Didattica Inversa

Per far apprendere la lettura ad un bambino, alle prese con l’istituzione scolastica, non è necessario cominciare dalle lettere dell’alfabeto, poi le sillabe ed infine le parole. Personalmente adotto il sistema inverso, faccio prima imparare le parole e poi le lettere, (le sillabe non le prendo in considerazione per una questione di complessità) il contrario del metodo maggiormente in uso. Non ho mai insegnato nelle scuole elementari e materne, perché sono un docente di scuola media, ma da quando sono sorti gli Istituti comprensivi (materne , elementari e medie) ho avuto l’occasione di fare delle dimostrazione anche in queste classi inferiori.
All’inizio della mia carriera, lavoravo come insegnante di sostegno, non avevo la specializzazione e coprivo un posto vacante. Comunque, conoscevo la PNL,  e non era da poco.
I miei primi due alunni furono: una ragazza con la sindrome di Down, che frequentava la prima media, e un ragazzo affetto dal “piccolo male”, di seconda media.
Prima di iniziare a operare con loro, alcuni esperti, che li seguivano da tempo, mi mostrarono le capacità dei ragazzi, erano presenti anche una collega di sostegno e la Preside della scuola. Cominciarono con l’alunna Down. Presero un libro di scuola elementare, le mostrarono il titolo di un brano e la invitarono a leggere. L’allieva lesse: “A S A C”, mi spiegarono, quindi … , che non era in grado di leggere.

Presi una matita che si trovava sul banco, la misi nella mano destra all’allieva e la invitai a leggere nuovamente, questa volta lesse “ C A S A “. Tolsi la matita dalla mano destra e gliela porsi nella mano sinistra, ripeté: “A S A C”. Gli esperti non replicarono circa il mio gesto, la Preside emise due parole in modo soffocato: “Mio Dio!”. Spiegai ai presenti che l’allieva leggeva le parole alla rovescia.
Spostai nuovamente la matita nella sua mano destra e lesse: C A S A, poi in quella sinistra e riferì : ”A S A C ” . Infine, presi un’altra matita in modo che una si trovasse nella mano destra e l’altra in quella sinistra e iniziò, finalmente a leggere nel modo corretto. Gli esperti non chiesero ulteriori chiarimenti, io non replicai  e la presentazione terminò.
Il ragazzo, invece, oltre ad essere dislessico, disgrafico e incapace di operare con semplici calcoli, ripetutamente torceva le mani, sollevava gli occhi in alto a destra e scuoteva involontariamente la testa. Invitai, allora, i suoi genitori a scuola, ci recammo in un aula vuota e aspettai che l’alunno ripetesse i gesti coatti. Non attesi molto, e non appena ripeté il comportamento, lo imitai con una perfezione tale da lasciare sbalorditi i genitori stessi. Mi ero allenato per una settimana di fronte allo specchio. Il ragazzo cercò di rispondere al mio gesto, ma io lo ripetei con maggior perfezione e dopo un po’ non fu più in grado di gesticolare, il contorcimento scomparve e per sempre.
Ai genitori, stupefatti, spiegai che si trattava di una recita di polarità, un mezzo per eliminare certe coazioni comportamentali.
La lettura sillabica è diversa dalla dislessia ( quest’ultima, in termini tecnici, trattasi di un circuito a due punti tra uno stadio auditivo digitale esterno e uno cenestesico interno) e  si manifesta quando il lettore di fronte alle parole restringe automaticamente le pupille, fino a guardare le singole sillabe. In questo caso, chiedo al soggetto di guardare contemporaneamente la prima e l’ultima lettera di una parola, in modo da ampliare il campo visivo, e, istantaneamente, la lettura sillabica si trasforma in lettura scorrevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.