Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

1

martedì, 03 gennaio 2012, 20:18

Confronti per capire...

Ciao..

Mi chiamo Cielo E Abisso, e credo che il nick spiega in piccola parte il significato di come vivo quella "sconosciuta" di nome depressione alla quale non sto dando piu' importanza. (così eccessiva come prima)

Quello che non capisco infatti se è la depressione che mi sta influenzando in tutti i settori della vita o sono io che sono troppo insicura e patologicamente malinconica.

Tutto è iniziato un bel pò di anni fa, da allora continuo ad andare avanti a zig zag, tra alti scadenti e bassi precipitosi... un zigzagare di luce e buio, di sole e tenebre, di cielo e abisso.

Torno al dunque. Ho aperto questo Topic per fare un confronto, per vedere se ci sono persone che condividono le mie stesse "distorte" percezioni.

Porgerò alcune domande e a chi interessa ed è interessato risponda in modo chiaro ed esauriente..

Domande:

1) Ogni volta che qualcuno pronuncia il tuo nome o vieni appellata con titoli familiari del tipo: figlia, sorella, fidanzata.. etc. senti per caso un nodo in gola, un malessere al solo sentire il tuo nome o l'appartenenza in famiglia e lo senti del tutto estraneo? Ti riempie di tristezza e di angoscia? Di delusione?

2) Hai mai vissuto stati alternati , talvolta continui, di luce e ombra? Un giorno sembri voler a tutti costi creare un progetto o programmare la vita e l'indomani ripiombare in uno stato assoluto di prostrazione e di nullità?

3) Hai l'impressione di essere inferiore o provi malessere mentre chiacchieri con le persone? Hai la sensazione continua di sbagliare in tutto e in ogni parola,gesto,sguardo?

4) Hai l'abitudine di rigirare e pensare in modo maniacale tutte le cose che hai detto o fatto o le cose che ti hanno detto o fatto? Immagini e fai ripetere la scena mentalmente o la condividi talvolta in modo invadente ad una persona di fiducia? Questo stato ti fa soffrire molto?

5) Hai preso l'abitudine ad avere piu' dimestichezza con gli animali che con le persone? Hai come la sensazione che queste persone non ti capiscano e tu in confronto ti senti sempre un puntino nero, un alieno, uno strano essere?

6)Hai l'abutidine di abbatterti per un nonnulla? Ti senti sempre colmo di tristezza per un dispiacere? Hai l'abitudine di abbassare il viso dopo essere stata dispiaciutata per qualcosa e camminare con le spalle leggermente curve e con il volto sovrappensiero?

7) Hai la costante sensazione che in qualunque discorso tu faccia o inizi non dai mai il meglio di te o comunque tu non faccia una buona impressione?

...



Rispondete a queste domande....Grazie.
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......

  • "maya." è una donna

Posts: 566

Activity points: 1.810

Data di registrazione: lunedì, 27 dicembre 2010

  • Invia messaggio privato

2

martedì, 03 gennaio 2012, 23:57

Benvenuto cielo ed abisso :friends: rispondo alle tue domande, e poi voglio dirti una cosa.

1-Non sempre, ma spesso avverto una vampata non troppo piacevole dallo stomaco
2-si, in maniera ciclica. Periodica.
3-Sempre, quasi sempre si
4-idem, ed è molto spiacevole. Ne soffro
5-diciamo che avrei la tendenza
6-si, con trascinare dei piedi incluso
7-spessissimo

Ora, alla luce di quanto scritto il mio potrebbe sembrare un quadro non troppo colorato diciamo. Così come il tuo ne deduco. Serve per farti sentire meno solo o meno diverso? Io vorrei dirti una cosa. Aldilà di tutto nulla può essere distorto. Non esistono percezioni distorte. Esistono tue percezioni. Tu sei tu, con i tuoi limiti e con le tue potenzialità. Non fermarti a crogiolarti nel pensiero se quello che provi è normale o meno. Se senti che non ti fa star bene, cerca una soluzione.
E non c'è niente niente al mondo che mi salva.

3

mercoledì, 04 gennaio 2012, 13:36

Ciao Maya ti ringrazio di avermi risposto. Questa specie di pseudo questionario l'ho voluto aprire non per sentirmi meglio o peggio ma solo per vedere se ero la sola ad avere questi atteggiamenti deprimenti.

Vedendo che non sono la sola mi preoccupo molto meno.. e concludo che è la conseguenza della depressione/ansia,etc.

Capisco che ci sono io con pregi(quali?) e difetti.. ma non è bello affrontare la vita con queste falegnamerie mentali continue... grazie comunque per quello che hai scritto. Tu parli anche di potenzialità e sono d'accordo ma quando di mezzo ci sono quei limiti e questi ultimi tendono ad affiorare per primi e con invadenza le potenzialità se ne vanno a farsi benedire , ma così tanto, che alla fine non so piu' che qualità o potenzialità ho.

ciao Maya
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......

The Heart

Colonna del Forum

  • "The Heart" è un uomo
  • "The Heart" è stato interdetto da questo forum

Posts: 2.275

Activity points: 7.455

Data di registrazione: mercoledì, 24 agosto 2011

Località: Roma

Lavoro: Studente psicologia

  • Invia messaggio privato

4

mercoledì, 04 gennaio 2012, 14:16

Ciao Cielo e Abisso,

il nick spiega meglio di qualunque spiegazione la tua situazione interiore.
I tuoi sintomi sono quelli tipici della depressione bipolare, di cui io credo di soffrire - tra una settimana avrò un colloquio con lo psichiatra proprio per questo motivo.
E' normale avere degli sbalzi d'umore moderati nella quotidianità; passare dal cielo ad un precipizio emotivo invece indica che abbiamo un malessere grave dentro di noi.

Sei mai stata da psicologi/psichiatri?

Cosa hai tentato per arginare il tuo problema?
Si vede bene solo con il cuore: l'essenziale è invisibile agli occhi

5

mercoledì, 04 gennaio 2012, 14:35

n
Ciao Cielo e Abisso,

il nick spiega meglio di qualunque spiegazione la tua situazione interiore.
I tuoi sintomi sono quelli tipici della depressione bipolare, di cui io credo di soffrire - tra una settimana avrò un colloquio con lo psichiatra proprio per questo motivo.
E' normale avere degli sbalzi d'umore moderati nella quotidianità; passare dal cielo ad un precipizio emotivo invece indica che abbiamo un malessere grave dentro di noi.

Sei mai stata da psicologi/psichiatri?

Cosa hai tentato per arginare il tuo problema?



Ciao The Heart,


Tra psicologi e psichiatri sono durata la bellezza di 1/2 gg, nel senso che andavo, ascoltavo , poi non ritornavo piu'.
Ci sono diversi motivi per cui evito gli psichiatri, ti prendono per matta lo stesso anche se non hai nessun problema(non è detto che è il mio caso) li trovo poco attendibili. La psicologa lasciamo perdere ,meglio che non mi esprimo su come è andata.
Non ho fatto assolutamente nulla per arginare il mio problema 1. perché non ho disponibilità economiche e 2. perché psicologi/psichiatri da asl mi paiono poco attendibili. Ho una scarsissima fiducia in quel campo.
A spillare soldi sono bravi.
Tentar non nuoce, lo so.
Però me ne sto ferma con le mani in mano perché non so da che parte iniziare per arginare questo problema.
Certo non si risolverà con gli psicofarmaci.
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......

Whatshername

Utente Attivo

  • "Whatshername" è una donna

Posts: 98

Activity points: 357

Data di registrazione: martedì, 06 dicembre 2011

  • Invia messaggio privato

6

mercoledì, 04 gennaio 2012, 14:54

1- Quasi mai nodi alla gola. Però spesso mi sembra che il mio nome è qualcosa che non c'entra niente con me, potrebbero chiamarmi in quel modo o in qualunque altro. Si, è estraneo a me e mi sento delusa, perchè mi sembra di essere una nullità.

2- Molte volte mi capita di fare progetti, anche piccoli, mi soddisferebbero comunque se riuscissi a portarli a termine. Ma poi il giorno dopo sono troppo giù, non ho nemmeno la forza di pensare di fare qualcosa.

3- Mi sento completamente sbagliata, sotto ogni aspetto. Si, quando parlo con gli altri, quando mi confronto con loro, mi sento sempre inferiore. La mia autostima non esiste.

4- Ripenso spesso a tutte le varie conversazioni che ho con le persone, studio le mie reazioni, i miei discorsi e mi sembrano tutti sbagliati.

5- Non ho dimestichezza con gli animali, tantomeno con le persone. Quelli che mi stanno intorno non riescono mai a capirmi o a conoscermi davvero, nonostante tutti i miei sforzi di aprirmi e di farmi comprendere.

6- Mi abbatto sempre, per ogni minimo problema e nonostante tutti i miei sforzi non riesco mai a trovare una soluzione. Gli altri reagiscono male a questo mio modo di essere, mi ritengono problematica e forse hanno ragione. Cammino spesso ricurva e trascinando i piedi.

7- Non credo di fare una buona impressione sulle persone e spesso vengo fraintesa.

7

mercoledì, 04 gennaio 2012, 15:12

Questa cosa del trascinare i piedi la sto notando anche io,succede solo quando vengo amareggiata in qualcosa, pare che non io riesca a camminare con i piedi saldi... come se la mente è fosse troppo addolorata per pensare di farmi camminare bene..ma secondo voi urge una visita neurologica?

Whatshername, il disegno è tuo?
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......

Whatshername

Utente Attivo

  • "Whatshername" è una donna

Posts: 98

Activity points: 357

Data di registrazione: martedì, 06 dicembre 2011

  • Invia messaggio privato

8

mercoledì, 04 gennaio 2012, 15:28

No, non è mio... però so disegnare, stando a quanto dicono gli altri, anche se ho abbandonato questa passione da un po' di tempo. Non ho mai provato a disegnare il piccolo principe, credo che ci proverò, magari questa è l'occasione per ricominciare.

9

mercoledì, 04 gennaio 2012, 17:35

Ciao whatshername è una bella cosa questa, se vuoi puoi postare qualche disegno qui, mi piacerebbe vedere come disegni(non pensare male e non sto facendo giochetti psicologici, tranquilla ;-))


Un'altra cosa ho notato di me, quando vedo per strada persone che ho conosciuto anni fa e con i quali non ho avuti rapporti negativi(tipo i genitori di una mia ex amica)mi comporto come se non li conoscessi sperando che loro non mi riconoscano affatto... Mi comporto come se davvero avessi perso la memoria. Lo faccio perché non mi piace l'immagine di quella che sono adesso.
Sono delusa da quello che sono e di conseguenza non voglio che gli altri mi riconoscano per quella persona che un tempo ero e ora non sono piu', non mi piace affatto che vedano come sono diventata, questo mi porta ad assumere una tattica psicologica, cioè far finta che non sono io, mi spersonalizzo, mi metto in seconda persona,anche se questa tattica è piuttosto difficile, devi essere proprio fuori per riuscirci.

Comunque sia.. qualsiasi tipo di persona io abbia conosciuto, anche molto recentemente, mi comporto come se non l'avessi mai vista o conosciuta. Ciò comporta anche lo stupore di chi mi vede e si aspetta un "riconoscimento" inducendo così a farmi passare per menefreghista o qualcosa di peggio.

Secondo voi perché mi comporto così anche con le persone recenti che mi hanno conosciuta per quella che sono adesso? Esempio con le persone con cui ho fatto il tirocinio pochissimi anni fa e con le quali non mi sono trovata male(ero io che stavo male per conto mio) mi comporto come se non le avessi mai viste in vita mia.
Tipo una volta con la titolare... l'ho vista da lontano,ho ripescato dlala mia psiche la tattica psicologica,e sono passata davanti a lei senza neanche un minimo accenno di averla riconosciuta.
E in cuor mio mentre fingevo mi chiedevo: Ma perché sto facendo questo ? Perché mi comporto così?

Scavando piu' a fondo mi rendo conto di aver paura che una certa persona non mi ricambi il saluto..
O che faccia finta di non riconoscermi, così adopero io per prima questa tattica per evitare la delusione o il dolore.
Ma non trovate che questa tattica sia patologica comunque? Credo che ci sia un problema ancora piu' grave sotto, che ne pensate?
Qualcuno ha il mio stesso "problema"?
Se sono un pò malinconico,
alzo lo sguardo e mi illumino,
vedo nel cielo magnifico,
un regno di tecnicolor....
Tutto mi sembra più' facile,
vedo e respiro più' libero,
entro nel mondo di favole,
posso fantasticar......

small_small

Utente Attivo

Posts: 18

Activity points: 61

Data di registrazione: martedì, 03 gennaio 2012

  • Invia messaggio privato

10

mercoledì, 04 gennaio 2012, 17:39

So cosa sia la depressione, ma per motivi diversissimi dai tuoi, per motivi di mancanze fisiche. Se posso aiutarti prova a riempire la tua vita d'altro, senza concentrarti sui tuoi problemi.

Whatshername

Utente Attivo

  • "Whatshername" è una donna

Posts: 98

Activity points: 357

Data di registrazione: martedì, 06 dicembre 2011

  • Invia messaggio privato

11

mercoledì, 04 gennaio 2012, 20:43

Hai paura di ricevere delusioni, ma non dovresti averne. Ma non stare male se gli altri non ti salutano e fanno finta di non conoscerti, saranno loro a perderci...
Non so se questo problema sia patologico, dovresti chiedere a uno psicologo...

Threads simili