Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Soraiya

Nuovo Utente

  • "Soraiya" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Dec 15th 2013

  • Send private message

1

Sunday, December 15th 2013, 11:54pm

Domande

Salve ho una domanda che mi "frulla nella testa" :) e spero di poter trovare delle risposte qui. Ovviamente posso immaginare già il perchè di una reazione simile ma, magari, qualche esperto mi sa dare una risposta più professionale.
C'è una persona a me molto cara che gioca spesso ai videogames (ci gioco anche io spesso ma non ho mai avuto reazioni simili), ma ogni qualvolta sbaglia o deve ripetere più volte l'azione, si prende la faccia a pugni o si morde il polso o si tira il pad nel viso. Questa cosa mi crea disagio perchè so che non è normale una reazione simile. Essa sa che la sua reazione è sbagliata e si ripromette di non farlo mai più ma poi non è così.
Vorrei avere una risposta concreta a tutto ciò!

Kublai

Moderatore

  • "Kublai" is male

Posts: 7,696

Activitypoints: 25,180

Date of registration: Jun 5th 2007

  • Send private message

2

Monday, December 16th 2013, 2:44am

Ho spostato il tuo thread in un'area più appropriata (Abuso e dipendenza).

Kublai per lo staff
E' il tuo comportamento a qualificarti, non ciò che possiedi o dici di essere...

3

Sunday, December 22nd 2013, 11:16pm

Parliamo di un soggetto di che età,soprattutto?
Se ami un fiore, non raccoglierlo altrimenti morirà e cesserà di essere ciò che ami. Quindi, se ami un fiore lascialo essere. L'amore non ha a che vedere con il possesso, ha a che vedere con l'apprezzamento.
Osho