Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

16

domenica, 09 dicembre 2018, 19:03

Come farmaco è utile per brevi periodi, li varia alcuni si orientano solo su brevi periodi, altri su più lunghi.
Può far apparire stati depressivi in persone predisposte;cioè non li crea di per se ma li slatentizza.

La seconda ipotesi: l'ansia te la crea.
Occorre capire da parte del medico come agire dopo diagnosi.
Ma si tratta e bene, ed alla tua età meglio.
Può volerci un po' di tempo.
Alla tua età under 25 anni andresti monitorato nelle prime settimane di assunzione per qualsiasi psicofarmaco assunto,altro che sottovalutare il tuo problema.


Io non so ma credo che ci sia anche della depressione per come sto vivendo ultimamente..

Però non so, io vorrei passare una giornata tranquillo, senza queste sensazioni.. avere una tregua per capire che ne vale la pena continuare a vivere..

Taigi

Utente 1,2,3

Posts: 2.982

Activity points: 9.107

Data di registrazione: venerdì, 31 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

17

domenica, 09 dicembre 2018, 19:08

A volte vorrei accennare questa cosa a mia mamma ma ho paura che la prenda male e ci rimanga malissimo.. non ne parlo con mio padre perché con il suo modo di fare mi darebbe fastidio e peggiorerei la situazione.
Però mia mamma non si merita di sapere queste cose..
Se intraprendi una terapia farmacologica ti consiglio di farlo.
Loro devono sapere,perchè possono esserti di aiuto.
Tu inizia quanto prima a capire /verificare con una diagnosi.
Comunque cerca di non star da solo.
Trova una persona di cui ti fidi moltissimo e parla con lei.
Ricorda : si risolveranno questi problemi, adesso sei giù di morale, ma è normale tu lo sia.
Non va bene la conclusione a cui arrivi con le ipotesi sul suicidio: assolutamente no.
Scrivi qui nel caso stia malissimo,ti risponderanno, se non io un'altra persona.
Il peso medio di un cervello è di 1,3 kg ed è composto da 100 miliardi di neuroni. Il cervello di Einstein era di dimensione uguale a tutti gli altri, solo la parte attiva per i calcoli matematici era più grande del 35%.

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

18

domenica, 09 dicembre 2018, 19:12

A volte vorrei accennare questa cosa a mia mamma ma ho paura che la prenda male e ci rimanga malissimo.. non ne parlo con mio padre perché con il suo modo di fare mi darebbe fastidio e peggiorerei la situazione.
Però mia mamma non si merita di sapere queste cose..
Se intraprendi una terapia farmacologica ti consiglio di farlo.
Loro devono sapere,perchè possono esserti di aiuto.
Tu inizia quanto prima a capire /verificare con una diagnosi.
Comunque cerca di non star da solo.
Trova una persona di cui ti fidi moltissimo e parla con lei.
Ricorda : si risolveranno questi problemi, adesso sei giù di morale, ma è normale tu lo sia.
Non va bene la conclusione a cui arrivi con le ipotesi sul suicidio: assolutamente no.
Scrivi qui nel caso stia malissimo,ti risponderanno, se non io un'altra persona.


I miei genitori sanno che vado dalla psicologa ma solo mia mamma sa che sto prendendo lo xanax perché come ho detto mio padre è fatto a modo suo e su queste cose non se ne può parlare..
Mi accompagna lui quando devo andare dalla psicologa e mi viene a prendere ma cerco di non parlarne mai..
Se dovessi iniziare una cura ovviamente devo dirglielo però non so se questo risolverà qualcosa.

Taigi

Utente 1,2,3

Posts: 2.982

Activity points: 9.107

Data di registrazione: venerdì, 31 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

19

domenica, 09 dicembre 2018, 19:15






Io non so ma credo che ci sia anche della depressione per come sto vivendo ultimamente..

Però non so, io vorrei passare una giornata tranquillo, senza queste sensazioni.. avere una tregua per capire che ne vale la pena continuare a vivere..
Può esservi una depressione , si

ma starai meglio ci vorrà un po' di tempo
Il peso medio di un cervello è di 1,3 kg ed è composto da 100 miliardi di neuroni. Il cervello di Einstein era di dimensione uguale a tutti gli altri, solo la parte attiva per i calcoli matematici era più grande del 35%.

Taigi

Utente 1,2,3

Posts: 2.982

Activity points: 9.107

Data di registrazione: venerdì, 31 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

20

domenica, 09 dicembre 2018, 19:18

Lo so: capitava anche a me con mio padre.
L'età molto diversa e la non accettazione della situazione impediscono il dialogo
Il peso medio di un cervello è di 1,3 kg ed è composto da 100 miliardi di neuroni. Il cervello di Einstein era di dimensione uguale a tutti gli altri, solo la parte attiva per i calcoli matematici era più grande del 35%.

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

21

domenica, 09 dicembre 2018, 19:29

Poi una cosa che non sopporto è il fatto che mi viene l’ansia appena mi metto a tavola, ho appena provato a sedermi per mangiare qualcosa e dall’ansia sono scappato in camera facendo finta di non avere fame e dicendo che non sto tanto bene perché sennò mio padre inizia a fare storie..
Ho perso 18kg in un anno senza fare nulla.. la maggior parte li sto perdendo da quando la situazione si è fatta pesante.
Vorrei mangiare ma appena mando giù qualcosa ho la sensazione di strozzarmi oppure non sento il palato se tocco con la lingua e mi viene ancora più ansia fino a farmi passare la fame.
Prima avevo tutte queste sensazioni ma non erano così forti, poi ad agosto la mia ragazza mi ha lasciato e mi sono abbattuto totalmente. La settimana dopo ho avuto la febbre alta e mi sentivo debole da non riuscire nemmeno a stare seduto sul letto.. e da lì ho iniziato a non riuscire più ad uscire e stare seduto su una panchina anche sotto casa che mi sentivo andare nel vuoto.
Sono praticamente 4 mesi che sto così dal mattino alla sera, vedo solo un amico che mi viene a prendere in macchina e mi riporta sapendo che non me la sento di stare in strada a piedi.. però quando mi vedo con lui stiamo a casa sua perché sennò mi prendono attacchi di ansia fino a stare male..

Longobardo

Utente Avanzato

Posts: 755

Activity points: 2.293

Data di registrazione: giovedì, 20 giugno 2013

  • Invia messaggio privato

22

domenica, 09 dicembre 2018, 19:57

Secondo me devi fare una visita psichiatrica , il problema dell ansia si puo' risolvere e vivresti una vita degna di essere vissuta , credimi

Cerca di raccogliere le forze e agisci , è il primo passo verso la guarigione

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

23

domenica, 09 dicembre 2018, 20:05

Secondo me devi fare una visita psichiatrica , il problema dell ansia si puo' risolvere e vivresti una vita degna di essere vissuta , credimi

Cerca di raccogliere le forze e agisci , è il primo passo verso la guarigione



Chiunque mi dice di reagire ma io non so come farlo e non riesco nemmeno.. giovedì proverò a chiedere per un colloquio dallo psichiatra e vedrò cosa dice.. anche perché arrivare a stare così a 19 anni quando dovrei essere fuori a godermi la vita come tutti mi sta stancando..

Altra-menti

Utente Fedele

  • "Altra-menti" è una donna

Posts: 362

Activity points: 1.359

Data di registrazione: venerdì, 23 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

24

domenica, 09 dicembre 2018, 20:35

L'ansia a tavola l'ho avuta anch'io. E' bruttissimo.
Se non vuoi dire a tua madre che pensi di suicidarti per non farla stare troppo male, dille che vorresti cambiare terapeuta, che quello che ti segue non dà importanza a ciò che dici.
Digli che gli racconti ituoi pensieri ma li prende sottogamba mentre tu fatichi a mangiare.
Sei giovanissimo, se ne può uscire. Te lo dice una che a 16 anni oltre all'ansia e allo shock anafilattico da formaggio grattuggiato aveva anche voci, allucinazioni. il demonio nel water...e oltre allo Xanax ho preso ben di peggio.
E' dura, ma puoi riprenderti la vita in mano.
Se ti stai chiedendo come, vuol dire che sta già cercando la strada per farlo.
Scatterà qualcosa in te e a quel punto non ti devi arrendere mai.

Io il suicidio l'ho premeditato e praticamente tentato. La tua famiglia non si merita questo. Ti amano. Quel muro orrendo e invalicabile che hai davanti si toglierà. Per ora, nel presente, per rendertelo sopportabile aggrappati a qualcosa che ti dia sollievo.
C'è qualcosa che riesci a fare e un po' ti piace?

Altra-menti

Utente Fedele

  • "Altra-menti" è una donna

Posts: 362

Activity points: 1.359

Data di registrazione: venerdì, 23 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

25

domenica, 09 dicembre 2018, 20:42

Io quando pensavo di uccidermi ho sbagliato: non ho chiesto aiuto. Tu l'hai chiesto.
Non lo chiedevo perchè non sapevo come avrebbe reagito mia mamma.
Perchè mi vergognavo che altri parenti sapessero come stavo.
Perchè avevo paura di non trovare l'appoggio adeguato dai professionisti.
O perchè non ero in grado di esprimere davvero ciò che sentivo.
Cose che stai sperimentando anche tu.

Però col senno di poi se immagino cosa avrei fatto, mi rispondo che avrei solo dovuto insistere e trovare gli appoggi giusti.

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

26

domenica, 09 dicembre 2018, 20:44

L'ansia a tavola l'ho avuta anch'io. E' bruttissimo.
Se non vuoi dire a tua madre che pensi di suicidarti per non farla stare troppo male, dille che vorresti cambiare terapeuta, che quello che ti segue non dà importanza a ciò che dici.
Digli che gli racconti ituoi pensieri ma li prende sottogamba mentre tu fatichi a mangiare.
Sei giovanissimo, se ne può uscire. Te lo dice una che a 16 anni oltre all'ansia e allo shock anafilattico da formaggio grattuggiato aveva anche voci, allucinazioni. il demonio nel water...e oltre allo Xanax ho preso ben di peggio.
E' dura, ma puoi riprenderti la vita in mano.
Se ti stai chiedendo come, vuol dire che sta già cercando la strada per farlo.
Scatterà qualcosa in te e a quel punto non ti devi arrendere mai.

Io il suicidio l'ho premeditato e praticamente tentato. La tua famiglia non si merita questo. Ti amano. Quel muro orrendo e invalicabile che hai davanti si toglierà. Per ora, nel presente, per rendertelo sopportabile aggrappati a qualcosa che ti dia sollievo.
C'è qualcosa che riesci a fare e un po' ti piace?


Ma la mia ansia viene accentuata dal fatto che io mi sento distaccato dal mondo e che sembra tutto finto, di conseguenza mi sento instabile e perdo l’equilibrio e cose così..

Per il fatto di fare qualcosa che mi piace, mi piace scrivere canzoni ma c’è un problema. In quelle canzoni continuo a parlare della mia situazione di malessere e quindi non mi distraggo mai da tutto questo..

Altra-menti

Utente Fedele

  • "Altra-menti" è una donna

Posts: 362

Activity points: 1.359

Data di registrazione: venerdì, 23 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

27

domenica, 09 dicembre 2018, 20:46

Almeno ti sfoghi scrivendole?
Sai anche suonare?

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

28

domenica, 09 dicembre 2018, 20:49

Si mi sfogo però poi quando rileggo mi porta a fare un quadro della situazione e rendermi conto di come sto.. e no, purtroppo non so suonare nessuno strumento, ho provato ad usare qualche programma per farmi qualche base ma è difficile e perdo subito la voglia di mettermi a fare queste cose. Quindi alla fine apro YouTube e prendo una base da lì

Willy

Utente Attivo

  • "Willy" è un uomo
  • "Willy" ha iniziato questa discussione

Posts: 115

Activity points: 394

Data di registrazione: domenica, 07 ottobre 2018

Località: Torino

  • Invia messaggio privato

29

domenica, 09 dicembre 2018, 20:52

Giusto per rendere l’idea di ciò che scrivo e che quindi mi porta a pensare.. so che non è facile farsi un’idea esatta di come dovrebbe essere siccome è solo il testo però almeno si può capire qualcosa spero..

“Sono i pensieri che mi rendono più fragile
Nel mentre scappo come ieri che è sempre più facile
Restar nascosti invece che stare a combattere
E ribattere in un mondo dove contano le chiacchiere

Parlo da solo perché non trovo conforto
Temo il confronto e nel mentre sprofondo
Dentro un abisso buio
Mentre sono avvolto da un diluvio

Allora vaffanculo penso a farmi male e stare male finché un giorno passerà
E allora vaffanculo penso a quanto farà male stare un altro giorno in più chiuso dentro la città
Ma non faccio nulla per cambiarmi
Bravi a contare contanti mai a calmarmi

Il mio odio per me stesso ribattezza questo corpo
Sono debole e represso mentre penso di esser morto
E non parlavo dei problemi mi sembravano banali
Vivo fuori dagli schemi mentre tremano le mani

Prendi fiato
Registrato questo tempo che hai rubato
Il ricordo che col tempo si appanna
Svegli questi sensi mentre c’è chi condanna”

Altra-menti

Utente Fedele

  • "Altra-menti" è una donna

Posts: 362

Activity points: 1.359

Data di registrazione: venerdì, 23 gennaio 2015

  • Invia messaggio privato

30

domenica, 09 dicembre 2018, 20:54

bè, è qualcosa.
Per imparare a suonare cio vogliono costanza, concentrazione e impegno e nella situazione psicologica in cui non puoi disporre delle energie psichiche necessarie.
Intanto scrivi quelle.
Questo amico con cui esci è a conoscenza della situazione? Ti senti capito?
E tua mamma come reagisce a tutto ciò?

Threads simili