Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

1

martedì, 18 agosto 2009, 13:50

Motivi per vivere?

Fin ora ho letto 10 motivi e più per morire, cosa che seppur ben motivata, a mio avviso non vale la pena mai, perchè come dice un detto:"Finchè c'è vita c'è speranza!".Quindi son qui a chiedervi almeno un motivo, secondo voi, per vivere, che, sempre a parer mio, è ben più difficile che scappare dai problemi, ci vuol più coraggio ad affrontarli, superarli e sentirsi fieri di se stessi che non vigliaccamente decider di farla finita. :)

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "LME" (18/08/2009, 14:05)


2

martedì, 18 agosto 2009, 19:16

RE: Motivi per vivere?

"Finchè c'è vita c'è speranza!"
E quando non c'è neanche più la speranza cosa rimane??
In ogni caso, in un altro 3D ci son state molte motivazioni abbastanza stupide (per me) per continuare a vivere... sinceramente l'unico motivo valido che trovo io è la paura di morire..quando la sofferenza e la disperazione supererà la paura, vediamo che succederà..

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

3

martedì, 18 agosto 2009, 19:56

Abbiamo scritto un post "1001 (e più) motivi per vivere".

Io ne ho trovati circa trecento... (più o meno).

Ed è stranissimo...

Ci sono motivi per vivere.

Scopi.

Il problema è riuscire a viverli questi motivi...

:|
Mein Herz, halt Dich an mir fest

4

martedì, 18 agosto 2009, 21:31

Quelle sono sciocchezze, non sono scopi! io come scopo intendo una cosa che ti dia una motivazione a fare una cosa, anche nel momento del dolore....a me sembra che siano tutte cose non profonde, o per lo meno IO non le ritengo tali...poi se ad una persona gli bastano..beh vorrà dire che camperà meglio

5

mercoledì, 19 agosto 2009, 10:09

una cosa che ti dia una motivazione a fare una cosa,
A mio modesto parere le motivazioni le devi trovare dentro di te, ognuno trova le sue, stupide, insignificanti o importanti, son comunque uno sprone a guardare avanti, prendendo in mano la tua vita, senza che ti crolli addosso. In primis sei tu stesso quella "cosa/motivazione", che deve darti sprone, volerti bene e decidere che restar fermo a sopravvivere fa solo del male a te stesso e qualsiasi cosa di attivo e positivo può aiutarti ad uscir fuori dalla depressione.
Sicuramente un aiuto psicologico può essere una mano, ma solo tu sei il padrone delle tue emozioni/sensazioni e devi imparare a gestirle al meglio.Sofferenza e disperazione, almeno una volta nella vita l'abbiamo passata tutti, ma si può affrontare, guardandola razionalmente, scavando nel profondo, capirla, ascoltarla e poi superandola, perchè puoi esser più forte di loro(soferenza e disperazione),trovando la forza in te stesso.
Impara a volerti bene e ogni cosa inizierà ad aver un colore diverso dal nero del baratro.

6

mercoledì, 19 agosto 2009, 10:55

l'istinto alla sopravvivenza che e' insito in tutti gli animali e anche in noi ci aiuta ad andare avanti no?

7

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:13

l'istinto alla sopravvivenza che e' insito in tutti gli animali e anche in noi ci aiuta ad andare avanti no?
Sopravvivere non è vivere e noi conosciamo il suicidio, mentre gli altri animali no, eccetto quando sanno che comunque stanno per morire.

orion

Giovane Amico

Posts: 94

Activity points: 457

Data di registrazione: venerdì, 12 settembre 2008

  • Invia messaggio privato

8

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:14

Personalmente anche io ritengo che le 1001 motivazioni per continuare a vivere siano abbastanza superficiali, soprattutto per coloro che come me hanno raggiunto un tale odio per la propria vita passata presente e futura.
L'odio e la rabbia ti fanno vincere l'istinto di sopravvivenza nel momento fatale, questo penso io, il disprezzo verso la propria esistenza ti fa superare il rimorso dei sensi di colpa nei confronti dei pochi che ti vogliono bene, una vita di continua paura, insoddisfazione, depressione e sconforto sono a mio avviso un buon motivo per andarsene per sempre.
Chi non ama la vita credo che abbia il diritto di poter scegliere quando e come farla finita, è forse l'unica e ultima grande libertà che abbiamo e ritengo anche che tutti coloro che continuano a dire che comunque bisogna andare avanti, debbano per un attimo farsi un esame di coscienza perchè non siamo tutti uguali, c'è chi reagisce di fronte a un mare di difficoltà e chi si lascia andare, non bisogna fargliene una colpa, ma solo augurargli buon viaggio e magari una vita migliore al di là del fiume.
Molte poche cose sono affascinanti quanto l'ego ferito di uno splendido angelo...

9

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:25

L'odio e la rabbia ti fanno vincere l'istinto di sopravvivenza nel momento fatale

per vincere l'istinto alla sopravvivenza non basta l'odio e la rabbia..... forse ci vuole un certo grado di follia che ti annebbia la mente o l'assunzione di superdroghe.... ecco che li' mancando tutti i freni inibitori che ci tengono attaccati a questa vita, si e' capaci di uccidersi.... ma io non ci riuscierei mentre sono lucida!

Risposta a LME :
Anche l'essere umano possiede l'istinto alla sopravvivenza altrimenti non avrebbe popolato la terra in maniera cosi' preponderante...... sopravvivere per me significa anche vivere!!! anzi.... vivere secondo me e' riuscire a soddisfare gli istinti primari quali mangiare... un tempo gli antichi dovevano andare a caccia o fare gli agricoltori etc... e la vita scorreva con dei ritmi diversi da quelli attuali.... oggi abbiamo stravolto tutte le leggi naturali... ecco che siamo sempre in conflitto con noi stessi... e odiamo questa vita e questa societa' completamente artificiali....

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "apaticaaa" (19/08/2009, 11:31)


10

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:29

no, non ci vuole nè follia, nè droghe..di certo queste aiutano, ma fidati, basta anche una grande sofferenza, un grande odio da non riuscire a stare tra la gente, di aver voglia di ammazzare tutti, quando ti svegli la mattina e pensando di doverti alzare per passare un'altra giornata del c**o e ti metti a piangere nel letto...quando la sofferenza arriva a certi livelli, questa può superare l'istinto di sopravvivenza...quoto orion

11

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:34

quando ti svegli la mattina e pensando di doverti alzare per passare un'altra giornata del c**o e ti metti a piangere nel letto...


i mass media ci hanno inculcato che se non sei "Briatore" non servi a un c***o
viviamo in una societa' malata e consumistica

12

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:41

io do un 50 e 50% di colpa alla società e alla testa delle persone...di certo la società ci sta rovinando, ci sta inculcando la teoria che il "cattivo ragazzo" è un grande e si fa rispettare da tutti, se non hai bellezza, non servi a niente, vero... si dovrebbe trovare la forza di discostarsi dalla massa anche se questo porta ad isolarsi..forse 1-2 mesi tra gli eremiti potrebbero far bene all'anima :hmm:

orion

Giovane Amico

Posts: 94

Activity points: 457

Data di registrazione: venerdì, 12 settembre 2008

  • Invia messaggio privato

13

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:46

Negli ultimi tempi, vuoi per la crisi, vuoi per il marciume sempre più crescente di questa ridicola società, le percentuali di suicidio stanno vedendo una vera e propria impennata. Gente normale che non ce la fa più, che ha perso il lavoro, che si trova strozzata dai debiti, che secondo me arriva al punto di chiedersi perchè diavolo è venuta al mondo per vivere una vita del genere. Non penso che siano alcolisti o tossici, ma sono disperati, e questo è sufficiente secondo me per far andare alle stelle il livello di odio e rabbia verso tutto e tutti in primis se stessi. Ripeto, c'è chi reagisce in un modo, lottando e tentando nuove strade con tentativi, sacrifici e forza d'animo, c'è invece chi non ce la fa e cade in uno stato depressivo totale e, come un cancro, la depressione ti porta alla morte.
Molte poche cose sono affascinanti quanto l'ego ferito di uno splendido angelo...

14

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:48

volete un buon motivo per continuare a vivere?

smettetela di piangervi addosso e agite!

la società è una merda?
e chi è la societa?


noi e voi che scrivete siamo la società, per cui merda anche noi.
smettetela di parlare e agite

disintossicatevi e tirate fuori le palle.

anzi tiriamole.

un motivo adesso ce lo avete...prendervela con me se vi fa comodo per nn fare altro che lamentarvi

15

mercoledì, 19 agosto 2009, 11:56

E perchè dovrei smettere? perchè dovrei lavorare? perchè dovrei andare a divertirmi? la fine che facciamo è sempre la stessa...non trovo una valida motivazione, la tua è una giustissima critica, ma lo so, ne sono consapevole...ma se non trovo un senso che contraddistingua un criminale, da una persona che non fa niente, o da un lavoratore che lavora 15 ore al giorno...sinceramente non trovo le forze per far niente pensando alla fine che facciamo e a cosa è servito tutte le fatiche..