Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


E.

Utente Attivo

Posts: 111

Activity points: 389

Data di registrazione: martedì, 09 febbraio 2016

Lavoro: cagare

  • Invia messaggio privato

16

lunedì, 09 maggio 2016, 15:07

Ma paragonati ai millenni di schiavitù subita che e ancora esistente in paesi non civilizzati , questi vantaggi cosa sarebbero ?? una nocciolina .quindi forse e di cattivo gusto guardando indietro mettersi a sindacare

dhalsim

Спасаясь от Pitechia

Posts: 1.586

Activity points: 4.800

Data di registrazione: mercoledì, 07 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

17

lunedì, 09 maggio 2016, 16:00

Le donne... in Italia... e solo in Italia... hanno un vantaggio oggettivo nelle relazioni... solo in quello... ma un uomo, col potere, col denaro, puo' ben livellare anche questo vantaggio... alla fine basta qualche pezzettino di carta per trombarti una strafiga... in certi posti una supermodella costa quanti 2 pizze e 2 birre qui...

Ma di che parliamo ?

Agli uomini che frignano ed invidiano le donne io dico... SVEGLIATEVI !
Non puoi perdere quello che non metti nel piatto, ma non puoi neanche vincere.

E.

Utente Attivo

Posts: 111

Activity points: 389

Data di registrazione: martedì, 09 febbraio 2016

Lavoro: cagare

  • Invia messaggio privato

18

lunedì, 09 maggio 2016, 16:06

Dhalsim ma di cosa parli ? Nessun uomo e nessuna donna vuole svegliarsi e diventare una Escort .Ed e meglio farsi le seghe che andare con una Escort in fin dei conti . Ne esci sempre che ti senti tu sfruttato e abusato come Uomo . faccia della stessa medaglia.

19

lunedì, 09 maggio 2016, 16:07

Stiamo parlando di donne normali e uomini normali, stai implicitamente sostenendo che gli uomini normali non sono "di valore" per una donna normale. A meno di non sostenere assurdità tipo che le donne sono superiori in quanto tali, questa tua posizione non ha senso.
"La donna ha molta più opportunità di accoppiarsi", evolutivamente ti sei chiesto perché? Perché scarta molto di più. E come mai è portata scartare di più?
perché una donna ha più opportunità di accoppiarsi, appunto, ma ti dimentichi di dire che in queste opportunità, ci sono tante fregature che a lei NON CONVIENE prendere in considerazione.

Quando vieni a dire "stiamo parlando di donne normali e uomini normali" praticamente tu hai arbitrariamente deciso le dinamiche evolutive. E quando dici che la donna ha più opportunità, allora lo fai partendo dal presupposto che sono TUTTE papabili perché si parlava di uomini normali e donne normali.


Allora sì hai ragione tu. Ma allora l'evoluzione non c'entra, quindi togliamo pure quel "accoppiarsi" dalla tesi...

I tuoi pregiudizi maschilisti sono imbarazzanti, renditene conto. Hai meno di 40 anni? Non sei un vero uomo. Non hai fatto la leva militare? Non sei un vero uomo. Ecc
ti commenti da sola.

In realtà ci sono anche i 40enni bamboccioni. Dipende molto dall'educazione, e dalle esperienze.

Infatti il mio pregiudizio era argomentato dal fatto che si tratta della generazione maschile che l'ha avuta più facile, e quella per cui sta diventando -paradossalmente- più problematico il confronto con la donna. :-CC
Le donne hanno quindi un bel paracadute grosso che gli uomini non hanno. E non è poco.
Non ci sono più le condizioni economiche per fare la famiglia mulino bianco...almeno non in italia...

Non dare per scontato che se nasci donna, boh, ti sposi e ti fai mantenere.
Di questi tempi poi, con molti giovani a casa senza lavoro...Non a caso i matrimoni sono drasticamente diminuiti e le nascite crollate...non a caso...

Se fosse come dici tu, saremmo un paese in crescita...

dhalsim

Спасаясь от Pitechia

Posts: 1.586

Activity points: 4.800

Data di registrazione: mercoledì, 07 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

20

lunedì, 09 maggio 2016, 16:13

E. non penso proprio...

Sfruttato di che ? Io mi sento sfruttato quando investo risorse (tempo e soldi) per nulla... con una escort paghi la figa il GIUSTO prezzo... e basta... non butti tempo... non butti soldi... non fai il fegato amaro...

Il circo etico della vergogna che ruota intorno a chi fa la escort ed a chi ne e' cliente e' l'ennesimo stratagemma per ipervalutare la figa...

La donna non e' il monte everest... come ci vogliono far credere... 1500 corone (poche decine di euro) e trombi la modella della vita...

Essere Uomini significa volere una cosa ed andarsela a prendere... le chiacchiere, le seghe mentali ed i sensi di colpa sono delle donne... dovrei esser invidioso ?
Non puoi perdere quello che non metti nel piatto, ma non puoi neanche vincere.

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "dhalsim" (09/05/2016, 16:19)


E.

Utente Attivo

Posts: 111

Activity points: 389

Data di registrazione: martedì, 09 febbraio 2016

Lavoro: cagare

  • Invia messaggio privato

21

lunedì, 09 maggio 2016, 16:20

Mi fa schifo la parola "Figa" non si compra la Figa io la faccio con una buccia di banana una lingua e la figa con un giocattolo del sex shop .
Le Escorto non le ho mai provate , ma da altre prostitute non ho mai goduto, fores non valeva il prezzo perché una prostituta non deve essere una figa, la figa costa 10 euro per strada per i Neanderthal, e quello il prezzo giusto .lo decidono i papponi. Una Escort deve essere come Una Mistress deve essere psicologicamente abile a donati il paradiso, pagato, e ti deve trattare poi perforza come amico e cliente . Deve essere tutto difficile , la vita e fatta a scale.purtroppo.odio tutto

dhalsim

Спасаясь от Pitechia

Posts: 1.586

Activity points: 4.800

Data di registrazione: mercoledì, 07 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

22

lunedì, 09 maggio 2016, 16:31

Se vai in una trattoria da 15 euro a persona non puoi pretendere il cameriere che vi rabbocca il vino dei bicchieri...

Rafforzi il mio pensiero... paghi il giusto prezzo ed hai il giusto servizio...
Non puoi perdere quello che non metti nel piatto, ma non puoi neanche vincere.

23

lunedì, 09 maggio 2016, 21:11

Queste generazioni maschili che hanno scansato il servizio di leva si pongono domande troppo stupide...perché offrire...perché questo...perché l'altro...ragazzi avete giocato ai pokèmon fino all'altro ieri, non avete fatto la guerra nè la fame, cioè il minimo per dimostrare ad una femmina che un po' di palle, poche non molte eh, nei pantaloni ci sono è il gesto di offrire...
Offrire a parte.. il discorso di non aver fatto il militare è stato preso in considerazione anche dagli studiosi.
In Italia è relativamente poco tempo (i nati dopo l'86) che il militare non è più obbligatorio, però essendo un Paese parecchio corrotto: è sempre stato relativamente facile eludere l'obbligo, per le famiglie facoltose in particolare (pagavano, corrompevano, facevano le famigerate "carte false").

In altri Paesi invece è da addirittura più tempo che il militare è facoltativo, ma essendoci meno "mamme chioccia", pare che l'effetto sia stato di poco superiore a quello italico.

L'effetto in questione sarebbe proprio quello di rammollire la popolazione maschile. Dico "sarebbe" perché ancora nessuno se l'è sentita di sparare sulla croce rossa confermando il tutto. Credo che la motivazione stia in gran parte nell'effettivo emergere di una "questione maschile".. e del fatto che molti Paesi sono senza obbligo di militare, ma in condizioni di forte maschilismo.

basta non avere nessun tipo di ambizione, né personale, né lavorativa: a questa condizione essere femmina conviene

se invece vuoi realizzare un qualcosa di personale o lavorativo, la teoria della facilità femminile non sta in piedi.
Dipende dai punti di vista. Quando una donna cerca di "scimmiottare" l'uomo ex-dominante non può permettersi di non avere (tra le altre cose) ambizioni personali e lavorative.

I competitor, però, non vedono la donna come "uguale all'uomo", ne' che siano anch'esse donne, ne' a maggior ragione se sono uomini. Hai ragione quindi dicendo che ci vuole ambizione e tutto il resto, ma è anche possibile decidere -da un momento all'altro- di non averne più, a tempo indeterminato, senza per forza diventare (ed essere considerati) dei falliti.
Non so se questo si possa considerare un vantaggio.

2) non è un vero paracadute, nel senso che una volta atterrato, lo ripieghi e continui a camminare; no, una volta aperto non si richiude più
Se ho ben capito cosa intendi, a patto di fare le mosse giuste: oggi si può riaprire. Non è (giustamente) semplice, ma è possibile. Poi, come dici tu: sono cose che si pagano.

Ma paragonati ai millenni di schiavitù subita che e ancora esistente in paesi non civilizzati , questi vantaggi cosa sarebbero ??
Se (SE) fossero vantaggi quelli qui elencati (e non mi pare gran ché, eventualmente ce ne sono altri): sarebbero vantaggi. Le odierne giovani donne (fatto salvo per chi proviene dalle zone del mondo parecchio arretrate) non hanno ne' subito, ne' vissuto la famigerata schiavitù di cui parli. Sono epoche, persone e vite diverse.

Così come i giovani uomini (fatto salvo bla bla bla) non hanno mai "fruito" di tale condizione di sottomissione femminile. Sono cose che erano "a misura di uomo (e di donna)" solo per chi ha vissuto le epoche di cambiamento, per chi era giovane in una tendenza e poi ha vissuto la controtendenza.

E come mai è portata scartare di più?
perché una donna ha più opportunità di accoppiarsi, appunto, ma ti dimentichi di dire che in queste opportunità, ci sono tante fregature che a lei NON CONVIENE prendere in considerazione.
E' portata a scartare di più ed ha più opportunità di accoppiarsi per via di vari meccanismi evoluzionistici che confermerebbero che la femmina: è l'essere umano. L'uomo sarebbe "solo" lo strumento evolutivo per cui l'umano (quindi la femmina) si evolve. E per evolversi bisogna avere la possibilità di scegliere ..e quindi poi anche scegliere! (scartando) :)

E per tendenza naturale la femmina tenderebbe a scegliere con criteri un tot più elevati di quelli che sarebbero considerabili "ragionevoli" sul piano razionale, proprio perché la tendenza umana (quindi femminile) dovrebbe essere quella di migliorare l'umanità. Che poi ciò talvolta riesca male è un discorso a parte dato dalle distorsioni della concezione sociale umana.

Non è un caso che, femminismo, maschilismo e nazismo compresi: sia sempre la donna a tramandare ed educare: in tutte le epoche e in tutte le società del pianeta. E ha tramandato (e tutt'ora tramanda) anche le pratiche eventualmente maschiliste.

Infatti il mio pregiudizio era argomentato dal fatto che si tratta della generazione maschile che l'ha avuta più facile, e quella per cui sta diventando -paradossalmente- più problematico il confronto con la donna.
Già, ma la situazione per certi versi credo sia speculare. Era più difficile anche essere donne prima.
Perché se anche è vero che attualmente la donna è (letteralmente) smarrita alla ricerca di un ruolo che non sia così fluido e volatile, è vero anche che questa situazione di instabilità è stata (ed è) per molte un modo per "averla facile".

Nella fluidità della situazione c'è chi ha trovato il modo di fare sia la parte dell'uomo che della donna (sfruttando vecchi retaggi) in base alla convenienza del momento; sia in casa che fuori.

Abbiamo avuto donne che si sono realizzate sul lavoro, ma a spese (soldi o psiche) del compagno; che hanno avuto ruoli di potere, ma che hanno delegato il "lavoro sporco" agli uomini; che hanno creato imprese e mosso (bruciato) miliardi ..del papà (o del nonno), senza mai dover dimostrare niente a nessuno. Siamo arrivati addirittura alle quote rosa per Legge dello Stato.

Insomma, mi viene in mente il gatto con gli stivali della storia di Shrek, in particolare quando fa gli occhi dolci. :D

Ecco, forse (dico FORSE) questo è stato ed è un vantaggio. Tuttavia per ogni "furba" ci sono 10 che ancora oggi la pagano al posto suo per via della difficoltà con cui la reputazione femminile cresce (o esce dall'ambiguità).

Ormai tutti parlano bene delle donne (maschi lamentosi a parte), perché "è di moda", ma nessuno si fida di "lei" (lei impersonale): le altre donne in primis.
Tutti mentono.
Ci sono molte più probabilità di venire uccisi da una persona che si ama che da un estraneo.
La realtà è quasi sempre sbagliata.

Giant_in_Despair

Giovane Amico

Posts: 269

Activity points: 870

Data di registrazione: lunedì, 10 novembre 2014

  • Invia messaggio privato

24

lunedì, 09 maggio 2016, 21:47

Le donne... in Italia... e solo in Italia... hanno un vantaggio oggettivo nelle relazioni... solo in quello... ma un uomo, col potere, col denaro, puo' ben livellare anche questo vantaggio... alla fine basta qualche pezzettino di carta per trombarti una strafiga... in certi posti una supermodella costa quanti 2 pizze e 2 birre qui...

Ma di che parliamo ?

Agli uomini che frignano ed invidiano le donne io dico... SVEGLIATEVI !


Chapeau.
However vast the darkness, we must supply our own light.

ciaone

Utente Attivo

  • "ciaone" ha iniziato questa discussione

Posts: 93

Activity points: 293

Data di registrazione: domenica, 08 maggio 2016

  • Invia messaggio privato

25

lunedì, 09 maggio 2016, 21:48

ti mancano ancora dei tasselli
1) il paracadute non è gratuito, ogni scelta ha un prezzo. la percezione dell'altezza (del prezzo) è questione soggettiva
2) non è un vero paracadute, nel senso che una volta atterrato, lo ripieghi e continui a camminare; no, una volta aperto non si richiude più
3) se una donna vuole realizzare qualsiasi cosa deve rendere molto (e molto più di un uomo)


1) e 2) ok, ma sono comunque possibilità in più che un uomo non ha. Forse non è chiaro: se domani decidessi di non fare + un chezz per il resto della vita io, in quanto uomo, sarei presto rovinato. Se invece fossi una donna potrei trovarmi un pollo, certo ben lontano dai miei desideri di principe azzurro, ma comunque un buon pollo, e passare tutto il resto della vita in semipensione, cioè facendo la casalinga (senza nulla togliere), se me la gioco bene posso anche smezzare le faccende domestiche con la scusa che "anche l'uomo deve contribuire" e altre parac**ate analoghe.

Il punto 3) è falso. E' il solito vittimismo delle donne, il cui schema mentale è "se ci riesco è perché sono bravissima (molto più brava di un uomo) se fallisco è colpa del sistema che mi ha ostacolato in quanto donna".

Ripeto ancora: fino a pochi decenni fa era vero, ma è vero anche oggi? No. Parlo per chi è nato dopo il 1970. Tutte le bambine possono studiare, tutte le ragazze laurearsi, anzi credo che siano ormai e si laureino ogni anno + ragazze che ragazzi... tutte le posizioni lavorative "top", di tipo manageriale, non discriminano affatto le donne, anzi sono ritenute mediamente più capaci di rapportarsi con le persone, più precise e più affidabili. Semplicemente molte ragazze scelgono carriere meno impegnative, e sono liberissime di farlo, le altre vanno incontro alle stesse difficoltà dei ragazzi.

Porta dei dati oggettivi che dimostrino che per le donne "realizzare qualcosa" è più difficile, se davvero ci credi.

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "ciaone" (09/05/2016, 21:53)


ciaone

Utente Attivo

  • "ciaone" ha iniziato questa discussione

Posts: 93

Activity points: 293

Data di registrazione: domenica, 08 maggio 2016

  • Invia messaggio privato

26

lunedì, 09 maggio 2016, 21:52

Ma paragonati ai millenni di schiavitù subita che e ancora esistente in paesi non civilizzati , questi vantaggi cosa sarebbero ?? una nocciolina .quindi forse e di cattivo gusto guardando indietro mettersi a sindacare


Infatti non sto sindacando! Nessuno sta capendo il mio punto di vista: il mio intento è dimostrare che ORA è meglio essere donna media piuttosto che uomo medio, ed è importante perché si tratta di un cambio sociale e culturale completamente nuovo! Non sto dicendo "ah che brutto essere uomo", ci sono vantaggi e svantaggi in entrambi i ruoli. Mi infastidisce il costante vittimismo femminile, secondo me le donne non sono in grado di capire e cogliere tutte le opportunità che hanno e si auto-limitano, perché compiangersi è sempre più facile.

ciaone

Utente Attivo

  • "ciaone" ha iniziato questa discussione

Posts: 93

Activity points: 293

Data di registrazione: domenica, 08 maggio 2016

  • Invia messaggio privato

27

lunedì, 09 maggio 2016, 22:02


Quando vieni a dire "stiamo parlando di donne normali e uomini normali" praticamente tu hai arbitrariamente deciso le dinamiche evolutive. E quando dici che la donna ha più opportunità, allora lo fai partendo dal presupposto che sono TUTTE papabili perché si parlava di uomini normali e donne normali.

Tutti nella vita hanno bisogno di accoppiarsi, è un bisogno fisiologico. Poi ci sono i casi estremi, certo. Le donne sono molto avvantaggiate perché possono sbattersi di meno, avendo molte più possibilità. Nulla ci fa capire che queste possibilità siano inadatte, anzi di solito non lo sono ma la donna, conscia della facilità con cui può avere nuove chanches, non le sfrutta con la stessa razionalità che farebbe un uomo.

Citato


Infatti il mio pregiudizio era argomentato dal fatto che si tratta della generazione maschile che l'ha avuta più facile, e quella per cui sta diventando -paradossalmente- più problematico il confronto con la donna.

Io vedo molta bamboccionaggine anche nelle ragazze under 40, sempre ad autoassolversi ogni fallimento e ogni capriccio con la scusa di essere donna.
Comunque ti faccio notare che gli under 40 sono la generazione + istruita e meno sessista della storia dell'umanità, eppure guarda un po', esistono donne come te che dichiaratamente preferiscono gli over 40! Praticamente ci stai dicendo che preferivi l'uomo del passato, quello maschilista, "con le palle" per usare la tua terminologia.
Proprio il tipo di uomo che ti avrebbe trattata come una serva, considerandoti poco + che un oggetto... pensaci

ciaone

Utente Attivo

  • "ciaone" ha iniziato questa discussione

Posts: 93

Activity points: 293

Data di registrazione: domenica, 08 maggio 2016

  • Invia messaggio privato

28

lunedì, 09 maggio 2016, 22:08

Le donne... in Italia... e solo in Italia... hanno un vantaggio oggettivo nelle relazioni... solo in quello... ma un uomo, col potere, col denaro, puo' ben livellare anche questo vantaggio... alla fine basta qualche pezzettino di carta per trombarti una strafiga... in certi posti una supermodella costa quanti 2 pizze e 2 birre qui...


Nei paesi meno sviluppati infatti la donna non è ancora del tutto libera e conviene essere uomo. Quindi praticamente in est-Europa, sud America, terzo mondo, ecc conviene essere un uomo, lì si, spesso conviene di molto.

Ma non nei paesi sviluppati (Italia inclusa).

dhalsim

Спасаясь от Pitechia

Posts: 1.586

Activity points: 4.800

Data di registrazione: mercoledì, 07 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

29

martedì, 10 maggio 2016, 00:01

Non posso non ridere leggendo l'accostamento Est Europa con Terzo Mondo... ma... a parte questo "dettaglio"... mi fa ancor piu' ridere il paragone con un paese "civile e sviluppato" come noi...

Da noi il problema non sono le donne... sono gli uomini... ragazzini fuori tempo massimo incapaci di portare i pantaloni... tanto li mettono le donne (al posto della gonna...)

Ripeto... smettetela di BUTTARE TEMPO E SOLDI... la vita e' una sola ed e' corta... inziate a capire come potete godere di quello che desiderate... svuotando prima la testa da mille costrutti che il sistema vi ha inculcato per rendervi schiavi....
Non puoi perdere quello che non metti nel piatto, ma non puoi neanche vincere.

amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 929

Activity points: 2.815

Data di registrazione: sabato, 24 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

30

martedì, 10 maggio 2016, 04:13

Interessante discussione. Prima di elencare i punti del mio pensiero, vi dico che ho oltre 40 anni, sono una persona con un lavoro prestigioso, sono uomo e dopo una disavventura amorosa ho deciso di intraprendere una attivita' sociale intensissima (esco tutte le sere) e con grande successo sociale (sono estremamente popolare). Ecco cosa ho notato nella mia esperienza.

Campo lavorativo (paesi occidentali):

1) Le donne hanno un vantaggio in quanto per via delle storie del passato in molte posizioni di prestigio DEVONO assumere "minority" e dunque spesso una donna anche non proprio brava vince la competizione. Spesso, infatti, le organizzazioni hanno dei grant prooprio per assumere donne e dunque anche uomini "stellari" vengono prefiriti da donne persino mediocri.

2) Nelle posizioni di POTERE VERO, gli uomini la fanno da padrone. Se le donne ricoprono tali posizioni spesso e' una situazione solo apparente con uomini dietro le quinte che gestiscono il tutto. Si tratta di esperienze personali, non di grandi numeri e ovviamente ci sono eccezioni. Il discorso dle potere non mi stupisce: e' una prerogativa aggressiva tipica del testosterone...

3) Mezzucci per andare avanti sono equamente ripartiti fra i sessi. Le donne piu' "disinvolte" hanno la carta sessuale in piu', ma gli uomini "compensano" con atteggiamenti senza scrupoli e letteralmente disgustosi. Non vedo l'ago della bilancia pendere...

4) Gli stipendi degli uomini sono piu' alti e la conseguenza e' spesso legata alla loro aggressivita' e non competenze (conosco donne spettacolari: l'eccellenza vera non ha sesso)

Campo affettivo/relazionale

1) Se sei giovane, essere donna e' UN GRANDISSIMO VANTAGGIO. Basta andare in un posto pubblico e si avranno corteggiatori. Infatti in questa societa' e' ancora richiesto che l'uomo faccia sempre il primo passo

2) Man mano che gli anni passano, dopo i 40, le donne hanno un GRANDISSIMO SVANTAGGIO che diventa un enorme disastro nella vecchiaia. Infatti gli uomini che siano piuttosto in gamba, che abbiano superato i vari problemi psicologici relazionali (cosa che ho provato io sulla mia pelle, un giorno scrivero' un libro) hanno accesso a tutte le donne anziane (non vi immaginate quante occhiate ricevo per esempio nell'ambiente tango, con commenti piu' o meno espliciti) ma anche a quelle giovani che vedono l'uomo di almeno 10 anni piu' anziano come una lusinga

3) Il vantaggio degli uomini e' ancora piu' grande nella vecchiaia, specie se la donna si e' "adagiata" all'uomo facendosi mantenere. Ci sono storie molto triste di matrimoni gabbia dove la donna ha di fatto perso ogni liberta' e speranza di avere una vita accettabile, dovendo fare letteralmente da schiava a uomini senza scrupoli ne umanita'.


Altri aspetti da non sottovalutare

1) La donna deve essere sempre molto guardinga, per via della sua devolezza fisica in confronto a un malinenzionato

2) L'uomo e' molto piu' libero e non deve temere di essere violentato sessualmente se dovesse camminare di notte in un vicolo buio (non escludendo ovviamente rapine etc. ma comunque le donne sono svantaggiate).

Riassumendo: se sei giovane, allora meglio essere donna. Se si e' oltre i 40 anni molto meglio essere uomini.