Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Lucaru2

Nuovo Utente

  • "Lucaru2" ha iniziato questa discussione

Posts: 2

Activity points: 13

Data di registrazione: lunedì, 15 ottobre 2018

  • Invia messaggio privato

1

lunedì, 15 ottobre 2018, 17:11

Ho rovinato tutto fin dall'inizio? Dovrei dirglielo?

Salve a tutti, mi chiamo Luigi e ho 23 anni. Sono fidanzato da sei mesi ormai con una ragazza fantastica, non sarà tantissimo tempo, ma ci amiamo entrambi, il rapporto va a gonfie vele e in tutta la mia vita sento di non aver mai provato dei sentimenti così forti e sani verso un'altra persona. Il problema è che quando ci siamo conosciuti io provavo un interesse relativamente scarso per lei e ancora oggi non me ne spiego il motivo. Dopo esserci scambiati i numeri abbiamo iniziato a scriverci e uscire assieme, ma a causa di impegni di entrambi il primo periodo è passato senza che ci vedessimo spesso e solo con uscite di appena un paio d'ore in luoghi pubblici, giusto per conoscersi un poco. A me pareva che quella situazione non potesse evolversi in alcun modo, lei mi sembrava una ragazza dolce e simpatica e per questo non ho pensato di troncare, fortunatamente, ma allo stesso tempo non mi sentivo per niente impegnato e non vi erano opportunità di vedersi più spesso nell'immediato futuro. Così, durante il primo mese circa da quando ci eravamo conosciuti io ho continuato a comportarmi come il single di prima, in particolare ho baciato un'altra ragazza ad una festa e ho fatto sesso con una sorta di "amica di letto" con la quale abbiamo deciso insieme di chiudere i rapporti immediatamente dopo per motivi che non c'entravano nulla con la mia attuale fidanzata. All'epoca non provai nemmeno sensi di colpa, giustificandomi col pensiero che non stavamo insieme e lei era liberissima di fare altrettanto, anche se non avevamo mai discusso sull'argomento. Terminato questo periodo iniziale siamo finalmente riusciti a frequentarci più spesso e solo allora mi sono accorto di quanto mi piacesse lei, finché non ci siamo fidanzati "ufficialmente". Se ripenso oggi a quel periodo mi sento tremendamente in colpa e pentito di tutto, non solo perché ho agito da infame, mancandole di rispetto, ma anche perché sono stato un idiota a non rendermi conto di quale persona speciale fosse. Sono sempre stato sincero con lei, probabilmente come con nessun'altro, ma non sono mai riuscito a dirle di questo fatto, vorrei spiegarle come mi senta tremendamente in colpa per questo e come lei sia riuscita a farmi maturare emotivamente dall'idiota che ero,ma ho troppa paura di ferirla profondamente, oltre che di compromettere la nostra relazione,soprattutto non voglio rovinare il ricordo che ha lei delle nostre prime uscite insieme come me lo sono rovinato io, anche se lei stessa ha ammesso di aver avuto qualche dubbio se continuare o meno all'inizio. Da quando stiamo assieme non sono più stato interessato a nessun'altra e non ho mai reputato il tradimento un opzione plausibile, ho sempre cercato di trattarla il meglio possibile e di soddisfare le sue aspettative, ma il pensiero di quello che ho fatto mi logora ogni giorno. Secondo voi è più giusto farle sapere la verità, non importa quanto questa la faccia soffrire, oppure tacere e tenere questo peso per me come punizione per quello che ho fatto?

amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1.001

Activity points: 3.031

Data di registrazione: sabato, 24 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

2

lunedì, 15 ottobre 2018, 20:54

Comportati da uomo e diglielo. E pagane le conseguenze se ce ne saranno. Impara anche ad evitare di metterti in simili situazioni. Prima chiudi una storia e poi cominciane un'altra

puntoliberatutti

Giovane Amico

Posts: 181

Activity points: 585

Data di registrazione: martedì, 21 luglio 2015

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 15 ottobre 2018, 20:55

RE: Ho rovinato tutto fin dall'inizio? Dovrei dirglielo?

Salve a tutti, mi chiamo Luigi e ho 23 anni. Sono fidanzato da sei mesi ormai con una ragazza fantastica, non sarà tantissimo tempo, ma ci amiamo entrambi, il rapporto va a gonfie vele e in tutta la mia vita sento di non aver mai provato dei sentimenti così forti e sani verso un'altra persona. Il problema è che quando ci siamo conosciuti io provavo un interesse relativamente scarso per lei e ancora oggi non me ne spiego il motivo. Dopo esserci scambiati i numeri abbiamo iniziato a scriverci e uscire assieme, ma a causa di impegni di entrambi il primo periodo è passato senza che ci vedessimo spesso e solo con uscite di appena un paio d'ore in luoghi pubblici, giusto per conoscersi un poco. A me pareva che quella situazione non potesse evolversi in alcun modo, lei mi sembrava una ragazza dolce e simpatica e per questo non ho pensato di troncare, fortunatamente, ma allo stesso tempo non mi sentivo per niente impegnato e non vi erano opportunità di vedersi più spesso nell'immediato futuro. Così, durante il primo mese circa da quando ci eravamo conosciuti io ho continuato a comportarmi come il single di prima, in particolare ho baciato un'altra ragazza ad una festa e ho fatto sesso con una sorta di "amica di letto" con la quale abbiamo deciso insieme di chiudere i rapporti immediatamente dopo per motivi che non c'entravano nulla con la mia attuale fidanzata. All'epoca non provai nemmeno sensi di colpa, giustificandomi col pensiero che non stavamo insieme e lei era liberissima di fare altrettanto, anche se non avevamo mai discusso sull'argomento. Terminato questo periodo iniziale siamo finalmente riusciti a frequentarci più spesso e solo allora mi sono accorto di quanto mi piacesse lei, finché non ci siamo fidanzati "ufficialmente". Se ripenso oggi a quel periodo mi sento tremendamente in colpa e pentito di tutto, non solo perché ho agito da infame, mancandole di rispetto, ma anche perché sono stato un idiota a non rendermi conto di quale persona speciale fosse. Sono sempre stato sincero con lei, probabilmente come con nessun'altro, ma non sono mai riuscito a dirle di questo fatto, vorrei spiegarle come mi senta tremendamente in colpa per questo e come lei sia riuscita a farmi maturare emotivamente dall'idiota che ero,ma ho troppa paura di ferirla profondamente, oltre che di compromettere la nostra relazione,soprattutto non voglio rovinare il ricordo che ha lei delle nostre prime uscite insieme come me lo sono rovinato io, anche se lei stessa ha ammesso di aver avuto qualche dubbio se continuare o meno all'inizio. Da quando stiamo assieme non sono più stato interessato a nessun'altra e non ho mai reputato il tradimento un opzione plausibile, ho sempre cercato di trattarla il meglio possibile e di soddisfare le sue aspettative, ma il pensiero di quello che ho fatto mi logora ogni giorno. Secondo voi è più giusto farle sapere la verità, non importa quanto questa la faccia soffrire, oppure tacere e tenere questo peso per me come punizione per quello che ho fatto?


A me questo senso di colpa che ti senti addosso mi sembra un pò eccessivo, non vedo un comportamento così scorretto.
Poi non capisco di dover motivare il tuo scarso interesse iniziale per la tua fidanzata. Che ti importa di quali siano state le modalità iniziali?
Guarda con ottimismo al presente e al futuro, se proprio hai bisogno di alleggerire questa cosa che tu senti un peso trova un amico fidato e riservato a cui parlarne.

Psycho Mantis

Mago/Guerriero

  • "Psycho Mantis" è una donna

Posts: 326

Activity points: 1.006

Data di registrazione: martedì, 30 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 15 ottobre 2018, 22:40

@amoreperduto, ma quando mai???? Ma in quale universo??



@Lucaru2: ti stai facendo una marea di seghe mentali inutili. Ti stai inventando un problema che non c è, non è proprio classificabile come cosa brutta o sbaglio. Non eravate fidanzati e sinceramente è normalissimo quello che hai fatto. Non vi conoscevate, manco yi piaceva un granché e ora a che pro dirle una cosa del genere? Anche perché le cose si dicono subito o ciccia, non ha nemmeno senso scaricarle perché hai il senso di colpa. Elaboralo e capirai, uno, che hai fatto una scelta, due che è un'emozione che va gestita con razionalità.
Comunque non hai fatto niente di male, otterresti solo che un po' ci potrebbe rimanere male, ma non potrebbe dirti nulla obiettivamente.
Forse a te dispiace che lei abbia un ideale romantico su di te, ma sai, è bello anche sognare delle volte! Cioè la sincerità non sempre corrisponde alla scelta migliore, bisogna valutare cosa comporta. Non sto dicendo che vanno bene le bugie, ma che dire certe verità può essere anche un modo di agire poco intelligente.

Valuta un po' tu.

We live in the moment. That's our only purpose.


amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1.001

Activity points: 3.031

Data di registrazione: sabato, 24 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

5

martedì, 16 ottobre 2018, 07:06

Uno decide che tipo di persona vuole essere, se quella che nasconde segreti, mente o quella per cui la propria parola ha un valore. Quando uno diventa adulto decide che persona vuole essere. Decidi che persona vuoi essere e poi non voltarti indietro. Io le direi tutto senza pensarci due volte.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" è un uomo

Posts: 6.691

Activity points: 20.374

Data di registrazione: mercoledì, 05 ottobre 2016

Località: Roma e l'universo

Lavoro: something

  • Invia messaggio privato

6

martedì, 16 ottobre 2018, 09:28

vabbè...stavate insieme da neanche un mese e mi pare di capire in forma molto "leggera". A 23 anni non mi sembra che hai commesso un crimine! Adesso, se ci tieni riga dritto, ma il passato è passato all'epoca credo di aver capito non eravate ancora convinti della relazione. Perchè torturarsi ora?
It doesn’t even matter how hard you try...

Psycho Mantis

Mago/Guerriero

  • "Psycho Mantis" è una donna

Posts: 326

Activity points: 1.006

Data di registrazione: martedì, 30 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

7

martedì, 16 ottobre 2018, 09:32

Amoreperduto, che senso ha, secondo il tuo discorso, andare a dirle qualcosa che riguarda un periodo in cui a malapena si conoscevano!
Magari può anche andare bene e sentirsi anche più complici, ma stiamo parlando di rapporti adulti. Se lui facesse sesso con un'altra adesso, allora sarebbe un tradimento.
Qual è il suo errore? Avere una normale vita sessuale? Lei aveva un cartello con scritto: "sarò la tua futura ragazza"? È stato coerente con sé stesso e con lei, tutto questo sempre escludendo che anche lei abbia fatto sesso in quel periodo.

Scusa supponi Lucaru2 che venisse la tua ragazza e ti dicesse: ho fatto sesso mentre ci stavamo conoscendo. Come ti sentiresti? Come reagiresti?

We live in the moment. That's our only purpose.


Krug

Utente Attivo

  • "Krug" è una donna

Posts: 119

Activity points: 371

Data di registrazione: venerdì, 19 gennaio 2018

  • Invia messaggio privato

8

martedì, 16 ottobre 2018, 12:06

Ciao Luigi,
io credo che il tuo senso di colpa potrebbe essere fondato se tu e la tua ragazza eravate già in termini di frequentazione interessata (anche se da parte tua l'interesse era scarso) quando ti è capitato di avere le altre avventure. Per frequentazione interessata intendo l'aver esternato dei sentimenti, essersi baciati (insomma un rapporto agli albori). Ma... se quando hai avuto le due avventure, tu e lei eravate soltanto amici o conoscenti, non ci vedo motivo a questo senso di colpa e forse più che parlarne con lei, dovresti confrontarti con uno psicoterapeuta, soprattutto se non riesci a liberarti da questo peso.

Krug
Un sangue-misto di rado si trova contento in compagnia: c’è sempre qualcosa che gli fa ombra, ma in realtà è lui che si fa ombra da se stesso, come il ladro e il tesoro, che si fanno ombra uno con l’altro. - L'isola di Arturo, Elsa Morante

Creamy

Colonna del Forum

Posts: 1.476

Activity points: 5.506

Data di registrazione: giovedì, 05 marzo 2009

  • Invia messaggio privato

9

martedì, 16 ottobre 2018, 14:47

Ciao Luca quando ho letto il tuo messaggio ho seriamente pensato "ma tutti gli uomini non potevano essere come te?"... Questo perché dimostri di essere molto pulito e innamorato.
E mi devi credere :)
Sul dirglielo boh forse si ma unicamente per cementare il vostro rapporto. Oppure comunque lanciale una battuta di tanto in tanto "Sei fantastica e pensare che all'inizio non ero neanche cosí convinto, ero in un periodo cosí easy e non riuscivo a legarmi " questo é un modo indiretto per dirle che in quel mese hai avuto altre frequentazioni ma non ti dovrebbe fare la parte della scandalizzata, non penso proprio!

Lucaru2

Nuovo Utente

  • "Lucaru2" ha iniziato questa discussione

Posts: 2

Activity points: 13

Data di registrazione: lunedì, 15 ottobre 2018

  • Invia messaggio privato

10

martedì, 16 ottobre 2018, 15:54

Vi ringrazio per le risposte che mi stanno tranquillizzando non poco, di questa cosa ne avevo già parlato con due amici, un ragazzo ed una ragazza dato che ci tenevo ad avere anche un parere femminile, ed entrambi hanno convenuto sul fatto che il mio comportamento era stato antipatico, ma non del tutto scorretto, non essendoci ancora impegnati all'epoca, e che dirglielo avrebbe significato semplicemente scaricarmi di un peso per passarlo a lei, cosa che mi ha trattenuto dal confessarglielo.
Amoreperduto, non si tratta di essere uomo o meno, ma di capire se vale la pena di farla soffrire per qualcosa che è capitato quando ancora non stavamo insieme, con l'altra ragazza poi avevo una relazione assolutamente aperta per decisione di entrambi fin dall'inizio.

In risposta a tutti gli altri: probabilmente proprio perché il nostro rapporto va così bene, ripensando alle nostre prime uscite tendo a idealizzarle troppo e da lì non riesco a capire del perché avessi dubbi e mi sentissi libero di fare ciò che volevo. Ci eravamo conosciuti in discoteca e da lì avevamo iniziato a scriverci, non eravamo andati oltre al bacio a stampo, ma fin da subito era chiaro che non ci vedessimo per semplice amicizia, per questo sento di aver fatto qualcosa di sbagliato, sul limite nei migliore dei casi, e penso di meritarmi i sensi di colpa. Il fatto è che proprio a causa degli incontri così di rado e brevi l'avvicinamento è stato lento e progressivo e anche se entrambi abbiamo convenuto sulla data di inizio della relazione vera e propria, la quale ricade successivamente ai fatti di cui ho scritto, ho difficoltà ad individuare il punto esatto della relazione in cui ho avuto queste mie avventure. Se lei mi venisse a dire di aver fatto altrettanto in quel periodo non me la prenderei affatto ovviamente, ma conoscendola so che allora non ha avuto alcun contatto fisico con altri ragazzi, tempo fa mi aveva confessato che i suoi dubbi iniziali erano stati causati dal fatto che un suo amico si era fatto avanti nello stesso periodo, la cosa non mi ha turbato minimamente, anzi, è stato meglio che me l'avesse detto così tardi perché all'inizio questa notizia mi avrebbe potuto convincere a farmi da parte.
Concludendo, so che scriverlo ora è fin troppo facile, ma vi posso garantire che non ho la minima intenzione o interesse di tradirla

amoreperduto

Piu' duro della vita

Posts: 1.001

Activity points: 3.031

Data di registrazione: sabato, 24 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

11

martedì, 16 ottobre 2018, 19:14

Segui i tuoi standard etici. Per i miei io direi tutto. Ma alla fine sei tu il fabbro del tuo destino ed e' giusto che sia cosi'

cristyna

Amico Inseparabile

  • "cristyna" è una donna

Posts: 1.354

Activity points: 4.083

Data di registrazione: martedì, 05 ottobre 2010

  • Invia messaggio privato

12

mercoledì, 17 ottobre 2018, 16:50

Se vuoi perderla...... Diglielo
Svelare questa cosa cambierebbe totalmente la visione che lei ha di te e di voi.
Considerato che il vostro è cmq un rapporto nascente, potrebbe dirsi meglio lasciare ora che più in là.
Io sono x la sincerità sempre, ma nel tuo caso non le devi niente relativamente a quel momento iniziale.
L'importante è che ora tu sia appagato e concentrato su di lei.

Tags usati

coppia, tradimento