Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  
Newsletter di psicologia


archivio news

Non risulti loggato.


//////////////// 728x90 ////////////////

Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

226

martedì, 26 giugno 2012, 14:03

Anzi il sesso più spinto e brutale è più bello se è con la persona con cui in altri momenti si condivide tanta dolcezza...
La penso così anch'io, e in qualche modo questo discorso può essere collegato al BDSM, che io vedo come una cosa che, per me che sono fatto così, è il modo più naturale di fare l'amore con la mia donna... Non penso che riuscirei a fare del vero e proprio BDSM con una donna che non amo. :)

Piccolamatta

Nuovo Utente

Posts: 5

Activity points: 15

Data di registrazione: giovedì, 28 giugno 2012

  • Invia messaggio privato

227

giovedì, 28 giugno 2012, 14:39

ho provato una volta con un mio ex ma niente di troppo estremo, cioè sapete gli ho graffiato un po la schiena....... :)

Pale_Shelter

Giovane Amico

  • "Pale_Shelter" è una donna

Posts: 199

Activity points: 660

Data di registrazione: giovedì, 08 marzo 2012

Località: Lombardia

  • Invia messaggio privato

228

venerdì, 29 giugno 2012, 18:18

Ho letto qua e là un po' di risposte per farmi un'idea più reale della questione e ammetto che ne sapevo pochissimo. In effetti anche io, da ignorante, ho sempre pensato fosse una pratica legata a frustate, calci nei punti bassi, passeggiatine coi tacchi a spillo sullo "schiavo" e robe varie.
Non sono una che crede agli articoli dei giornalisti o alle leggende metropolitane, però anche io ho avuto sempre questo stereotipo.

Invece ho capito che è un legame soprattutto mentale e la vicenda mi ha incuriosito parecchio. Nel senso che per vivere veramente un rapporto del genere bisogna sentire quel tipo di unione mentalmente. Però comunque non ho ancora colto bene tante cose...

Farsi trattare dalla persona amata (e sottolineo, amata, non col primo che capita) come un oggetto da usare a proprio piacimento, come una persona che serve solo al sesso, in che "categoria" di rapporti rientra? Cioè la persona che vuole essere trattata così dall'altro, ha tendenze sadomasochiste? Anche senza uso del "dolore" in senso stretto?
Vivendo per qualcuno, io morirò per me stesso.

229

venerdì, 29 giugno 2012, 18:36

Ho letto qua e là un po' di risposte per farmi un'idea più reale della questione e ammetto che ne sapevo pochissimo. In effetti anche io, da ignorante, ho sempre pensato fosse una pratica legata a frustate, calci nei punti bassi, passeggiatine coi tacchi a spillo sullo "schiavo" e robe varie.
Non sono una che crede agli articoli dei giornalisti o alle leggende metropolitane, però anche io ho avuto sempre questo stereotipo.

Invece ho capito che è un legame soprattutto mentale e la vicenda mi ha incuriosito parecchio. Nel senso che per vivere veramente un rapporto del genere bisogna sentire quel tipo di unione mentalmente. Però comunque non ho ancora colto bene tante cose...

Farsi trattare dalla persona amata (e sottolineo, amata, non col primo che capita) come un oggetto da usare a proprio piacimento, come una persona che serve solo al sesso, in che "categoria" di rapporti rientra? Cioè la persona che vuole essere trattata così dall'altro, ha tendenze sadomasochiste? Anche senza uso del "dolore" in senso stretto?


Sai, molti che non conoscono bene il campo pensano che il BDSM non sia altro che una perversione dettata dalla ricerca di trasgressione o di qualcosa di innovativo finalizzato al sesso, ma in realtà non è così, il BDSM è molto di più. Forse non per tutti è così, ma almeno per me e per come l'ho vissuto io, mi sarebbe molto molto difficile praticare BDSM se non ci fosse amore dietro... Già il solo gesto di avvinghiare delle corde attorno al corpo della mia donna (io sono dominante) io lo trovo una delle dimostrazioni di amore più elevate che possano esistere. E si lo so, non sono normale, ma fidatevi che non sono l'unico. :)

Il lato mentale è importantissimo, il BDSM non è solo una cosa fisica, anzi... Per lasciarsi andare è necessario che la sottomissione sia mentale dapprima, ciò che accade a letto ne è la diretta conseguenza...

Aggiungo che ci sono un sacco di persone che hanno dentro di sé una indole incline al BDSM ma non lo sanno perché è un mondo di cui non conoscono l'esistenza. :)

Pale_Shelter

Giovane Amico

  • "Pale_Shelter" è una donna

Posts: 199

Activity points: 660

Data di registrazione: giovedì, 08 marzo 2012

Località: Lombardia

  • Invia messaggio privato

230

venerdì, 29 giugno 2012, 18:59

Già il solo gesto di avvinghiare delle corde attorno al corpo della mia donna (io sono dominante) io lo trovo una delle dimostrazioni di amore più elevate che possano esistere. E si lo so, non sono normale, ma fidatevi che non sono l'unico. :)
Corde a parte :D , sono anche io così sotto quell'aspetto.

Quindi il voler essere tratti dalla persona amata come un oggetto e aver voglia di sottostare ai suoi ordini può essere considerata una tendenza al sadomasochismo?
Vivendo per qualcuno, io morirò per me stesso.

231

venerdì, 29 giugno 2012, 19:03

Già il solo gesto di avvinghiare delle corde attorno al corpo della mia donna (io sono dominante) io lo trovo una delle dimostrazioni di amore più elevate che possano esistere. E si lo so, non sono normale, ma fidatevi che non sono l'unico. :)
Corde a parte :D , sono anche io così sotto quell'aspetto.

Quindi il voler essere tratti dalla persona amata come un oggetto e aver voglia di sottostare ai suoi ordini può essere considerata una tendenza al sadomasochismo?


Secondo me si, potresti essere una persona incline al BDSM inteso come sottomissione dal punto di vista soprattutto mentale. Potresti anche arrivarci alle corde un giorno, perché no. Molte persone sono "spaventate" a priori dalle pratiche BDSM ma non c'è nulla di innaturale (dal nostro punto di vista) a fare cose fatte bene con un partner consenziente e che ti ama. :)

Pale_Shelter

Giovane Amico

  • "Pale_Shelter" è una donna

Posts: 199

Activity points: 660

Data di registrazione: giovedì, 08 marzo 2012

Località: Lombardia

  • Invia messaggio privato

232

venerdì, 29 giugno 2012, 19:07

Già il solo gesto di avvinghiare delle corde attorno al corpo della mia donna (io sono dominante) io lo trovo una delle dimostrazioni di amore più elevate che possano esistere. E si lo so, non sono normale, ma fidatevi che non sono l'unico. :)
Corde a parte :D , sono anche io così sotto quell'aspetto.

Quindi il voler essere tratti dalla persona amata come un oggetto e aver voglia di sottostare ai suoi ordini può essere considerata una tendenza al sadomasochismo?


Secondo me si, potresti essere una persona incline al BDSM inteso come sottomissione dal punto di vista mentale. Potresti anche arrivarci alle corde un giorno, perché no. Molte persone sono "spaventate" a priori dalle pratiche BDSM ma non c'è nulla di innaturale (dal nostro punto di vista) a fare cose fatte bene con un partner consenziente e che ti ama. :)
In effetti, tra le altre cose, corde e bende mi attraggono da tempo. Ma è ovvio che il BDSM non è solo quello. Le corde&co sono una conseguenza del voler dominare/essere sottomessi dalla persona amata...e tutto parte dalla mente.
Intrigante 8) Ho scoperto che certe mie "smanie" in realtà possono avere a che fare con questa tendenza. Non me lo aspettavo.
Vivendo per qualcuno, io morirò per me stesso.

233

venerdì, 29 giugno 2012, 19:11

Non si finisce mai di imparare... Nemmeno riguardo a sé stessi! 8)

Pale_Shelter

Giovane Amico

  • "Pale_Shelter" è una donna

Posts: 199

Activity points: 660

Data di registrazione: giovedì, 08 marzo 2012

Località: Lombardia

  • Invia messaggio privato

234

venerdì, 29 giugno 2012, 19:17

Non si finisce mai di imparare... Nemmeno riguardo a sé stessi! 8)
Vero. La psiche è contorta e ti coglie sempre di sorpresa. Devo leggere di più sul BDSM. Forse comincio a capire e a definire meglio la mia indole.

:hi:
Vivendo per qualcuno, io morirò per me stesso.

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

235

venerdì, 29 giugno 2012, 21:47

Spiegato in breve...

Esistono Sensi Vanilla e Sensi BDSM.

I Sensi Vanilla sono: vista, udito, olfatto, gusto e tatto.

I Sensi BDSM sono: calore, vibrazione, pressione, dolore.

§

Tutti gli esseri umani usano questi sensi.

Chi ha una sessualità Vanilla PREMIA vista, udito, olfatto, gusto e tatto e CONDANNA calore, vibrazione, pressione e dolore.

Chi ha una sessualità BDSM PREMIA calore, vibrazione, pressione, dolore e CONDANNA vista, udito, olfatto, gusto e tatto.

§

La Sessualità umana ha sempre sia aspetti Vanilla che aspetti BDSM. Sì: è come una MONETA. Sono due parti COMPLEMENTARI.

Il fatto è che ogni essere umano HA SENSI PIù SVILUPPATI E SENSI MENO SVILUPPATI. C'è chi percepisce il dolore più di tutti... chi soffre il caldo... chi sente meravigliosamente, chi non ci vede.

Se i sensi PIù SVILUPPATI sono quelli al calore, vibrazione, pressione, dolore ALLORA si diventa BDSMer. E si ama tutto ciò che accade nel BDSM. E così nel caso opposto.

§

In sè non è sbagliato e no... non è un errore.

Io ho amato il BDSM.

Accettarlo, però, è il limite di un percorso lungo e difficilissimo.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

236

domenica, 08 luglio 2012, 15:43

Il mio rapporto col BDSM nel corso della mia vita mi ha sempre causato diverse complicazioni.

In passato ho provato a respingere questa mia natura, provando a portarmi a letto diverse donne ma facendo costantemente cilecca o quasi, dato che il sesso tradizionale non mi eccita, con la mia ex ex è stato per quello che ci siamo lasciati, io non ci riuscivo, averla sotto di me nuda nella posizione della missionaria non smuoveva nulla in me... Dopo quell'esperienza mi sono detto che avrei smesso e infatti per oltre 3 anni non mi sono più portato a letto nessuna donna. Poi però ho trovato una donna con cui ho potuto condividere la mia natura, ed ero felice. Adesso sono punto e a capo, e ho paura ad iniziare nuove relazioni (anche se, comunque, al momento è ancora troppo presto).

È possibile reprimere la propria tendenza BDSM per avere una vita sessuale normale? Io il BDSM l'ho praticato con amore, la probabilità di riuscire a fare una cosa del genere con un'altra donna è bassissima, e questa cosa mi crea molta ansia per il mio futuro... Voi come la vivete?

Questo post è stato modificato 1 volta(e), ultima modifica di "PietroR" (09/07/2012, 16:12)


SirPsychoSexy

I'm not the Devil's Child, but He Loves Me like a Son.

  • "SirPsychoSexy" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.268

Activity points: 3.937

Data di registrazione: mercoledì, 28 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

237

domenica, 08 luglio 2012, 16:44

meraviglioso
sto chiamando il CERN
Pavely ci ha appena squarciato il velo di tenebra che ottundeva le nostre viste .
signori: i sensi non sono più 5, bensì NOVE

Io non so se vi rendete conto della immane portata di senso per la umanità intera che questa affermazione comporta.


ma detto questo
ricomponiamoci
cerchiamo sollievo per un istante da tanto stordimento e stupore.

vediamo un poco....



se ciascuno di noi ,invece che mangiare i cibi e bere l'acqua , riuscisse a nutrirsi SOLTANTO tramite flebo endovenosa ,come accade per i degenti.
cosa potremmo dire di tutto ciò?
riusciremmo a sopravvivere come specie ?
sarebbe questo considerato normale ?
servirebbe (perchè questo è l'unico parametro di riferimento quando cerchiamo di stabilire cosa è normale e cosa non lo è ) al buon cammino evolutivo e di sopravvivenza della nostra povera e meschina specie ?
no.
la pragmatica risposta è :NO.
No, perchè tutto ciò che funziona senza entrare nell'azione atta a soddisfare un bisogno primario del corpo ma si soddisfa nella esecuzione laterale, obliqua,collaterale alla necessità è : ANORMALE .
Anormale nel senso di cui sopra, ovviamente.
dunque ,se io, di tanto in tanto, mi diverto e a scopo ludico mi piazzo un ago endovena e assorbo un po di glucosio e amminoacidi è una stranezza ma rimanente nell'alveo del normale.
se io,invece, NON RIESCO A NUTRIRMI SE NON ATTRAVERSO L'AGO PERCHE' LA VISTA DEL CIBO NON MI STIMOLA APPETITO , allora c'è stortura,deviazione,anormalità.


stesso ragionamento lo seguo nei riguardi del sesso (altra istanza primaria)

se legare una donna, invece che scoparla, può rappresentare un diversivo e magari ,saltuariamente, una valvola di sfogo e soddisfazione piena e completa, dipendere da questa situazione per ottenere una erezione decente significa collocarsi fuori dall'insieme del "naturale" .

fossimo tutti così, quindi, evitanti l'eiaculazione intravagina, la specie si estinguerebbe .
ergo
chi ha queste carattersitiche non è funzionale alla propria specie .
è,per utilizzare una parola precisa e netta: inutile .

in natura tutto ciò che è inutile muore.
scompare
si estingue.


trovo noioso il fatto che ,quando si parla di sessualità, per timore di mostrarsi intolleranti si decide di ascrivere nella lista del "normale" qualsiasi cosa , anche se da puro fenomeno ludico diventa unica fonte di vita sessuale per l'individuo.


detto questo
è ovvio che a me non freghi una emerita mazza di chi fa cosa nel proprio letto e ciascuno deve rimanere libero e tranquillo nel fare il missionario con la moglie timorata di dio oppure nel piantarsi chiodi arrugginiti nel glande ,se lo desidera .

mi da però noia questo buonismo ecumenico verso le parafilie
forse perchè oggi lavoro ..e voi no .

I know you want what's on my mind
I know you like what's on my mind
I know it eats you up inside
I know you
I Know you
I Know you Know

238

domenica, 08 luglio 2012, 16:51

SirPsychoSexy, io sono il primo ad ammettere di non essere "normale", ho usato questo termine già più volte in questo forum riguardo alla mia situazione. Questo lo so bene, e infatti ho detto che la situazione mi crea disagio, ma non riesco a reprimerla. Come posso fare? Ho provato anche con il Levitra (un simil viagra) ma non mi ha aiutato, è una questione di testa ovviamente...

Vorrei essere come voi, vorrei provare eccitazione ed interesse nel vedere un bel corpo femminile, nel contatto, nell'atto sessuale, vorrei essere così anch'io...

SirPsychoSexy

I'm not the Devil's Child, but He Loves Me like a Son.

  • "SirPsychoSexy" è stato interdetto da questo forum

Posts: 1.268

Activity points: 3.937

Data di registrazione: mercoledì, 28 settembre 2011

  • Invia messaggio privato

239

domenica, 08 luglio 2012, 17:05

Il mio rapporto col BDSM nel corso della mia vita mi ha sempre causato diverse complicazioni.

In passato ho provato a respingere questa mia natura, provando a portarmi a letto diverse donne ma facendo costantemente cilecca o quasi, dato che il sesso tradizionale non mi eccita, con la mia ex ex è stato per quello che ci siamo lasciati, io non ci riuscivo, averla sotto di me nuda nella posizione della missionaria non smuoveva nulla in me... Dopo quell'esperienza mi sono detto che avrei smesso e infatti per oltre 3 anni non mi sono più portato a letto nessuna donna. Poi però ho trovato una donna con cui ho potuto condividere la mia natura, ovvero la mia ultima ex (di cui ho parlato nel thread che ho aperto nella sezione "Vita di coppia") ed ero felice. Adesso sono punto e a capo, e ho paura ad iniziare nuove relazioni (anche se, comunque, al momento è ancora troppo presto).

È possibile reprimere la propria tendenza BDSM per avere una vita sessuale normale? Io il BDSM con la mia ex l'ho praticato con amore, la probabilità di riuscire a fare una cosa del genere con un'altra donna è bassissima, e questa cosa mi crea molta ansia per il mio futuro... Voi come la vivete?

Tesoro mio non sentirti attaccato
io non ho alcun problema con te e con quelli che sono legati a queste pratiche per ottenere piacere o eccitazione .

non so aiutarti
non so come potere esserti utile
forse l'astinenza totale per anni
forse l'imbottimento di viagra e poi ,magari, andrai via da solo
forse devi trovare un particolare modo di guardare una donna
forse la bisessualità
forse una buona psicoterapia
una cura

non lo so

la tua ex femmina ha giocato, si è divertita,ha provato .
poi però ha cercato il montone vero .
tu sei rimasto con le manette in mano e ti sei perso.

non si può vivere di sublimazione
la vita appassisce

I know you want what's on my mind
I know you like what's on my mind
I know it eats you up inside
I know you
I Know you
I Know you Know

240

domenica, 08 luglio 2012, 17:11

Forse una psicoterapia può aiutarmi...

Vorrei dire delle cose ma credo che le dirò nella sezione privata, sono un po' intime...