Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

16

Saturday, August 13th 2011, 4:43pm

Ciao! La tua situazione in casa finirà col farti sentire un'idiota totale! Lo capisci che i tuoi genitori non sono buoni per te??? Non lo sarebbero neanche per altri e non sono neanche persone che meriterebbero di avere figli...
Devi andartene subito da questa casa!!!
Scusa ma che intendi fare? Restare e subire???

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

17

Saturday, August 13th 2011, 5:12pm

No Manen! Assolutamente no! Io voglio reagire, devo reagire! Non voglio pensare di vivere per sempre così. Io vi ringrazio perché siete tutti estremamente gentili con la sottoscritta ed è bello vedere che ci sono persone in grado di starti vicino, anche se solo virtualmente. In questo momento mi sento un po' impedita ma, proverò a reagire seguendo i vostri consigli, grazie per il sostegno :))

Comunque dove posso chiedere per il CPS (Centro Psico Sociale) ? Scusate per la domanda banale.

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

18

Saturday, August 13th 2011, 5:15pm

Comunque mi dispiace ad aver risposto a "lurlur" con un certo "tono". Ognuno è liberissimo di esprimere la propria opinione, anche se non positiva. :) Sono molto avvilita e stanca, chiedo ammenda.

This post by "zombi" (Saturday, August 13th 2011, 9:25pm) has been deleted by user "alexander" (Friday, September 9th 2011, 8:13pm)

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

20

Saturday, August 13th 2011, 9:36pm

no a dir la verità non mi fido molto del mio medico di base.. e poi anche in quel caso mia madre mi accompagna sempre, non c'è modo di "confidarmi"..

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

21

Saturday, August 13th 2011, 9:45pm

Mi vergogno di me stessa, questa sera ho avuto una ricaduta e mi sono fatta di nuovo del male ;( ;(

22

Saturday, August 13th 2011, 10:53pm

no a dir la verità non mi fido molto del mio medico di base.. e poi anche in quel caso mia madre mi accompagna sempre, non c'è modo di "confidarmi"..


Scusa ma andarci da sola? O Non puoi uscire di casa senza "scorta"? Scusa non ricordo la tua età, sei maggiorenne?
Tutto ciò mi perplime

rocco smitherson

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

23

Sunday, August 14th 2011, 10:41am

No, anche se può sembrare surreale questa cosa. Ho 19 anni, quasi 20 anzi, ma non è che da quando sono diventata maggiorenne le cose siano cambiate poi tanto

This post by "zombi" (Sunday, August 14th 2011, 12:53pm) has been deleted by user "alexander" (Friday, September 9th 2011, 8:15pm) with the following reason: prova cancellazione 2

alonso

Utente Attivo

  • "alonso" is male

Posts: 88

Activitypoints: 306

Date of registration: Jul 28th 2011

  • Send private message

25

Wednesday, August 17th 2011, 9:53am

carissima emmevu
ho letto la tua storia e anche a me mi si è stretto il cuore.ho letto pure i vari consigli che ti hanno dato gli amici del forum e sono d'accordo con loro.
facci sapere l'evolversi della situazione.
ti mando un abbraccio caloroso :friends:

cucuzzolo

Dissero della grande Marlène Dietrich "Marlène, un nome che inizia con una carezza e finisce con una frustata"

  • "cucuzzolo" is female

Posts: 395

Activitypoints: 1,199

Date of registration: Jun 28th 2011

Location: Ancona

Occupation: Assistente Sociale Ospedaliera

  • Send private message

26

Wednesday, August 17th 2011, 10:29am

depressione e tentativi di suicidio...perdonate lo sfogo

Ciao emmevu, forza che il peggio è passato.
Stai diventando grande, pian pianino ti staccherai dalla famiglia e ti renderai indipendente, spero per te il più presto possibile.
Non ti accadrà nulla, ne sono certa, chi lo dice non lo fà , solitamente.
Purtroppo chi si vuole veramente ammazzare decide in silenzio ed attua il suo piano diabolico di punto in bianco, senza ...preavviso!
Avrai capito inoltre che a morire ce ne vuole ed è più facile farsi male, vedasi rimanere paralizzati o condannati a vita su una sedia rotelle, Dio te ne scampi, che non ti venisse più in mente una follia del genere!
Piuttosto che rapporto hai col tuo medico di base?
Lo vedi mai? O solo quando devi farti redigere una ricetta? Perchè così non và bene per niente.
Lui deve essere il primo a conoscere i tuoi stati d'animo, le tue crisi, questi attacchi di anorressia, i malesseri che ti colgono più o meno all'improvviso; e comunque stai soffrendo di un malessere generale che ti fà vivere male.
Sarebbe ora che ti confidassi ed iniziassi a prenderti un pò più sul serio, accettando anche di farti aiutare.
Un servizio di Salute Mentale territoriale andrebbe benissimo, lì troveresti del personale molto preparato come assistenti sociali, sociologi, psichiatri, educatori e credo che un primo contatto l'avrai avuto all'epoca del tentato suicidio, basterà solo riprendere le fila di un discorso che dubito non sia iniziato già a quei tempi.
Non restare inerme, a piangere o lamentarti soltanto, che non risolvi nulla, è ora di darsi da fare, di 'prendersi cura di sè stessi'... di amarsi un pò di più, di tenere alla propria vita, che è unica per tutti e bella alla tua giovane età, bellissima!
Auguri cari :hi:

sandras

e quindi?

  • "sandras" is female

Posts: 107

Activitypoints: 419

Date of registration: Mar 5th 2010

  • Send private message

27

Sunday, September 25th 2011, 9:03am

Ciao Emmevu,
è passato più di un mese da quando hai postato questo che tu chiami 'sfogo', dunque non so se leggerai la mia risposta, ma vorrei consigliarti se ne hai la possibilità, di vedere un film che mi ricorda un po' la tua storia.
Purtroppo le storie di disagio hanno tutte dei punti in comune ed i film, come le canzoni, in genere riescono a riprenderli quasi tutti.
Il titolo del film è Precious.
Ti allego un link giusto per avere un'idea.
Un abbraccio e... buona fuga dall'inferno! :thumbsup:

http://it.wikipedia.org/wiki/Precious_(film)
wishful thinking... serendipità :sos:

emmevu

Utente Attivo

  • "emmevu" is female
  • "emmevu" started this thread

Posts: 13

Activitypoints: 46

Date of registration: Aug 7th 2011

  • Send private message

28

Monday, October 10th 2011, 5:56pm

Caro sandras io in realtà passo spesso sul forum come visitatrice, non commento mai ma, mi soffermo a leggere i post che altri utenti pubblicano o a leggere storie di ragazzi come me.. A leggere certe cose mi si stringe il cuore ma, mi fa sentire anche meno sola.. Detto ciò voglio farvi capire che in reatà anche se non sono estremamente presente e attiva, ci sono..e non che dopo il mio "sfogo" le cose in realtà siano migliorate. Non vi ho scritto più perché faccio un estrema fatica a comunicare, e perchè ho anche paura di scocciarvi a ripetere sempre le stesse cose, anche se, ripeto, voi siete stati veramente gentili con me:) . Qua ho modo di comunicare.. anche se virtualmente. Nella realtà non parlo con nessuno e la cosa mi fa veramente male anche se cerco di non dimostrarlo.

A parte questo vi aggiorno dicendovi che ci sono stati altri episodi dai toni particolarmente "accesi". Si è discusso in modo particolare riguardo ai soldi. Mio padre ha rinfacciato il fatto di averci mantenuti per tutti questi anni con i SUOI soldi e ci ha accusati di spenderne tanti. In realtà abbiamo problemi economici a causa SUA e, soprattutto per colpa dei suoi sperperi noi continuiamo a privarci di un sacco di cose. Ci ha ricoperti di insulti e mia sorella invece di difendere ha attaccato mia madre dandole della schifosa strega (ha fatto due incidenti in auto in una settimana e secondo lei la colpa è di mia madre che porta sfiga) e tirandole oggetti vari...io mi vergogno a dirlo ma, non ho reagito dando il meglio di me... mia sorella dopo avermi inveito mi è saltata addosso e io mi sono rinchiusa in camera per evitare di alzarle le mani.. Nel momento in cui mi sono chiusa in camera ho incominciato a picchiarmi da sola, provocandomi lividi..... in più quando sono uscita dalla camera sono andata diritta verso mio padre e dopo avergli buttato in faccia tutto il mio odio, ho fatto una cosa di cui mi vergogno profondamente.. gli ho sputato in faccia... Mi vergogno tantissimo di averlo fatto, non perchè non se lo meritasse, anzi.. ma mi vergogno di essermi ridotta così, come lui... ;( Forse sono sono una persona squallida.


ps. grazie per il film.. me lo guarderò

Giglio

Giovane Amico

  • "Giglio" is female

Posts: 136

Activitypoints: 534

Date of registration: Jul 27th 2011

  • Send private message

29

Monday, October 10th 2011, 7:13pm

mi fai una grande tenerezza.
mi ricordi me nei miei anni di incubo.
sono passata anche io per l'autolesionismo e ci ho messo tanto per uscirne. è finito con la fine della depressione.
il clima della tua famiglia è un poco simile al mio perciò forse posso darti un consiglio utile.
ad aiutarmi sono stati i servizi sociali. dovresti chiedere un consiglio a loro, spiegare la tua storia. sicuramente se non ti aiuteranno in modo pratico, quantomeno ti diranno che cosa fare e a chi rivolgerti se loro non sono in grado di intervenire.
poi, te lo dico davvero col cuore, non tagliarti, non picchiarti... io lo so cosa significa, ci son passata per 3 orribili anni, e ti posso assicurare che è peggio. perchè i problemi restano. ti fai del male e non risolvi nulla. semplicemente ritardi il momento di pensare, di affrontare la realtà. soffrendo fisicamente allontani il dolore psicologico, ma non appena finisce quello fisico, il male riaffiora. vale davvero la pena di soffrire anche fisicamente, se i risultati sono inutili e anzi dannosi?
non è questo il modo di reagire.
cerca di tutelarti, proteggi te stessa.
se te la senti, sporgi denuncia o quanto meno cerca di denunciare il traffico d'armi di tuo padre, che oltre ad essere spaventoso è anche illegale.
io mi trovavo, come te, sull'orlo di un baratro. non vedevo più lì'uscita,avevo toccato il pozzo.
ma ricordati che dal pozzo si può solo risalire.
io sono riuscita a salire, puoi farlo anche tu. e da quando sono risalita, sono una ragazza più forte, una diciottenne consapevole e capace di vivere.
buona fortuna :)

cl

Amico Inseparabile

  • "cl" is female

Posts: 1,575

Activitypoints: 4,844

Date of registration: Jul 26th 2010

Location: lazio

Occupation: commerciante

  • Send private message

30

Wednesday, October 12th 2011, 12:06pm

Salve a tutti sono una ragazza di 19 anni che da circa 5 anni soffre di depressione...Mi scuso in anticipo per gli eventuali errori di ortografia ma, è difficile parlarvene con le lacrime agli occhi come mi trovo ora. Non riesco a parlarne facilmente alle persone. Ho provato ad avere il supporto della mia famiglia ma, loro pensano che i miei continui pianti siano futili capricci da "bambina viziata". Una volta ma sorella ha detto a voce bassa a mia madre che sono pazza... è una cosa orribile da sentire.... non so se potete capire il dolore , non solo di soffrire perennemente ma, anche quello di essere emarginata dai propri cari. Mio fratello una volta mi ha picchiato a sangue, solo perchè avevo chiesto di uscire come facevano i miei coetanei, colpendomi con forti pugni in testa, provocandomi tic nervosi che da due anni oramai soffro.. Mio padre è un mostro, una volta ha cercato di ucciderci con la pistola e un altra volta ci ha minacciato con il coltello. E' da quando sono piccola che lo vedo picchiare mia madre e sperperare i soldi per soddisfare i SUOI capricci. Sono cresciuta in questo ambiente ostile dove è una guerra continua, le urla sono routine in questa casa, oltrettutto trasferendomi da città in città non ho mai stretto vere amicizie. Una volta, i ragazzi e le ragazze della mia età, mi chiamavano mostro e mi maltrattavano nei peggio modi ...mi hanno fatto sentire inutile e orribile per tanti anni. Da tempo stavo accusando lievemente un malessere mentale che mi spingeva all'isolamento, ma la "botta" finale l'ho avuta in terza superiore, dopo essere stata nuovamente il centro delle burla dei compagni (mi consideravano "amorfa") e aver sopportato il divorzio dei miei, e la perdita di denaro, perché come già detto, mio padre spendeva soldi in armi, piano piano dall'essere brava a scuola incominciai ad assentarmi da scuola per andare a nascondermi da qualche parte a piangere. La scuola, come potete immaginare mi andò male e alla fine venni bocciata... Per me quello fu un trauma. Quando camminavo non sentivo nulla e a volte mi avvicinavo senza accorgermene sul bordo della strada o mi buttavo in mezzo alla via appena vedevo un camion.. poi mi riprendevo e tornavo sul marciapiede. Da quel momento incominciai a farmi male. Inziai non mangiando e non bevendo più, a picchiarmi la testa, a soffocarmi con il cuscino, o immergendo la testa nell'acqua.. recentemente, ho ripreso tagliandomi con una lama. Sono scappata di casa 2 volte. La prima sono finita all'ospedale, mi sono buttata dal primo piano di casa e mi sono fratturata un braccio (per poco non rimanevo anche paralizzata), la seconda sono andata a stare a casa di un ragazzo che neanche conoscevo, mia madre mi aveva picchiato e umiliato dandomi della puttana schifosa (scusate se lo scrivo) davanti alla scuola e ai miei compgni di classe.. era presa da un raptus e sono scappata dalla macchina, buttandomi nell'asfalto e correndo via.. mi sono nascosta dormendo fuori. Ero terrorizzata, avevo paura di lei. Tornai a scuola solo perchè mi avevano minaciato. Finii anche sul giornale locale... I miei non vogliono che esco, dicono che è anormale cercare gente estranea al nucleo famigliare. Si mettono ad urlare e mi danno della prostituta. Ho provato sotto consiglio di "amici" di uscire di casa e fregarmene di loro ma, più volte mia madre è scesa di casa correndo e insultando me e amici. Sono stanca, non esco mai di casa, non vogliono uscire, e non vogliono nemmeno che esco con altri.. Una volta stavo con un ragazzo che amavo da morire, stavamo insieme da soli 6 mesi ma, per me era speciale. Quando uscivo con lui ero uno zombie, non riuscivo più a ridere e lui mi ha mollata.. non ce l'ha fatto più a sopportare di vedermi così.. Sono passati 4 anni e lo amo ancora tanto. Oramai non ho più hobby, non riesco a ridere, a sfogarmi, a fidarmi delle persone, mangio pochissimo e salto un sacco di volte i pasti, bevo poco, mi gira sempre la testa, non riesco neanche a dormire..
Ho 19 anni e mi sento una fallita, so che ho tutta la vita davanti.. ma che vita è? Io non voglio arrivare a togliermi la vita ma, il pensiero mi salta spesso in mente, anzi spessissimo.. chiedo scusa per lo sfogo, non chiedo consulti, avevo solo bisogno di parlare con qualcuno..

non sei tu che sei fallita , ma fallita purtroppo è la famiglia in cui sei cresciuta , io ho vissuto le tue cose , ho visto fucili puntati addosso , e corse sotto il letto , ho odiato ogni giorno della mia prima vita , cosi la chiamo io , adesso ho 40 anni , due attivita commerciali , e voglio dirti che ce lo fatta , ho conosciuto la miseria , ho conosciuto la violenza , io stessa ancor oggi odio il natale e le feste , ancor oggi vivo in trance quando la mia prima vita viene a trovarmi , perchè comunque è parte di me stessa , è quello che son ora , mi ha lasciato solo una cosa l umilta , la capacita di saper evitare di far del male , non ti do consigli , perchè se mi chiedi come ho fatto , io non saprei dirtelo , ma una cosa so che ancor oggi mi sforzodi non essere come loro , ancor oggi piu che mai lo faccio per le mie figlie , ancor oggi cerco di combattere quel mostro , di dna da dove vengo , io non ho paura questo si , non ho paura di guardare al mio passato , e non mi vergogno neanche perchè quando per la prima volta mia figlia mi ha chiamato mamma , io ho capito che non era colpa mia , fatti coraggio e un grande abbraccio ....