Autolesionismo e adolescenza: il cutting, quando il dolore mentale diventa fisico

Il cutting è una pratica diffusa in questi ultimi anni e comporta il farsi dei tagli sul corpo (molto più spesso gli adolescenti usano i polsi, le braccia e le cosce come luoghi deputati a ricevere il taglio, che, è bene ricordarlo, è autoindotto). Questa pratica è piuttosto diffusa nei giovani e vede l’espressione di …

Autolesionismo e adolescenza: il cutting, quando il dolore mentale diventa fisico Leggi altro »

Marijuana in adolescenza: un rifugio dall’ansia reale in un mondo idealizzato

Da diversi anni mi occupo di adolescenti, sia nell’esperienza come clinico di comunità educative e terapeutiche, sia all’interno dei servizi che svolgo nei miei studi. In questo articolo vorrei parlare dell’uso che sempre più sta prendendo piede: l’uso della sostanza come fuga da pensieri e richieste che l’adolescente teme di non poter controllare e soddisfare. …

Marijuana in adolescenza: un rifugio dall’ansia reale in un mondo idealizzato Leggi altro »

Cultura narcisistica: dalle ecografie in 3D ai selfie

Negli ultimi anni si sta ponendo attenzione sull’uso che i giovani fanno dei social network, in particolare su quei social che si caratterizzano per porre al centro dell’attenzione le immagini (come Instagram, Tik Tok per citare i più in voga tra i giovani). Ultimamente i genitori, gli insegnanti e gli adulti, in generale, si preoccupano …

Cultura narcisistica: dalle ecografie in 3D ai selfie Leggi altro »

Bulimia: una grande fame d’amore

La bulimia è spesso associata all’anoressia, ma sono entrambe facce della stessa medaglia, sono dei disturbi del comportamento alimentare (abbreviati anche DCA) e hanno molto spesso un’insorgenza nell’adolescenza, anche se talvolta si verificano esordi anche in epoca pre-puberale. In questo articolo, però, poniamo l’accento sulla bulimia. Il titolo di questo post evoca la fame (nervosa) …

Bulimia: una grande fame d’amore Leggi altro »

Identità di genere – Chimere e prodigi del corpo

“Quod enim genus figura est, ego non quod obierim?” (Carmina LXIII, v. 62). Catullo si pose il problema della scelta impetuosa (“ut nemus citato cupide pede tetigit”, v. 2) della “trasgressione di genere” effettuata da Attis, a causa di un “Veneris nimio odio” (v. 17), e, nel connotare un’indecisione tra lo psichico e l’esistenziale, tra …

Identità di genere – Chimere e prodigi del corpo Leggi altro »