare via...credo che se riuscissimo a non farci bloccare, paralizzare dalla paura, forse solo a quel punto ci si può lasciarsi andare all' ansia, ma come si fa a non farsi sopraffare dalla paura?

Tara86

Utente Attivo

  • "Tara86" is female

Posts: 9

Activitypoints: 62

Date of registration: Mar 28th 2011

Occupation: Studentessa

  • Send private message

10

Monday, December 10th 2012, 7:49pm

Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare...
Quando devo andare a trovare il mio ragazzo mi tocca prendere l'autobus (sono 2 ore di viaggio).
Bè.... io odio l'autobus (tipica situazione ansiosa).
Cerco in tutti i modi di tranquillizzarmi, di farmi convinta che non c'è niente di cui preoccuparsi, che tutte le persone viaggiano così ecc... allora faccio il biglietto, salgo sull'autobus e... 3 2 1. Mi ritrovo a terra a guardare l'autobus che se ne va; così mi rilasso ma poi arrivano i sensi di colpa perchè anche stavolta dovrà accompagnarmi mio padre o rinunciare a vedere il mio ragazzo.
Ho provato di tutto per affrontare questa situazione: Tavor, libri, musica new age, giochi al computer... ma niente. Il bello è che se riesco a prenderlo dopo 1 oretta capisco che non c'è davvero niente di male, anzi mi piace e mi godo il paesaggio. Sono proprio i primi 5 minuti che mi rovinano... quei 5 minuti di PAURA e i suoi conseguenti sintomi pre - attacco!
Lasciarsi andare all'ansia significa accettare l'attacco di panico?
E rifaccio la domanda di LUCE78: Come si fa ad affrontare, in maniera razionale, la paura?
+ Le cose migliori nascono dal caos +

Dott. Rocco Berloco

Utente Attivo

  • "Dott. Rocco Berloco" is male

Posts: 111

Activitypoints: 347

Date of registration: May 28th 2011

Location: Bari

Occupation: Medico

  • Send private message

11

Monday, December 10th 2012, 8:08pm

E rifaccio la domanda di LUCE78: Come si fa ad affrontare, in maniera razionale, la paura?

Ti sembrera' banale, ma prova a stare li' ferma e a non far niente e...semplicemente aspettare che passi...poi sara' tutto diverso!
Aiutati con un tubo dose di Gelsemium 30 ch il giorno prima ed una preparazione di fiori di Bach con dentro rescue remedy rock rose mimulus aspen white chestnut...prendine 4 gtt spesso la mattina che devi prendere l'autobus e quando la paura ti assale...ne puoi assumere 4 gtt anche ogni 5 minuti...
Prova e fammi sapere
Dott. Rocco Berloco
Fiori di Bach Omeopatia PNL Intolleranze Alimentari

Per maggiori informazioni collegati al SITO WEB PERSONALE presente nel profilo

eddy primo

Nuovo Utente

  • "eddy primo" is male

Posts: 9

Activitypoints: 27

Date of registration: Dec 10th 2012

Location: pisa

  • Send private message

12

Monday, December 10th 2012, 10:24pm

le frasi a effetto non servono a niente del tipo accetta l'ansia o lasciati andare all'ansia. provare invece a non pensarci può funzionare, però se ti dici non devo pensarci sei fregata perchè senza volerlo richiami alla mente l'ansia con i suoi disagi. la cosa da fare e vivere come se quel disturbo non fosse mai esistito, quindi quando viene alla mente un immagine o un pensiero riguardante l'ansia con i suoi disturbi, lasciare scivolare via quell'immagine o quel pensiero senza soffermarsi a pensarci neanche per un secondo. non dire nemmeno e da qualche giorno che sto meglio perchè richiami alla mente l'ansia, non cercare di capire i perchè mi e venuta, e se a volte dovesse ritornare fare finta di niente. io ci sto provando e sembra vada meglio. anche parlarne e sbagliato, parlarne e come pensarci, quindi non dire a me l'ansia mi provoca ciò a te cosa ti provoca? e un problema affrontabile può capitare di peggio.

Ilaria90

Utente Attivo

Posts: 60

Activitypoints: 236

Date of registration: Dec 13th 2012

  • Send private message

13

Thursday, December 13th 2012, 11:34pm

tutti bellissimi consigli (e davvero lo dico sul serio) ma poi uno quando l'ansia ce l'ha i consigli non se li ricorda oppure dice tanto non servono o non riesce a seguirli (tendo ad optare per quest'ultima) e il risultato è quello di essere divorati dalla paura..

eddy primo

Nuovo Utente

  • "eddy primo" is male

Posts: 9

Activitypoints: 27

Date of registration: Dec 10th 2012

Location: pisa

  • Send private message

14

Sunday, December 16th 2012, 3:34am

l'unico regola e imparare a diventare silenziosi, soprattutto con noi stessi su tutto ciò che riguarda ciò che era. solo che è più forte di noi il volerci ragionare sopra. almeno provarci potrebbe anche funzionare

gigiotto

Utente Attivo

Posts: 22

Activitypoints: 73

Date of registration: Dec 15th 2012

  • Send private message

15

Sunday, December 16th 2012, 11:44am

E' vero, assale la paura. E si diventa irrazionali, eppure a mente fredda lo sappiamo che non abbiamo nulla, solo ansia. E l'ansia genera tutto questo e molto altro! Io ad esempio per la tensione muscolare ho la schiena che è un dolore unico, e la spalla sx altrettanto, anche il braccio. Certo so che ho due bimbi piccoli e che forzo tantissimo questa parte del corpo anche per postura da quando studiavo però, nonostante in due mesi 4 ecg e 2 esami del sangue, una radiografia al torace, esami tiroide, ecg da sforzo, rassicurazioni da diversi medici.. Però nonostante questo quando sento un dolorino in più al petto inizia la scintilla e scatta la paura di avere un infarto da un momento all'altro. E' vero quando dite che ascoltiamo i consigli e poi in quei momenti non si ricordano oppure si dice che "tanto non funzionano"..Ma noi siamo esseri umani e dobbiamo trovare la forza di andare oltre, di vincerla anche se poi non dobbiamo vincerla, ci dicono che dobbiamo accettarla e solo così andrà via. Ma io non so voi però a me ad esempio mio marito non fa una piega e a me quando ripeto per la millesima volta che ho male al petto mi sembra di essere matta... di gridare al lupo al lupo. E penso, se il lupo arriva veramente? E tutto ricomincia. Mi hanno detto che se l'ecg è a posto non c'è da temere perchè se l'infarto doveva arrivarmi mi era già arrivato a maggio quando ho avuto il primo attacco di panico... Io ho già fatto 5 sedute di psicoterapia e qualcosa sto sentendo inizi a cambiare, forse il modo di capire in cui vivo certi atteggiamenti che mi causano parte delle crisi di ansia e accompagno il tutto con una cura omeopatica con diversi prodotti che nell'insieme, dopo tre mesi cominciano a dare qualche risultato. Ho rispetto per tutti voi e apprezzo come esponete i vostri problemi e malesseri, forse perchè sapere che c'è qualcuno che ti capisce ti dà grande aiuto morale, anche se poi nel momento cruciale sembri essere "sola contro tutti"... un abbraccio a tutti :)

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests