Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,487

Activitypoints: 3,866

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

31

Saturday, August 31st 2019, 8:55pm

Milo, secondo me, non sono medico, ma per esperienza personale, si tratta di un problema neurologico; poi ci si mette anche l'ansia in quanto hai paura di rimanere incompreso. Scrivi in modo limpido e brillante, sono convinto che tu non abbia ancora conosciuto le persone giuste, che possano accettare la bella persona che sei. E di questo mi dispiace. Io conoscevo un bambino, ci sono cresciuto insieme, sordo muto, però crescendo, non so perché, non ci si comprendeva....poi lui è stato costretto a frequentare gruppi di sordomuti, tra loro si aiutano, costretti in un mondo ''sordo'' alle loro esigenze. E si è sposato, ha un figlio, lavora....ed io in questo lo invidio. Lui ha trovato chi lo ha aiutato, tra altri come lui, che non hanno schifo delle loro problematiche di salute, e, visto che il mondo dei ''normali'' non li vuole, ne hanno uno parallelo nel quale vi sarà più silenzio e non ci si perderà in grandi discorsi d'effetto, ma c'è voglia di stare insieme. Ricordo queste parole: ''tu dicevi sempre: ma come si fa a stare una settimana senza vedere gli amici? Come faremo noi a stare una vita senza di te?'' Sentito in tv. Ecco, questa è una eccezione, la regola è l'egoismo ed il menefreghismo.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Milo

Giovane Amico

  • "Milo" started this thread

Posts: 127

Activitypoints: 479

Date of registration: Oct 27th 2013

  • Send private message

32

Sunday, September 1st 2019, 2:28am

Caro windrew... ti ringrazio immensamente per aver letto con costanza ed impegno ogni messaggio che ho lasciato in questo Thread... anche in questa circostanza mi hai dimostrato che il tuo interesse nei confronti delle cose che pubblico esiste... lo dico perchè sei stato l'unico ad avermi dato un parere sul dubbio che mi affliggeva..non ti nascondo peró che mi avrebbe fatto piacere riceverne degli altri... soprattutto da parte di quelle persone che dicono che non sanno come aiutarmi.. ma va bene lo stesso.. mi accontento del tuo...
Cmq Approfitto della tua disponibilità, per chiederti qualche altra cosa.. la prima che mi viene in mente è questa: secondo te perchè riesco a scrivere qualcosa di decente soltanto quando mi imbottisco di nicotina?.. non credo che questa sostanza sia cosi incisiva da mettere in moto un cervello impantanato a causa del trauma che ha subito... io ti dico che anche per scrivere una stupidaggine devo ricorrere alle sigarette... capisci quindi che per me sarebbe impossibile poter lavorare e costruirmi una famiglia... inoltre con gli altri non ci so stare proprio.. mi mettono soggezione.. e le difficoltà che riscontro quando devo esprimermi non mi aiutano di certo a superare questo disagio... insomma la situazione è difficile e purtroppo gli altri non sono pronti a darti una mano... anzi nella maggior parte dei casi ti scansano proprio... anche in questo forum come vedi si interessano alle problematiche di quelle persone che se paragonate con quelle che lamento io risulterebbero senz'altro effimere..

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,487

Activitypoints: 3,866

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

33

Sunday, September 1st 2019, 11:02am

Non lo so. Certamente la nicotina su di te avrà questo effetto ''rilassante'' e non si metteranno in moto tutti quei meccanismi neurologici che non ti permettono di essere un ottimo oratore o un ottimo scrittore. Però mi rattrista che tu ti imbottisca di nicotina. Certamente di questo ne avrai parlato con i medici e credo che anche loro non siano stati in grado di fornirti spiegazioni. Io posso dirti che, dopo l'ictus, imbottito di farmaci psichiatrici, ''per il mio bene'', avevo percezioni della realtà alterate, di molto, percezione di tante cose fuori dai ''gangheri'' , ero sballato ed in preda di allucinazioni. Riprendermi non sarà mai possibile. Sto notando che da una parte sto diventando insensibile e da un'altra iper sensibile. Ma sono costretto a stare a testa bassa perchè non ci sono aiuti e nessuno si forza di comprendere, figuriamoci di aiutare. Comunque, ci sono persone nei cui cuori non esiste l'odio, non esiste l'invidia....poi ci sono io che odio ed invidio...poi ci sono tutti gli altri che fanno quello che gli pare e qualcuno di loro viene invidiato ed odiato da me.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere