Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

linette

Utente Fedele

Posts: 317

Activitypoints: 1,007

Date of registration: Aug 22nd 2011

  • Send private message

31

Wednesday, November 30th 2011, 11:01pm

Parigi , o Barcellona, sono un ottimo inizio.

E poi, a partire dal momento, si costruisce. La terapia sarà un'aiuto efficace, se l'hai iniziata e stavi bene , smetterla sarebbe un errore. Prova provata.
"L'intelligenza è data all'uomo per dubitare" Emilie Verhaeren (dal Pensiero del momento)

32

Thursday, December 1st 2011, 2:37am

Mr_Shy, occhio a non riporre troppa "fiducia" e speranza nella nuova avventura o, in caso di "fallimento", rischierai un contraccolpo da cui difficilmente riuscirai ad uscire.

Devi vederla come un'opportunità per ripartire da zero e cercare di evitare eventuali errori fatti in passato....e magari darti un po' entusiasmo in più. Però devi essere sempre tu quello che deve "cambiare" .

Se a Barcellona o Parigi o Londra andrà lo stesso Mr_Shy di adesso...beh, per te cambierà ben poco.
Cerca solo di sfruttare fin dall'inizio l'entusiasmo e la grinta della nuova esperienza.

mr

Utente Avanzato

Posts: 574

Activitypoints: 1,869

Date of registration: Nov 2nd 2011

  • Send private message

33

Thursday, December 1st 2011, 3:27pm

cavoli la mia battuta non l'ha capita nessuno :-/ non volevo mandarlo a Barcellona...

Mr_Shy

Utente Attivo

  • "Mr_Shy" is male
  • "Mr_Shy" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 390

Date of registration: Nov 21st 2011

  • Send private message

34

Thursday, December 1st 2011, 6:42pm

Mr_Shy ma vai a Parigi a lavorare per un periodo? Per quanto? Scusa se mi faccio un po' di affaracci tuoi, :P
E' che sto cercando un po' di idee, suggerimenti... e soprattutto voglia di fare.
è solamente un lavoretto di due settimane, giusto il periodo di Natale e capodanno, niente di che in fondo... l'ho fatto soprattutto per darmi una scossa e per uscire da questa mia routine angosciosa, quasi controvoglia ma l'ho fatto apposta... ma soprattutto lo farò perché consigliato dai miei genitori, fratelli e sorelle che mi hanno sempre incoraggiato... mi dispiace per loro ma mi sopravvalutano... :(

Beh, c'è anche da dire che, se vai a Parigi, non puoi avere una forma pesante di depressione.

Ma il controllo medico va fatto lo stesso.
è vero in fondo... grazie a Dio al momento sento di non avere una forma pesante di depressione, so bene che ci sono persone che stanno addirittura peggio di me e solo il pensiero di come si possano sentire ed eventualmente a che livello di depressione potrei arrivare pure io, mi mette ancora più tristezza addosso... diciamo che la mia è sempre stata una cosa altalenante... ci sono giorni in cui sto meglio, come oggi, e altri che proprio vedo tutto grigio... stare quasi ogni giorno a piangere, a ripensare ai fallimenti, stare chiuso in casa da solo senza parlare con nessuno, perdere gli interessi, non avere più voglia di fare niente e soprattutto il pensare alla morte come fine della sofferenza, però mi hanno fatto arrivare ad un punto tale da credere di vivere davvero un incubo...
il controllo dalla psicologa e psichiatra l'ho fatto, proprio quando stavo malissimo e stavo pensando di farla finita... vabbé, ammetto che di mezzo c'era pure la delusione d'amore per quella mia collega di università... ma è stato il sommarsi di tanti eventi negativi che mi ha fatto diventare così... prima mi sentivo diverso...
cmq quella psicologa e quel psichiatra alla fine non mi hanno fatto uscire dalla solitudine e depressione... con loro mi sono solamente sfogato e tutto sommato la cosa non mi è dispiaciuta... non so, forse ho incontrato quelli sbagliati..

E se invece andasse a Barcellona?

(ahahah perdonami :p)
ti chiedo scusa ma non l'ho capita... ?( in questo momento non riesco proprio a connettere il cervello..

Mr_Shy

Utente Attivo

  • "Mr_Shy" is male
  • "Mr_Shy" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 390

Date of registration: Nov 21st 2011

  • Send private message

35

Thursday, December 1st 2011, 6:50pm

Mr_Shy, occhio a non riporre troppa "fiducia" e speranza nella nuova avventura o, in caso di "fallimento", rischierai un contraccolpo da cui difficilmente riuscirai ad uscire.

Devi vederla come un'opportunità per ripartire da zero e cercare di evitare eventuali errori fatti in passato....e magari darti un po' entusiasmo in più. Però devi essere sempre tu quello che deve "cambiare" .

Se a Barcellona o Parigi o Londra andrà lo stesso Mr_Shy di adesso...beh, per te cambierà ben poco.
Cerca solo di sfruttare fin dall'inizio l'entusiasmo e la grinta della nuova esperienza.
sì, certo, non ho intenzione di essere troppo fiducioso in questa piccola avventura... mi è già capitato in passato e poi, ovviamente, sono stato molto male! purtroppo sono un tipo che fantastica abbastanza (anzi, troppo!) e, per esempio, mi immagino le scenette e i botta e risposta di varie situazioni future... ridicolo vero? poi invece la realtà è completamente diversa casomai... quindi ora sto cercando un po' di reagire, di non pensare troppo e di prendere il tutto un po' come va...

vorrei prendere questa cosa come un'opportunità per ripartire da zero, in fondo è quello che mi auguro, ma se facessi così, non tornerei forse ad illudermi? quindi cerco sempre di pensare ad altro... ma resto comunque in attesa della famosa "situazione favorevole", quella che poi fa girare tutte le cose nel verso giusto... esiste? mah...

mickhela

Utente Attivo

  • "mickhela" is female

Posts: 96

Activitypoints: 316

Date of registration: Jun 5th 2010

  • Send private message

36

Friday, December 2nd 2011, 12:40am

ho letto un pò di messaggi di questo trehad........son arrivata alla seconda pagina poi non ho continato....che dire....mi ritrovo in voi....son sola come un cane in più ho perso mio padre un anno fa........ho problemi familiari , nessun aiuto , sostegno..........cerco di impegnarmi con enorme fatica negli studi...................................ho pensato specie in passato all'idea peggiore

BlackRose87

Utente Attivo

Posts: 61

Activitypoints: 239

Date of registration: Apr 2nd 2010

  • Send private message

37

Friday, December 2nd 2011, 7:02pm

la persona per cui vale la pena andare avanti è quella che vedi allo specchi tutte le mattine ;^)

certo avere una compagna farebbe piacere, ma si può vivere (_vivere_) anche senza.
mi dici come si fa??perche io proprio nn riesco :(

BlackRose87

Utente Attivo

Posts: 61

Activitypoints: 239

Date of registration: Apr 2nd 2010

  • Send private message

38

Friday, December 2nd 2011, 7:04pm

quanto ti capisco

Sono nella tua stessa situazione con la differenza che io ho un ragazzo ma sta a 950km da me e ci vediamo solo ogni tanto.... sto malissimo nn so cosa fare.senza amici,senza un soldo,senza stimoli,senza prospettive x un futuro.... sto passando le giornate a casa a piangere,il massimo che faccio è stare al pc... sono infelice e insoddisfatta..... :'(

linette

Utente Fedele

Posts: 317

Activitypoints: 1,007

Date of registration: Aug 22nd 2011

  • Send private message

39

Friday, December 2nd 2011, 8:29pm

Non so se ti sono d'aiuto, ma rileggendo il titolo del tuo post, mi sono resa conto che c'è una precisazione da fare, in risposta alla tua domanda.

Tu chiedi come si esc dalal solitudine, pero' nel titoli scrivi solitudine e depressione.

Non so quale delle due sia arrivata prima, o se sono insieme da tempo nella tua vita.. E soprattutto non so se tu sia davvero depresso..

Però, tutto quello che posiamo dirti per uscire dalla solitudine, o i consigli che si possono provare a seguire per sopportare un periodo di depressione sub -clinica, non hanno niente a che vedere con il come si cura la depressione e le sue cause.

La depressione CLINICA si cura con le terapie per la depressione, che sono la psicoterapia, la farmacoterapia , e un cambiamento nelle abitudini di vita, che include anche, nel caso, un incremento nella quantita' e qualita' delle interazioni sociali.

Chiaramente tutte queste terapie sono da vagliare sulla persona e vanno di volta in volta considerate, difficile prescindere dalla prima e , spesso, dalla seconda, ma la terza e la quarta dovrebbero seguire , se non di conseguenza, almeno per importanza.

Ricorda che una depressione curata male o trascurata (anche una cattiva autoterapia) può farti stare molto peggio in futuro. Per questo e' importante averne diagnosi, o almeno essere consapevoli della reale entita' del proprio disagio.

Prova provata

di solito ci si rivolge ad un medico che, in caso di disagio clinico, indica un terapeuta e dà consigli e farmacoterapia (medico di base, ma meglio se specialista, psichiatra o neurologo..) .
Anche uno psico-terapista esperto può essere la seduta di prima scelta.
"L'intelligenza è data all'uomo per dubitare" Emilie Verhaeren (dal Pensiero del momento)

This post has been edited 1 times, last edit by "linette" (Dec 3rd 2011, 11:54am)


mr

Utente Avanzato

Posts: 574

Activitypoints: 1,869

Date of registration: Nov 2nd 2011

  • Send private message

40

Saturday, December 3rd 2011, 4:42am

la persona per cui vale la pena andare avanti è quella che vedi allo specchi tutte le mattine ;^)

certo avere una compagna farebbe piacere, ma si può vivere (_vivere_) anche senza.
mi dici come si fa??perche io proprio nn riesco :(


io quando ballo con una perfetta sconosciuta mi sento vivo. per me ora questo è il massimo. con chi già conosco meno ma comunque è piacevole.

comunque anche quando sono in palestra mi sento discretamente bene, se poi c'è qualche ragazza con cui scambiarsi qualche occhiata meglio ancora.

quando guido, con sotto la colonna sonora di wipeout 2097 o ridge racer type 4 (dei videogiochi di corse), anche li mi sento bene, se non c'è troppo traffico.

al lavoro mi sento vivo quando vado un po' oltre... ovvero quando esco dai processi aziendali e uso la creatività per risolvere problemi che non dovrei risolvere... magari andando anche a tentativi che se dovessero andare male potrebbero costarmi minimo il posto di lavoro... però da' un'adrenalina sperimentare sui server di produzione... XD

per ora non ho più il tempo ma mi sentivo vivo anche quando scrivevo programmi per computer per conto mio (a te magari fa noia solo il pensiero, però qualsiasi attività creativa andrebbe altrettanto bene).

Mr_Shy

Utente Attivo

  • "Mr_Shy" is male
  • "Mr_Shy" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 390

Date of registration: Nov 21st 2011

  • Send private message

41

Saturday, December 3rd 2011, 7:37pm

ho letto un pò di messaggi di questo trehad........son arrivata alla seconda pagina poi non ho continato....che dire....mi ritrovo in voi....son sola come un cane in più ho perso mio padre un anno fa........ho problemi familiari , nessun aiuto , sostegno..........cerco di impegnarmi con enorme fatica negli studi...................................ho pensato specie in passato all'idea peggiore
Sono nella tua stessa situazione con la differenza che io ho un ragazzo ma sta a 950km da me e ci vediamo solo ogni tanto.... sto malissimo nn so cosa fare.senza amici,senza un soldo,senza stimoli,senza prospettive x un futuro.... sto passando le giornate a casa a piangere,il massimo che faccio è stare al pc... sono infelice e insoddisfatta..... :'(
so che può sembrare la classica risposta ma... mi dispiace davvero... e vi capisco... anzi, ci capiamo tutti qui...

nonostante ci possano essere problemi, parlate e confidatevi il più possibile con i vostri famigliari... questo è quello che mi sento di consigliarvi... d'altronde sono le persone più simili a noi e con le quali siamo legati da un rapporto speciale...


per quanto mi riguarda, sinceramente, se non avessi avuto nemmeno loro come "base", chissà che fine avrei fatto... anche se a volte mi sembra di non essere compreso nemmeno da loro, in fondo so che mi vogliono bene e questo già mi basta, mi riscalda il cuore... e parlare con loro mi tranquillizza...

Mr_Shy

Utente Attivo

  • "Mr_Shy" is male
  • "Mr_Shy" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 390

Date of registration: Nov 21st 2011

  • Send private message

42

Saturday, December 3rd 2011, 7:56pm

Non so se ti sono d'aiuto, ma rileggendo il titolo del tuo post, mi sono resa conto che c'è una precisazione da fare, in risposta alla tua domanda.

Tu chiedi come si esc dalal solitudine, pero' nel titoli scrivi solitudine e depressione.

Non so quale delle due sia arrivata prima, o se sono insieme da tempo nella tua vita.. E soprattutto non so se tu sia davvero depresso..

Però, tutto quello che posiamo dirti per uscire dalla solitudine, o i consigli che si possono provare a seguire per sopportare un periodo di depressione sub -clinica, non hanno niente a che vedere con il come si cura la depressione e le sue cause.

La depressione CLINICA si cura con le terapie per la depressione, che sono la psicoterapia, la farmacoterapia , e un cambiamento nelle abitudini di vita, che include anche, nel caso, un incremento nella quantita' e qualita' delle interazioni sociali.

Chiaramente tutte queste terapie sono da vagliare sulla persona e vanno di volta in volta considerate, difficile prescindere dalla prima e , spesso, dalla seconda, ma la terza e la quarta dovrebbero seguire , se non di conseguenza, almeno per importanza.

Ricorda che una depressione curata male o trascurata (anche una cattiva autoterapia) può farti stare molto peggio in futuro. Per questo e' importante averne diagnosi, o almeno essere consapevoli della reale entita' del proprio disagio.

Prova provata

di solito ci si rivolge ad un medico che, in caso di disagio clinico, indica un terapeuta e dà consigli e farmacoterapia (medico di base, ma meglio se specialista, psichiatra o neurologo..) .
Anche uno psico-terapista esperto può essere la seduta di prima scelta.
quindi dici che in fondo io non sono veramente depresso? ... non so, casomai potresti avere ragione, forse non so nemmeno io che cosa sia la vera depressione... so solo che mi sento così da qualche anno e la cosa è andata... peggiorando sempre di più...
come terapia, ho fatto circa una decina di sedute da uno psichiatra col quale ho sempre solamente parlato dei miei vari malesseri... gli avevo chiesto se era il caso di prendere psico-farmaci ma mi ha sempre tranquillizzato dicendomi che quella deve essere proprio l'ultima soluzione per riprendermi... poi c'è stata di mezzo l'estate, io sono rientrato nella mia regione di residenza e non ho più fatto sedute... non so, forse avrei dovuto continuare... è che mi sono demoralizzato e mi è venuto da pensare che nemmeno uno psicologo possa aiutarmi...

linette

Utente Fedele

Posts: 317

Activitypoints: 1,007

Date of registration: Aug 22nd 2011

  • Send private message

43

Saturday, December 3rd 2011, 8:56pm

non posso certo saperlo , non sono una psicologa ne ' una psichiatra, e non farei comunqe l'errore di dirti se sei depresso o meno a partire da 3 pagine ...

non posso saperlo io, lo sapra' il tuo medico. Ma solo se sei tu a volerlo sapere .

La depressione tuttavia e' anche uno stato d'animo... Bisogna intendersi: un conto e' la diagnosi di depressione,un conto e' sentirsi soggettivamente depressi.

Se ti senti male cosi' che il tuo malessere ti sembra inficiare sulla tua vita in senso negativo e la cosa dura da tempo, perche' non continuare a sentire gli specialisti e vedere se , dando fiducia alla cosa, migliori?

Ci vuole tempo. Nessuno si aspetta di camminare il giorno dopo aver tolto il gesso all'anca di un mese.
"L'intelligenza è data all'uomo per dubitare" Emilie Verhaeren (dal Pensiero del momento)

mickhela

Utente Attivo

  • "mickhela" is female

Posts: 96

Activitypoints: 316

Date of registration: Jun 5th 2010

  • Send private message

44

Saturday, December 3rd 2011, 10:37pm

beh si io parlo con mia mamma...poverina non sa che dirmi oltre che bisogna reagire ed invitarmi a uscire con lei......gli altri famigliari rimasti , cioè i parenti?? ma chi ci può fare un discorso sul mio stato? evitanooooo....
voi che avete ancora entrambi i genitori, vi consiglio di instaurare un dialogo con loro

mr

Utente Avanzato

Posts: 574

Activitypoints: 1,869

Date of registration: Nov 2nd 2011

  • Send private message

45

Sunday, December 4th 2011, 5:30am

mah penso che dipenda dai genitori
io non credo che i miei siano in grado di aiutarmi
anzi temo che mi "congelino" nel ruolo di depresso
e che inizino a trattarmi come tale
e a buttarmi giù pure quando magari invece sarei su
o a parlarmi sempre della depressione
o che si intristiscano per me
io preferisco evitare di portare i miei problemi in casa
so che la normalità è un insieme di false sicurezze
l'ho vista spazzare via in più occasioni differenti
però per quanto possibile vorrei indirizzare l'ambiente familiare verso una convivenza serena e tranquilla
per quanto magari più superficiale
senza stare a fare drammi
o rimuginare sulle cose
ecc...