Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Sunday, January 22nd 2012, 7:23pm

vuoto.

da un paio di settimane mi sento così,non sono i soliti sintomi della depressione di qualche anno fa,quando mi lamentavo sempre,sospettavo di tutto e tutti,nn mi sentivo capita da nessuno e sfruttata come non mai e senza un minimo di autostima
adesso l'autostima ce l'ho sono in gamba,faccio sacrifici,voglio rispetto per essi,ma non sono domineddio,ho fatto pace con me stessa e con gli altri che cerco di capire anche quando non capiscono me.
forse sento un vuoto perchè invece di andare avanti vado indietro,perchè invece di lavorare e gaudagnare di più lo faccio ancora meno,mi impegno il doppio del passato,ma frutti non ne vedo.
provo solo una grande tristezza, ogni tanto molta rabbia,moltissima rassegnazione, ma nient'altro.
e la notte quando faccio un bel sogno penso a quando avevo 16 anni e andavo a scuola,le mie amiche ridevano sempre ed era quasi bello soffrire per amore.
mi sveglio e mi dò della deficiente visto che nel passato non si può vivere,anzi al passato non ci penso più.
se per questo nemmeno al futuro.

2

Monday, January 23rd 2012, 5:01pm

vorrei farti una domanda, perchè mi hai incuriosito, perchè qualcuno dovrebbe rispettare i tuoi sacrifici? Su che base?
faccio sacrifici,voglio rispetto per essi

3

Monday, January 23rd 2012, 6:23pm

ed era quasi bello soffrire per amore
ti capisco perfettamente! nella frase che ho citato c'è il riassunto di una vita, di come era prima e di come è adesso...io credo (nel mio caso) che la causa del vuoto che spesso sento anche io è data proprio dalla mia attuale incapacità di soffrire per amore (non parlo solo di amore di coppia, ma in senso lato anche di amicizia vera e profonda) per evitare l'ennesima delusione. Forse il trucco sta proprio nel ricominciare ad amare gli altri con disinteresse...c'è una canzone che secondo me può farti capire ciò voglio dirti: "Metti in circolo il tuo amore" di Ligabue...ascoltala e dimmi cosa ne pensi!
ciao :hi:
dac
________________________________________________
"Un uomo solo che guarda il muro è un uomo solo.
Ma due uomini che guardano il muro è il principio di un'evasione."

________________________________________Jack Folla


4

Monday, January 23rd 2012, 8:05pm

Saphira

nn mi sentivo capita da nessuno e sfruttata come non mai e senza un minimo di autostima
adesso l'autostima ce l'ho sono in gamba,faccio sacrifici,voglio rispetto per essi,ma non sono domineddio,ho fatto pace con me stessa e con gli altri che cerco di capire anche quando non capiscono me.


Ti capisco, a volte succede anche a me di far bene e di ricevere in compenso legnate. Succede per il fatto che, in un certo ambito - familiare o lavorativo - il fardello si cerca di scaricarlo sul più debole. In questo senso non ci sono nè meriti nè pietà.
Come si fa? Io penso che quando si sfidano poteri più grandi dei nostri, dobbiamo esser certi di avere i mezzi per sostenere la sfida. Altrimenti è meglio essere opportunisti. Si può essere deboli in generale, ma forti su qualche punto particolare. Meglio farci leva.
E poi se proprio siamo stati sconfitti, l'accettiamo e pace amnen. E' la vita.

Pensa che ci sono non fumatori che si prendono un cancro ai polmoni e fumatori che campano fino a 90 anni. E' giusto? No. Ma con chi te la vuoi prendere?
Se non ci fossero i miei difetti, non ci sarei nemmeno io.

5

Tuesday, January 24th 2012, 8:12pm

hallomarc forse il mio vuoto deriva proprio da questo da questa "legge di murphy"persone che mai avrebbero voluto insegnare che insegnano e guadagnano con esso per esempio.
morpheus in passato sia nel mondo lavorativo si altrove volentieri restavo a casa per lavorare per poi tu datore di lavoro farti la bella faccia al posto mio,e poi quando questo veniva addirittura preso senza essere pagato,quando ero depressa pensavo:non sono degna di essere pagata.
ora se lavoro una settimana intera per salvarti il fondoschiena per l'esame,voglio essere pagata,i miei sforzi,i miei sacrifici,come quelli di tutti sia ben chiaro,hanno il loro prezzo.
tornado ad hallomarc penso che tu abbia centrato in pieno: STO SFIDANDO DA ANNI POTERI PIU' GRANDI DEI MIEI. e non so se continuare questo stillicidio o abbandonare tutto.
o cambiare testa.questo ci vorrebbe,cambiare io,visto che lo stato di cose peggiora soltanto.
ma come?
come rassegnarsi a quei 5 duri anni di studio matto e disperato, al risparmio continuo,mentre gli altri viaggiavano,andavano alle feste,e hanno vissuto la loro giovinezza?
e la mia dov'è andata?com'è che fino ai 20 anni ricordo tutto, poi gli anni successivi sono solo pieni di ricordi di litigi,giorni passati a studiare e a lavorare,l'unico ricordo bello è legato alle piccole cose che ho fatto con mio marito?

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Similar threads