Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


- overuse -

Nuovo Utente

  • "- overuse -" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 36

Date of registration: Jun 29th 2011

  • Send private message

1

Monday, July 11th 2011, 2:41pm

Situazione problematica in famiglia?

Ciao a tutti, sono nuovo .. mi sono iscritto per sapere il parere degli psichiatri/psicologi riguardo una situazione molto problematica nella mia famiglia.
Sono un adolescente e sono il secondo di tre figli.. ho una sorella grande e un fratello più piccolo di me (5 anni).
Ebbene gli ultimi 5 anni sono stati gli anni più brutti della mia vita : il problema è mio fratello.
E' un bambino biondo con gli occhi azzurri, bello, ed è forse proprio per questo che i miei lo hanno subito viziato e fatto salire su un piedistallo, senza insegnargli l'educazione e il rispetto tanto che ora a 5 anni è diventato una specie di ''animale'' (e nel vero senso della parola).
Innanzittutto fa i capricci per ogni , per ogni minima cosa..vi faccio un esempio : andiamo al mare.. mio fratello vuole la brioche alle 12.00, ben sapendo che poco dopo si pranza e una merendina può togliere l'appetito.. si impunta per ottenere quel che vuole.. e non smette di piangere finchè i miei non sono costretti a comprargli quello che vuole lui. Quando non ottiene subito quello che vuole lancia i sassi (ad esempio al mare), sputa, dice le parolacce (cosa che io e mia sorella all'età sua non facevamo mai) e ha delle crisi isteristiche/di panico. Per crisi isteriche intendo che si rotola per terra, che urla pubblicamente, dà pugni e schiaffi ai miei.. o alle persone che gli stanno intorno.
Ha rapporti problematici con i suoi coetanei, nessuno lo invita alle feste di compleanno, nessuno lo sopporta e questo perchè è oggettivamente antipatico e maligno (si diverte a fare dispetti, scherzi di cattivo gusto oppure ad infangare la dignità delle persone... ha una specie di atteggiamento discriminatorio nei confronti delle persone ''grasse'' ad esempio).
Non vi dico poi come si comporta a casa.. La mattina appena sveglio inizia con un capriccio e trova sempre un motivo per far esasperare i miei... voglio da bere... devo guardare questo canale in tv oppure spacco tutto... Insomma inizia con i soliti ricatti e con le solite pretese assurde che portano poi all'esasperazione.
Fa cose che un bambino di solito non fa..non gioca, non trova un passatempo piacevole, non si riesce a concentrare un minuto su una cosa... vuole fare cose da grandi, si interessa ad esempio del ferro da stiro, gli piace stirare.. oppure fare cose di ''ingegneria''. Eppure questo comportamento è assai pericoloso.. e non sapete quanto.. ad esempio una volta.. per curiosità o forse perchè mi voleva fare un dispetto.. ha tagliato con le forbici il filo che collegava la tastiera e il mouse al computer. Oppure un'altra volta ha tirato il telecomando sulla tv, spaccandola nel vero senso della parola (si vedevano i cristalli addirittura). Ora abbiamo la tv nuova (abbiamo speso un sacco di soldi per riparare il danno anzi i danni che fa, e forse è proprio per questo che la mia famiglia non si trova proprio in una situazione economica di benessere)..e io... adolescente.. la posso guardare solo ad alcuni orari.. e quando non c'è lui. Mi spiego meglio : mio fratello non guarda molto spesso la tv, come vi dicevo non si riesce a concentrare un minuto su una cosa .. ed è sempre in movimento.. eppure non vuole che io la guardi e mi cambia canale in continuazione per farmi un dispetto. Sono costretto a rimanere segregato in ''camera'' e guardare la tv lì ( non si vede molto bene e mi devo accontentare). Inoltre devo sequestrare tutti i telecomandi per non far in modo che questi finiscano nelle mani di mio fratello. Insomma devo fare una specie di ''rito'' e non sempre con il mio metodo riesco a guardare la tv. Ho avuto problemi anche quest'anno a scuola per colpa di mio fratello..Innanzittutto devo tenere nascosti tutti i libri,quaderni , fogli e avvisi importanti per evitare che questi finiscano nelle mani di mio fratello (li strappa, li scarabocchia o fa qualche tremendo dispetto). Una volta addirittura mi ha strappato un disegno di arte che era venuto benissimo e che dovevo portare urgentemente il giorno dopo alla prof che lo doveva valutare (mi sono beccato un 4 nel primo quadrimestre per questo e per altri incovenienti). Anche mia sorella non lo sopporta, ma lei ha una attiva vita sociale e stà poco a casa quindi lo vede anche molto raramente durante il giorno.. ma quelle volte che lo vede..beh diventa pazza e urla ''magari morisse sto.....''. Anche lei purtroppo è vittima di mio fratello.. ma lei, a differenza mia, lo picchia, dà lui gli schiaffi (e se li merita) insomma cerca di essere autoritaria e di farsi rispettare, ma in questo modo non si risolvono i problemi anzi aumentano solo. I miei genitori non vogliono rivolgersi da uno psicologo o da uno psichiatra... insomma fanno come lo struzzo che mette la testa sotto terra per non vedere il problema, ma in questo modo non si risolve.. anzi si peggiora solo. Forse mia madre per soddisfare il suo ego non riesce a capacitarsi del fatto che suo figlio sia malato o abbia qualche problema e preferisce far finta di nulla. Eppure ''far finta di nulla'' molto relativamente...
Oggi a pranzo mia madre e mio padre vi hanno picchiato, e non vi dico con quanta violenza, mio fratello... avevano un giusto motivo (li aveva fatti come al solito esasperare)..ma è la prima volta e dico la prima che avevo paura che mio fratello si facesse, sul serio, male . Eppure ha continuato a piangere, e non per il dolore delle ferite, ma perchè non aveva ottenuto ancora quello che voleva...
Ho fatto qualche ricerca su internet, ma nessun risultato... qualcuno ipotizza che si tratti di semplici iperattività, ma secondo me c'è dell'altro. I miei due bisnonni erano cugini..ebbene .. come sapete quando due persone che hanno lo stesso gruppo sanguigno si accoppiano e fanno dei figli c'è il rischio che questi ultimi vengano con qualche problema. Mia nonna materna infatti non è tanto normale.. ha qualche tic.. si comporta in maniera morbosa..ed è davvero strana (non la conosco bene perchè abità in un ' altra città, ma ve lo posso assicurare).. eppure non mi sembra un caso psichiatrico.. non c'è mai stato un evidente caso psichiatrico nella mia famiglia, e mio fratello forse può essere il primo..
Scusatemi se mi sono dilungato troppo... io non sono il genitore e non mi piace prendere le parti del genitore, ma non mi piace il comportamento dei miei che non chiamano nessun psichiatra e trascurano il problema, però poi lo picchiano rischiando di provocare delle lesioni fisiche evidenti.

WildChild

Outsider

  • "WildChild" is female

Posts: 303

Activitypoints: 1,112

Date of registration: May 19th 2011

  • Send private message

2

Monday, July 11th 2011, 4:48pm

Questa aggressività è sintomo di un disagio, i bambini non sono cattivi di natura. Ci sono diversi aspetti del tuo racconto che mi colpiscono, a partire dal fatto che i tuoi genitori non lo portino da uno psicologo, gli hai chiesto come mai non lo fanno? Forse hanno paura che, se si viene a sapere, tuo fratello sarà sempre marchiato come quello "strano/con problemi/ecc." ? Se fosse questo il problema, ci sono anche gli psicologi privati, mica la gente lo deve venire a sapere per forza e poi se non se ne preoccupano ora, con l'ingresso alla scuola elementare potrebbe essere peggio, per non parlare dell'adolescenza. O forse hanno paura piuttosto che si venga a sapere che lo picchiano.......?
Picchiarlo può solo peggiorare le cose, capisco quanto possa essere difficile stargli accanto, ma ti pare normale alzare le mani su di un bambino? A me stupisce, anzi indigna sempre la violenza, specialmente sui bambini. Serve fermezza, ma i problemi educativi si risolvono col dialogo, non con le mani!
Sei sicuro piuttosto che tutto questo, compresa anche l'aggressività di tua sorella e l'angoscia che traspare dal sogno che hai scritto, non siano il frutto di qualche dinamica disfunzionale all'interno della tua famiglia? Al posto tuo rifletterei sul fatto che forse nel tuo ambiente familiare ci siano dei problemi che non si ripercuotono solo sull'indole turbolenta del tuo fratellino.

- overuse -

Nuovo Utente

  • "- overuse -" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 36

Date of registration: Jun 29th 2011

  • Send private message

3

Monday, July 11th 2011, 5:07pm

Grazie per la risposta.. io a differenza di mio fratello.. sono sempre stato calmo, buono .. non ho mai dato tanti problemi.. tutti mi definiscono un ragazzo intelligente e vado bene a scuola.. insomma sono il tipico bravo ragazza, anche se ho una vita a casa e fuori molto difficile proprio per mio fratello ..e per i problemi che causa.
Ad ogni modo mia sorella ed io eravamo bambini anche noi un tempo.. giocavamo insieme.. ci divertivamo.. e i capricci , si sa, li fanno tutti... ogni bambino fa perdere la pazienza al proprio genitore.. ma non fino a questo punto.
Secondo me c'è qualcosa che va oltre la semplice indole, e che non è collegata con le dinamiche familiari..di malattie mentali ce ne sono tante , proprio per questo esistono psichiatri infantili che si occupano di questa materia... solo che nessuno si consulta da uno speciale, da uno esperto per paura (forse) di ammettere che il proprio figlio abbia una turba mentale. A volte i genitori si fanno un'idea sbagliata dei figli.. vorrebbero che fossero perfetti, ma quando si accorgono che non è così rimangono delusi e fanno paragoni sbagliato con i figli delle altre famiglie. Quindi sicuramente il metodo educativo è sbagliato e anche le pretese che i genitori hanno verso i figli ma bisogn ammettere che mio fratello è affetto e per forza da qualche turba mentale altrimenti non si spiegano molti suoi enigmatici comportamenti.

- overuse -

Nuovo Utente

  • "- overuse -" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 36

Date of registration: Jun 29th 2011

  • Send private message

4

Monday, July 11th 2011, 5:19pm

Quanto al dialogo.. beh è facile parlare di dialogo e comunicazione con i bambini..
Il dialogo è meglio, sicuramente, della violenza e qui non ci piove.
Ma il bambino non ascolta , nonostante i richiami, rimproveri e nonostante gli sia stato detto, già con le buone, che deve comportarsi bene.
Inoltre molto spesso lo si accontenta perchè è stressante, è dura per un genitore sentire i lamenti... i pianti.. le crisi isteriche di un bambino per oltre 1 ora..allora per mettere fine a quest'ossesso si preferisce accontetare il bambino...

Lupotta

asociale

  • "Lupotta" is female

Posts: 1,448

Activitypoints: 4,533

Date of registration: Jan 26th 2010

Location: Lombardia

Occupation: schifoso..

  • Send private message

5

Monday, July 11th 2011, 6:20pm

Mi sà..

..secondo me i tuoi dovrebbero davvero portarlo a vedere da uno psicologo.
Non per altro, ma i sintomi che hai descritto sono tutti imputabili a malattie del comportamento o sindromi che vanno curate fin dalla più tenera età, se no si va incontro a problemi davvero seri quando il bambino cresce.

Ho assistito ad una conferenza interessante sulla sindrome da deficiti di attenzione e iperattività (ADHD).. è una vera e propria malattia, e le persone affette devono seguire un percorso sia farmacologico, che psicologico, che educativo.
Ci sono delle regole che devono imparare a seguire per poter vivere con gli altri..se no davvero rovinerà tutta la tua famiglia, e soprattutto, non potrà mai vivere serenamente nemmeno lui.

E' ovvio che la mia è solo un'ipotesi, e come tale può essere del tutto sbagliata, ma ti invito a cercare materiale su questa malattia e parlarne con i tuoi, magari portandolo dai dottore scoprite che è qualcosa di molto più semplice e gestibile..e la cosa si risolve con meno sacrifici..ma di certo non potete continuare così.
Ciao
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.