Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Sam91

Nuovo Utente

  • "Sam91" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Oct 23rd 2017

  • Send private message

1

Monday, October 23rd 2017, 2:48am

Dipendenza dalla masturbazione

Salve a tutti, sono un ragazzo di 26 anni e credo di avere una dipendenza dalla masturbazione. Fin da adolescente mi sono sempre masturbato molto e spesso mi è capitato di pensare che esageravo, ma non mi sono mai dato troppo peso: in un modo o in un altro riuscivo comunque ad avere delle relazioni e una vita sessuale ansiosa ma tutto sommato normale. Solo negli ultimi mesi una parte di me si è convinta che il mio comportamento rientra nel quadro tipico delle dipendenze e che se la smettessi vivrei più serenamente i rapporti con le ragazze che frequento e magari starei meglio fisicamente (ho letto che influisce anche su capacità di concentrazione e qualità del sonno). Di contro, un'altra parte di me si ostina a rifiutarsi di vederla in questo modo e a pensare che sarebbe superficiale da parte mia credere di risolvere i miei problemi di ansie sociali e sessuali semplicemente smettendo di masturbarmi. Questa parte di me mi ha impedito e continua a impedirmi di fare un qualsiasi tentativo serio a smettere. Penso che i motivi che mi spingono a masturbarmi compulsivamente siano legati a una dipendenza affettiva, al mio desiderare tutte le donne o almeno le attenzioni di tutte loro, desiderio che mi porta all'esasperazione e quindi al desiderio di non desiderare niente e nessuno (come so che mi succederà dopo l'orgasmo). In altre parole forse cerco di contrastare la paura del rifiuto, l'impegno affettivo e roba del genere procurandomi piacere "immediato", il "poco ma sicuro". Ultimamente anche l'essermi imbarcato in relazioni che non desidero hanno peggiorato il problema, come se il masturbarmi mi aiutasse a estraniarmi e allontanarmi da certo sesso che sto vedendo come una costrizione, un mio dovere verso chi mi vuole bene. Ho paura che più vado avanti e più mi distanzio dalla possibilità di vivere relazioni normali o anche serenamente da solo, essendo le due cose collegate. Non riuscendo ad autocontrollarmi come la parte "sana" di me vorrebbe, dopo essermi masturbato mi disprezzo più del solito, anche perché sto coltivando un risentimento verso il sesso femminile e verso me stesso che comincia a farmi paura, di cui la masturbazione potrebbe rappresentare solo una manifestazione. Ora la mia domanda è: una dipendenza diventa tale già solo quando la percepiamo come tale, anche se non ci reca nessun danno fisico e quando non abbiamo prove che sia la causa di qualche disagio psicologico ma solo la certezza che si tratti di un sintomo? E se è davvero una dipendenza, come combatterla? Come deviare la mia attenzione dal sesso e da un bisogno di sesso che magari non è neanche vero? Ringrazio di cuore chiunque possa aiutarmi a fare luce sulla mia dipendenza o mi possa consigliare qualche lettura sull'argomento.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,837

Activitypoints: 26,944

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

2

Tuesday, October 24th 2017, 12:04pm

Cercati una mondana peripatetica che abbia pazienza e ti stia anche ad ascoltare. Pagherai un po', ma sempre meglio che buttarla in patologia.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Sam91

Nuovo Utente

  • "Sam91" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Oct 23rd 2017

  • Send private message

3

Tuesday, October 24th 2017, 2:07pm

Ma che risposta è? "non hai nessuna malattia, vai a pu**ane, ciao"...grazie!
Spero non sia la tua esperienza di counselor sociosanitario a spingerti da un lato a consigliarmi di andare a prostitute invece che da uno psicologo, dall'altro a ricordarmi che esistono patologie vere. Lo so che non è una patologia, negli stessi termini in cui non lo è l'ansia in generale o varie altre cose dibattute in questo forum, ma è ovvio, non ho detto di avere una dipedenza da eroina. Solo immaginavo che su di un forum dove si parla anche di astinenza da porno, prima esperienza sessuale e altri temi più puramente confidenziali non si corresse il rischio di essere presi così poco sul serio. Non mi sembra strano che ad uno che legge venga l'impulso di liquidare o semplificare una confidenza che poneva domande precise (confidenza che non è stato facile neanche per me razionalizzare o prendere sul serio, ti assicuro), mi sembra strano che se ad avere l'impulso è uno di quelli più attivi ed "esperti" questo non preferisca non rispondere proprio. Ma ok, evidentemente sono scemo io che cerco un confronto serio attraverso uno schermo o forse ho semplicemente sbagliato sezione e dovevo scrivere in "sesso e psiche". Saluti.

TeddyBear

Utente Fedele

  • "TeddyBear" is male

Posts: 461

Activitypoints: 1,621

Date of registration: Feb 18th 2017

  • Send private message

4

Tuesday, October 24th 2017, 6:39pm

Non so quanto la tua autodiagnosi sia accurata, penso piuttosto che il piacere sessuale è...un piacere e uno può sviluppare una dipendenza, e se non riesce a farlo con altre persone fa da solo. Te lo dico da segaiolo impenitente, c'è stato anche un periodo in cui ne facevo una decina al giorno, ogni occasione era buona, qualche volta mi sono anche toccato nel mio ufficio quando nessuno guardava. Per fortuna la cosa è scemata perché ho una certa età, sul lavoro non mi capita più di incontrare donne attraenti (condivido la stanza con una vecchia in età da pensione che fa scoregge rumorosissime), non ho più vita sociale e l'unica femmina che accetta di uscire con me è la mia cagnetta. Però insomma, la TV uscendo meno la vedo più spesso, e ora internet è consultabile dal telefonino, per cui sono ancora un gran pipparolo.
Posso dirti questo: intanto un libro non ti può aiutare, se pensi di aver perso il controllo del problema mettiti subito in terapia. Un test però puoi farlo da solo: se non sei in grado di passare una giornata intera senza toccarti, allora sei nel pieno della dipendenza.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 8,203

Activitypoints: 18,937

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

5

Tuesday, October 24th 2017, 7:55pm

in ufficio??? ma dai...sei un mito Teddy
Voglio fare con te l'amore vero quello che non abbiamo fatto mai
quello dove alla fine si piange e si leccano le lacrime

6

Tuesday, October 24th 2017, 11:41pm

E se è davvero una dipendenza, come combatterla?

Premesso che una dipendenza è una incapacità a rinunciare ad una determinata cosa o comportamento (hai provato ad astenerti o a modificare tali comportamenti, cioè ad importi a te stesso?), tu ti focalizzi sulla ritualità del gesto ma non guardi a monte di esso. Il punto non è in se la dipendenza dal sesso, se tale è, ma da quali dinamiche scaturiscono tali azioni. Lo scopo delle psicoterapie non è quello di agire sul sintomo ma sulla causa, cioè su quelle famose dinamiche che lo determinano. Personalmente resto a priori dell'opinione che qualora una persona non sia in grado da se si affrontare/risolvere un problema, debba usufruire di un aiuto esterno, riferito in questo caso alla figura professionale di uno psicologo che certamente saprà fornirti una chiave di interpretazione corretta della causa e quindi dei modi per affrontarla.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,837

Activitypoints: 26,944

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

7

Wednesday, October 25th 2017, 10:16am

Gli stimoli sono tanti e le sodddisfazioni sensuali poche, specie se uno è un po' sfigato e bruttino. Per cui manipolarselo diventa una forma di compensazione.

Per quel che riguarda lo psicologo: spesso costui è digiuno di sessualità e non ha esperienza in proposito.Che sia uomo o donna.A meno che sia una sessuologa esperita.

Invece una cortigiana datata, carina e sopratutto esperta, fi farà apprezzare la sessualità, tanto che sentirai meno il bisogno di manipolarti.
Ovvio che nel frattempo dovresti evitare roba porno di ogni genere e preferire il contatto umano.

Secondo me.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Fiamma verde

Amico Inseparabile

  • "Fiamma verde" is female

Posts: 868

Activitypoints: 3,176

Date of registration: Mar 16th 2011

  • Send private message

8

Friday, November 24th 2017, 3:07pm

Una dipendenza dev'essere diagnosticata da uno psicologo specializzato in dipendenze. Solo lui può dirti se davveri hai una dipendenza. Noi non possiamo farti diagnosi e dirti se sei dipendente o no e quindi sappilo questo. Se hai il dubbio vai da un dottore.
fine della storia, della vita, della strada, della....