Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


This thread is closed.

Helenasylvia

Utente Attivo

  • "Helenasylvia" is female
  • "Helenasylvia" started this thread

Posts: 26

Activitypoints: 92

Date of registration: Jun 21st 2013

Occupation: studentessa

  • Send private message

1

Saturday, June 22nd 2013, 1:08am

dipendenza affettiva?

Da tre anni conosco un ragazzo con cui all'inizio da parte mia c'era
solo amicizia, uscivamo ma io non ero particolarmente coinvolta,al
contrario di lui. Provo comunque qualche mese dopo a starci insieme per
vedere se magari seriamente poteva funzionare ma la storia finisce male,
lo tradisco di nascosto con un amico dell'ex ragazzo di una delle mie
amiche più care, vivo una sorta di relazione parallela, non sentendo
comunque nè rimorsi mentre lo facevo nè colpe. Successivamente, senza
pensarci sù decido di dirglelo e ci lasciamo consci che da parte mia era
una presa per i fondelli, in tutto questo non soffro nè provo dolore
per la situazione che mi era capitata. Vorrei sottolineare che in tutto
questo tempo non abbiamo mai avuto rapporti sessuali completi cosa che
invece avveniva,da parte mia, con altre persone alle sue spalle.
Decidiamo comunque di continuare a sentirci ma allo stesso tempo io
inizio ad uscire con diversi ragazzi cercando solo sesso anche
abbastanza promiscuo. Lui,invece sempre per sesso esce con una ragazza.
Passiamo così tutta l'estate da single continuando a vederci e ad avere i
primi rapporti sessali completi i quali diventano molto frequenti, ad
ogni modo senza pensare ad eventuali coinvolgimenti sentimentali. Un
giorno, tuttavia, appena l'estate era finita mi rendo conto che qualcosa
dentro di me stava cambiando, uscivo sempre meno con gli altri ragazzi
con cui avevo unicamente rapporti sessuali, quando lo vedevo ero meno
fredda e mi sentivo molto più coinvolta da lui anche dopo il sesso;
decido così di fargli sapere che sentivo qualcosa dentro di me per lui,
cosa che avviene tramite un messaggio su di un social network non avendo
il coraggio di confessare i miei sentimenti per lui dal vivo.
Lui,ovviamente, ne è entusiasto perchè durante l'estate anche se lo
nascondeva aveva maturato un forte sentimento per me; decidiamo quindi
di rifrequentarci seriamente cercando di far funzionare le cose. Da
questo momento, per me inizia una sorta di calvario,difatti ogni volta
che lo vedevo mi sentivo strana, insicura, avevo paura di aprirmi edi
mostrare questo sentimento che sentivo per lui; le mie reazioni sono di
allontamento, cercavo di allonatanarlo in qualsiasi modo, facendomi
disprezzare, dicendogli anche bugie o comunque sparendo
completamente,però tutte le volte provavo un forte senso di colpa e alla
fine lo ricontattavo o lui ricercava me. Questa situazione è durata per
circa un anno io sparivo, tornavo, lui cercava me o io cercavo lui.
Dopo circa quattro mesi, durante i quali avevo rapporti solo con lui,
riprendo a praticare sesso occasionale con diversi uomini e lui la vive
ovviamente molto male,restando comunque nella mia vita e anche se
soffrendo molto mi perdonava tutte le volte. Arriva l'estate dell'anno
dopo e io incontro un ragazzo ad un bar, che frequento spesso, e decido
di cambiare le cose nella mia vita,ovvero di uscirci seriamente
mettendone a conoscenza il mio ex. Si tratta di un ragazzo con la testa
sulle spalle e molto serio, ma anche la storia con quest'altro ragazzo è
un disastro, lo riempio di bugie, penso al mio ex anche durante i
rapporti sessuali e nonostante mi stessi frequentando con quest'altro
ragazzo, continuo a vedere anche il mio ex. Durante la frequentazione
con l'altro, il mio ex pur conscio del fatto che volevo vedere lui
principalmente vedendoci alle spalle dell'altro, inizia ad assumere
atteggiamenti molto strani, cambi d'umore frequenti, si taglia, ha un
rapporto occasionale con una sconosciuta alla quale racconta di me dopo
il sesso,facendomelo sapere e scaturendo dentro di me molta rabbia. Ciò
nonostante, dopo due mesi, vedendo che il sentimento per il mio ex è
ancora forte, scelgo lui lasciando l'altro con molta cattiveria; così
ritorniamo a frequentarci e ritorno ad andare a letto solo con lui e ad
avere "la testa" solo per lui. A settembre dell'anno scorso, trasloco in
un'altra casa per circa tre mesi e ritorna dentro di me quella voglia
di fare sesso occasionale continuando a voler comunque avere sempre lui
nella mia vita. I litigi si fanno sempre più intesi, arriviamo ai ferri
corti diverse volte anche se cerco sempre di farlo rimanere nella mia
vita e lui alla fine decideva sempre di voler restare, dato l'enorme e
smisurato sentimento verso di me. Qualche mese dopo, verso
gennaio,matura in me la sensazione di non provare più quel forte
sentimento che precedentemente provavo e,quindi,decido di lasciarlo e
dinon vederlo ne sentirlo più. Lui, ovviamente, stà malissimo e
sparisce.Quindi, per un pò di tempo, non ci sentiamo ed io inizio a
frequentarmi con un altro ragazzo in maniera non serissima e ad avere
rapporti, allo stesso tempo, con un mio amico. All'inizio cerco di non
pensare al mio ex,anzi a differenza degli altri nostri allontanamenti mi
sentivo abbastanza bene. Però, arriva un giorno che mi rendo conto di
star sbagliando e che neanche quest'altro ragazzo mi dava le stesse
sensazioni che provavo con il mio ex. Allora decido di ricontattarlo con
la scusa che,l'ultima volta che ci eravamo visti, mi aveva lasciato il
suo ombrello. Ci rivediamo e lui lo prende(l'ombrello) senza proferire
parola; era molto freddo e provato. Alchè, la prendo male e sento dentro
di me un dolore fortissimo e decido di farmi risentire cercandolo. Ci
risentiamo e lui mi racconta che nel periodo in cui non ci
vedevamo/sentivamo era uscito due volte con una ragazza in maniera più
seria. Anche questa cosa la prendo malissimo e gliela faccio pesare,
provando una gelosia fulminante anche solo quando mi pronunciava il suo
nome. Lui però mi dimostra nuovamente che non gli interessano le altre e
che vuole ancora me nella sua vita. Così decidiamo di rifrequentarci
ancora una volta, dopo averci riprovato tante volte, anche se dentro di
me sento sempre una forte gelosia per quella ragazza. Passiamo infatti
un altro mese a litigare spesso per questo motivo fin quando mi rendo
conto che lui è quello giusto per me che mi fa stare bene nonostante i
miei mille errori e, mettendo da parte anche la mia gelosia, decidiamo
di stare insieme seriamente. Lui nello stesso tempo cerca di trovarsi un
lavoro più stabile visto che ha 25 anni e questa era un'altra delle mie
forti preoccupazioni all'interno del nostro rapporto da sempre, dato
che non abitando vicini avevamo bisogni di soldi per vederci più
frequentemente e per "viverci" meglio.In tutto questo io mi allontano
completamente da quella vita di depravazioni e sesso occasionale. Quando
ci fidanziamo seriamente,tuttavia alterno momenti di felicità a momenti
di apatia molto forte, lui se ne accorge e inizia a colpevolizzarsi per
questo, pensando che il problema sia lui. In più si aggiunge il fatto
che la mia gelosia continua a farsi sempre più forte anche solo all'idea
che una possa fissarlo o guardarlo. Decidiamo quindi dopo neanche due
settimane di relazione stabile di lasciarci. La prendiamo entrambi
malissimo io soffro molto perchè nonostante avessi cercato di non andare
più con altri di limitarmi mi sentivo sempre non compresa, anche la mia
gelosia esagerata che a lui sfiancava e un pò infastidiva perchè io
alcune volte chattavo con un mio ex scopamico e quindi diceva che non
potevo essere cosi gelosa se io comunque ogni tanto mi "distraevo". Due
giorni dopo, settimana scorsa quindi,a casa di un amico riprendo il
sesso promiscuo. Quando ritorno a casa mi sento molto in colpa forse più
delle altre volte e mi sento vuota,instabile e sento dentro di me una
forte mancanza che è legata all'assenza del mio ex. Decido cosi l'altro
giorno di farmi risentire, ci risentiamo lui scopre della mia
"ricaduta"e si sente ferito, arrabbiato. Ciò nonostante decide di uscire
con me,ci vediamo e dopo il sesso lo imploro di rimettersi con me che
senza di lui non sono niente che mi sento sola e abbandonata e che
voglio ancora stare con lui e che ho ripreso il sesso promiscuo perchè
mi sentivo male e non volevo pensare più a lui sapendo che insieme non
ci sentivamomai abbastanza entrambi; il mio ex mi dice molto seriamente e
sinceramente che lui sa che io lo amo però soffre proprio perchè la
persona la quale sa che lo ama continua a sbagliare, non se la sente più
di stare con me e che non siamo mai felici e soprattutto io non sono
felice con lui. E' da ieri che sto molto male e vorrei solo dimenticarlo
però allo stesso tempo so di avergli rovinato in parte la vita e che
vorrei solo la sua felicità. Mi sento anche molto ma molto instabile e
ho paura di ricadere in questo vortice quando non sono con lui. Penso
che lo sto già in parte accettando però sento che anche se continueremo a
sentirci telefonicamente avrò sempre bisogno della sua "persona" e
nutrirò verso di lui questo sentimento che è inevitabile. Qualcuno può
aiutarmi? Sono alle prese di qualcosa simile alla dipendeza
affettiva?Dentro di me però non credo che la mia sia ossessione infatti
quando sono con lui sono spesso felice e sorrido e so anche che per lui
molte volte ho accantonato la mia vita da libertina,in passato non l'ho
mai fatto per nessun uomo in più non mi era mai capitato di aver bisogno
di qualcuno nella mia vita eppure ho avuto diverse esperienze anche se
per la maggior parte distruttive o comunque sessuali. Aggiungo infine
che a sedici anni ebbi diverse crisi psicologiche legate ad alcuni
problemi che ebbi a 14 anni all'interno della classe che frequentavo, e
in seguito ad un consulto psicologico mi fi diagnosticata la sindrome
borderline. Tutto questo può essere collegato?

2

Monday, June 24th 2013, 11:32pm

Ognuno è libero di fare quel che vuole nei limiti del lecito, il sesso promiscuo non necessariamente è una cosa negativa; quello che non va bene, se si vuole fare quel che si vuole, è che non è giusto fare del male agli altri, quindi se non sei in grado di avere una relazione seria e stabile con una persona, per i motivi che hai elencato, allora quella persona dovresti assolutamente lasciarla andare. Anche perché, senza offesa, mi sembri anche un po' troppo egoista per essere in grado di avere una relazione seria.

Io non credo si tratti di dipendenza affettiva, la dipendenza affettiva ti porta ad avere necessità di avere sempre qualcuno accanto, ti fa sentire uno zoppo in cerca di una stampella, non mi pare proprio il tuo caso stando a quel che dici. Mi sembrerebbe più uno stato di confusione mentale assurdo il tuo... Dovresti cercare di identificare il tuo problema (forse non riesci a rinunciare alla tua vita da libertina? ma in tal caso la botte piena e la moglie ubriaca non puoi averla...), magari con l'aiuto di uno specialista...

3

Tuesday, June 25th 2013, 11:05am

a me non risulta che il giardiniere del comune venga a sistemare il fiorellino sul balcone della signora peppa ?
se lei lo cerca e lui ci sta?
namasté

ramon

Colonna del Forum

  • "ramon" is male

Posts: 1,682

Activitypoints: 5,474

Date of registration: Oct 18th 2011

Location: NAPOLI

Occupation: presso me stesso

  • Send private message

4

Tuesday, June 25th 2013, 2:29pm

noto che continui a postare lo stesso threads in aree diverse,nonostante gia' ti è stato chiuso il precedente procedo con l'ennesima chiusura,alla prossima provvederemo in maniera diversa




ramon per lo staff..