Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

fusari87

Nuovo Utente

  • "fusari87" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 23

Date of registration: Nov 11th 2010

  • Send private message

1

Thursday, November 11th 2010, 8:08pm

Problema clinico-burocratico

Salve a tutti, premetto che questo mi sembra il posto più adatto per chiedere consiglio sul mio problema. Qualora non lo fosse, spostate il tread dove ritenete sia giusto...

Allora, come ho già detto nelle presentazioni, mi chiamo Paolo ho 23 anni e in passato da quando avevo 17 anni a quando ne ho avuti 21 (piu o meno) ho sofferto di un disturbo ossessivo-compulsivo (DOC in gergo tecnico) che mi portava a lavarmi di continuo, doccie interminabili, rituali (nel vero senso della parola) che si avvicinavano al masochismo e che mi rendevano la vita psicologia e sociale un vero e propio inferno.

In questo lasso di tempo o conosciuto psicologi, psichiatri, assistenti sociali, farmaci, ricoveri ospedalieri (volontari e coatti), Neuro psichiatrie infantili, SPDC, CPS, test vari, tranquillanti e chi più ne a più ne metta. Questo per farvi capire che la situazione era piuttosto grave. Insomma non posso dire di ricordare quegli anni con particolare piacere.

Fortunatamente in quegli anni (da quando avevo 19 a 21 anni, più o meno), al vedere che la situazione non migliorava, anzi tutt'altro, il mio CPS mi ha permesso di uscire dalla mia realtà di cura (quella mantovana) per andare a vivere in un centro di Brescia che alla fine è stato ciò che a dato il via alla cosidetta "inversione di marcia" e alla conseguente "risalita" che che poi piano piano neglia anni mi ha permesso di guarire, interrompere la somministrazione di terapie, interrompere la somministrazione di farmaci (con un notevole e visibile effetto positivo sulla mia vita, notato da medici specialisti, medico di base, famigliari, parenti e amici). Insomma da quando sono uscito da questo centro di Brescia ho cominciato a guarire ed è grazie solo a loro se oggi lavoro, ho una vita sociale normale, mi diverto, GUIDO la mia macchina, etc


Ho scritto GUIDO perchè il problema è che quando ho iniziato a prendere la patente somministravo ancora farmaci (era in prossimità della guarigione e quindi ne prendevo pochi e più che altro per sicurezza) e quando si inizia la prassi prevede un questionario con varie domande che possono influenzare la tua guida. Es: se si soffre di epilessia o si hanno attacchi d'ansia o se si assumo psicofarmaci. Allora ne prendevo pochi perchè già stavo bene e il primo errore fu NON mentire a quella domanda. Io dissi la verità e di questo sbaglio ne me ne pentirò mai. Perchè? Perchè poi ho preso assolutamente senza problemi la patente (tante che ho passato subito al primo colpo teoria e pratica) ma me l'hanno concessa per un'anno. Un'anno dopo la data che mi rilasciarono la patente mi trovavo davanti alla commissione patenti di Mantova e stavo bene, non assumevo più psicofarmaci e avevo concluso gli studi interrotti per questo grave disagio poi superato, con un foglio del mio CPS che comprovava il mio buono stato di salute mentale. Una cosa importante che non ho detto è che queste visite tra bolli e quant'altro costano circa 80 euro. Comunque rinnovata per un'altro anno. L'hanno dopo la situazione non è cambiata ottimo stato di salute, già lavoravo, buone relazioni sociali, e avevo sempre il foglio che rassicurava i dottori del mio ottimo stato di salute. Altri 80 euro e un'altro anno di patente. E arriviamo a questo maggio 2010, mi trovo per la terza volta davanti la commissione, la situazione è sempre la stessa e così mi aspetto che almeno me la rinnovino per più tempo (almeno almeno 2 anni), dopotutto non si presentavano più disagi da più di 2 anni e non prendevo farmaci da poco meno di 2 anni. E li scopro che per avere ciò che desideravo era necessario un documente prodotto da un ente sanitario pubblico che assicurasse il mio stato effettivo di guarigione. Conclusione 80 euro un giorno di lavoro perso per un'altro anno di patente. Nel frattempo passo l'estate a lavorare come animatore, torno mi informo presso il mio CPS per vere un colloquio con la mia dottoressa, mi fissa un colloquio un mese e mezzo dopo, ovverochè in data odierna. Stamattina, speranzoso, vado da lei a portargli con orgoglio i miei miglioramenti (anche fisici perchè nel frattempo ho perso 25 chili non prendendo più farmaci) e gli espongo la situazione, dando massima disponibilità per dei colloqui, al fine di far capire anche loro che sto bene e farmi fare in previsione della prossima commissione a maggio 2011 un documento CHE ATTESTI NERO SU BIANCO CHE SONO GUARITO (cosa che di fatto è ormai da tempo, per fortuna). Ma la sua risposta è stata che sarà difficile fare dei colloqui perchè se il solo fine del collouio e ottenere un documento di guarigione non vale la pena che loro sprechino il loro tempo per me. Ora, io mi sono veramente stufato di questa situazione assurda (e discriminatoria perchè non vi ho raccontato altri particolari che magari farò in un'altro tread), non ho più intenzione di spendere 80 euro all'anno così SENZA ALCUN MOTIVO LEGITTIMO, dato che sto bene e non ci sono più problemi da 2 anni e oltre. I migliorament ce ne sono stati e ora ho una vita normale e non capisco perchè almeno non posso avere la patente per almeno 2 o 3 anni. Non capisco perchè il mio CPS ritenga inutile fare dei colloqui per chiudere e definirmi guarito quando di fatto lo è da un bel pò. Non capisco perchè la stessa gente che dovrebbe aiutare persone come me in passato o chi sta male, faccia di tutto per ostacolare l'utente. Ne sono veramente STUFO. A questo punto mi rivolgo a voi. Soprattutto a gente tecnica e competente ma anche consigli o pareri sono ben accetti. Io ci ho messo la volontà per uscire dalla malattia e sembra che quell'impresa ardua di superare una malattia mentale sia stata la più facile rispetto che ottenere la guarigione "burocratica". Cosa devo fare secondo voi? Perchè visto come si sta evolvendo la situazione, a livello economico mi converrebbe rifarla... Cosa devo fare?

Ps: Io nella mia breve ma intensa vita NON e ripeto NON HO MAI ASSUNTO DROGHE DI NESSUN TIPO. La malattia che mi ha colpito non è stata causata ne da droghe, ne da alchool. Anzi io sono tutt'ora oggi astemio, e da più di 6 mesi ho anche smesso di fumare sigarette.

Grazie a tutti!!!

fusari87

Nuovo Utente

  • "fusari87" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 23

Date of registration: Nov 11th 2010

  • Send private message

2

Monday, November 15th 2010, 7:32pm

Bè grazie a tutti della collaborazione...

riccioinletargo

Amico Inseparabile

  • "riccioinletargo" is female

Posts: 962

Activitypoints: 3,453

Date of registration: Nov 23rd 2008

  • Send private message

3

Wednesday, December 1st 2010, 6:30pm

Fatti fare il certificato da uno psichiatra della ULSS della città di residenza.

4

Sunday, December 5th 2010, 9:59pm

Non ho voglia di leggere tutto quello che hai scritto, vado a dormire.
Scusa!
Non mi importa tanto sentire le idee di una persona, quanto il sentimento accompagnato da quelle idee.
Luciano Ligabue