Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


CLaura

Giovane Amico

  • "CLaura" ha iniziato questa discussione

Posts: 161

Activity points: 532

Data di registrazione: mercoledì, 21 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 01 settembre 2012, 11:20

Stufa di fare tutto io e mio marito nulla - scusate lo sfogo

Da un po' di tempo non sopporto mio marito. Non succede nulla di nuovo, i suoi difetti sempre quelli come io ho i miei, solo che io mi impegno a limare quel lato del mio carattere che danneggia me e gli altri, a maggior ragione da quando c'è il nostro bambino. Però dall'altra parte vedo sempre una persona apatica, pigra, che non muove un dito.
Detesto gli uomini che non alzano un dito dentro casa, che delegano tutto, sono sempre stata chiara fin dall'inizio.
Ma da solo non fa nulla, se deve fare una visita medica tralascia e io per non far passare troppo tempo alzo il telefono e gliela prenoto; se scade una bolletta gli dò il bollettino lui esce lo scorda sul davanzale, dopo una settimana è ancora lì. Fa le cose quando e se gli va. Capisco occuparmi del bambino, capisco anche che da quando ho perso il lavoro gran parte delle cose le faccio io - ma capisco fino ad un certo punto perché potrei fare delle cosette a casa se avessi un minimo di aiuto. ma adesso che neanche lui sta lavorando è ancora più teledipendente di prima. Io ho sempre avuto un caratteraccio, irascibile per nulla paziente, poi per qualche mese ho visto una psicologa per evitare che ne risentisse il bambino. Però mi saltano i nervi per cose che tralascia lui, o che gli chiedo di fare e vengono fatte dopo 4 ore e lui guarda la televisione, è capace di vedersi 2 film in un pomeriggio. E non si smuove finchè non ha visto ovviamente come finisce!
La psicologa mi ha detto di non prendermi tutto il carico ma chiedere aiuto; io però quando ho bisogno ne ho bisogno in quel momento, non quando è finito il film. E poi mi sono stufata di chiedere, l'aiuto per me deve anche venire spontaneo. Perchè è una dimostrazione di affetto o almeno rispetto per quel che fai.
Lui mi sembra vivere in un mondo dove prima viene lui i suoi programmi e poi gli altri, ora che non sta lavorando un papà normale starebbe con il figlio tutto il giorno approfittando del tempo a disposizione, invece ieri è sparito un pomeriggio - c'era un film lungo - la sera come fa spesso, occupa l'unico bagno dotato di vasca ed io devo aspettare per lavare il bambino. Lui esce dopo + di mezz'ora con in mano il cellulare con i giochi sul display.
Poi mancanza di iniziativa con me, nel senso voglia di stare insieme: sono 4-5 sere che il bimbo dorme già alle 09.30, io ieri sono uscita all'aperto seduta sulla scala della cucina, in campagna, un fresco bellissimo.Spesso gii dico vieni si sta una favola dai esci qui con me, ma lui seguita a guardare film (A volte non trova nulla e guarda cose già viste 2 volte! Ma spegnere noo?) Ecco io immagino una scena da film, lui viene mi porta una mantellina o porta un paio di biccchieri e si chiacchiera guardando le stelle, sul dondolo, invece resto 1 ora da sola con mio netbook :(
La mia stima verso di lui è agli sgoccioli, la considerazione e rispetto seguono a ruota. Sicuramente ho fatto la cavolata quando eravamo più giovani, avevo + entusiasmo e volontà, ma ora mi sembra che a lui vada bene tutto non ha mai da obiettare, mai momenti di crisi sbalzi di umore, io però sento che invece di un compagno ho un bambinone accanto da tirare su insieme al bimbo che almeno cresce... Quello di 38 anni ormai non penso cresca più ed io mi sono stancata.
Non vuol capire che l'affetto si coltiva nelle piccole cose di ogni giorno, magari per l' anniversario organizza un romantico week-end a sorpresa ma non ha nemmeno la maturità di gestirsi e resta senza soldi fino allo stipendio successivo. Allora che lo fai a fare se poi ce lo rimponi !!! Io dovrei prendere in mano tutta la gestione di casa, soldi, eccetera, però non mi piace decidere da sola, penso che non sia un rapporto sano. Si dovrebbe gestire insieme o almeno dividersi i compiti secondo le attitudini.
Io credo che ci vogliamo bene e vorrei una famiglia serena, però sembra che lo sforzo lo metto io e sia tutto un mio problema perchè mi inalbero. Spesso mando giù tanti rimproveri che ho da fargli per non farmi sentire dal bambino.

2

sabato, 01 settembre 2012, 14:46

Non è che è un po' depresso?
Se si sbraca sul divano è perchè c'è chi fa tutto al posto suo,comincia col non fargli trovare tutto pronto e vedi se non lo muove il c***.

CLaura

Giovane Amico

  • "CLaura" ha iniziato questa discussione

Posts: 161

Activity points: 532

Data di registrazione: mercoledì, 21 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 01 settembre 2012, 16:23

Allora, occasionalmente se programmato in anticipo mi aiuta tipo "guarda che c'è da passare l'aspirapolvere"
il bimbo sta dai nonni io faccio altro lui lo passa, però va discusso organizzato manco fosse una vacanza. A volte dopo che io gli ho ruggito lui si alza e aiuta. Però devo dirglielo insistere e alla fine per non sentirmi si alza.
Io mi stufo anche perchè ero comprensiva quando faceva i turni inclusi quelli di notte, quando è in ferie non prende la minima iniziativa. All'inizio pensavo fosse soprattutto colpa dell'educazione che ha ricevuto - abituati che ogni cosa che non va di fare si paga qualcuno e lo fa .
Anche io poi pensavo la colpa è mia che lo abituo, ho provato a non pulire lui raccoglie con le mani la laniccia grigia x terra e la butta al cestino, il bagno i mobili non dice nulla pure se fanno schifo, mi manca di fargli trovare la roba fuori dal WC.. una volta ancora non avevamo la lavastoviglie io nascosi quelle pulite per costringerlo a lavare, lui ha bevuto l'acqua in una tazza da colazione - detto così fa ridere però che palle! - mangerebbe dentro la pentola o il tegame...
Preciso che non sono fissata col pulito come quelle che ogni giorno stanno lì a lucidare, però mi piacerebbe più ordine pulizia e non trovo giusto pagare un aiuto perchè a lui come si dice a Roma "je pesa il c#lo" ...
Mi stufo anche della sua "inerzia" nel fare le cose, torno a casa gli dico "c'è un' offerta di uno studio medico qui vicino per quell'esame che devi fare, chiamalo prima che scade che paghi meno dell'ospedale!
Lui non muove un dito, manco cerca il numero, dopo qualche giorno telefono io come per tutte le cose mediche a cui pare sia intollerante. Ma ci si deve far vedere ogni tanto no? Non è normale non voler andare dal dottore perchè c'è sempre tanta fila, ti porti un libro e passi il tempo!
A volte sembra abbia un rifiuto di occuparsi delle cose "serie", noiose. E' chiaro che io se già ho un carattere emotivo insofferente incline alla collera mi si accentua e non sto bene!
Stamattina accendo la lavatrice, appena si ferma lui entra in bagno e so che ci sta sempre un sacco, ma vedi la bacinella davanti l'oblò, vedi che il ciclo è finito, uno un po' rispettoso della moglie apre l'oblò butta i panni nella bacinella la mette fuori del bagno e chiude la porta... No lui non vede nulla che non sia un suo bisogno, è svelto a sistemare solo qual che riguarda TV, PC, PStation, il resto aspetta non si sa cosa.
Mi rendo conto che sono problemi che fanno ridere cioè non mi ha mai tradito o maltrattato però il tempo passa e nulla cambia, e non è sempre facile accettare i limiti dell'altra persona se dall'altra parte non vedi nemmeno un minimo sforzo.

4

sabato, 01 settembre 2012, 16:54

Ma questi suoi difetti li hai scoperti di punto in bianco??Prima di sposarlo non avete avuto occasione di convivere?

Icarus

Ho scelto questo nick perche' ho il cervello che svolazza :)

  • "Icarus" è un uomo

Posts: 577

Activity points: 1.794

Data di registrazione: venerdì, 02 dicembre 2011

Località: Reggio Emilia

Lavoro: Chimico

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 01 settembre 2012, 16:55

Ciao CiLaura, ma dicci per caso tuo marito ha vissuto per un certo periodo in modo indipendente o e' passato direttamente a vivere con la mamma alla convivenza del matrimonio? Se non cambia potresti proporre di prendere per un po' di tempo (esempio 6 mesi) un secondo appartamento in affitto (gia' arredato e pronto all'uso) e vivere un po separati per vedere se si da una smossa. E' un investimento di denaro ma potrebbe dare una raddrizzata a questa situazione che giustamente ti pesa non poco.

6

domenica, 02 settembre 2012, 11:11

CLaura

Più cose fai tu meno ne farà lui. :sleeping:
Non amo che le rose che non colsi.
Non amo che le cose che potevano essere
e non sono state...
.

dora

Forumista Incallito

  • "dora" è una donna

Posts: 4.735

Activity points: 15.199

Data di registrazione: domenica, 14 marzo 2010

Località: Zacatecas

Lavoro: Dama della Nuova Spagna

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 02 settembre 2012, 11:25

Quoto amo. Comincia a non fargli trovare le sue cose pulite, poi staremo a vedere ma comincia cara a non pretendere troppo da te stessa. Col mito della perfetta casalinga noi itliane siamo le prime a darci la zappa sui piedi, all'estero la casa e la cura della casa vanno bene fino a un certo limite.

CLaura

Giovane Amico

  • "CLaura" ha iniziato questa discussione

Posts: 161

Activity points: 532

Data di registrazione: mercoledì, 21 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

8

domenica, 02 settembre 2012, 11:53

Allora, dalla mamma è passato direttamente alla moglie, sì è vero potevo notarlo prima, o fidarmi più di quel che vedevo che di quel che mi veniva detto da lui.
Ho provato a non far nulla, la casa diventa uno schifo, sui mobili passi il dito cambia colore, mi sale anche il nervoso a vivere in una casa così, passi per questo mese che ha fatto caldissimo, anche io ho fatto il minimo, nessuno chiede di stirare ma almeno tenere in ordine così si pulisce in fretta... pensavo fosse abituato al pulito visto che dai suoi viene la donna a farlo, evidentemente no, o comunque pur di non far nulla accetta tutto anche mangiare 4 salti in padella direttamente in padella. Ho visto che le cose migliorano abbastanza se io chiedo o comunque programmo il giorno successivo ma alla fine mi stanco di chiedere e vedere una cosa che vorrei fatta presto rimndata di ore o anche giorni, io chiedo lui dice sì ma fa quando ne ha voglia. Sono stanca di stare ai suoi comodi ed elemosinare aiuto.
Questo viene fatto anche per il giardino, lui vuole solo invitare amici a fare barbecue, è cresciuto in campagna quindi sa la cura che ci vuole, nemmeno spazza 2 foglie. Io invece vorrei rendere casa presentabile visto che nostro figlio (quasi 4 anni) è figlio unico e non ha cuginetti, se vorrà invitare amichetti anzichè uscire sempre noi per fargli far vita sociale con i coetanei dovrà essere libero di farlo. E soprattutto vorrei dargli un giusto esempio. Quando litighiamo spesso è per questo motivo, io gliene dico di tutti i colori lui aiuta, il giorno dopo riprende il suo modus vivendi.
Ho pensato anche che potrebbe aver bisogno di uno psicologo visto che sul lavoro riesce bene, complimenti elogi ecc... sembra che a casa lasci tutta la sua buona volontà fuori, o tra le mura dell'ufficio, per mettersi in pantofole - fisicamente e mentalmente. Organizza uscite gite o vacanze, per quello si attiva, per quel che riguarda ad esempio la cura della salute non fa mai controlli, il medico lo vede se proprio sta male, analisi ed esami specialistici se io non insisto finiscono nel dimenticatoio. Quando fa gli esami del sangue il medico gli vieta alimenti che fanno salire il colesterolo, lui li evita rifà gli esami i valori sono rientrati e ricomincia a mangiare come prima (Io compro carne bianca lui fa la spesa carne rossa affettati formaggi wiurstel e bibite gassate).
Soffre di pancia (diarrea o bruciori di stomaco) e si ammala spesso - l'anno scorso al lavoro quasi ogni mese 2-3 giorni di malattia o febbre o forte tosse o influenza o stomaco, diarrea... Io mi stufo di un uomo che non è mai presente e ogni tanto ha pure bisogno di assistenza, specialmente perchè non fa nulla per curarsi. E' vero io ho promesso di essergli accanto in salute e malattia, ma anche tenersi in salute è un dovere morale nei confronti della tua famiglia.
Anche io capisco la gola, (sono ingrassata ma compro verdura e frutta non insaccati, limito il danno!) capisco non badare troppo all'apparenza ma in occasioni in cui dovrebbe vestirsi un po' carino sembra che si vesta al buio, eppure quando compra ha gusto e sceglie quasi sempre cose molto carine. Poi però se non ci sono io le abbina alla "come me capita"... Allora mi chiedo se non sia troppo pigro da curare nemmeno se stesso.
Forse sono stata troppo ingenua a non vedere quanto sia immaturo e quanto avrebbe bisogno di una mamma-badante anziché una compagna... ora però per il bene di nostro figlio che io amo con tutto il cuore mi chiedo cosa sia meglio fare, e se riuscissi davanti a lui a fingere ancora per qualche anno che siamo la coppia più bella del mondo come ogni bimbo vorrebbe per la sua mamma e il suo papà. (Qualche anno, visto che poi i bambini si accorgono da soli delle situazioni in famiglia).
Scusate ancora lo sfogo lunghissimo, stamattina è lì a poltrire sul divano - anziché uscire con il bimbo e lasciarmi casa libera per pulire - perchè non si è sentito bene. Ma che due scatole...
Qui vicino c'è una residenza per anziani chissà quanto costa... lo mando lì !!! :D :D :D

CLaura

Giovane Amico

  • "CLaura" ha iniziato questa discussione

Posts: 161

Activity points: 532

Data di registrazione: mercoledì, 21 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

9

domenica, 02 settembre 2012, 11:59

Quoto amo. Comincia a non fargli trovare le sue cose pulite, poi staremo a vedere ma comincia cara a non pretendere troppo da te stessa. Col mito della perfetta casalinga noi itliane siamo le prime a darci la zappa sui piedi, all'estero la casa e la cura della casa vanno bene fino a un certo limite.
Hai ragione Dora, questo lo so ma quel minimo - non pulisco ogni giorno e a volte nemmeno ogni 2, ma ritengo pochino 1 volta la settimana specie se stiamo spesso in casa... Anche io comunque mi prendo il tempo di navigare su internet, leggere qualcosa, uscire, insomma non voglio diventare la schiava nè la casalinga disperata; altrimenti il problema non lo avvertirei neppure.

dora

Forumista Incallito

  • "dora" è una donna

Posts: 4.735

Activity points: 15.199

Data di registrazione: domenica, 14 marzo 2010

Località: Zacatecas

Lavoro: Dama della Nuova Spagna

  • Invia messaggio privato

10

domenica, 02 settembre 2012, 12:00

Ma io tenterei invece una terapia di coppia, sarebbe più proficuo. Dovete "ricontrattare" i termini della vita in comune e èmeglio avere un mediatore esterno neutrale.

11

domenica, 02 settembre 2012, 14:12

Lascia che la casa diventi uno schifo...non ce ne sono altre soluzioni,se non capisce neanche così rispediscilo dalla mammina,ma di corsa.

12

domenica, 02 settembre 2012, 15:39

Dora

Quoto amo.
ndr : intendi come utensile appeso alla lenza o come diminutivo di amogiovanni ? :roftl:
Non amo che le rose che non colsi.
Non amo che le cose che potevano essere
e non sono state...
.

13

domenica, 02 settembre 2012, 15:41

Dora

Ogni risposta sarebbe superflua..... :hi:
Non amo che le rose che non colsi.
Non amo che le cose che potevano essere
e non sono state...
.

14

domenica, 02 settembre 2012, 15:47

CLaura

i suoi difetti sempre quelli
Per quanto riguarda il resto tutto bene ? :hmm:
Non amo che le rose che non colsi.
Non amo che le cose che potevano essere
e non sono state...
.

Lupotta

asociale

  • "Lupotta" è una donna

Posts: 1.716

Activity points: 5.400

Data di registrazione: martedì, 26 gennaio 2010

Località: Lombardia

Lavoro: schifoso..

  • Invia messaggio privato

15

lunedì, 03 settembre 2012, 10:44

Questa storia mi ha colpita, anche se ogni cosa che mi vien da scrivere mi sembra fuori luogo o del tutto inutile.
La prima cosa che mi viene proprio spontanea è: se lo tratti da bambino, si comporterà da bambino.
Ora, sul lasciare la casa una c...a anche io non ci riuscirei. Poi c'è un bambino di 4 anni che ha tutti i diritti di vivere in un ambiente sano e pulito, e di non scontare la negligenza e l'inattività del padre.
Quindi è una questione che esula dal suo campo personale e va ad incidere su quello della famiglia.
Però quando le cose si fanno più personali e sue, direi che invece lo devi proprio lasciare nel suo brodo, anche se ti scoccia.
Non vuole andare a fare controlli medici? Fatti suoi. Sò che per te (ed anche per come sono stata allevata io) è una cosa senza senso, ma la vita è sua, se decide di non farsi vedere da un dottore anche per tutto il resto della sua esistenza, sono fatti suoi. Prenotandogli visite e controlli fai solo la mamma.
Vuole stare davanti alla tv? Fatti suoi. Si perde uscite col bambino, con amici (che ti invito ad organizzare senza di lui) ed altre cose che possono essere vissute fuori.
Una sera c'è bel tempo, un'atmosfera bellissima etc? Bene, vai a farti una passeggiata e rientra dicendogli quanto è stato bello. Lui sicuramente farà spallucce, ma non credo che uno alla fine non sia per nulla toccato dal vedere la moglie che si diverte ed esce, che vive serenamente quando lui invece si ferma davanti alltv, per scelta sua.
Poi, è ovvio che una persona che non ha mai avuto responsabilità nella gestione della casa, parta del presupposto che non le avrà mai.
E' abituato così, e quando gli urli dietro e fai i predicozzi, a lui arriva solo il messaggio di una moglie spaccaballe che gli chiede cose che nessuno ha mai osato chiedergli.
Purtroppo certe cose andrebbero chiarite e vissute prima di sposarsi, se no ci si trova in queste situazioni.
Ma i suoi cosa dicono?
Hai mai provato a parlargliene?
E terminando questo sproloquio, ti direi anche io che molto probabilmente un aiuto esterno vi farebbe proprio comodo.
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.