Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


butterfly85

Giovane Amico

  • "butterfly85" è una donna
  • "butterfly85" ha iniziato questa discussione

Posts: 90

Activity points: 403

Data di registrazione: domenica, 11 dicembre 2011

Località: italia

  • Invia messaggio privato

1

lunedì, 09 gennaio 2012, 17:41

Quali sono le priorità della vostra vita??!

Quali sono le priorità della vostra vita??! Lo chiedo perchè ultimamente sono distrutta e depressa a causa del fatto che con 2 lauree io non trovo lavoro,(la mia prorità è ovviam. il lavoro) ne qui, ne in tutta italia, ne all'estero....... NULLA ...Molti di voi saranno tentati nel dirmi :
1) Cerca meglio,lo troverai ,arriverà prima o poi...
2)Il lavoro non è tutto nella vita....

Io rispondo : 1) Cerco benissimo,sempre, e ovunque ,se dico che nn c'e' , non c'è!E poi "arriverà prima o poi.." SI?? Quando mi chiedo, tra 2 anni, nei quali dovrei vivere con i miei come un parassita a logorarmi e a diventare sicuramente totalmente pazza e depressa?Quando?? Quando mi avranno ormai internata??!!
Non ho manco un uomo, un amore ,che potrebbe darmi un motivo in+, o cmq nel peggiore dei casi non trovassi un lavoro,potrei pensare ad un matrimonio e una famiglia, cosa che non mi dispiacerebbe affatto....

2) Non è tutto ma è una BASA DI PARTENZA ESSENZIALE ,ripeto ESSENZIALE ,per la construzione del proprio futuro, per la propria realizzazzione personale, per una vita serena, normale, e quantomeno appagante....chi lavora, o chi lo ha trovato con relativa facilità non riesce forse a comprendere cosa voglia dire svegliarsi la mattina TUTTI I GIORNI, E ANCORA ,E ANCORA ,E ANCORA, SENZA UN MOTIVO!! un verme, un parassita,un essere inutile..anni di studio BUTTATI NEL water...

SCUSATE i toni rabbiosi... ma era anche uno sfogo....
Ero felice, non ci si accorge mai di
esserlo, e mi chiesi perchè l'assimilazione di un sentimento così
benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati.. tanto che conosciamo
solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa..

Lupotta

asociale

  • "Lupotta" è una donna

Posts: 1.721

Activity points: 5.415

Data di registrazione: martedì, 26 gennaio 2010

Località: Lombardia

Lavoro: schifoso..

  • Invia messaggio privato

2

lunedì, 09 gennaio 2012, 18:31

Ti capisco bene.
Molti qui dentro comprendono il tuo malessere.
Le mie priorità?
Dopo esser uscita da una storia distruttiva con un alcolista, sono cambiate.
Prima la mia priorità era sopravvivere. Riuscire ad arrivare alla fine di un'altra serata in cui mi avrebbe fatto sentire una m...a.
Ora?
Ora la mia priorità è stare bene. Poter fare le mie scelte liberamente.
Anche io voglio cambiare lavoro, è il mio obiettivo primario per questo 2012.
Cerco, sto facendo un master.. mi impegno, anche se a 32 anni ed in questo periodo storico molte volte mi dico che probabilmente i miei sforzi saranno vani.
Ed anche io divento triste ed arrabbiata.
Non ho soluzioni per il nostro disagio..posso solo dire: proviamoci e cerchiamo di non abbatterci.
Un abbraccio
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.

Moravya

Meglio esser pazzo per conto proprio, anziché sano secondo la volontà altrui ! (Friedrich Nietzsche)

  • "Moravya" è una donna

Posts: 232

Activity points: 724

Data di registrazione: martedì, 25 ottobre 2011

Località: Bologna

  • Invia messaggio privato

3

lunedì, 09 gennaio 2012, 18:49

Io non ti dirò mai: <<Il lavoro non è tutto nella vita>>

Sto cavolo!!!
Il lavoro è FON-DA-MEN-TA-LE !!!

il lavoro è tutto, non importa che lavoro fai, ma il lavoro è tutto, il lavoro è la base della vita.

Forse è il mio modo di vedere la vita.
Io senza lavoro rinuncio persino a vedere gli altri e se qualcuno mi invita per una cena fuori dico:
<<non posso, non lavoro e non ho soldi nemmeno per comprarmi una pizza>>
ed è la verità.

Senza lavoro io mi "devo" precludere anche i rapporti sociali perchè come faccio ad uscire?
per raggiungere un amico ci vogliono i soldi della benzina o del biglietto del tram. E se vai in un pub non spendi mai meno di 3 euro e a me quei 3 euro alla fine del mese fanno la differenza se non lavoro!

Devo rinunciare se non ho le possibilità.


E' grazie a queste rinuncie che sono riuscita come una formichina a mettere qualcosina da parte durante gli anni.
Perchè per ogni 5 euro che ho messo da parte evitando di uscire, poi è arrivato un imprevisto che mi ha fatto spendere 200 euro di manutenzione per qualcosa...
ogni giorno possiamo trovare imprevisti e se io avessi speso quei soldi uscendo non avrei avuto gli altri per compensare la spesa imprevista.

Anni fa avevo un bel lavoro che è durato solo un anno e mezzo, mi piaceva tanto, avevo buone colleghe, e la retribuzione era dignitosa.
Poi dopo 1 anno e mezzo la ditta ha fallito e ci hanno lasciato 20 persone a casa da un giorno all'altro.
E' stato una dura botta.
Grazie a quel lavoro potevo togliermi gli sfizi, uscivo spesso e curavo di più la mia persona (parrucchiere, estetista).

Sono anni che non vedo un parrucchiere e quei 60-70 euro di certo non me li posso più permettere di spenderli.

Il lavoro è fondamentale.
Sia per una questione economica che di inserimento in un contesto pratico.
Lavorando ci si sente "attivi", autonomi, adulti.

Lavorando si può pensare ad un futuro, a crearsi una eventuale famiglia.

Il lavoro è tutto.


Se mi chiedi:
quali sono le vostre priorità?

Una volta ti avrei risposto in modo diverso.

Adesso ti risponderei:
- L'amore (con la persona giusta che ti rispetta e che ti ama)
- Il lavoro (per poterti creare una vita con chi ami)
- ... tutto il resto...

<<Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore.>>
(Albert Einstein)

Prima di diagnosticarti depressione o bassa autostima, assicurati di non essere semplicemente circondato da str*nzi.

goodbye_cruly_world

Utente Attivo

  • "goodbye_cruly_world" è un uomo

Posts: 31

Activity points: 107

Data di registrazione: giovedì, 29 dicembre 2011

  • Invia messaggio privato

4

lunedì, 09 gennaio 2012, 18:53

1 - trovare un lavoro subito
2 - smettere di pensare
3 - dimenticare i sensi di colpa che mi tormentano

Buona serata a tutti
Non può piovere per sempre

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo

Posts: 8.774

Activity points: 26.980

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

5

lunedì, 09 gennaio 2012, 19:02

un lavoro e' un lavoro.
Laurea o non laurea vedi di adattarti, oppure guarda piu in la, fuori dal paesello.

Lo trovano gli immigrati. non capisco perche non si possa trovare noi.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

butterfly85

Giovane Amico

  • "butterfly85" è una donna
  • "butterfly85" ha iniziato questa discussione

Posts: 90

Activity points: 403

Data di registrazione: domenica, 11 dicembre 2011

Località: italia

  • Invia messaggio privato

6

lunedì, 09 gennaio 2012, 20:56

"Laurea o non laurea" non sono assolutamente d'accordo!! Dove diamine è finita la meritocrazia?? Ma stiamo scherzando??
IL LAVORO LO TROVANO GLI IMMIGRATI???? !!!!
MA CERTO!! non ci avevo mai pensato mi sa che ora ho risolto TUTTI i miei problemi, effettivamente domani vado dal mio salumiere e vedo se assieme agli altri immigrati assume anche me per 200 euro al mese!! E ripensandoci potrei anche rivolgermi al parcheggiatore abusivo nord-africano e vedere se gli serve una mano!! Che bello la mi sentiro' APPAGATISSIMA ,è proprio quello che MI MERITO ,dopo anni di studio e di TASSE pagate, per l'università e non...
In realtà mi annoiavo di immettermi nel mondo del lavoro dai 15 anni , ho pensato bene di PERDER TEMPO studiando...che stupida sono stata, a non averci pensato PRIMA!! Da domani posso cominciare anche a pensare di affittarmi un appartamento e perchè no vedere se la banca mi concede un mutuo.....!!!!
Ero felice, non ci si accorge mai di
esserlo, e mi chiesi perchè l'assimilazione di un sentimento così
benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati.. tanto che conosciamo
solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa..

7

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:12


Lo trovano gli immigrati. non capisco perche non si possa trovare noi.

Spero ci sia una buona dose di provocazione in questa affermazione.

butterfly85 la tua rabbia è più che giustificata. L'unica cosa (non risolutiva, che di soluzioni ce ne son poche) che mi sento di consigliare (e di praticare) è l'attivismo politico, fino alla violenza (se la violenza rientra nelle tue potenzialità). Perché nonostante tutti i paradossi, le contraddizioni, la scarsa credibilità, resta l'unica via. Anche se fine a se stessa.

8

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:13

Cara Butterfly, so che da disoccupati non si sta bene e solidarizzo con te, pero' credo che il segreto in questi tempi difficili sia abbassare un pochino la testa e accontentarsi, se non altro in attesa di trovare di meglio (e continuando a cercarlo), di un lavoro magari non in linea con il proprio percorso di studi.
Il che e' esattamente quello che fanno gli immigrati di cui parli, molti dei quali sono laureati, parlano bene varie lingue, etc. eppure spesso fanno lavori che noi (mi ci metto anche io) non ci degnamo di fare piu'.
Non so se hai mai lavorato nella vita, paralleamente all'universita' per esempio.
In ogni caso dal salumiere non credo si guadagnino 200 euro al mese, e' un lavoro che richiede professionalita' e non si improvvisa.

Non voglio portare me stessa a esempio perche' io, a differenza di te, a trovare lavoro nel settore in cui mi sono laureata non ci ho mai veramente provato, ma piuttosto che stare a casa ho lavorato nel telemarketing, ho fatto la promoter al supermercato, di tutto. Non ero contenta, specie a livello retributivo, e appena ho trovato di meglio sono stata ben felice di mollare, ma ho imparato che c'e' del buono quasi in tutto e che ogni lavoro, per quanto strano e non in cima alla top ten dei desideri, porta esperienza. Per non dire che fare e' sempre un miglior antidepressivo che non fare.
Non voglio salire in cattedra, e' solo un consiglio!

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "RandomBlinkingLight" (09/01/2012, 21:21)


butterfly85

Giovane Amico

  • "butterfly85" è una donna
  • "butterfly85" ha iniziato questa discussione

Posts: 90

Activity points: 403

Data di registrazione: domenica, 11 dicembre 2011

Località: italia

  • Invia messaggio privato

9

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:26

Cara Butterfly, so che da disoccupati non si sta bene e solidarizzo con te, pero' credo che il segreto in questi tempi difficili sia abbassare un pochino la testa e accontentarsi, se non altro in attesa di trovare di meglio (e continuando a cercarlo), di un lavoro magari non in linea con il proprio percorso di studi.
Il che e' esattamente quello che fanno gli immigrati di cui parli, molti dei quali sono laureati, parlano bene varie lingue, etc. eppure spesso fanno lavori che noi (mi ci metto anche io) non ci degnamo di fare piu'.
Non so se hai mai lavorato nella vita, paralleamente all'universita' per esempio.
In ogni caso dal salumiere non credo si guadagnino 200 euro al mese, e' un lavoro che richiede professionalita' e non si improvvisa.

Sarei ovviamente disposta a fare cose non in linea con il mio percorso di studi... anche se questo non mi renderebbe 'felice e appagata'...ma non è che anche questa sia una 'passeggiata' nè mi risolve qualcosa, a parte lo svegliarmi dal letto al mattino...Si ho lavorato durante l'università, facevo il doposcuola ai ragazzi.... ma era per arrontondare per PAGARMI LA PIZZA IL SABATO SERA... io non piu' 16 anni , non mi servono questi maledettissimi lavoretti per ARROTONDARE , io non sono un caspita di studente, ne sono moglie o madre, che vuole un lavoretto per 'dare una mano' alla famiglia... IO SONO SOLA ,e in teoria dovrei MANTENERE LA MIA PERSONA E LA MIA INDIPENDENZA!! Il che significa avere una casa anche un BUCO,quindi pagare affitti,bollette, e quant'altro....
PS: dal salumiere non intendevo FARE IL SALUMIERE ,ma il tipo che aggiusta gli scaffali porta l'acqua per le case ecc e so PER CERTO che prendono 200 euro mensili..............
Ero felice, non ci si accorge mai di
esserlo, e mi chiesi perchè l'assimilazione di un sentimento così
benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati.. tanto che conosciamo
solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa..

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo

Posts: 8.774

Activity points: 26.980

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

10

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:42

meglio l'uovo oggi o la gallina domani?

questo e' il dilemma...
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

butterfly85

Giovane Amico

  • "butterfly85" è una donna
  • "butterfly85" ha iniziato questa discussione

Posts: 90

Activity points: 403

Data di registrazione: domenica, 11 dicembre 2011

Località: italia

  • Invia messaggio privato

11

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:48

Non ero contenta, specie a livello retributivo, e appena ho trovato di meglio sono stata ben felice di mollare, ma ho imparato che c'e' del buono quasi in tutto e che ogni lavoro, per quanto strano e non in cima alla top ten dei desideri, porta esperienza. Per non dire che fare e' sempre un miglior antidepressivo che non fare.


Capisco cio' che intendi, ma credo sia anche una questione
'caratteriale',ti ammiro e sei fortunata,ma non so sinceramente per come
sono fatta io, se fare promoter e telemarketing mi renderebbe meno
depressa che stare a casa...Penserei continuamente che sono una
fallita... ( lo penso anche da casa, ma almeno sto a casa mia...)ma magari forse potrei farlo un giorno nn so...
sia ben CHIARO nn intendo offendere NESSUNO ,tutti i lavori hanno la loro dignità ,ma relativamente alle proprie ambizioni, capacità e conoscenze....
Ero felice, non ci si accorge mai di
esserlo, e mi chiesi perchè l'assimilazione di un sentimento così
benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati.. tanto che conosciamo
solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa..

12

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:54

Il mio suggerimento e' in realta' di avere un piccolo uovo e continuare a puntare alla gallina... purtroppo per la nostra generazione (ho 2 anni piu' di butterfly se 85 e' l'anno di nascita) IL lavoro che permetta l'indipendenza a 360 gradi non sempre arriva, e se arriva spesso non e' per sempre.
Quindi e' chiaro che se ti poni come obiettivo post-laurea "trovare il lavoro che mi sistemi", non ti dico che ti sei posta un obiettivo fallimentare, ma di certo avrai bisogno di molta fortuna. Di "sistemati per la vita", ancora alla mia eta', ne conosco pochi.
Per questo secondo me e' essenziale puntare (purtroppo, ancora) al "lavoretto", o insomma a un lavoro che ti dia un minimo di autonomia ma nel frattempo TI PERMETTA DI CONTINUARE A CERCARE, con quel pochino piu' di serenita' che deriva dal non avere come unica cosa da fare quella di stare al computer a cercare lavoro!

Marinella

...La Gabbianella In Volo...

  • "Marinella" è una donna

Posts: 5.638

Activity points: 17.075

Data di registrazione: mercoledì, 25 marzo 2009

  • Invia messaggio privato

13

lunedì, 09 gennaio 2012, 21:57

meglio l'uovo oggi o la gallina domani?

questo e' il dilemma...


Purtroppo in questo caso manca proprio l'Uovo...quindi la scelta non c'è... :rolleyes:

Butterfly...Ti capisco benissimo...e mi dispiace leggere certe -affermazioni- che non
fanno altro che buttare ancora più -giù-...almeno a me fanno questo effetto...ma non
lasciarti scoraggiare...credimi...tanto lo sai Tu quello che stai passando e l'impegno
che ci stai mettendo nel cercare un Lavoro!

La mia priorità rimane la Salute...ma quasi a Pari Merito con il Lavoro!

In Bocca Al Lupo...comunque!

:girl:
Per Arrivare all'Alba...Non C'è Altra Via che La Notte...Kahlil Gibran

Ogni Donna ha un Paio d'Ali chiuse dentro Sé...e Sogna Ancora Vette Inesplorate...
La Notte delle Fate...Enrico Ruggeri


Nanì... ♫ Nanì... ♫

butterfly85

Giovane Amico

  • "butterfly85" è una donna
  • "butterfly85" ha iniziato questa discussione

Posts: 90

Activity points: 403

Data di registrazione: domenica, 11 dicembre 2011

Località: italia

  • Invia messaggio privato

14

lunedì, 09 gennaio 2012, 22:04

Grazie Marinella, in bocca al lupo anche a te!!
Ero felice, non ci si accorge mai di
esserlo, e mi chiesi perchè l'assimilazione di un sentimento così
benevolo ci trovi sempre impreparati, sbadati.. tanto che conosciamo
solo la nostalgia della felicità, o la sua perenne attesa..

15

lunedì, 09 gennaio 2012, 22:15

Le priorità della mia vita per adesso è nulla.
Capisco come si senta Butterfly però mi sento di dargli un consiglio.

Ho una madre con 1 laurea e 2 master, a breve vorrebbe prendere un'altra laurea.(quindi 2 lauree e 2 master)
Cionostante la vedo come una fallita perché rifiuta categoricamente qualsiasi tipo di lavoro non sia alla sua "altezza".
A cosa serve infatti avere 2 lauree e due master se poi non si trova lavoro neanche a pagare? Mandare quintali di curriculum a destra ed a manca e poi rimanere con la bocca asciutta, sembra quasi uno sgambetto,uno scherzo del destino. Anni "buttati"(da notarsi le tra virgolette) sui libri e sui sacrifici, talvolta anche mentali e di volontà, per voi vedersi ricambiati con zero lavoro,a fare appunto la parassita...

Ah come capisco Butterfly! Pare mia madre, confermo:

A cosa sono serviti tutti questi libri, questi studi?
A niente, praticamente..
Io però ho notato un difetto in mia madre: è troppo superba.
Troppo orgogliosa di "abbassarsi" a fare un lavoretto tipo impiegata o part time.
No. Vuol già avere un lavoro in cattedra, sicuro, soddisfacente... e non si rende conto che per avere un lavoro sicuro e soddisfacente a tutti i livelli bisogna prima "abbassarsi", accettare incarichi che non sono il massimo della vita. Bisogna partire dagli zeri, che non significa che bisogna lavorare a fare il pescatore o il muratore.(con tutto rispetto per la categoria,come mangeremmo il pesce e come potremmo avere una casa?)
Ce ne sono parecchi di lavori "abbassati": impiegata in qualche ufficio, segretaria...e non sono lavori che arrotondano...ma son lavori e basta, con una loro dignità.
I lavori che non hanno dignità sono i lavori in nero, la schiavitu' dei bambini.
Credo che ci voglia bensì un pò di umiltà e pare che Butterfly non lo voglia un tantino ammettere nonostante il suo "sfogo" piu' che giustificato e lecito.
Contiamo anche che questo periodo è un periodo da fame e da disoccupazione nera. Non me ne meraviglierei così tanto.
Ma non è che faccia un pò male tentar qualche fortuna, qualche cosa che possa staccarci da un'asfissiante routine spaventosa, quella di alzarsi la mattina tutti i giorni e non saper cosa fare.
Volendo... ci si può accontentare addirittura di lavorare in un supermercato a fare la commessa.
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......