Homepage di Nienteansia.it

Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

[Citazione del momento]
L'ottimista pensa che questo sia il migliore dei mondi possibili; e il pessimista sa che è vero. Robert Oppenheimer
Viagra online

Archivio Autore

Come ascoltare in modo attivo le notizie in tv

category Psicologia Rolando Tavolieri 2 Febbraio 2016 | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

In tanti anni di televisione, di programmi seguiti, di talk show, di approfondimenti ed altro, possiamo notare come tutto ciò che viene detto, commentato e scandito dai programmi televisivi viene accettato per vero, viene recepito come reale, senza però accertarci se questa o quella notizia sia vera.

In pratica da tanti anni ciò che ascoltiamo in televisione attraverso vari programmi televisivi, nei talk show, nei programmi di intrattenimento, nei telegiornali, nei programmi di informazione o di approfondimento, tutte le informazioni che ci vengono date, tutto ciò che viene detto o riferito, i dibattiti che ne seguono e le interpretazioni di ciò che accade da parte di presentatori, giornalisti, politici, persone coinvolte ed altri, viene accettato in modo passivo come reale, come vero.

Ad esempio ti è mai capitato di sentire diverse persone affermare:

–         “questa cosa è vera, l’hanno detta in tv!”

–         “dobbiamo comprare quel farmaco,l’ha detto un medico in tv”

–         “dobbiamo mangiare quel cibo, l’ho sentito dire in quel programma”

–         “domani piove, l’ho ascoltato in tv!”

–         “hai seguito il caso di quell’omicidio? Sicuramente è stata la tal persona, perché l’hanno detto in televisione”

Potrei andare avanti facendo centinaia di altri esempi in cui puoi constatare come la televisione è diventata ERRONEAMENTE la detentrice della verità, questo fenomeno di percepire le notizie e le interpretazioni che vengono fatte come reali, spesso è un fenomeno inconscio, ad esempio quando un personaggio famoso, politico, sportivo o del mondo del cinema viene “indagato”, la prima impressione che possiamo avere è che sia “colpevole”, in pratica scambiamo le indagini in corso fatte su una persona per sapere se è realmente colpevole o se è innocente, per colpevolezza prima ancora che le indagini vengano fatte o approfondite.

( Continua … )

ANALISI PSICOLOGICA DELL’INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

category Psicologia Rolando Tavolieri 10 Novembre 2008 | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell’essere umano che ci fanno pensare in modo falso ed illusorio che esiste una divisione, una diversità o un elemento che ci separa l’uno dall’altro?

Vediamo come possiamo risolvere questo quesito che tormenta l’uomo da secoli.

Intanto esaminiamo verso chi, verso quali categorie si può essere intolleranti o nei casi estremi razzisti, ad esempio:

  • Si può essere intolleranti verso chi è diverso da noi per cultura, colore della pelle, religione, paese, credenze, ideali, mentalità, ideologie politiche, usi e costumi ed altro.
  • In definitiva possiamo dire che ciò che accomuna tutte le forme di intolleranza e razzismo come elemento principale è “l’essere diversi per qualche elemento”
  • Così alcuni sono intolleranti verso coloro che hanno una religione diversa dalla propria
  • Altri sono intolleranti verso coloro che hanno una ideologia politica diversa dalla propria
  • Un’altra divisione razzista è data tra coloro che hanno una cultura diversa dalla propria
  • Una delle forme di razzismo più malvagie sono quelle che si sono avute (e che purtroppo in alcuni casi ci sono ancora) tra coloro che hanno un colore della pelle diversa dalla propria
  • Anche il paese dal quale si proviene può essere una “scusa” per generare intolleranza e razzismo
  • A volte si ha difficoltà ad accettare le persone diversamente abili, perché possono suscitare dolore, tristezza, pietismo, impotenza,ecc.
  • Persino le scelte sessuali possono essere oggetto di intolleranza, come ad esempio la difficoltà nel passato ed ancora oggi ad accettare persone omosessuali e bisessuali. ( Continua … )

Rolando Tavolieri

category Gli autori Rolando Tavolieri 9 Novembre 2008 | Stampa articolo |
0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (voti: 0 , media: 0.00 su 5)
Devi effettuare il login per votare.
Loading ... Loading ...

Professione: Psicologo

E-mail: tavolieri2006 [@] libero [.] it

Sito web: http://pnl-ansia-autostima.com

Attestato del corso di specializzazione quadriennale di Psicoterapia Gestaltica e Bioenergetica in Medicina Psicosomatica promosso dall’Istituto S.I.M.P. Società Italiana di Medicina Psicosomatica presso l’Università di Roma.

Da ottobre 2008   Psicologo collaboratore del sito:

________________   www.affaritaliani.it