Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

76

Friday, May 6th 2011, 10:18am

è fatta ANCHE di dolori..non SOLO di dolori...cosa si prova a essere soddisfatti e felici?qualcuno sa descrivermelo?io sto male per il tempo perso.sto male perchè ho combinato,e voi potete continuare a eludere l'argomento,un CASINO con la mia vita professionale.
Non riesco a capire in cosa si stà eludendo l'argomento, penso che scrivi questo perchè non hai le risposte che vorresti avere.

Quindi, se la mia supposizione è giusta, che risposte vorresti avere?
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

77

Friday, May 6th 2011, 11:45am

Ciao

Ciao.
Anch'io, come te, ho 25 anni. Studio alla facoltà di farmacia e mi mancano le ultime due materie da tanti mesi... Ma non parliamo di me... Vorrei parlarti innanzi tutto dei miei amici. Molti di loro hanno la mia stessa età e sono anch'essi all'unversità. Ma non danno molte materie. Pensa che a 25 anni c'è chi ancora deve sostenere una trentina di esami. Ti dico questo perchè sto cercando, in maniera sicuramente maldestra, di farti capire che la realtà va guardata per come merita, e cioè da tutte le parti! I miei amici, conducono una vita felice, anche se vanno avanti con gli studi lentamente, non si sentono vecchi... Ora, io non li sto difendendo,e dentro ci metto pure me! Anzi, penso che alla nostra età dovremmo essere già sposati con figli, come hanno fatto i miei genitori. Poi però penso alla mia vita, alle innumerevoli difficoltà che ho dovuto superare, alla grande mancanza d'affetto che ho sempre avvertito e alla terribile sensazione di sentirmi spesso "ospite" a casa mia, e tutto questo sin dai tempi in cui ho ricordi...
Il fatto che tu abbia scritto, non tanto quì nel sito, quanto il fatto che tu abbia sentito il bisogno di scrivere, indica che hai ancora voglia di farcela!!! Anche se pensi che non sia così, credimi, è così!
Non posso essere io a dirti cosa fare, ma se fossi in te, penserei che a 25 anni tutto è possibile perchè si è nel bel mezxzo della giovinezza. Penserei che non è troppo tardi per realizzare i miei sogni! E se il mio sogno fosse quello di continuare a studiare, lo farei! Certo, penserei che non sarà facile per me, e che magari dovrei cercare un lavoro part-time per mantenermi gli studi, magari come baby-sitter, come ha fatto la mia amica...
Non importa quale strada scegli perchè se rimani una persona buona dentro, chiunque e, in qualunque circostanza, apprezzerà quello che fai! E lo apprezzeresti anche tu! Conosco tanta gente che ha saputo riemergere dalle acque della disperazione! Io per esempio, ce l'ho fatta perchè ho smesso di sentirmi sola. E questo lo devo al fatto di essermi concessa un'altra possibilità. Il farsi venire in mente un'idea e lo scommettere con se stessi che "stavolta" ce la dobbiamo fare, ci da come l'impressione di non essere più soli ma di essere in due! La tua mente, intelligente che ragiona, che conforta il tuo cuore terrorizzato! Il primo passo per il successo è quelloo di dimostrare a se stessi di valere qualcosa! Ti faccio un esempio, dopo due anni all'università nella mia città, non concludevo nulla e ormai non studiavo neanche più perchè vedevo che tanto non andavo da nessuna parte. Poi i miei genitori, arrabbiatissimi con me, mi hanno trasferito nella stessa facoltà di un altro paese. Io pensavo che tutto ciò era inutile, ovviamente! E invece mi sbagliavo! Per cominciare ho scelto una materia piccola, microbiologia. Ho studiato dalla mattina alla sera e dopo una settimana, senza dire nulla ai miei ho fatto l'esame. Durante quella settimana,ho vissuto nell'inferno più totale. Devi sapere cheavevo preso casa con una collega di corso conosciuta lì. Questa tizia non voleva saperne di studiare e così ogni sera invitava circa 20 persone, tutti colleghi miei, che facevano baldoria in continuazione, e non perchè lo volessero fare, ma perchè volevano proibirmi di studiare. Mi facevano sparire la chiave per evitare che mi chiudessi in camera, così potevano disturbarmi quando volevano. Quando ci riuscivo, non potendo entrare, battevano pesantemente sulla parete, oppure mi fregavano i quaderni, o quando non c'era la coinquilina a farli entrare erano capaci di attccarsi al citofono per ore. E a questo devi aggiungere le parole che mi dicevano: non ce la fai a dartela adesso! Manca solo una settimana, dove vuoi arrivare? Quelli che sono veramente bravi, se la sono data in un mese! Appena ti presenti, ti bocciano alla prima domanda! Ti abbiamo sentito ripetere e abbiamo capito che non la sai affatto la materia! Ecc ecc. E figurati che le parole che ti ho scritto non erano così gentili...
Insomma, arrivò il giorno dell'esame, e ho dato la materia con 26! Non avevo risposto solo a una domanda.
Durante l'esame uno di quei cretini aveva voluto assistere, col cellulare in mano, forse perchè non vedeva l'ora di avvisare gli altri della mia disfatta. A esame finito mi dice "ma allora sei brava!". E quando anche gli altri hanno saputo che avevo passato l'esame, sai come se ne sono usciti? Dicendo che "tanto era una materia piccola e di poco conto"!
Nel mio caso, mi bastò quel momento per capire che potevo andare avanti! E che se nella mia città non ce l'avevo fatta era per colpa dei professori, e anche dei 5 appelli l'anno (dal momento che io non riesco a studiare più materie contemporaneamente), contro i 14 appelli l'anno che ci sono nella facoltà dove studio ora.
Insomma, da allora le cose sono andate sempre a migliorare. Ma ho dovuto superare sempre un sacco di difficoltà! Per ognoi materia, prima dell'esame stavo settimane con l'esaurimento nervoso. E questo è il motivo per cui oggi, non riesco a dare presto le due materie che mi mancano! L'importante per me è sapere che sto facendo del mio meglio e quindi, sentendomi con la coscienza pulita, riesco a guardare con ottimismo il mio futuro.
A proposito, ho una collega che si è laureata a trent'anni. Tu ne hai 25, e puoi permetterti di pensare che studiando sodo, e credendo in te, potrai laurearti ugualmente a 30/31 anni. Considera che io, da quando ho cambiato università, ho dato le materie di ogni anno regolarmente! Certo, non uscendo mai e studiando sempre. Però tu non devi prendere a modello il mio stile di vita. Tu devi avere grinta, voglia di fare ed essere consapevole dei tuoi limiti. Ciò che importa non è tanto il tempo quanto muoversi, andare avanti, sentirsi dinamici! Anche le lumache arrivano dove vogliono!
Ricorda, se avrai successo con te stesso,lo avrai anche con gli altri!

dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

78

Tuesday, May 10th 2011, 9:35pm

Manen,io ti ringrazio per la pazienza e la qualità della tua risposta.Ma quello che non riesco a capire è cosa fare,ancor prima del modo per ottenerlo.Non riesco a individuarmi.Questo è il problema principale,la madre di tutti gli altri.Ho fatto l'università con la mia ragazza,mi ha lasciato,e da quel punto in poi sono diventato un continuo cambiamento,un essere amorfo e sempre in lotta con il nulla.Sto capendo che tante strade le ho perse per sempre,e non riesco a darmi pace.Ho perso la BELLEZZA di fare l'amore con un'altra giovane come me(come DOVREI sentirmi io,a 25 anni)che non sia lei,o tante occasioni professionali.Non sono stato egoista.Guai a non essere egoista.Oggi non mi prenderanno più in posta,ai treni,nelle armi,perchè vecchio e senza curriculum.Pagherò a vita,e questo per coinvolgere anche Alexander,5 miseri anni di sceleratezza.Voi potete dire quello che volete,ma il pupazzo è uscito fuori dalla catena di montaggio.Ora cosa faccio?Io chiedo semplicemente una spinta.Ma nessuno di coloro che conosco è mai riuscito a darmela,perchè bisognerebbe prima capire cos'è che mi tormenta,ossia il non sentirsi definito.Anche io credevo fosse immaturità,infantilismo,mas non è così.Mi sento come se avessi vissuto una vita intera di sconfitte,e ora sono paralizzato.Ditemi voi cosa devo fare...

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

79

Tuesday, May 10th 2011, 11:55pm

Cosa ti basterebbe per essere felice?

dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

80

Wednesday, May 11th 2011, 1:02am

non lo so...

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

81

Wednesday, May 11th 2011, 8:20am

Dai, prova a pensarci: cosa vorrei per essere felice?
Te lo chiedo perchè questa è una domanda così scontata che spesso non ce la facciamo... Ci fissiamo sempre sul problema e non ci viene spontaneo pensare che forse qualcosa la potremmo fare...

This post has been edited 1 times, last edit by "Manen" (May 11th 2011, 8:46am)


dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

82

Sunday, May 15th 2011, 6:03pm

non lo so.vorrei sentirMI,capire la mia identità,godere di me stesso,della pienezza della mia identità e sentirne la realizzazione nel mondo circostante.Tutti hanno problemi,ma noto fra i miei amici che a 25 anni,o si è immuni a certi pensieri di angoscia e fallimento,o la vita riserva comunque un minimo di traguardo che per un pò,soddisfa.é questo che non ho,e non ce l'ho perchè non ho idea di dove andarlo a cercare..e di conseguenza,la fiducia in un me stesso che nn conosco viene meno,e quindi anche tutti gli altri successi oltre al piano professionale.è questa,la mia tortura

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

83

Sunday, May 15th 2011, 9:52pm

Mi dispiace che stai così male... Dimmi se posso fare qualcosa per te.

dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

84

Wednesday, May 18th 2011, 6:53pm

sento che in qualche modo tutto questo dolore sia in parte causa di come ho vissuto il liceo..mentre i miei compagni si divertivano,tirandosi addosso gli zaini durante la ricreazione,fumando,facendosi fare servizietti in bagno dalle amiche,io stavo lì...in disparte,avulso,ineffabile...quanto darei per tornare a scuola,mi manca..mi manca quell'ordine che scandiva la giornata,la paura dell'interrogazione..sorriderei di più,vivrei di più con i miei amici..mi sono sempre creduto speciale,superiore..e nn mi sn mai "prestato"a loro..nè mi sn interrogato su ciò che ero effettivamente capace di fare di essere..e mentre loro commettevano errori e crescevano,in un'età in cui nn si possono fare troppi danni per il futuro,io me ne stavo in disparte...come in attesa di non so cosa...poi loro sono cresciuti,e io mi scopro confuso e adolescente..quanto vorrei essere spensierato e felice...assaporare quell'età in cui si dovrebbero avere le ali ai piedi..per poter cambiare tutto..e non sentirmi vecchio e finito

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

85

Wednesday, May 18th 2011, 11:43pm

Io ho vissuto i tempi del liceo esattamente come te !!! Senza fare tutte quelle sciocchezze e tutte quelle cretinaggini che facevano quegli svitati dei miei compagni!!! E poi loro lo facevano solo per esibizionismo! Per sentirsi "machi"... Davvero vorresti tornare indietro e fare il porco come loro?
Io credo di no... Secondo me il tuo disagio interiore proviene innanzi tutto da una mancata guida morale... non so, ma mi sembra che i tuoi non siano stati abbastanza presenti nella tua vita.. non è che c'è poco dialogo tra voi?... Quello che ti fa desiderare ardentemente il passato è determinato dal fatto che la tua vita presente ti sembra uno schifo, ciò ti fa vedere quella passata come se fosse stata, o potesse essere stata migliore. Ma chiaramente non è così!! E' solo una tua illusione!
Dici che se avessi sbagliato come i tuoi compagni, oggi saresti l'uomo che sono diventati loro... ma rifletti piuttosto! Loro, facendo gli errori che tu non hai fatto, possono solo aver imparato a non farli, come facevi tu sin dall'inizio... Solo che tu vedi la realtà, distorta dal fatto che tu non hai fatto un percorso "dinamico" e in continua - e a parer mio apparente- evoluzione, come loro. Magari sei arrivato ad un punto morto in cui pensi "ok, ho fatto questo, questo e questo, ma ora che faccio? Niente! ".
La vita degli altri non ha niente di speciale in più della tua.... a meno che uno di loro non sia Gorge Clooney e l'altro Julia Roberts, persone che certamente hanno, in più di te, la facoltà di viaggiare su aerei privati e alloggiare in stanze d'albergo da capo giro... Cose che cmq non tolgono niente a gente come noi... La vita che tutti fanno è in funzione di ciò che voglio e quindi tu, se sei privo di desideri, sogni, o anche delle più banali curiosità, ti ritrovi ad avere una vita vuota, e ti senti come la cozza sullo scoglio in balia delle onde, che la terrorizzano... a differenza dei tempi del liceo in cui c'era chi decideva per te: il solo fatto di sapere che ogni anno andavi avanti nel tuo percorso era una certezza assodata, mentre oggi ti ritrovi ad essere tu al timone della tua nave e a non sapere dove cazzo andare !!! Perciò allontana le ansie per qualche minuto e fatti un piano A !! E un piano B di riserva !! Prendi un foglio bianco e scrivi punto per punto quali sono i tuoi desideri, e quale strategia adottare per realizzarli! Ovviamente non ci devi scrivere "voglio la luna"! Nel senso, che devi pensare prima alle piccole cose! Se non cominci a rallegrarti delle piccole cose, non sarai mai felice!! [Esempio: io godo nel mangiare tutte le porcherie più sbagliate, tipo Sneekers, Twix, Più gusto, Tam Tam, Mc Donald's, waffel vaniglia e nutella liquida, crepes al baileys ecc ecc] Questo ti servirà per cominciare !!! Per trovare le energie necessarie a passare al punto successivo nella tua scala dei desideri!!! Fallo Please !!! Fai questo compitino che ti ho appena assegnato :-)!! E mi devi prendere sul serio! Del resto hai appena detto che ti piacerebbe tornare al liceo! Beh, oggi sei stato fortunato! Hai appena trovato un insegnante che ti sta dicendo cosa fare!
Buon lavoro_

This post has been edited 2 times, last edit by "Manen" (May 18th 2011, 11:54pm)


dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

86

Thursday, May 19th 2011, 6:41pm

io non so cosa amare.non so per cosa provare emozioni,passioni,non so fare altro che odiare e accumulare rabbia...a volte penso che sarebbe meglio trovare un barbone e massacrarlo a calci per vedere se mi passa...sono come lavato da ogni sensazione umana..non sento niente..non provo più niente..come lo devo dire? io non so cosa mi sia successo,ma non mi sento.sono come paralizzato da qualcosa.non so come programmare una vita di cui non so se mi importi qualcosa,arrivato a questo punto.non mi interessano le donne,nonostante nn ne tocchi una da molto,non mi interessa la vita degli altri,non mi interessa più nulla.vorrei non esistere fisicamente,perchè interiormente è già così.io ho preso carta e penna,ma non ho scritto niente.L'unica cosa a cui penso costantemente quando non sto male è avere un'idea per fare qualcosa di grande,di unico..ma non la trovo.immagino che sia il tentativo estremo di rimediare a una situazione estrema.odio tutti.odio profondamente tutti quelli che riescono alla mia età a essere felici,avere una donna,una laurea,un piano di vita.odio tutti,vorrei lottare contro tutti,vorrei fargli assaggiare almeno un pò del mio dolore.Dominare tutti quanti,punirli egoisticamente per quello che soffro,nutrirmi della loro sofferenza,bearmi del loro dolore.E questo mi spaventa,ma un pò sn sollevato da questa paura,perchè forse vuol dire che non esploderò troppo presto.odio i giovani e odio i loro sorrisi,vorrei fargli vedere cosa vuol dire crescere male e troppo presto,vorrei fidanzarmi solo per farla soffrire,essere rimproverato solo per poter reagire,essere umiliato solo per poter ferire.Non c'è redenzione per me,solo un binario morto.odio la felicità di una coppia,odio quando mi guardano troppo a lungo,odio quando vedo che tutti piacciono ad almeno una persona e io no,odio tutto quanto.Prego Dio di finirmi.Mi appoggio solo alla preghiera quotidiana,perchè in genere sono sempre solo in una stanza.Mi chiedo solo una cosa:cosa potrò fare per gli altri,se anche dovessi capire che strada prendere?quanto tempo e quante vittime dovrà fare questa rabbia prima di soddisfarmi?chi pagherà per il mio dolore?qualcuno deve pagare.

Gocciola

Utente Attivo

Posts: 96

Activitypoints: 302

Date of registration: May 4th 2010

  • Send private message

87

Thursday, May 19th 2011, 9:13pm

ciao dolphin!
non è vero che non provi niente, l'odio è un'emozione e tutta la rabbia che senti è la vita che hai dentro...ora devi trovare il modo di incanalarla. non sai che strada prendere, quindi prendine una e poi vedi dopo, quando sarai uscito da questo cicolo vizioso in cui sei entrato, se vale la pena continuare per quella o cambiare rotta.
fai sport? fallo! scegli quello che preferisci: nuoto, bicicletta, corsa o anche camminare. prendilo come un dovere, un appuntamento quotidiano.
datti qualche impegno quotidiano: se hai un cane portalo a passeggio, oppure giardinaggio, orto o cucina!
inizia! da qualsiasi parte ma inizia, anche se per ora non vedi il senso, non te ne frega nulla o lo fai controvoglia...impuntati e ricomincia da qualche parte ^^

dolphin

Utente Attivo

  • "dolphin" started this thread

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Apr 18th 2011

  • Send private message

88

Thursday, May 19th 2011, 10:05pm

io vi ringrazio per la vostra presenza,ma non capisco come facciate a farla così facile...credete che non ci abbia provato? è impossibile,almeno per me,fare qualcosa se non sono sereno e la serenità è la presenza a sè stessi,anche in parte..io forse non l'avrò mai.faccio 20 km di corsa 4 volte a settimana,cammino per ore,ma non cambia niente.il "cancro" ce l'ho dentro.Non ho percezione di me,come faccio a cominciare?ma probabilmente nessuno mi crede,forse dovrei anche smetterla di annoiarvi.

silvio

Utente Attivo

  • "silvio" is male

Posts: 68

Activitypoints: 260

Date of registration: Nov 6th 2007

Location: cuneo

Occupation: imprenditore

  • Send private message

89

Thursday, May 19th 2011, 10:40pm

grazie dave..ma il punto è che non riesco a perdonarmi per tutto il tempo perso..le ragazze che ho perso..le opportunità di lavoro..la vita che ho perso..non ho qualcosa che mi tiene qui.Mi sento in un'altra dimensione,sento di avere come un codice genetico sbagliato..vedo gli altri essere felici,e penso che se si presentasse ad esempio una ragazza,ripenserei a quante ne ho perse..al dolore del tradimento..e la scaccerei..è quasi divenatto piacevole soffrire..e per questo sn atterrito..vi prego di darmi il coraggio di farla finita

carissimo, non dare tutta questa importanza al passato quello non c'è più, per ogni ragazza persa c'è ne sono 10 che aspettano, per ogni opportunita persa molte altre arriveranno,la vita non l'hai persa l'hai vissuta. tu non hai un codice genetico sbagliato, hai il tuo!! apprezzalo, amalo. la felicità che vedi negl'altri puoi averla anche tu!! essere felici è solo una questione di scelta. mi piacerebbe darti il coraggio di farla finita....farla finita con la tristezza per lascire spazio alla tua vita che vedrai sarà bellissima!!

un abbraccio
aspiro a una dimensione superiore dove posso finalmente ritrovare la vera felicità e il senso della mia vita

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

90

Thursday, May 19th 2011, 10:56pm

...Se vuoi liberarti di questa rabbia, anzichè fare la corsa, iscriviti a Kickboxing o rimedia un sacco da prendere a pugni e sfogati contro di esso!
Così poi forse rimedierai un po' di lucidità per pensare a qualcosa di utile nella tua vita!
Forse sei talmente abituato a vivere così, che trovi delle scuse per non cambiare le cose.
La vita di tutti noi è piena di persone che gli hanno fatto del male! Anche peggiore di quello che hanno fatto a te!
Poi hai detto una cosa che non ha senso: non trovi qualcuno a cui piacere... Ma scusa, se non piaci a te stesso come fai a capire se piaci agli altri?
...Cmq, per caso sn capitata nella prima pagina del tuo thread... forse la rabbia verso gli altri non deriva dal male che qualcuno ti ha fatto, quanto dal male di tua madre...?! Forse è questo, che ti ha gettato nell'oscurità... Aiutato dal fatto che la tua ragazza ti tradiva...
...Forse al posto di qualcuno da prendere a calci... hai bisogno di qualcuno che ti abbracci mentre piangi...