Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Lucreziarock

Utente Attivo

  • "Lucreziarock" ha iniziato questa discussione

Posts: 65

Activity points: 265

Data di registrazione: lunedì, 07 novembre 2011

  • Invia messaggio privato

1

sabato, 12 novembre 2011, 20:54

Avete mai pensato di uccidervi?

Sono 10 anni che soffro di depressione e pensieri ossessivi talmente ossessivi da non riuscire neanche a lavorare , avere due soldi in tasca ,avere amici , sono sola isolata dal mondo da tutto e soffro ogni giorno quando apro gli occhi e penso di dover affrontare un altra giornata sola senza parlare con nessuno senza nulla da fare mentre gli altri vivono. Psicologi , psichiatri , farmaci non sono serviti a nulla , sono senza speranze senza via d'uscita , io che vorrei solo una vita normale, allora penso che sarebbe più facile morire che continuare a vivere cosi, anzi a non vivere, ma poi rifletto , e non avrei mai il coraggio di farlo perchè:
1 darei un dolore troppo grande da sopportare ai miei genitori
2 io non so se esiste qualcosa dopo la morte ma se è vero che chi si toglie la vita va all'inferno ....li fà troppo caldo per i miei gusti
3 eppoi per quanto sia disperata non avrei mai il coraggio di farmi del male

quindi la morale è che sono costretta a vivere, male, tormentata , piena d' angoscia e solitudine ma comunque a vivere

gabriel777

Utente Avanzato

  • "gabriel777" è un uomo

Posts: 831

Activity points: 2.640

Data di registrazione: martedì, 17 maggio 2011

Località: tatooine

Lavoro: asceta

  • Invia messaggio privato

2

sabato, 12 novembre 2011, 21:07

ci ho pensato soprattutto negli ultimi mesi.

genitori .what is this?

l'inferno...non ci credo.

più che altro per adesso mi trattiene la paura del dolore.

vorrei una cosa rapida ed indolore.
“In Rock you play 3 chords and have 1000 people listening, but in Jazz you play 1000 chords and have 3 people listening!”
~ Frank Zappa on differences between Jazz & Rock music

luchetto96

Utente Attivo

  • "luchetto96" è un uomo

Posts: 29

Activity points: 115

Data di registrazione: mercoledì, 06 aprile 2011

Lavoro: Studio presso il liceo classico

  • Invia messaggio privato

3

sabato, 12 novembre 2011, 22:01

(Non vado a capo perchè non so quando andare!)
MERIGIARE PALLIDO E ASSORTOPRESSO UN ROVENTE MURO D'ORTO ASCOLTARE TRA I PRUMI E GLI STERPI SCHIOCCHI DI MERLI E FRUSCI DI SERPI NELLE CREPE DEL SUOLO O SULLA VECCIA SPIAR LE FILE DI ROSSE FORMICHE C'ORA SI ROMPONO ED ORA S'INTRECCIANO A SOMMO DI MINUSCOLE BICHE.
ASCOLTARE TRA LE FRONDI IL PALPITARE LONTANO DI SCAGLIE DI MARE MENTRE SI LEVANO TRMULI SCRICCHI DI CICALE DAI CALVI PICCHI.
e ANDANDO NEL SOLE CHE ABBAIA SCOPRIRE CON TRISTE MERAVIGLIA COM'è TUTTA LA VITA ED IL SUO TRAvAGLIO. iN QUESTO SEGUITARE UNA MURAGLIA CHE HA IN CIMA COCCI AGUZZI DI BOTTIGLIA. E. Montale. Cosa intendo dirti? Inndo dirti che dai problemi e dalla vita non è possibile fuggire , io mi sono rassegnato, sono stanco di combattere cerco ogni giorno di regire, ma nulla. Anche io come te sono nella cacca fino al collo. Qundo si sta male non si pensa ad altro che a sè stessi; non si pensa nemmeno a coloro che vorrebero avere due gambe per camminare, che vorrebero avere due occhi per vedere.Io come te penso di suicidarmi quotidianamente. Quando lo sto per fare la mia morale mi scuote e mi fermo. Poi penso che noi abbiamo le gambe e gli occhi che anatomicamente funzionano, ma in realtà sono spenti. Quanto ti capisco! Quanto ti capisco! quanto compredo quel tuo dolore che non sai nemmeno da dove viene e non sai come allontanarlo! Un dolore straziante che ti succhia l'energia come un parassita!

Hallomarc

Piezz e' core...

  • "Hallomarc" è un uomo

Posts: 1.548

Activity points: 5.715

Data di registrazione: martedì, 14 giugno 2011

Località: Milano

  • Invia messaggio privato

4

domenica, 13 novembre 2011, 00:00

Beh insomma

A me succedeva a varie riprese negli anni scorsi. Secondo le difficoltà del momento.
Cioé il suicidio mi sembrava una via d'uscita.
"Se non ce la farò ad andare avanti?" , mi dicevo.

Poi mi è arrivato un lavoro paricolarmente delicato e impegnativo. Avevo per le mani la responsabilità su molte persone. Ero divorato dall'ansia e dalla preoccupazione.
Ma non potevo pensare a morire: dovevo dare delle risposte. Col coraggio della paura ho affrontato la prova. Ma a quel punto ho scoperto di avere una dote che non pensavo: quella di riuscire a mettere sempre d'accordo gli altri. Proprio io che mi sentivo un uomo senza pace, pacificavo gli animi degli altri!

Da allora mi cago sotto abbastanza spesso per qualche motivo, ma non mi viene più in mente di morire. Voglio vivere, anche se a volte è ben difficile.

Al mondo c'è un posto per fare le cose in quel determinato modo. E a quel modo le posso fare solamente io. Non posso lasciare quel posto vuoto.

Se io fossi un pittore, potrei certo uccidermi. Ma un altro non potrebbe fare la mia pittura.
E c'è sempre qualcuno che vuole i miei quadri.

E anche i vostri.
Quello che fate - poco o molto - nelle vita, a quel modo lo potete fare soltanto voi.
Chi vuole bene a voi, non vi scambia certo con un altro.

Se ci conoscessimo , diverremmo amici. E io vedrei i vostri lati positivi, ben più importanti di quelli negativi. Ciascuno di voi per me non potrebbe essere come un altro.

Se siamo al mondo, vuol dire che nel mondo c'è un posto per noi. Unico. Bello.
Hallomarc ha allegato il seguente file:
  • tiepolo 01.jpg (15,57 kB - Il file è stato scaricato 20 volte - Ultimo download: 30/10/2015, 20:14)
Se non ci fossero i miei difetti, non ci sarei nemmeno io.

pw81

Colonna del Forum

  • "pw81" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.821

Activity points: 6.807

Data di registrazione: mercoledì, 18 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

5

domenica, 13 novembre 2011, 03:39

Io sì, ci penso eccome da 15 anni circa... Col tempo poi le speranze sono diventate illusioni.
Ora mi sono attrezzato per il suicidio. Manca poco. Cmq non c'è gorno a cui non ci pensi.
''il depresso è un narcisista fallito''

cobain

Utente Attivo

Posts: 11

Activity points: 47

Data di registrazione: mercoledì, 02 novembre 2011

  • Invia messaggio privato

6

domenica, 13 novembre 2011, 03:45

cmq non sei la sola...persona.Pure io penso svariato volte che dovrei spararmi in testa ma non so se ne avrò mai il coraggio..pure io sono sempre solo e depresso ormai ci ho fatto il callo.Una volta ero seriamente intenzionato a uccidermi è stato quando mi sono ricordato di un colloquio di 15 anni fa con un psichiatra (sono smemorato)il quale mi disse che ero un genio....volevo uccidermi perche non ho mai sfruttato le mie capacità .Boo cmq ci penso una mare di volte a uccidermi poi non lo faccio mai mi ubriaco quando sono troppo giu...sto pure malato di fegato adesso sono passato alla droga ...forse io un motivo per non uccidermi l'ho trovato, la batteria . ma cambio spesso idea per ora non credo che mi uccida.

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "cobain" (13/11/2011, 03:55)


pw81

Colonna del Forum

  • "pw81" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.821

Activity points: 6.807

Data di registrazione: mercoledì, 18 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 13 novembre 2011, 03:47

cmq non sei la sola...persona.Pure io penso svariato volte che dovrei spararmi in testa ma non so se ne avrò mai il coraggio..


non serve spararsi in testa, ci sono modi più dolci. se vuoi ti spiego
''il depresso è un narcisista fallito''

cobain

Utente Attivo

Posts: 11

Activity points: 47

Data di registrazione: mercoledì, 02 novembre 2011

  • Invia messaggio privato

8

domenica, 13 novembre 2011, 03:57

cmq non sei la sola...persona.Pure io penso svariato volte che dovrei spararmi in testa ma non so se ne avrò mai il coraggio..


non serve spararsi in testa, ci sono modi più dolci. se vuoi ti spiego

cmq non sei la sola...persona.Pure io penso svariato volte che dovrei spararmi in testa ma non so se ne avrò mai il coraggio..


non serve spararsi in testa, ci sono modi più dolci. se vuoi ti spiego

e quale sarebbe il modo piu dolce....una pallottola in testa e muori su colpo senza dolore

pw81

Colonna del Forum

  • "pw81" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.821

Activity points: 6.807

Data di registrazione: mercoledì, 18 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

9

domenica, 13 novembre 2011, 03:58

Al mondo c'è un posto per fare le cose in quel determinato modo. E a quel modo le posso fare solamente io. Non posso lasciare quel posto vuoto.

Se io fossi un pittore, potrei certo uccidermi. Ma un altro non potrebbe fare la mia pittura.
E c'è sempre qualcuno che vuole i miei quadri.

E anche i vostri.
Quello che fate - poco o molto - nelle vita, a quel modo lo potete fare soltanto voi.
Chi vuole bene a voi, non vi scambia certo con un altro.

Se ci conoscessimo , diverremmo amici. E io vedrei i vostri lati positivi, ben più importanti di quelli negativi. Ciascuno di voi per me non potrebbe essere come un altro.

Se siamo al mondo, vuol dire che nel mondo c'è un posto per noi. Unico. Bello.


Sono frasi che non hanno molto senso. Perlomeno non non c'etrano molto. Qua il problema è stare bene/stare male.
''il depresso è un narcisista fallito''

pw81

Colonna del Forum

  • "pw81" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.821

Activity points: 6.807

Data di registrazione: mercoledì, 18 giugno 2008

  • Invia messaggio privato

10

domenica, 13 novembre 2011, 04:02

e quale sarebbe il modo piu dolce....una pallottola in testa e muori su colpo senza dolore

ti ho mandato una mail
''il depresso è un narcisista fallito''

cobain

Utente Attivo

Posts: 11

Activity points: 47

Data di registrazione: mercoledì, 02 novembre 2011

  • Invia messaggio privato

11

domenica, 13 novembre 2011, 04:12

beh lo terrò a mente....mi sfuggiva

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo

Posts: 8.793

Activity points: 27.037

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

12

domenica, 13 novembre 2011, 11:13

Sono 10 anni che soffro di depressione e pensieri ossessivi talmente ossessivi da non riuscire neanche a lavorare , avere due soldi in tasca ,avere amici , sono sola isolata dal mondo da tutto e soffro ogni giorno quando apro gli occhi e penso di dover affrontare un altra giornata sola senza parlare con nessuno senza nulla da fare mentre gli altri vivono. Psicologi , psichiatri , farmaci non sono serviti a nulla , sono senza speranze senza via d'uscita , io che vorrei solo una vita normale, allora penso che sarebbe più facile morire che continuare a vivere cosi, anzi a non vivere, ma poi rifletto , e non avrei mai il coraggio di farlo perchè:
1 darei un dolore troppo grande da sopportare ai miei genitori
2 io non so se esiste qualcosa dopo la morte ma se è vero che chi si toglie la vita va all'inferno ....li fà troppo caldo per i miei gusti
3 eppoi per quanto sia disperata non avrei mai il coraggio di farmi del male

quindi la morale è che sono costretta a vivere, male, tormentata , piena d' angoscia e solitudine ma comunque a vivere


SE sei arrivata a questa conclusione e' perche tutto sommato , vivere non ti dispiace.
Evidentemenete hai trovato una soluzione che ti evita di confrontarti e metterti alla prova, e cosi puoi coltivare il tuo piccolo mondo interiore, fatto di masturbazioni, sogni e fantasie oniriche, come confermi qui:

Citato

Disegno , dipingo, sogno ad occhi aperti , ascolto musica dark, goth, rock il mio gruppo preferito sono i Depeche Mode, la mia canzone Enjoy the silence, amò Baudelaire e Poè , mi piacciono i locali bui illuminati solo da candele, bere un buon bicchiere di vino ,guardare ovviamente film horror la notte quando non riesco a dormire insomma sono la classica ragazza solare .....


L'ultima battuta denota anche una sagace verve comica, che dimostra quanto la tua sia sopratutto un strategia esistenziale, che evidentemente ti e' sembrata la migliore fra quelle a disposizione.
Che poi tu sia chiusa in te stessa, e che tu abbia determinato il tuo distacco dal mondo, le si deduce anche da come informi sulle disgrazie di tuo padre.

Se dovessi descrivere con una immagine quello che mi evochi, è una principessa che si e' chiusa nella sua torre, e guarda il mondo dalla finestra perche' il mondo la fuori e' brutto e cattivo, mentre li dentro e' al sicuro e puo' lamentarsi quanto vuole senza che nessuno la disturbi.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

emme75

Utente Attivo

  • "emme75" è un uomo

Posts: 16

Activity points: 69

Data di registrazione: mercoledì, 31 dicembre 2008

Località: Verona

Lavoro: Barista

  • Invia messaggio privato

13

domenica, 13 novembre 2011, 11:57

ci penso anch'io, non molto spesso a dire il vero, però l'ho sempre vista come un'alternativa alla vita. Poi però mi capita di dover guidare di notte dopo lunghe giornate di lavoro e sentirmi agitato all'idea di un incidente o di un'uscita di strada tragica con morte, e allora mi iniaziano i turbini mentali di domande e risposte, di desiderio che succeda e di desiderio che non succeda.
Sono solo certo di una cosa, che siamo qui per un determinato motivo, per una scelta di due persone e forse anche perchè abbiamo un compito da svolgere.
o forse è solo caso biologico...

mickhela

Utente Attivo

  • "mickhela" è una donna

Posts: 96

Activity points: 316

Data di registrazione: sabato, 05 giugno 2010

  • Invia messaggio privato

14

domenica, 13 novembre 2011, 13:20

nkeci ho pensato spesso anche io purtroppo, ho sofferto tanto tanto nella mia vita seppur ancora givane, i momenti di disperazione son stati tanti e allora pensavo a quello non vedendo via d'uscita e stando sola....ora che papà non c'è più mi faccio forza ...non potrei mai dare un dolore simile a mia madre...devo stringere i denti e andare avanti

15

domenica, 13 novembre 2011, 15:10

Citato

SE sei arrivata a questa conclusione e' perche tutto sommato , vivere non ti dispiace.Evidentemenete hai trovato una soluzione che ti evita di confrontarti e metterti alla prova, e cosi puoi coltivare il tuo piccolo mondo interiore, fatto di masturbazioni, sogni e fantasie oniriche,
Stavo per rispondere, poi ho visto queste parole che mi rispecchiano molto, e il mio pensiero è stato dirottato.
Sono capace di soffrire tantissimo, sì, fino a meditare un suicidio per lunghi periodi.
Le paure si sono moltiplicate, le rinunce mi hanno tolto sicurezza, ho trasformato la vita in una gara di resistenza.
Ma la verità è che il momento della crisi, per quando in termini temporali ogni volta mi sembri più lungo e annunciatore di chissà quale catastrofe, è pur sempre un periodo transitorio. E dopo anch'io mi rintanerò da qualche parte, al sicuro, in casa. Scansando "il cambiamento"...ibernandomi in questo stadio depressivo/riflessivo ancora una volta, e sperando sempre nella prossima primavera senza ansia e fobie che non ci sarà.


Non sarò stata attinente al thread, ma ho raccolto un'altro contributo per un grande cambiamento che affronterò tra poco. Non sarà chissà cosa ma la catena della paura che mi serra all'addome e minaccia di strattonarmi indietro, verso la rinuncia, per un attimo ha smesso.

ps: Doctor Faust se lungo il mio spulciare nel forum quando trovo qualche suo post, lo leggo sempre attentamente. Chissà che non ci veda un consiglio buono anche per me.

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite