Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Vatìka

Utente Attivo

  • "Vatìka" started this thread

Posts: 86

Activitypoints: 328

Date of registration: Nov 10th 2017

  • Send private message

1

Saturday, November 21st 2020, 7:26pm

è dura!!!

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!

Allegria!

Giovane Amico

Posts: 278

Activitypoints: 946

Date of registration: May 26th 2020

  • Send private message

2

Saturday, November 21st 2020, 7:40pm

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!


Come ti capisco. Posso solo dirti, non demordere, continua così.. prima o poi l ansia mollerà la presa.. se trova terreno fertile, è finita. Non va più via. Quindi posso consigliarti di continuare così finché la maledetta ansia non si smonta. È dura anzi durissima. Io vertigini da due anni ma fosse solo quello! senso di irrealtà perenne, confusione, un incubo. Sto facendo le cose in automatico pur di farle, ma è come se non ci fossi ne con la testa ne col corpo.
Soffro comunque anche du vertigini che danno anche loro questi sintomi. Quindi senti comunque il parere di un otorino.
Un abbraccio pieno di forza!!!

La mente mente

Utente Attivo

Posts: 98

Activitypoints: 308

Date of registration: Jun 4th 2020

  • Send private message

3

Saturday, November 21st 2020, 7:42pm

Ciao Vatika, che dire se non che mi immedesimo totalmente con le tue inquietudini: sono terrorizzato dal presente tanto da non vedere un futuro. Noi che viviamo nelle zone rosse abbiamo di fronte a noi un quadro desolante, un disperato deserto dove sembra che siamo in guerra, contro un nemico invisibile che non lascia scampo, sia a chi ne viene colpito nel corpo e a chi ne viene indirettamente bersagliato nella psiche, fa sorgere paranoie e ansie che devastano coloro che, come noi, hanno già le loro crisi, le loro battaglie da affrontare. Per me personalmente, ma credo sia anche il tuo caso, il disagio generale si aggancia al nostro disagio personale pregresso, non facendo altro che moltiplicarlo all'ennesima potenza, ad alienarmi talmente tanto da essere convinto di vivere in una realtà distopica.

Vatìka

Utente Attivo

  • "Vatìka" started this thread

Posts: 86

Activitypoints: 328

Date of registration: Nov 10th 2017

  • Send private message

4

Saturday, November 21st 2020, 9:10pm

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!


Come ti capisco. Posso solo dirti, non demordere, continua così.. prima o poi l ansia mollerà la presa.. se trova terreno fertile, è finita. Non va più via. Quindi posso consigliarti di continuare così finché la maledetta ansia non si smonta. È dura anzi durissima. Io vertigini da due anni ma fosse solo quello! senso di irrealtà perenne, confusione, un incubo. Sto facendo le cose in automatico pur di farle, ma è come se non ci fossi ne con la testa ne col corpo.
Soffro comunque anche du vertigini che danno anche loro questi sintomi. Quindi senti comunque il parere di un otorino.
Un abbraccio pieno di forza!!!


ciao allegria, grazie mille per il supporto!!! non ho scritto molte cose per non ripetermi e annoiare chi poteva trovarsi a leggermi, però già ho fatto tutti i controlli del caso, otorinolaringoiatra, neurologo e risonanza encefalica abbastanza specifica, ma è risultato tutto negativo! data la descrizione del sintomo tutti già alla prima visita mi hanno detto che si tratta di una somatizzazione ansiosa! io ho sofferto in passato di ansia e depressione che ho curato facendo psicoterapia, e posso dire in base all'esperienza passata che questa nuova fase è del tutto diversa... non ho ansia e attacchi di panico, non ho piccole ossessioni, o i sintomi che sentivo anni fa... però c'è questo moto continuo nella testa, con picchi di angoscia e sento poi, come te, questa sensazione strana di non vivere la mia vita, che però non posso definire come derealizzazione o depersonalizzazione, che pure ho sperimentato anni fa!!! perciò a volte mi viene facile non credere che si tratti di ansia... mi sembra tanto un ronzio di sottofondo tanto fastidioso che non fa ragionare!!! se qualche anno fa invadeva tutto il corpo, adesso invade solo la mente... ad essere sincera preferivo il disagio della prima volta a questo!!! te invece quanto tempo è che hai a che fare con l'ansia?! grazie mille per la risposta mi sento già un pochino meglio!!! :)

Vatìka

Utente Attivo

  • "Vatìka" started this thread

Posts: 86

Activitypoints: 328

Date of registration: Nov 10th 2017

  • Send private message

5

Saturday, November 21st 2020, 9:35pm

Ciao Vatika, che dire se non che mi immedesimo totalmente con le tue inquietudini: sono terrorizzato dal presente tanto da non vedere un futuro. Noi che viviamo nelle zone rosse abbiamo di fronte a noi un quadro desolante, un disperato deserto dove sembra che siamo in guerra, contro un nemico invisibile che non lascia scampo, sia a chi ne viene colpito nel corpo e a chi ne viene indirettamente bersagliato nella psiche, fa sorgere paranoie e ansie che devastano coloro che, come noi, hanno già le loro crisi, le loro battaglie da affrontare. Per me personalmente, ma credo sia anche il tuo caso, il disagio generale si aggancia al nostro disagio personale pregresso, non facendo altro che moltiplicarlo all'ennesima potenza, ad alienarmi talmente tanto da essere convinto di vivere in una realtà distopica.


ciao mente, si purtroppo tutta questa situazione del covid non aiuta affatto... ha condizionato ogni aspetto della nostra vita, dal più banale al più serio, e per noi ansiosi che già a fatica usciamo dalle nostre zone comfort, questa vita non vita non fa per niente bene... poi per ognuno ovviamente questo periodo assume un significato diverso e scatena emozioni differenti... sarò sincera io non riesco a sentire cosa mi scatena, ma qualcosa sicuramente visto che sto combinata così...! tu come stai? ci siamo lasciati che progettavi gli esami da sostenere, cosa è successo?!

Allegria!

Giovane Amico

Posts: 278

Activitypoints: 946

Date of registration: May 26th 2020

  • Send private message

6

Saturday, November 21st 2020, 9:57pm

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!


Come ti capisco. Posso solo dirti, non demordere, continua così.. prima o poi l ansia mollerà la presa.. se trova terreno fertile, è finita. Non va più via. Quindi posso consigliarti di continuare così finché la maledetta ansia non si smonta. È dura anzi durissima. Io vertigini da due anni ma fosse solo quello! senso di irrealtà perenne, confusione, un incubo. Sto facendo le cose in automatico pur di farle, ma è come se non ci fossi ne con la testa ne col corpo.
Soffro comunque anche du vertigini che danno anche loro questi sintomi. Quindi senti comunque il parere di un otorino.
Un abbraccio pieno di forza!!!


ciao allegria, grazie mille per il supporto!!! non ho scritto molte cose per non ripetermi e annoiare chi poteva trovarsi a leggermi, però già ho fatto tutti i controlli del caso, otorinolaringoiatra, neurologo e risonanza encefalica abbastanza specifica, ma è risultato tutto negativo! data la descrizione del sintomo tutti già alla prima visita mi hanno detto che si tratta di una somatizzazione ansiosa! io ho sofferto in passato di ansia e depressione che ho curato facendo psicoterapia, e posso dire in base all'esperienza passata che questa nuova fase è del tutto diversa... non ho ansia e attacchi di panico, non ho piccole ossessioni, o i sintomi che sentivo anni fa... però c'è questo moto continuo nella testa, con picchi di angoscia e sento poi, come te, questa sensazione strana di non vivere la mia vita, che però non posso definire come derealizzazione o depersonalizzazione, che pure ho sperimentato anni fa!!! perciò a volte mi viene facile non credere che si tratti di ansia... mi sembra tanto un ronzio di sottofondo tanto fastidioso che non fa ragionare!!! se qualche anno fa invadeva tutto il corpo, adesso invade solo la mente... ad essere sincera preferivo il disagio della prima volta a questo!!! te invece quanto tempo è che hai a che fare con l'ansia?! grazie mille per la risposta mi sento già un pochino meglio!!! :)


Cara io sono 20 anni che tra alti e bassi, soffro di ansia, che si manifesta con panico (per fortuna raramente), e tutti i sintomi che sappiamo già come i tuoi.. strani, nuovi, a volte fisici, a volte cognitivi, a volte entrambi, a volte zero, basta niente ansia.. e poi eccola che riappare con nuove forme, che ci fanno pensare a tutto tranne a lei! Tremenda! Se posso chiederti, tu la dere e depe, per quanto l hai avuta e come hai fatto ad uscirne? Per me sono "nuovi" e infatti hanno attecchito subito e mi hanno gettato nel terrore più totale. Comunque anch'io ho fatto tutti gli stessi esami tuoi, rm encefalo, tac, elettroencefalogramma H24 HOLTER! pensavo all'epilessia, a un certo punto.. poi endocrinologo, otorino.. ecco però l otorino mi ha diagnosticato le vertigini vere, vestibolari, che danno la stessa sintomatologia.. Ma ok, passate quelle honle altre dell'ansia, gli svarioni.. poi acufeni.. guarda un incubo. Stasera ho tel per la 700centisima volta il mio psichiatra e lui che per stemperare un pò mi ha detto oh sisi come no si certo la ricovereranno e le faranno aspetti ah si le faranno 1 elettroshok ogni10 minuti! Ma io, tesa come la corda del violino, non ho riso con lui, no.. gli ho detto oddio ma come, ma allora è psicosi??? E lui ma nooooooo non ha nessuna psicosi e le giuro che le passa questo sintomo.. in psichiatria, purtroppo, abbiamo TEMPI LUNGHI.. no vabbè stavo svanendo!!!! Aiuto che angoscia tremenda.. ma passerà. Ah e mi ha detto, fare fare fare sempre tutto come se nulla fosse, va smontata, sempre. Mai ascoltarla.. Quindi che dire, coraggio e forza a noi!!!

La mente mente

Utente Attivo

Posts: 98

Activitypoints: 308

Date of registration: Jun 4th 2020

  • Send private message

7

Saturday, November 21st 2020, 10:16pm

tu come stai? ci siamo lasciati che progettavi gli esami da sostenere, cosa è successo?!


Purtroppo avevo talmente tanta ansia da studiare poco o niente, e non ho voluto presentarmi agli appelli perché impreparato. Ciò mi ha gettato nello sconforto più totale, e ora sto più in crisi di prima. Spero che li riuscirò a dare finalmente a gennaio. Sono così deluso con me stesso, mi sento davvero mediocre. Sto per aprire un thread nel quale documento i miei progressi con lo studio, piano piano ci riuscirò.

Vatìka

Utente Attivo

  • "Vatìka" started this thread

Posts: 86

Activitypoints: 328

Date of registration: Nov 10th 2017

  • Send private message

8

Saturday, November 21st 2020, 11:54pm

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!


Come ti capisco. Posso solo dirti, non demordere, continua così.. prima o poi l ansia mollerà la presa.. se trova terreno fertile, è finita. Non va più via. Quindi posso consigliarti di continuare così finché la maledetta ansia non si smonta. È dura anzi durissima. Io vertigini da due anni ma fosse solo quello! senso di irrealtà perenne, confusione, un incubo. Sto facendo le cose in automatico pur di farle, ma è come se non ci fossi ne con la testa ne col corpo.
Soffro comunque anche du vertigini che danno anche loro questi sintomi. Quindi senti comunque il parere di un otorino.
Un abbraccio pieno di forza!!!


ciao allegria, grazie mille per il supporto!!! non ho scritto molte cose per non ripetermi e annoiare chi poteva trovarsi a leggermi, però già ho fatto tutti i controlli del caso, otorinolaringoiatra, neurologo e risonanza encefalica abbastanza specifica, ma è risultato tutto negativo! data la descrizione del sintomo tutti già alla prima visita mi hanno detto che si tratta di una somatizzazione ansiosa! io ho sofferto in passato di ansia e depressione che ho curato facendo psicoterapia, e posso dire in base all'esperienza passata che questa nuova fase è del tutto diversa... non ho ansia e attacchi di panico, non ho piccole ossessioni, o i sintomi che sentivo anni fa... però c'è questo moto continuo nella testa, con picchi di angoscia e sento poi, come te, questa sensazione strana di non vivere la mia vita, che però non posso definire come derealizzazione o depersonalizzazione, che pure ho sperimentato anni fa!!! perciò a volte mi viene facile non credere che si tratti di ansia... mi sembra tanto un ronzio di sottofondo tanto fastidioso che non fa ragionare!!! se qualche anno fa invadeva tutto il corpo, adesso invade solo la mente... ad essere sincera preferivo il disagio della prima volta a questo!!! te invece quanto tempo è che hai a che fare con l'ansia?! grazie mille per la risposta mi sento già un pochino meglio!!! :)


Cara io sono 20 anni che tra alti e bassi, soffro di ansia, che si manifesta con panico (per fortuna raramente), e tutti i sintomi che sappiamo già come i tuoi.. strani, nuovi, a volte fisici, a volte cognitivi, a volte entrambi, a volte zero, basta niente ansia.. e poi eccola che riappare con nuove forme, che ci fanno pensare a tutto tranne a lei! Tremenda! Se posso chiederti, tu la dere e depe, per quanto l hai avuta e come hai fatto ad uscirne? Per me sono "nuovi" e infatti hanno attecchito subito e mi hanno gettato nel terrore più totale. Comunque anch'io ho fatto tutti gli stessi esami tuoi, rm encefalo, tac, elettroencefalogramma H24 HOLTER! pensavo all'epilessia, a un certo punto.. poi endocrinologo, otorino.. ecco però l otorino mi ha diagnosticato le vertigini vere, vestibolari, che danno la stessa sintomatologia.. Ma ok, passate quelle honle altre dell'ansia, gli svarioni.. poi acufeni.. guarda un incubo. Stasera ho tel per la 700centisima volta il mio psichiatra e lui che per stemperare un pò mi ha detto oh sisi come no si certo la ricovereranno e le faranno aspetti ah si le faranno 1 elettroshok ogni10 minuti! Ma io, tesa come la corda del violino, non ho riso con lui, no.. gli ho detto oddio ma come, ma allora è psicosi??? E lui ma nooooooo non ha nessuna psicosi e le giuro che le passa questo sintomo.. in psichiatria, purtroppo, abbiamo TEMPI LUNGHI.. no vabbè stavo svanendo!!!! Aiuto che angoscia tremenda.. ma passerà. Ah e mi ha detto, fare fare fare sempre tutto come se nulla fosse, va smontata, sempre. Mai ascoltarla.. Quindi che dire, coraggio e forza a noi!!!


a me sembra che sia arrivato tutto insieme nel 2017, prima non avevo proprio idea di cosa fossero i disturbi di ansia... fu un anno veramente difficile, però mi regalò tanto... da allora ho imparato a volermi bene... anche se a quanto sembra devo essermi persa adesso!!! comunque per quanto riguarda dep e der durante quell'anno si è trattato di episodi isolati, molto intensi, ma di breve durata... proprio come un attacco di panico, allora cercavo di accettarlo, di comprenderlo, e soprattutto cercavo contatti con la realtà, quindi di capire come mi sentivo quando mi succedeva oppure concentravo la mia attenzione su oggetti che magari mi ricordavano cosa avevo fatto poco prima di questi episodi... e passava! quello che mi capita adesso è un po diverso, è meno intenso ma è continuo e anche in questo caso cerco il contatto con la realtà col momento e con il luogo in cui sono... cerco di fare cose che impegnano la mia testa, il suo lato creativo, quello cognitivo, ecc... del tipo in questo periodo, a costo di sembrare una bambina di due anni (chi se ne frega), coloro mandala, li scarico da internet, prendo dei vecchi pastelli, per un'oretta al giorno... e devo dire che un pochino meglio mi fa stare!!! oppure lavoro al macramè... insomma faccio quelle cose che mi tengono occupata in modo tale da non far volare la testa!!! ovviamente non ci riesco sempre, soprattutto quando inizio è difficile!!! a me sembra una continua lotta! e mi sento proprio stanca!!! non dormo per più di tre ore di fila da ormai due mesi... sono troppo stanca... ma domani è un altro giorno... andrà meglio!!! :)

Vatìka

Utente Attivo

  • "Vatìka" started this thread

Posts: 86

Activitypoints: 328

Date of registration: Nov 10th 2017

  • Send private message

9

Sunday, November 22nd 2020, 12:08am

tu come stai? ci siamo lasciati che progettavi gli esami da sostenere, cosa è successo?!


Purtroppo avevo talmente tanta ansia da studiare poco o niente, e non ho voluto presentarmi agli appelli perché impreparato. Ciò mi ha gettato nello sconforto più totale, e ora sto più in crisi di prima. Spero che li riuscirò a dare finalmente a gennaio. Sono così deluso con me stesso, mi sento davvero mediocre. Sto per aprire un thread nel quale documento i miei progressi con lo studio, piano piano ci riuscirò.


mente, mancare un esame universitario non è un dramma... fatti un bel piano di studi, uno di quelli concreti, dove non chiedi a te stesso più di quanto non puoi sopportare in questo periodo... domani ti poni l'obbiettivo di dieci pagine, sono poche e vederle finite ti darà soddisfazione e una spinta in più per il giorno dopo, quando magari ne farai 15, e il giorno dopo ancora 20.... e così via.... ma soprattutto torna a studiare per la voglia di farlo, appassionati di nuovo a ciò che leggi... non studiare perchè devi fare l'esame, ma perchè vuoi saperne di più!!! forza... perdonati questo mancato appello e vai avanti!!!

Allegria!

Giovane Amico

Posts: 278

Activitypoints: 946

Date of registration: May 26th 2020

  • Send private message

10

Sunday, November 22nd 2020, 12:16am

buonasera a tutti... in piena zona rossa, col rumore del vento in sottofondo che sembra abbattere qualsiasi cosa si trovi d'avanti, questa giornata non sembra avere fine... un fine... e provo e riprovo a darglielo, ma niente... come si può convivere con una sensazione del genere?! cerco di distrarmi in ogni modo possibile: smonto casa, leggo, guardo un film, impasto di tutto, cerco di studiare... cerco di essere positiva, mi dico che tutto passerà, di tenermi occupata finché non farò più caso a questo sintomo subdolo e cattivo. faccio gli esercizi di respirazione, compro lampade di sale, coloro mandala, metto a bollire l'alloro, ma poi arrivano momenti come questo dove penso che sto facendo di tutto, ma questo non sparisce... la mia vita tornerà mai quella di prima?! potrò finalmente non sentirmi più in questa giostra che continua a girare? penso al futuro e questo gira, penso al passato e anche questo gira... non so più nemmeno come descrivere tutto quello che mi sta succedendo nella testa, non so più che nome dargli... vertigini, no, capogiri, no, testa vuota, no.... ansia, depressione, somatizzazione...? non so più niente!!! so solo che voglio tutto questo finisca!!! non ce la faccio più!!! regalo immensi sorrisi mentre nella testa sento un mostro che mi sta mangiando viva!!! come si fa ad accettare questo?! non so più come aiutarmi!!! scusate il thread senza senso, ho bisogno di sfogarmi un po!!!


Come ti capisco. Posso solo dirti, non demordere, continua così.. prima o poi l ansia mollerà la presa.. se trova terreno fertile, è finita. Non va più via. Quindi posso consigliarti di continuare così finché la maledetta ansia non si smonta. È dura anzi durissima. Io vertigini da due anni ma fosse solo quello! senso di irrealtà perenne, confusione, un incubo. Sto facendo le cose in automatico pur di farle, ma è come se non ci fossi ne con la testa ne col corpo.
Soffro comunque anche du vertigini che danno anche loro questi sintomi. Quindi senti comunque il parere di un otorino.
Un abbraccio pieno di forza!!!


ciao allegria, grazie mille per il supporto!!! non ho scritto molte cose per non ripetermi e annoiare chi poteva trovarsi a leggermi, però già ho fatto tutti i controlli del caso, otorinolaringoiatra, neurologo e risonanza encefalica abbastanza specifica, ma è risultato tutto negativo! data la descrizione del sintomo tutti già alla prima visita mi hanno detto che si tratta di una somatizzazione ansiosa! io ho sofferto in passato di ansia e depressione che ho curato facendo psicoterapia, e posso dire in base all'esperienza passata che questa nuova fase è del tutto diversa... non ho ansia e attacchi di panico, non ho piccole ossessioni, o i sintomi che sentivo anni fa... però c'è questo moto continuo nella testa, con picchi di angoscia e sento poi, come te, questa sensazione strana di non vivere la mia vita, che però non posso definire come derealizzazione o depersonalizzazione, che pure ho sperimentato anni fa!!! perciò a volte mi viene facile non credere che si tratti di ansia... mi sembra tanto un ronzio di sottofondo tanto fastidioso che non fa ragionare!!! se qualche anno fa invadeva tutto il corpo, adesso invade solo la mente... ad essere sincera preferivo il disagio della prima volta a questo!!! te invece quanto tempo è che hai a che fare con l'ansia?! grazie mille per la risposta mi sento già un pochino meglio!!! :)


Cara io sono 20 anni che tra alti e bassi, soffro di ansia, che si manifesta con panico (per fortuna raramente), e tutti i sintomi che sappiamo già come i tuoi.. strani, nuovi, a volte fisici, a volte cognitivi, a volte entrambi, a volte zero, basta niente ansia.. e poi eccola che riappare con nuove forme, che ci fanno pensare a tutto tranne a lei! Tremenda! Se posso chiederti, tu la dere e depe, per quanto l hai avuta e come hai fatto ad uscirne? Per me sono "nuovi" e infatti hanno attecchito subito e mi hanno gettato nel terrore più totale. Comunque anch'io ho fatto tutti gli stessi esami tuoi, rm encefalo, tac, elettroencefalogramma H24 HOLTER! pensavo all'epilessia, a un certo punto.. poi endocrinologo, otorino.. ecco però l otorino mi ha diagnosticato le vertigini vere, vestibolari, che danno la stessa sintomatologia.. Ma ok, passate quelle honle altre dell'ansia, gli svarioni.. poi acufeni.. guarda un incubo. Stasera ho tel per la 700centisima volta il mio psichiatra e lui che per stemperare un pò mi ha detto oh sisi come no si certo la ricovereranno e le faranno aspetti ah si le faranno 1 elettroshok ogni10 minuti! Ma io, tesa come la corda del violino, non ho riso con lui, no.. gli ho detto oddio ma come, ma allora è psicosi??? E lui ma nooooooo non ha nessuna psicosi e le giuro che le passa questo sintomo.. in psichiatria, purtroppo, abbiamo TEMPI LUNGHI.. no vabbè stavo svanendo!!!! Aiuto che angoscia tremenda.. ma passerà. Ah e mi ha detto, fare fare fare sempre tutto come se nulla fosse, va smontata, sempre. Mai ascoltarla.. Quindi che dire, coraggio e forza a noi!!!


a me sembra che sia arrivato tutto insieme nel 2017, prima non avevo proprio idea di cosa fossero i disturbi di ansia... fu un anno veramente difficile, però mi regalò tanto... da allora ho imparato a volermi bene... anche se a quanto sembra devo essermi persa adesso!!! comunque per quanto riguarda dep e der durante quell'anno si è trattato di episodi isolati, molto intensi, ma di breve durata... proprio come un attacco di panico, allora cercavo di accettarlo, di comprenderlo, e soprattutto cercavo contatti con la realtà, quindi di capire come mi sentivo quando mi succedeva oppure concentravo la mia attenzione su oggetti che magari mi ricordavano cosa avevo fatto poco prima di questi episodi... e passava! quello che mi capita adesso è un po diverso, è meno intenso ma è continuo e anche in questo caso cerco il contatto con la realtà col momento e con il luogo in cui sono... cerco di fare cose che impegnano la mia testa, il suo lato creativo, quello cognitivo, ecc... del tipo in questo periodo, a costo di sembrare una bambina di due anni (chi se ne frega), coloro mandala, li scarico da internet, prendo dei vecchi pastelli, per un'oretta al giorno... e devo dire che un pochino meglio mi fa stare!!! oppure lavoro al macramè... insomma faccio quelle cose che mi tengono occupata in modo tale da non far volare la testa!!! ovviamente non ci riesco sempre, soprattutto quando inizio è difficile!!! a me sembra una continua lotta! e mi sento proprio stanca!!! non dormo per più di tre ore di fila da ormai due mesi... sono troppo stanca... ma domani è un altro giorno... andrà meglio!!! :)


Bravissima! Bisogna proprio fare lavoretti manuali, tenere impegnata la testa.. che poi purtroppo spesso non basta, ma intanto qualcosa fa! Si anche a me la der e dep durava pochissimi secondi ed era molto intensa, mi distraevo e passava subito. Ora invece ogni volta che ci penso, viene forte come allora, e ovviamente, tutto il giorno o quasi, perchè poi ci penso, e torna sempre.. Inoltre ora l ansia essendo tutta sul piano cognitivo, sono sfinita perché ho questo perenne senso di sbandamento, di confusione, di sentirmi come lontana da me, da tutto, come di non capire più niente ecco. Ed è tremenda. Com'è dura credere ai medici e non credere alla paura di impazzire.. oggi ho avuto acufeni, dere depe, vertigini, sonnolenza, tutto il santo giorno.. nonostante abbia come dici tu, smontato casa, pulito ovunque, stirato, lavato le finestre.. niente da fare oggi.. solo momenti in cui non ci pensavo.. il resto un incubo!
Facciamoci coraggio! Non demordere e fare tutto lo stesso, anche con i nostri fastidi.
:love:

leonardh

Utente Attivo

Posts: 31

Activitypoints: 100

Date of registration: Oct 21st 2020

  • Send private message

11

Sunday, November 22nd 2020, 9:23am

Da qualche settimana mi ritrovo anch'io nella situazione da voi descritta.

Ansia che NON si somatizza più attraverso dei sintomi fisici specifici e circoscritti.

Provo angoscia "del non essere più presente a me stesso" e da lì sensazioni, confuse ed impalpabili, legate dapprima al respiro e successivamente al senso di equilibrio ed alle percezioni sensoriali e cognitive in genere.

Tutto ciò non ciò capita mai, o quasi, quando mi ritrovo nella mia zona comfort (casa) bensì, per esempio, quando sto fuori, a qualche centinaio di Km lontano dal mio quartiere, nel mezzo di una enorme piazza o in auto a 100 km/h su un lungo viadotto. A differenza di un comune attacco di panico non è un qualcosa di violento che termina in 10 minuti, ma un qualcosa di subdolo che non esplode mai ma ti accompagna per ore, sino al raggiungimento di una zona comfort. Raggiunta la zona comfort tutto scompare molto velocemente lasciandoti una spossatezza enorme.

Ormai conosco il problema e so che se iniziassi a fuggire ed evitare sarebbe la fine perché queste sensazioni, presto o tardi, mi fagociterebbero anche nelle attuali zone comfort.

Non voglio farmaci. L'unica strada è quella di andare avanti, vivere le situazioni temute e subire il malessere quando arriva, con la consapevolezza che si tratta solo di pensieri, illusioni, allucinazioni che non possono arrecarti danni fisici.

rebelrebel

Utente Fedele

Posts: 378

Activitypoints: 1,141

Date of registration: Jul 16th 2020

  • Send private message

12

Sunday, November 22nd 2020, 9:43am


Da qualche settimana mi ritrovo anch'io nella situazione da voi descritta.

Ansia che NON si somatizza più attraverso dei sintomi fisici specifici e circoscritti.

Provo angoscia "del non essere più presente a me stesso" e da lì sensazioni, confuse ed impalpabili, legate dapprima al respiro e successivamente al senso di equilibrio ed alle percezioni sensoriali e cognitive in genere.

Tutto ciò non ciò capita mai, o quasi, quando mi ritrovo nella mia zona comfort (casa) bensì, per esempio, quando sto fuori, a qualche centinaio di Km lontano dal mio quartiere, nel mezzo di una enorme piazza o in auto a 100 km/h su un lungo viadotto. A differenza di un comune attacco di panico non è un qualcosa di violento che termina in 10 minuti, ma un qualcosa di subdolo che non esplode mai ma ti accompagna per ore, sino al raggiungimento di una zona comfort. Raggiunta la zona comfort tutto scompare molto velocemente lasciandoti una spossatezza enorme.

Ormai conosco il problema e so che se iniziassi a fuggire ed evitare sarebbe la fine perché queste sensazioni, presto o tardi, mi fagociterebbero anche nelle attuali zone comfort.

Non voglio farmaci. L'unica strada è quella di andare avanti, vivere le situazioni temute e subire il malessere quando arriva, con la consapevolezza che si tratta solo di pensieri, illusioni, allucinazioni che non possono arrecarti danni fisici.


non so se stati parlando di depersonalizzazione e derealizzazione. ma se è così, occhio, sei in una fase in cui ti consiglio caldamente di fare qualcosa. subire il disagio ti porterà più che altro ad esserne sempre più ostaggio e ad alienarti e deprimerti progressivamente. almeno, a me successe così.

Allegria!

Giovane Amico

Posts: 278

Activitypoints: 946

Date of registration: May 26th 2020

  • Send private message

13

Sunday, November 22nd 2020, 10:43am

Cari, buongiorno.
Rebel, si ma per esempio io che ci sono dentro in pieno (dere e depe), ho lo psichiatra che mi dice no farmaci assolutamente non prenda niente, piuttosto valeriana, perchè passa da sola, è ansia.. si ma due anni cosi e lui eh ma i tempi sono lunghi on psichiatria e se possibile meglio evitare i farmaci sopratuttose non servono..Poi lo psicoterapeuta (quello bravo) che ho pregato in ginocchio di reiniziare la psicoterapia e mi ha detto no, non serve a niente, quello che dovevamo fare, abbiamo fatto.
La meditazione, e tu sai, per ora psichiatra mi ha detto, no, aspetti a farla. Faccia vita normale come se niente fosse non si fissi sui sintomi non faccia niente per contrastarli, sono vita normale, si deve distrarre e pian piano va via. Ma io sto impazzendo ragazzi con sti sintomi se non impazzisco ora veramente poi superata questa, tutto il resto non mi farà più niente.. Sono sintomi tremendi

Leonardh ciao! Fai bene secondo me a fare così, nel senso che pian piano resistendo a non fuggire e alle botte di questa ansia maledetta, andrà via, perchè non avrà più ragion d essere. Però è dura si.. se puoi, fatti seguire da uno psicoterapeuta che ti detta meglio pratiche tecniche e tempi.. e poi ti sostiene.. io ora che sono sola divento matta.. almeno prima avevo le rassicurazioni che mi incoraggiavano.. ora nulla. Aiuto ragazzi! Un abbraccio fortissimo Rebel e Leonardh e buona domenica :love:

leonardh

Utente Attivo

Posts: 31

Activitypoints: 100

Date of registration: Oct 21st 2020

  • Send private message

14

Sunday, November 22nd 2020, 11:08am

non so se stati parlando di depersonalizzazione e derealizzazione. ma se è così, occhio, sei in una fase in cui ti consiglio caldamente di fare qualcosa. subire il disagio ti porterà più che altro ad esserne sempre più ostaggio e ad alienarti e deprimerti progressivamente. almeno, a me successe così.


La mia situazione temuta sono tutte le circostanze in cui una immediata via di fuga è impossibile (autostrade, viadotti, gallerie...) o un soccorso immediato è impossibile (strade e luoghi molto isolati, lontani da centri abitati dove poter trovare aiuto) o quando chiedere un eventuale aiuto significherebbe comunque esporre la fragilità al mondo (rimanere con le gambe paralizzate o con vertigini al centro di una enorme piazza, in una strada affollata o in posti in cui sei vulnerabile in questo senso).

Quando mi trovo in una di queste situazioni inizio a pensare che SE mi sentissi male non potrei tenere sotto controllo la crisi e che SE tale crisi degenerasse potrei perdere il controllo in preda alla paura o addirittura impazzire facendo gesti che mettano a repentaglio la mia e l'altrui incolumità. Quanti SE. Inizia con un respiro che non segue più il corpo, prosegue con una sensazione di confusione e mancamento e da lì in poi è come se non fossi più presente a me stesso ed alla realtà circostante.

Concordo con Allegria, credo che l'unica cosa che c'è da fare sia forzarci nel vivere una vista normale. E' solo questa la terapia.

Anche la meditazione secondo me non va bene. Noi non dobbiamo concentrare la mente sul corpo, dobbiamo lasciare andare il corpo e smettere di voler controllare quello che il corpo sa controllare benissimo da solo.

Allegria!

Giovane Amico

Posts: 278

Activitypoints: 946

Date of registration: May 26th 2020

  • Send private message

15

Sunday, November 22nd 2020, 11:38am

Esatto Leonardh, è proprio un classico del panico. L'ansia anticipatoria, detta anche (con voce alla fantozzi) la guastafesteee :assi: si perchè mantiene attiva l'attenzione su di essa e impedisce la distrazione che è la chiave per uscirne.
Comunque la meditazione secondo me, fa molto bene invece. Bisogna saperla fare bene ed essere predisposti. Io ora in piena dere e depe, con una meditazione, penso che aumenterei l'intensità dei sintomi partirei proprio con la testa aiuto no ora devo distrarmi a mille.. il più è riuscirci :-PP