Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

coswario33

Utente Attivo

  • "coswario33" è un uomo
  • "coswario33" ha iniziato questa discussione

Posts: 45

Activity points: 170

Data di registrazione: giovedì, 19 aprile 2018

Località: Milano

Lavoro: Studente

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 09 febbraio 2019, 17:53

Amore vero o solo paura di rimanere da soli?

Ciao a tutti!

Non scrivo da parecchio sul forum, dopo un periodo molto buio di un anno fa sono riuscito a tirarmi su, grazie a farmacoterapia e psicoterapia... ora che sto provando ad andare avanti con le mie forze, sto avendo quelle stesse sensazioni di negatività che non provavo da un bel po'!

Comunque ora scrivo per indagare un altro aspetto problematico della mia vita: l'amore, e la capacità di provare emozioni.

Provo a essere breve:

la mia ultima relazione terminò di fatto nell'aprile 2017, dopo che io e lei, S., provammo una relazione a distanza: niente, non funzionò, ognuno per la sua strada...

tornato in Italia nel giugno 2017 (ero all'estero per un periodo di studio), ho ricominciato la mia vita quotidiana, fin quando la depressione arriva a dicembre 2017, e per i primi 6 mesi del 2018 la mia vita senza essere finita nel loop che in molti qui conosciamo...

sapete chi è stata una delle persone che mi è stata più "vicina", seppur non fisicamente? Proprio S. è lei che mi ha spronato a chiedere un aiuto psicologico, a non aver paura a chiedere consigli a esperti, a essere convinto delle proprie scelte...

quando lei torna per un paio di settimane durante Luglio 2018, ci rincontriamo, passiamo del bel tempo insieme, e finiamo anche a letto insieme: per me questo è la prova che io nei confronti di questa ragazza provo ben più che un semplice affetto, e da lì inizio a ripensare tanto a lei!

Tutto questo fino allo scorso dicembre, quando lei torna e ci incontriamo nuovamente, e io pronuncio le due parole fatidiche: TI AMO.

gesto impulsivo, durante una serata alticcia, non troppo ragionato: da quel momento sento che la mia ansia ha ripreso a prendere il sopravvento.

Stare con S. infatti implica una serie di azioni che a me naturalmente non vengono: dare affetto, essere sempre reperibile, dimostrare quanto tengo a una persona, con parole e gesti, provare quanto ti amo... ma perché l'amore deve essere così complicato?

Io sento che provo nei confronti di S. un sentimento che va ben oltre la semplice amicizia, ma ho paura che non sia amore vero. E la mia paura è ancora più amplificata dal fatto che se dovessi dirle che non la amo, rischierei di perdere quell'unica persona per cui ora valgo qualcosa.

Come posso risolvere queste mie turbe mentali?

Grazie a tutti del vostro tempo e per ogni risposta che darete!

Vi abbraccio

W

Scorpio1963

Giovane Amico

  • "Scorpio1963" è un uomo

Posts: 224

Activity points: 700

Data di registrazione: venerdì, 16 novembre 2018

Località: Toscana

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 09 febbraio 2019, 19:04

Il problema è che nessuno sa cosa sia "l'amore vero" Perché ne scrivono trattati da secoli, senza che venga realizzato un test rivelatore, tipo test di gravidanza (positivo/negativo)

Si va dalle farfalle nello stomaco, ai tramonti sulla riva del mare, a notti tempestose fra lenzuola bollenti, al cuore di panna stile gelato algida.

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste non ha perso il gusto di continuare a navigare

  • "Pivaldo" è un uomo

Posts: 970

Activity points: 3.190

Data di registrazione: mercoledì, 27 maggio 2015

Località: italia centrale (quando non viaggio)

Lavoro: facciodame

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 09 febbraio 2019, 20:15

Io sento che provo nei confronti di S. un sentimento che va ben oltre la semplice amicizia, ma ho paura che non sia amore vero. E la mia paura è ancora più amplificata dal fatto che se dovessi dirle che non la amo, rischierei di perdere quell'unica persona per cui ora valgo qualcosa.


Potrà sembrarti strano, ma certe volte scopri che chiaramente ti sei innamorato di una donna quando stai per perderla o l'hai persa.
Solo in quei momenti riesci a capire cosa voglia dire "amare".

Nella società della comunicazione a tutti i livelli, non si hanno più idee chiare su cosa sia l'amore.

Alcune donne straniere me lo definivano " … have fun together". Poi, quando il divertimento finisce … ognuno per la sua strada.

Il problema è che tutti i sentimenti si bruciano nel tempo e dovresti valutare non solo l'attrazione fisica, il sesso soddisfacente, ma anche come una donna si confronta con i problemi della vita. La tua S. sembra averti considerato importante per lei.
Non sottovalutare un inizio così, secondo me.

P.

(-----------------------;)----------------------)
"Innamorarsi è raro, ma non difficile. La vera impresa è conservare quel sogno d'amore anche dopo la sua trasformazione in realtà. Perché se incontrarsi resta una magia, è non perdersi la vera favola. (Massimo Gramellini)

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite