Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Shine78

Nuovo Utente

  • "Shine78" has been banned
  • "Shine78" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Feb 12th 2018

  • Send private message

1

Monday, February 12th 2018, 6:30pm

Aiutare una persona affetta da depressione

Ciao a tutti sono un nuovo iscritto :)
Vorrei fare un saluto a tutti e voi e vorrei chiedervi un consiglio.
Come aiutare una persona che soffre di depressione e che esce molto poco di conseguenza??
Vorrei tantissimo proporgli di fare delle cose assieme ma ho paura di risultare noiosa !!
Spero che tutti voi abbiate pazienza per ricominciare a vivere come vi meritate

  • "Dott. Alessio Congiu" is male

Posts: 112

Activitypoints: 333

Date of registration: Apr 10th 2017

Location: Verona

Occupation: Psicologo clinico

  • Send private message

2

Monday, February 12th 2018, 10:12pm

Gentile Shine,

il tema del supporto alla persona alle prese con un episodio di depressione è un argomento molto delicato, in quanto chiama in causa almeno due persone: la persona che soffre di depressione e colui/colei che vorrebbe ritornare a vedere quest'ultima com'era prima che insorgesse la problematica psicologica. I suggerimenti che in genere vengono offerti tendono a preservare primariamente lo stato di salute della persona alle prese con il vissuto depressivo, esortando conseguentemente i familiari e gli amici stretti a non colludere con le decisioni della persona sofferente, al fine di non aggravare il suo già precario stato di salute psicologica. Le linee guida internazionali suggeriscono che i familiari e le persone più strette possano essere incluse all'interno del piano terapeutico soltanto qualora la stessa persona sofferente accettasse un loro diretto coinvolgimento, al fine di riconoscere la libertà di scelta individuale; in caso contrario, il rischio di provocare con la propria intenzione benevola un danno diventerebbe via via più probabile. L'aspetto forse meno intuitivo risulta infatti la gestione della frustrazione personale che si percepirebbe nel vedere la persona depressa non rispondere ai diversi tentativi compiuti per stimolare in lei emozioni più positive, come pure un maggior grado di motivazione nel compiere le normali attività che la vita quotidiana richiede ogni giorno. Accade più spesso di quanto si potrebbe immaginare che il familiare, l'amico o il partner, nel non riuscire a spronare il proprio assistito, finisca con il riversare in modo più o meno diretto la propria frustrazione sulla stessa persona che si vorrebbe per contro supportare, inducendo nell'ammalato una sofferenza ulteriore: il senso di colpa vissuto a seguito della constatazione di stare recando con la propria condizione di apatia e umore depresso un dispiacere alle persone a lei più care. Spesso tale forma di sofferenza, aggiungendosi a quella più caratteristica della depressione, finisce così con l'aggravare il quadro clinico, ritardando i tempi di ripresa della persona.

Gli unici suggerimenti che realmente potrebbero essere di aiuto per i familiari che non fossero stati inclusi nel piano terapeutico si ridurrebbero ad una scrupolosa psico-educazione sul disturbo, nell'intento di rendere questi ultimi maggiormente coscienti delle difficoltà realmente riscontrate dalla persona sofferente di depressione. In parte, una forma di conoscenza intuitiva del disagio vissuto dall'altro la si vivrebbe semplicemente riconoscendo la natura dei propri sentimenti di impotenza nel non poter essere di aiuto all'altro. D'altronde, la componente emotiva insita nella relazione instaurata con la persona sofferente si ripercuoterebbe di riflesso anche in coloro legati affettivamente a quest'ultima, facendo vivere sentimenti di rammarico, di tristezza, finanche di rabbia e frustrazione. Diviene allora di grande importanza riuscire a gestire in modo utile questi vissuti psico-emotivi, tanto per la propria salute, quanto per quella del proprio assistito. Sono spesso piccoli accorgimenti come questi che risultano di grande beneficio per la persona depressa, che si vedrebbe alleggerita dal senso di colpa per il proprio disturbo.

Può trovare alcuni informazioni divulgative nei video che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso sui diversi portali internet per informare la popolazione su questa problematica. Il primo video riguarda la persona alle prese con una depressione, mentre il secondo video riguarda i familiari e le persone che, per l'appunto, interagiscono con lei. Mentre il primo video presenta in automatico i sottotitoli in italiano, nel secondo devono essere impostati manualmente:

Video sul vissuto della persona alle prese con depressione: https://www.youtube.com/watch?v=wAWREUX8mYs
Video sul comportamento opportuno da assumere verso la persona alle prese con depressione: https://www.youtube.com/watch?v=2VRRx7Mtep8

Andreandre95

Utente Attivo

Posts: 11

Activitypoints: 47

Date of registration: Feb 12th 2018

  • Send private message

3

Monday, February 12th 2018, 10:12pm

Ciao Shine!

Guarda, per come la vedo io, anzi, per come ho vissuto la mia depressione che mi faceva sentire terribilmente solo, anche quando gli amici non mi mancavano, se una persona mi avesse chiesto di uscire mi avrebbe fatto molto molto piacere, te lo assicuro.
Magari rifiuta, ma si sentirà cercata e pensata anche solo per un attimo.

Un abbraccio e ti ringrazio per gli auguri!

Shine78

Nuovo Utente

  • "Shine78" has been banned
  • "Shine78" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Feb 12th 2018

  • Send private message

4

Tuesday, February 13th 2018, 12:05am

Sono mesi che ci sto provando, ma ho paura di stare troppo addosso.. gli voglio un bene dell’anima