Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

NES87

Nuovo Utente

  • "NES87" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: lunedì, 14 maggio 2018

  • Invia messaggio privato

1

lunedì, 14 maggio 2018, 16:45

Cos'ha mia madre?

Salve a tutti, sono nuovo nel forum e questo è il mio primo messaggio qui.
Sto scrivendo per chiedere consigli e informazioni riguardo mia madre.
Inizio col dire i sintomi che sente e poi mano a mano risponderò alle vostre eventuali domande, col mio intento di far nascere un confronto, anche con il dottore se è possibile.
Mia madre che ha 60 anni, attualmente è in uno stato apatico dove si sente vuota e assente dalla vita quotidiana, pensa a come dovrebbe essere o come era prima e per esempio segue i discorsi (anche quelli in tv) non partecipando attivamente cioè, come riporta lei, che quando partecipa ad un discorso la persona che ascolta nella sua mente si fa un "film" e vede passare le immagini che associandole alla propria esperienza sente le emozioni che uno può provare.. invece lei tutto questo non lo fa più. Stessa cosa quando fa i lavori di casa oppure è al lavoro, non "assapora" i vari momenti e "non è presente" o almeno lo è solo fisicamente. Poi tralascia le cose da fare a casa, dove prima era sempre tutto pulito e ordinato, ora o non lo fa o lo fa perchè vede che deve per forza farlo.
Riferisce che si sente chiusa in un "bozzolo" a cui non riesce ad uscire e si sente come precipitata qui dal nulla, e gli viene la domanda e si chiede "chi sono io?"
Si sente come il cervello annebbiato e chiuso dall'esterno, ovviamente questo grado di chiusura non è sempre uguale, ci sono dei giorni che è più chiusa e altri meno e quando lo è meno, ovviamente le percezioni del mondo che la circonda sono più alte. I sogni sono riflessi alla vita giornaliera, cioè sogna che sta male e raramente sogna quando stava bene.
Queste sensazioni e in questo stato è già entrata, piccole cose da bambina, poi in adolescenza, prima di avere me nell'86-87 (in quanto ha dovuto sospendere la cura farmacologica di mantenimento con il prazene) e poi nel 1998, infine tra alti e bassi attualmente è così dall'inizio 2016, dove ha avuto un ricovero in SPDC (perchè ha avuto allucinazioni, delirio ecc.. dovuto a farmaci? con diagnosi non prorpio concorde con altri psichiatri che abbiamo consultato). Dice che non vede una via di uscita, nessuno spiraglio per sollevarsi e uscire da questo stato, ha paura di morire impazzendo o venendo rinchiusa in una casa di cura.
Spero di aver scritto cose comprensibili e che potiate capire di cosa fanno parte questi sintomi e di cosa si tratta secondo la vostra esperienza, aggiungo che è in cura con farmaci e dalla scorsa settimana l'ho portata da una psicoterapeuta. Sono preoccupato perchè questa volta ha preso e cambiato diversi farmaci, cambiato 3/4 psichiatri ma i periodi in cui si sente bene e se stessa, in questi due anni sono stati per pochi mesi in modo discontinuo.

NES87

Nuovo Utente

  • "NES87" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: lunedì, 14 maggio 2018

  • Invia messaggio privato

2

giovedì, 17 maggio 2018, 17:20

Nessuno sa dirmi qualcosa?

NES87

Nuovo Utente

  • "NES87" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: lunedì, 14 maggio 2018

  • Invia messaggio privato

3

venerdì, 18 maggio 2018, 14:59

Nessun esperienza di questo tipo? Nessuno sa di cosa parlo?

Slash98

Utente Attivo

Posts: 67

Activity points: 292

Data di registrazione: venerdì, 24 novembre 2017

  • Invia messaggio privato

4

venerdì, 18 maggio 2018, 23:25

Da profano so che gli anziani (ok 60 anni non sono proprio anziani anziani però per intendersi) con l’età acquistano particolari tratti del comportamento
E so anche che però ci sono varie malattie della vecchiaia che fanno in modo che questi tratti non siano appunto tratti, ma una sintomatologia vera e propria..
e so che comunque sono validi anche tutti i disturbi che ci possono essere anche in età più giovane

Quindi non credo che qualcuno qui possa dirti esattamente cosa possa essere (per non dare per scontato nulla, sempre che qualcosa di anormale sia)

Semmai si può certamente consigliarti di rivolgerti, intanto al medico di base.. e intanto magari richiedere una visita neurologica
Ps. A maggior ragione.. se aveva già qualche problema per cui necessitava di psichiatri o altri, è consigliabile avere un parere di medici veri

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" è un uomo

Posts: 5.267

Activity points: 16.046

Data di registrazione: mercoledì, 05 ottobre 2016

Località: nowhere

Lavoro: something

  • Invia messaggio privato

5

sabato, 19 maggio 2018, 07:28

Guarda io non sono un medico o uno psichiatra, ma da quello che dici mi sembra vittima di una forte depressione. È seguita da questo punto di vista?
Tu non mi chiedi mai come sto tu non mi chiedi mai come va sai che sto bene fuori dentro non lo so dov'è finita la libertà

NES87

Nuovo Utente

  • "NES87" ha iniziato questa discussione

Posts: 4

Activity points: 19

Data di registrazione: lunedì, 14 maggio 2018

  • Invia messaggio privato

6

sabato, 19 maggio 2018, 11:18

A Slash 98: Ho capito vagamente il tuo discorso... da quello che ho capito non so perchè dici che deve avere un consulto da "medici veri" uno psichiatra è un medico, e cmq il medico di base che la conosce da anni è al corrente di tutto e due neurologi che si occupano di depressione (tra cui uno che la seguiva nel '98) le ha già consultati.

Per fran235: Direi che di depressione si tratta, però volevo sapere se questi sintomi li avete provati anche voi... e che cosa state facendo/avete fatto per uscirne

corman

Nuovo Utente

Posts: 8

Activity points: 31

Data di registrazione: sabato, 19 agosto 2017

Località: roma

  • Invia messaggio privato

7

sabato, 19 maggio 2018, 11:28

Ciao
sembra proprio una depressione. Molto più facile intervenire se lo si fa presto, se non lo hai fatto ti consiglio di convincerla a farsi vedere da un professionista.
Un salutone
Sento di aver scavalcato una montagna, ma la belva è sempre lì in agguato.


mayra

Utente Attivo

  • "mayra" è una donna

Posts: 41

Activity points: 123

Data di registrazione: venerdì, 02 marzo 2018

Località: Torino

Lavoro: badante

  • Invia messaggio privato

8

sabato, 19 maggio 2018, 17:31

Da quello che descrivi, oltre che soffrire di depressione, mi sembra che tua madre abbia degli episodi di derealizzazione. Dovresti parlarne con un neurologo.

repcar

Utente Avanzato

  • "repcar" è un uomo

Posts: 873

Activity points: 2.654

Data di registrazione: sabato, 10 dicembre 2016

Località: reggio calabria

Lavoro: forze di polizia

  • Invia messaggio privato

9

sabato, 19 maggio 2018, 18:28

ciao....anche la mia risposta rientra come personale e non dal punto di vista medico. La depressione può essere un episodio singolo nella vita, si cura e se ne esce. Quando gli episodi si ripetono nel corso della vita, per ogni ricaduta bisogna attuare una terapia. Una visita psichiatrica è il mio personale consiglio. Quello che prove tua madre (sensazioni di depersonalizzazione etc.) rientrano tra gli effetti di ansia/depressione.......sempre a disposizione........

Ismaele

Utente Fedele

  • "Ismaele" è un uomo

Posts: 406

Activity points: 1.253

Data di registrazione: lunedì, 19 giugno 2017

  • Invia messaggio privato

10

sabato, 19 maggio 2018, 22:11

Solo lo psicologo può aiutarla. Farebbe bene ad usare farmaci solo come estremo rimedio. Per quel che vale: non fare tuoi i suoi problemi.

11

domenica, 20 maggio 2018, 08:21

Ciao Nes!
Dal tuo racconto si evince che tua madre sia seguita da diverse figure professionali (psichiatri e neurologi). Ti domando: ha mai consultato invece in passato uno psicoterapeuta?
O la settimana scorsa è andata per la prima volta?
Penso che tu abbia fatto bene a portarla, forse visto il suo passato le medicine da sole non sono in grado di agire.
Alla domanda "cosa fareste" rispondo che avrei fatto esattamente quello che hai fatto tu.

### ### ### ###


"Le mie farfalle nello stomaco sono al ragù"

ATELOPHOBIA: la paura di non essere abbastanza.
-sara swarovsky-

Slash98

Utente Attivo

Posts: 67

Activity points: 292

Data di registrazione: venerdì, 24 novembre 2017

  • Invia messaggio privato

12

domenica, 20 maggio 2018, 20:48

Nono, intendevo medici veri nel senso non da noi..
Possiamo dire depressione senile, ma potrebbero essere tranquillamente altre cose

E da questi consulti non ti ha mai fornito una risposta nessuno?

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite