Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

donna

Utente Attivo

  • "donna" ha iniziato questa discussione

Posts: 35

Activity points: 133

Data di registrazione: lunedì, 12 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

1

lunedì, 12 settembre 2011, 13:28

Storia di convivenza complicata

:sos: Ciao, vorrei esporre il mio problema che mi crea ansia, e vorrei avere dei consigli.Convivo da 4 anni con un ragazzo più piccolo di me, per lui ho abbandonato i miei figli, in poco tempo mi sono trasferita a casa di lui portandomi dietro tutto ciò che avevo nella mia casa, per i primi tempi è andato tutto bene ma poi ha iniziato a trattarmi male, disprezzando la mia cucina o come facevo le pulizie di casa, e quindi discussioni molto forti al punto tale da cacciarmi di casa in modo brutale (prende i miei vestiti e li scaraventa fuori da casa), ed io vado in tilt perchè questo atteggiamento mi fa pensare che non mi ama altrimenti non riuscirebbe a fare ciò. L'ultima volta è successo circa un mese fa, ho cercato di assecondarlo uscendo tranquillamente da casa e rientrando dopo circa mezz'ora ma non è servito a nulla perchè continuava a urlare che dovevo uscire immediatamente da casa, ma come è possibile se in casa sua ci sono tutte le mie cose, inoltre insieme abbiamo deciso di vivere a casa sua e lui stesso si è adoperato a traslocare tutte le mie cose. Questa situazione mi fa vivere male sempre con l'angoscia che se discutiamo devo andare via da casa sua, e nonostante ho una casa mia dove poter andare il fatto mi crea un'ansia terribile perchè mi fa sentire prima di tutto non amata e poi cosa molto grave privata delle mie cose personali.

E' possibile che devo vivere cercando sempre di non discutere con lui. Per il resto non è molto affettuoso però vive questa storia al 100% nel senso che stiamo insieme 24 ore su 24.

Vorrei avere dei consigli. Grazie

Nemes

Pilastro del Forum

  • "Nemes" è una donna

Posts: 2.908

Activity points: 9.018

Data di registrazione: lunedì, 31 marzo 2008

Località: Nord

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 13 settembre 2011, 12:09

Ciao e benvenuta,
ho spostato in sezione più adeguata all'argomento.

Nemes per lo staff.
Le persone sane si innamorano follemente, amano ardentemente, si arrabbiano furentemente, possono provare gelosie violente, lottare per la propria realizzazione o sacrificare tutto, fino a consumarsi, per i valori in cui credono, e giungere alla battaglia. (C. Albasi)

3

martedì, 13 settembre 2011, 12:40

Ciao donna.

Odio dare giudizi morali (tra un pò ci penserà summertime).

Trovo peraltro quantomeno strano il tuo sentirti privata delle cose personali e non dei figli.

Credo che dovresti spiegarti meglio.
Consultando abbastanza esperti puoi trovare conferma a qualsiasi opinione.

ildol

Felice di imparare

  • "ildol" è un uomo

Posts: 797

Activity points: 2.496

Data di registrazione: lunedì, 30 maggio 2011

Località: Como

  • Invia messaggio privato

4

martedì, 13 settembre 2011, 13:05

Se per lui sei una pedina su una scacchiera, tornatene per un po' a casa tua.

Dimostragli che non ha il pieno possesso della vita delle persone.
Altrimenti ti terrà sempre in sospeso per poterti strapazzare per bene ad ogni capriccio.
Life is ours, we live it our way. All these words I don't just say...

moralis

Utente Attivo

  • "moralis" è una donna

Posts: 53

Activity points: 180

Data di registrazione: martedì, 23 agosto 2011

  • Invia messaggio privato

5

martedì, 13 settembre 2011, 18:34

Ciao donna, secondo me l'unica cosa che puoi fare è lasciarlo....dimostrandogli che non può trattarti a pesci in faccia. Certo so che non è semplice, ma credimi, le persone non cambiano, se lui ti rimprovera tutto e arriva al punto di buttarti fuori casa, c'è qualcosa che non va.

Poi, sinceramente, anch'io non capisco perchè hai abbandonato i tuoi figli per lui

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

6

martedì, 13 settembre 2011, 19:05

Non emetto giudizi perchè non è mia abitudine ma non posso esimermi dall' esprimere i miei dubbi e a chiedermi alcune cose...
Io sono mamma e mi chiedo come si faccia a lasciare i propri figli per un uomo, nel senso che io morirei se non li vedessi un solo giorno, se non li potessi vedere addormentare e la mattina risvegliarli o preparargli da mangiare, fare compiti ecc.., ma capisco anche che deve esserci una ragione se non stai più con loro.
Li hai lasciati tu? Non te li fanno vedere perchè sei andata via con quell'altro?
Ad ogni modo, credo che il fatto che quest'uomo ti tratti così non meriti nemmeno un solo istante del tuo tempo e della tua vita che potresti ben investire in altro modo, a partire dai tuoi figli.
Puoi spiegare meglio la tua condizione?
Così è difficile potersi esprimere al meglio ed evitare di dare pensieri errati.
Secondo quel poco che racconti devi prendere tutte le tue cose e tornare a casa tua..
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

7

martedì, 13 settembre 2011, 19:23

E' possibile che devo vivere cercando sempre di non discutere con lui. Per il resto non è molto affettuoso però vive questa storia al 100% nel senso che stiamo insieme 24 ore su 24.
Stare insieme così tanto non può essere considerato un bene, anzi.

donna

Utente Attivo

  • "donna" ha iniziato questa discussione

Posts: 35

Activity points: 133

Data di registrazione: lunedì, 12 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

8

venerdì, 16 settembre 2011, 09:16

E' vero scusate se non ho spiegato bene la situazione.I miei figli maggiorenni sono andati a vivere con il padre quando hanno visto il mio interesse verso questo ragazzo(premetto che dopo la separazione da mio marito ho vissuto per circa 7 anni con i miei figli dedicandomi completamente a loro) Per me non è stato facile allontanarmi da loro, ero combattuta,molto attratta da questo mio compagno (lui come spesso accade, era molto premuroso, attento e gentile)e allo stesso tempo non volevo perdere i miei figli, durante questi anni di tentativi per riavvicinarli a me ne ho fatti molti, ma inizialmente senza risultato, ora invece le cose vanno molto meglio .

Candy Candy

Futura psicologa

  • "Candy Candy" è una donna

Posts: 633

Activity points: 2.053

Data di registrazione: mercoledì, 22 giugno 2011

Lavoro: Libero professionista.

  • Invia messaggio privato

9

venerdì, 16 settembre 2011, 14:00

Ok...la storia cambia completamente così, almeno dal punto di vista morale e affettivo che hai con i tuoi figli, ma ciò non toglie che viene legittimo chiederti cosa ti spinge a stare ancora con un uomo così.
Ciò che hai raccontato è assurdo...
Lui non può trattarti così e tu non puoi permetterglielo ok?
Hai bisogno di stabilità e non solo di "amore" e anche quello stare 24 ore su 24 non fa bene ne a te ne alla vostra storia perchè è umano e naturale che ognuno di noi abbia i suoi spazi.
Diventa soffocante così, non trovi?
Ora, o fai un bel discorso al tuo lui e gli dice che è l'ultima volta che ti tratta così, privandoti delle tue cose e di calpestare la tua dignità o lo lasci e basta.
Un abbraccio.
"Solo chi è così folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero"
- Mahatma Gandhi

ildol

Felice di imparare

  • "ildol" è un uomo

Posts: 797

Activity points: 2.496

Data di registrazione: lunedì, 30 maggio 2011

Località: Como

  • Invia messaggio privato

10

venerdì, 16 settembre 2011, 14:07

La casa è un nido.

Casa è dove uno torna quando fuori è buio e freddo.
Casa è dove ti curi l'influenza sotto le coperte.
Casa è dove ridi senza motivo senza che nessuno ti giudichi un idiota.
Casa è dove piangi nella tranquilla solitudine, senza spettatori.

Non è la sola abitazione, non i mattoni o i mobili.

Emotivamente e moralmente, non importa a chi sia intestata e chi paga le spese.
Se lui ha fatto in modo che quella fosse per te "casa", non può ad ogni ciclo umorale privartene e restituirtela.

Meglio soli che in bilico senza certezze.
Life is ours, we live it our way. All these words I don't just say...

caosintesta

Utente Attivo

  • "caosintesta" è una donna

Posts: 33

Activity points: 155

Data di registrazione: sabato, 03 settembre 2011

Località: Emilia

  • Invia messaggio privato

11

venerdì, 16 settembre 2011, 14:56

A me quello che spaventa è il <vive questa storia al 100% perché stiamo insieme 24 ore su 24>, lo stare insieme di continuo non significa vivere la storia al 100%
ti tratta male, ti insulta, vivi avendo paura di farlo arrabbiare....lungi da me dare giudizi ma non stai bene in questo momento con lui quindi devi fare qualcosa per te stessa, anche semplicemente allontanarti per un po da lui e vedere come va. Non hai amici o parenti che ti possano stare vicini in questo momento?

donna

Utente Attivo

  • "donna" ha iniziato questa discussione

Posts: 35

Activity points: 133

Data di registrazione: lunedì, 12 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

12

lunedì, 19 settembre 2011, 12:18

Allontanarmi anche per poco tempo per lui significa storia finita, non ho nessuno che mi può stare vicino, soltanto al pensiero di finire questa storia mi fa stare male, malissimo, anche se capisco che dipendo in tutto e per tutto da lui al punto che non riesco a fare o decidere nulla per conto mio, mi sento una nullità senza di lui, non riesco neanche a comunicare con le persone. La cosa più grande che mi crea un ansia tremenda è il fatto che per andare bene la storia non devo contrarialo altrimenti sto fuori casa senza avere il tempo di organizzarmi per andare via.

ildol

Felice di imparare

  • "ildol" è un uomo

Posts: 797

Activity points: 2.496

Data di registrazione: lunedì, 30 maggio 2011

Località: Como

  • Invia messaggio privato

13

lunedì, 19 settembre 2011, 12:36

Messa giù così, sei una nullità anche con lui.

Soprattutto con lui.

E forse proprio grazie a lui.
Life is ours, we live it our way. All these words I don't just say...

donna

Utente Attivo

  • "donna" ha iniziato questa discussione

Posts: 35

Activity points: 133

Data di registrazione: lunedì, 12 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

14

lunedì, 19 settembre 2011, 12:39

in che senso?

ildol

Felice di imparare

  • "ildol" è un uomo

Posts: 797

Activity points: 2.496

Data di registrazione: lunedì, 30 maggio 2011

Località: Como

  • Invia messaggio privato

15

lunedì, 19 settembre 2011, 13:02

capisco che dipendo in tutto e per tutto da lui al punto che non riesco a fare o decidere nulla per conto mio
non riesco neanche a comunicare con le persone
Ecco in che senso.
Se solo con lui riesci ad esistere, ti sei annullata in questo rapporto.

Riprenditi i tuoi spazi e una tua indipendenza.
Quantomeno psicologica ed emotiva.

Poi si potrà parlare di coppia di persone.
Life is ours, we live it our way. All these words I don't just say...