Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

aragorn5575

Nuovo Utente

Posts: 2

Activity points: 6

Data di registrazione: giovedì, 30 luglio 2015

  • Invia messaggio privato

151

venerdì, 31 luglio 2015, 15:31

Bo...in questo forum non si riesce a parlare.
Possibile che i moderatori ci mettano 3 giorni per
valutare un messaggio?

MB

Uno qualunque.

  • "MB" è un uomo

Posts: 640

Activity points: 2.000

Data di registrazione: domenica, 29 agosto 2010

  • Invia messaggio privato

152

mercoledì, 05 agosto 2015, 20:37

Da quando avevo 15 anni (o forse anche prima) ogni tanto ci penso, ma è solo una idea vaga. Non ho la minima idea di come potrei fare, non saprei da che parte iniziare: la goffaggine - o magari quella piccola parte di me che sogna - mi salverebbe. L'unica opzione terra-terra che mi viene in mente sarebbe buttarmi nel fiume/lago in una zona di forti correnti, in inverno, dato che so nuotare e credo che non ci possa annegare di proposito. Ma anche questa è una chiacchiera che faccio fra me e me, per farmi capire quanto sono squallido.

Dolciotto84

Utente Avanzato

  • "Dolciotto84" è un uomo

Posts: 652

Activity points: 2.075

Data di registrazione: mercoledì, 01 maggio 2013

  • Invia messaggio privato

153

mercoledì, 05 agosto 2015, 23:52

La vita me l'hanno data, non è mia: non posso togliermela, perché non è una cosa di cui posso disporre.

diana33

Forumista Incallito

  • "diana33" è stato interdetto da questo forum

Posts: 4.427

Activity points: 14.307

Data di registrazione: mercoledì, 13 maggio 2015

  • Invia messaggio privato

154

giovedì, 06 agosto 2015, 12:34

anche io ci penso spesso, perché mi sento inutile e so che non raggiungerò mai quello che desidero(dal punto di vista lavorativo).
Ma non ho mai osato anche solo farmi un graffio(a parte qualche morso e graffio dovuto all'ansia, l'alternativa era spaccare tutti i mobili).

Sono giovane e non vedo un futuro avanti a me. Penso sempre che se la vita non è vissuta al meglio non vale la pena di essere vissuta(e io non l'ho vissuta sino ad ora e chissà come sarà negli anni avvenire).

Però sapete ogni volta che sento di un suicidio alla tv mi sa di qualcosa da vigliacchi. La rispetto come decisione, però se siamo qui (in vita)un motivo ci sarà...e lo dico da persona che a quanto pare(non me lo ricordo ) alla nascita ha dovuto lottare per rimanere in vita(nata prematura con un sacco di problemi).

Forza!

alexandra4

Utente Attivo

  • "alexandra4" è una donna

Posts: 99

Activity points: 349

Data di registrazione: venerdì, 19 giugno 2015

Località: padova

  • Invia messaggio privato

155

venerdì, 14 agosto 2015, 00:36

Da quando ho cominciato psicoterapia (1mese mezzo fa) non più. Il giorno in cui ho chiamato per il primo appuntamento....stavo per farlo...
Se la strada è tutta in salita è perchè sei destinato ad arrivare in alto.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" è un uomo

Posts: 8.829

Activity points: 26.920

Data di registrazione: sabato, 28 marzo 2009

Località: Italia

Lavoro: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Invia messaggio privato

156

venerdì, 14 agosto 2015, 11:39

Io ho deciso per un suicidio lento che produca una dolce agonia.

Per questo ho scelto la Nutella come mezzo. Ci vuole un po' ma i risultati sono assicurati. :popcorn:
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Adso da Melk

Utente Attivo

  • "Adso da Melk" è un uomo

Posts: 16

Activity points: 55

Data di registrazione: venerdì, 14 agosto 2015

  • Invia messaggio privato

157

venerdì, 14 agosto 2015, 22:21

Ho iniziato a pensarci alcuni anni fa, negli ultimi tempi lo faccio di continuo. Ora come ora l'unica cosa che mi trattiene è sapere che procurerei un dolore immenso ai miei genitori.

diomede79

Utente Attivo

Posts: 31

Activity points: 90

Data di registrazione: giovedì, 26 maggio 2011

  • Invia messaggio privato

158

lunedì, 17 agosto 2015, 20:29

Anche io mi sono limitato solo a pensarci nei momenti più bui di depressione, ma sono troppo codardo per metterlo in pratica.

lumpit

Utente Attivo

  • "lumpit" è un uomo

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: mercoledì, 19 agosto 2015

Località: Tra la campagna ed il mare

  • Invia messaggio privato

159

mercoledì, 19 agosto 2015, 14:13

L'ho pensato e ho provato a farlo.
Mi sono fermato proprio all'ultimo e, ancora oggi, non so cosa mi abbia trattenuto, visto che ero totalmente ubriaco in quel momento e stavo vivendo uno dei momenti più bassi della mia vita (ergo: non avevo veramente nulla da perdere/lasciare).
Da allora ho abbandonato l'idea.
I will never bother you
I will never promise to

160

venerdì, 21 agosto 2015, 08:12

Ci ho pensato molte volte e ci sono quasi riuscita, ma è successo tempo fa; nei periodi più bui ci penso ancora, ma non avrei più il coraggio di farlo. Mi limito all'autolesionismo.
Carpe diem, quam minimum credula postero [Horatio - Carmina, I, 11]

Black Celebration

Utente Fedele

  • "Black Celebration" è un uomo

Posts: 469

Activity points: 1.706

Data di registrazione: domenica, 01 dicembre 2013

  • Invia messaggio privato

161

sabato, 22 agosto 2015, 08:30

In passato ci pensavo spesso e credevo che fosse una cosa normale poi ho capito che mi sbagliavo e che era la depressione a causarmi questi pensieri assurdi.

162

sabato, 22 agosto 2015, 17:49

In passato ci pensavo spesso e credevo che fosse una cosa normale poi ho capito che mi sbagliavo e che era la depressione a causarmi questi pensieri assurdi.


QUando dici "credevo fosse una cosa normale" intendi che credevi di pensare a quello così come si pensa a cosa farsi a pranzo o altro?
Come hai capito che ti sbagliavi?

Grazie

Fuffoletta

Utente Attivo

  • "Fuffoletta" è una donna

Posts: 50

Activity points: 164

Data di registrazione: giovedì, 30 luglio 2015

  • Invia messaggio privato

163

mercoledì, 26 agosto 2015, 11:56

Mio zio era malato di alcolismo e si è suicidato quando ero piccola (3 anni). Questa cosa mi ha molto colpita, anche perchè i miei ne parlavano poco, cambiavano discorso se si andava sull'argomento e anche adesso a distanza di decenni è un argomento "tabù". Ho sempre sentito dentro di me una particolare empatia per questo zio, malato e fragile, che se fosse vissuto in epoche più recenti avrebbe potuto curare il suo malessere e forse sarebbe ancora qui. Forse a causa di questo fatto, la parola "suicidio" ha sempre esercitato un certo fascino su di me, non mi ha mai fatto paura, anzi mi è sempre sembrata una sorta di via d'uscita, di fuga da una realtà triste e dolorosa.
Ho iniziato a pensare al suicidio quando andavo alla scuola media e la vedevo come unica soluzione per "risolvere" sia il doc (che allora non sapevo cosa fosse) sia perchè ero vittima di bullismo da parte di un nutrito gruppo di compagni (e soprattutto compagnE) di classe. Anche durante l'adolescenza ci ho pensato spesso ma senza mettere in atto comportamente autolesivi (a parte una volta a 11 anni in cui mi sono ingoiata una confezione di aspirine per morire... adesso se ci penso mi viene da sorridere per questo goffo tentativo..).
Adesso che sono adulta ho ancora pensieri di suicidio ma sono più che altro pensieri intrusivi. Ne ho parlato anche con la psicologa e lei dice che davanti a un problema/malessere/situazione di "pericolo" io reagisco in automatico generando un pensiero di morte come via di fuga per l'ansia che mi prende. Mi ha spiegato che è una reazione un po' primitiva, come gli animali che davanti a un pericolo anzichè reagire si paralizzano e si fingono morti. Questa consapevolezza, se da un lato mi solleva, non mi toglie però il pensiero intrusivo, tuttavia mi aiuta pensare al dolore che causerei in chi resta (principalmente i miei genitori ma anche il mio compagno) e cerco di andare avanti per loro.

Dolphin84

Utente Avanzato

  • "Dolphin84" è un uomo
  • "Dolphin84" è stato interdetto da questo forum

Posts: 911

Activity points: 2.853

Data di registrazione: lunedì, 15 aprile 2013

  • Invia messaggio privato

164

giovedì, 27 agosto 2015, 00:46

Si, certo, periodicamente il pensiero si affaccia, soprattutto adesso che ho 31 anni e non ho costruito neanche il 10% di ciò che mi sono ripromesso di fare.

Ogni giorno per me è come se fosse l'ultimo, devo produrre troppo in pochissimo tempo per recuperare anni di fallimenti e privazioni, e questo mi crea stress e depressione.

Purtroppo la vita non la riesco più a prendere alla leggera. Io mi sveglio ogni giorno con la pistola puntata alla tempia.
"I’m not apologizing for crap that isn’t my fault."

esse1992

Utente Attivo

  • "esse1992" è una donna

Posts: 14

Activity points: 56

Data di registrazione: domenica, 26 maggio 2013

Località: milano

Lavoro: studentessa/cameriera

  • Invia messaggio privato

165

domenica, 30 agosto 2015, 14:59

ci penso spesso ma..

ci penso spesso perchè sono fortemente depressa, e sopratuttto quando ho attacchi depressivi acuti e non riesco a smettere di piangere e sono paralizzata penso che piuttosto che vivere così sia meglio morire.. ma in fondo non lo farei mai. Uno perchè mio zio si è suicidato pochi anni fa perchè era depresso e la cosa ha traumatizzato me e tutte le persone che gli volevano bene, due perchè in fondo so di essere depressa perchè sento di non vivere appieno la vita e da un lato so che se mi curo e se riesco a uscirne mi riserverà delle cose belle.. quindi concluderla non è la soluzione per quantomi riguarda, però ripeto, ci penso spesso..