Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


verderosa

Nuovo Utente

  • "verderosa" is female
  • "verderosa" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 34

Date of registration: May 21st 2012

  • Send private message

1

Monday, May 21st 2012, 2:58pm

Dipendenza da benzodiazepine

Buongiorno a tutti.
Ho letto molto in internet sulle benzodiazepine e c'è veramente da spaventarsi.

Ho assunto per 3 anni un antidepressivo (daparox). Ogni anno tentavo di smettere, al secondo anno
mi hanno suggerito un percorso di psicoterapia che ha portato i suoi frutti. L'anno scorso a maggio
ho smesso di assumere l'antidepressivo, ma dopo 2 mesi, come da calandario (anche per gli altri tentativi) si è scatenata
la crisi dell'astensione. Mi hanno suggerito lo Xanax, prima al bisogno e poi per un uso un po' piu' prolungato...
....infine sono stata meglio, tuttavia ho avuto una serie di problematiche esterne che non mi garantivano serenità.
Rischio di nuova cassaintegrazione, perdita del lavoro, un lutto in famiglia...e sono andata avanti ad assumerle...
cercando, goccia a goccia come per l'antidepressivo, di scalare. Quindi facendo un calcolo, sono 8 mesi che assumo
Xanax quotidianamente.

Ragazzi non vi dico la fatica. Ogni goccia in meno sono settimane di paure.

Al momento, ho la mia psicoterapeuta in maternità. E sto assumendo 3 goccie di Xanax al giorno.
Ho provato un mese e mezzo fa a toglierle, ma alla prima preoccupazione, sono andata out! Mi sono
spaventata molto perchè avevo perso l'entusiamo di fare tutto. Non le ho assunte per 10 giorni (guarda caso
le circa 10 emivite ) e subito dopo c'è stato un evento che mi ha procurato preoccupazione.

Ho ripreso cercando di tenere un dosaggio veramente basso e sono ripartita da 5 gocce, poi ho scalato a 4 e
ora sono a tre. Tre goccie sono 0,075 mg.

Ma possibile che si puo' essere dipendenti da 3 gocce di Xanax ? Oppure è solo una mia fissa ?
ma il domandone è questo : La crisi di astinenza, tolto il farmaco, è pesante e difficile indipendentemente
dal dosaggio che si assumeva ?

So che ogni individuo è a se stante, che dipende dalla storia, dall'ambiente esterno e da altre mille cose...
Chiedo questo, perchè ho visto su internet un bel sito che racconta molto sulle bendiazepine e suggerisce dei programmi a scalare, ma
indica anche che appunto è difficile acquisita la dipendenza interrompere l'assunzione. Addirittura suggeriscono degli antidepressivi!!!!
Ma se ho preso le benzodiazepine per aiutarmi ad eliminare gli antidepressivi !!! Sarebbe il paradosso.
Tuttavia ritengo che gli antidepressivi siano davvero dei farmaci molto potenti e che bisognerebbe farne un uso davvero misurato.

La psicoterapeuta ritiene che le mie tre gocce siano l'equivalente di un rimedio omeopatico. e non si sofferma troppo.
Forse io do troppa importanza a queste tre gocce. Lo psichiatra che mi seguiva e che non ho piu' contattato perchè non ce n'è
stato bisogno so che mi direbbe di smettere immediatamente e che sicuramente mi avrebbe fatto smettere prima.
Purtroppo pero' ritengo per esperienza personale che togliere un farmaco, antidepressivo e ansiolitico, sia un passo davvero
importante e che va fatto gradualmente e che talvolta le tabelle mediche non rispettano i momenti e le emozioni del paziente.
Rischi di togliere un farmaco in 6 settimane e dopo 4 il paziente è dietro a riprenderlo perchè non ce l'ha fatta!
Il paziente deve essere conseziente e convinto. Non è facile. E' davvero una dura guerra con se stessi.
Ma torniamo a me.

Un dosaggio di 0,075 di xanax è essere dipendenti ?
La crisi di astinenza che mi si prospetta potrà essere cosi' intensa ?
Non mi importano gli effetti fisici, quelli preoccupanti sono quelli spicologici.

Grazie a tutti per l'attenzione.

tommywest

Utente Fedele

  • "tommywest" is male
  • "tommywest" has been banned

Posts: 315

Activitypoints: 1,113

Date of registration: Nov 10th 2011

Location: pordenone

  • Send private message

2

Friday, June 29th 2012, 3:10pm

Ciao be ti dico che 3 goccie di xanax vermento sono niente , la dose minima e' 10 gocce oltretutto si consiglia di prenderne 2-3 volte al giorno quindi 30 gocce al giorno !credo sia diventata una forma di ipocondria , pen sa che io ho finito un antidepressivo e sono in preda all ansia e agli attacchi di panico e prendo 60 goccie di valium al giorno !Non so neanche io se tornare a prendere un antidepressivo ! Tu come ti trovavi con la paroxetina?

tommywest

Utente Fedele

  • "tommywest" is male
  • "tommywest" has been banned

Posts: 315

Activitypoints: 1,113

Date of registration: Nov 10th 2011

Location: pordenone

  • Send private message

3

Friday, June 29th 2012, 3:14pm

dimenticavo di dirti che gli effetti della sospensione di benzodiazepine sono solitmante ansia e attacchi di panico , ma solo se i dosaggi sono altissimi !

verderosa

Nuovo Utente

  • "verderosa" is female
  • "verderosa" started this thread

Posts: 9

Activitypoints: 34

Date of registration: May 21st 2012

  • Send private message

4

Monday, July 2nd 2012, 10:08am

Ciao.
Grazie mille per avermi inviato il messaggio!

La mia premessa per tutti:
-
quella che riporto è la mie esperienza personale, strettamente
personale. Con questo intendo che le decisioni di ciascuno di noi,
vengano fatte con il medico (psichiatra / psicologo) curante.

beh
innanzitutto gli effetti che tu indichi sono soliti della sospensione
della paroxetina, quantomeno nel mio caso. A me scattavano dopo 2 mesi
dalla sospensione.
Tieni conto che io ho sospeso a maggio dell'anno scorso. A luglio ho iniziato con crisi d'ansia.
Ho iniziato a prendere lo xanax prima al bisogno, con il supporto psicologico della psicoterapeuta.
Che purtroppo era ogni 2 giorni..
Ad ottobre, a fronte di un grosso impegno lavorativo, ho sbarellato. E li', lo psichiatra mi ha suggerito al posto di
riprendere l'antidepressivo, di prendere lo xanax ad un dosaggio un po' piu' alto ma in modo piu' continuativo per un po'.
Mi sembra di essere arrivata al massimo ad 1,20 mg. La sera per dormire la pastiglia da 0,50 e poi di giorno andavo a goccie.

E li'...mi sono sentita meglio.

Quando
volevo scalare, e togliere il farmaco (lo psichiatra mi aveva detto che
sarebbe stato per poco tempo), ho avuto una serie di
SANE preoccupazioni. E non me la sono sentita di affrontare ..tutto da sola.
(anche importantissimo riconoscere l'ansia SANA da quella patologica)

Poi
infine iniziato a scalare..al punto che ora prendo le due goccine.
Tieni conto che mi sono sentita decisamente meglio intorno a gennaio.

L'intenzione
è di toglierle dopo le vacanze, quando la mia psicoterapeuta rientra
dalla maternità. Adesso ho dovuto gestire anche il lutto
di mia zia...per cui ...le mie due goccine, vanno bene cosi'!

Quello
che ti posso portare è la mia esperienza. So perfettamente quanto si
sta male. Ma purtroppo anche quando si scala, di goccia in goccia
si
percepiscono i malesseri. Io sono una femminuccia di 1,56 m. Non so se
dipende anche dalla fisionomia. Certo che su uomo alto di 90 Kg, penso
che
la posologia sia differente. Questo per intendere che ognuno reagisce diversamente dagli altri.

C'è
da dire che la fortuna piu' grande è di saper reagire. Il nostro
malessere ce lo stiamo curando e questo è già un aspetto positivo. Ci
sono persone che non reagiscono
neanche con i farmaci!!!!

La
paroxetina ? quando ho iniziato a prenderla è da camicia di forza.
Volevo essere guardata a vista. Io prendevo il dosaggio minimo...che
secondo me, per me era eccessivo.
Mi dava stitichezza. Sono
ingrassata di 10 kg. Ma non perchè fa ingrassare il farmaco. Ma perchè
ti rilassa. Mi facevo di quelle dormite..
La sera era impossibile uscire, alle 21.00 ero già imbarellata!!!
E
non è neanche vero che toglie l'appetito sessuale, anzi nel mio caso
proprio no....PERO' è DECISAMENTE piu' lento il raggiungimento del
piacere. Quello era il problema.
Con il rilassamente arrivava anche l'appetito.
Dalla
prima somministrazione del farmaco, il raggiungimento dello star bene,
nel mio caso arrivava dopo tre settimane e mezzo. Sistematico.
Dopo
di chè, passato qualche tempo, diventavo, come scherzosamente con la
psicoterapeuta mi definivo, "wonder woman". Senza grandi difficoltà
riuscivo a gestire sia situazioni vecchie sia situazioni nuove.

E' che sai che non dipende da te!!! Riconosci che è una "droga" che ti far star bene...ma solo per il periodo necessario.

Il
farmaco serve a questo. Serve a farti stare bene, per poter aprire una
finestra temporale e a consentire una psicoterapia efficace che possa
poi
permetterti di gestire le situazioni quotidiane. Il problem è che
fatta la psicoterapia efficace non solo devi imparare a camminare con
le tue gambine,
ma ti devi gestire l'effetto post farmaco che in
alcuni casi/soggetti/situazioni è complicato. Non ci fosse, sarebbe già
un po' piu' facile.

Quando scalavo la paroxetina invece avevo delle crisi di rabbia.

Comunque supportati (e sopportati) da un buon psicoterapista, dalla famiglia, dal proprio compagno...
sta ad individuare il momento giusto. E questo lo devi determinare tu, con il tuo specialista.
Poi dopo qualche imprevisto puo' sempre esserci...

A presto!!!!!

giudasponge

Utente Attivo

Posts: 30

Activitypoints: 111

Date of registration: Jun 27th 2012

  • Send private message

5

Wednesday, July 4th 2012, 1:03am

Ciao be ti dico che 3 goccie di xanax vermento sono niente , la dose minima e' 10 gocce oltretutto si consiglia di prenderne 2-3 volte al giorno quindi 30 gocce al giorno !credo sia diventata una forma di ipocondria , pen sa che io ho finito un antidepressivo e sono in preda all ansia e agli attacchi di panico e prendo 60 goccie di valium al giorno !Non so neanche io se tornare a prendere un antidepressivo ! Tu come ti trovavi con la paroxetina?
mio Dio 60 gocce di valium....io non ti conosco, ma credo tu sia una boccetta che cammina...