Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

geppo1983

Pilastro del Forum

  • "geppo1983" è un uomo

Posts: 2.304

Activity points: 7.598

Data di registrazione: mercoledì, 01 aprile 2009

  • Invia messaggio privato

16

giovedì, 15 ottobre 2009, 01:21


Ma, nei fatti, è evidente che non ho alcuna qualità letteraria.

Stasera mi sento più irruento e volgare del solito... :smoker: farò un altro intervento un pò così, speriamo che non mi fanno fuori.

Pavely, tu hai letto una marea di libri, e sei romano... quindi hai visto Febbre da cavallo... quindi se io ti dico che sta storia che tu non sai scrivere, è la più grossa stronzata da quando l'uomo ha inventato il cavallo, sai di cosa parlo... a Pavely... ma che cacchio stai a dì?? Tu non sai scrivere?? Tu hai letto una marea di libri, è ovvio che sai scrivere!! E tu si... Pavely, sai scrivere!

Con 4 parole in fila, hai pure stuzzicato Luna... e vuoi dire di non saper scrivere? Non dire strz... :rules:

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

17

giovedì, 15 ottobre 2009, 09:33


Ma, nei fatti, è evidente che non ho alcuna qualità letteraria.

Stasera mi sento più irruento e volgare del solito... :smoker: farò un altro intervento un pò così, speriamo che non mi fanno fuori.

Pavely, tu hai letto una marea di libri, e sei romano... quindi hai visto Febbre da cavallo... quindi se io ti dico che sta storia che tu non sai scrivere, è la più grossa stronzata da quando l'uomo ha inventato il cavallo, sai di cosa parlo... a Pavely... ma che cacchio stai a dì?? Tu non sai scrivere?? Tu hai letto una marea di libri, è ovvio che sai scrivere!! E tu si... Pavely, sai scrivere!

Con 4 parole in fila, hai pure stuzzicato Luna... e vuoi dire di non saper scrivere? Non dire strz... :rules:
:assi:

ahahah

E sono a sette fantasie!

E' troppo divertente.

Voglio vedere quando arrivo a duecento e poi a mille...

:assi:

Alziamo l'audience del forum!

:assi:

ahahahahah!

....

Geppo?

Non penso che sbatteranno fuori te!

Sicuramente, sbatteranno fuori me per 'sto post!

:assi:

E' buffo...

Buffissimo...
Mein Herz, halt Dich an mir fest

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

18

giovedì, 15 ottobre 2009, 09:40

1000 e...

... infatti, Geppo, volevo dire che se Pavèly dice una cosa tipo che è evidente che non sa scrivere, quante altre cose dice che non corrispondono, riguardo se?



Pavèly, ti stanno dando fastidio questi commenti positivi? Anche in questo caso?



Sappi che non è affatto per fare i complimenti, ma se vuoi che le persone siano oneste con te devi rischiare anche dei riscontri positivi... e non è che siano tanto per incoraggiarti, ma davvero



MI SEMBRA TROPPO SPRECATO CHE ALTRA GENTE NON POSSA CONOSCERE QUESTO TALENTO, QUESTA PASSIONE



io so lavorare solo di passione: ciò che mi diverte e mi piace fare/inventare... il guaio è che se non è così non riesco a lavorare (problema odierno e di qualche passato)... un'autentico scrittore si diverte e prende piacere in ciò che fa e così lo trasmette a chi legge.



DETTO QUESTO, SPERO CHE LA SFACCIATA SINCERITà NON TI BLOCCHI ORA... VAI AVANTI E RACCOGLI CIò CHE QUI ESPRIMI. POI FAI IL TUO LIBRO E FAI LA TUA STRADA...



Poi speriamo che altri inizino a esprimersi a loro modo, magari qui per rendere questa esperienza davvero unica.



Sarebbe un modo molto più produttivo di "tirarsi fuori", un modo meno drammatico di vedere i propri problemi. Forse anche un modo più possibile di trovare soluzioni...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

19

giovedì, 15 ottobre 2009, 09:42

che ridere davvero!

:roftl: stavo scrivendo la mia tutta seria e poi al ritorno vedo cos'hai scritto a Geppo...
judging a person does not define who they are, it defines who you are

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

20

giovedì, 15 ottobre 2009, 09:46

N°8.

Milano.

Un palazzo degli anni venti.

Oggi. Siamo al secondo piano.

Lui è un dirigente, ha una giacca di Armani, parla con un CdA, un consiglio di Amministrazione.

Ha un sorriso sereno. Ecco che gira un grande foglio di carta. Parla piano, risponde con esattezza.

E' molto sicuro di sé. Il suo corpo è quello di un nuotatore e i suoi denti sono di un candore luminoso.

Perchè negarlo? Ha un sorriso affascinante. Quegli occhi neri, sono opali australiani. Gioielli che risplendono dei mille segreti della terra.

Dunque, ci chiediamo... qual'è la fantasia di quest'uomo? È lì, sotto i suoi pantaloni. Non lo possiamo vedere, non possiamo chiedergli di slacciarsi quì i pantaloni, di abbassarsi le mutande, e di mostrarci il suo segreto.

Ma non chiedetemi come io ne sia venuto in possesso. Bene... quest'uomo che vediamo così sicuro di sé, lì, sotto i pantaloni ha una fascetta di cuoio scuro che stringe, strozza, il suo pene. E' un regalo della sua amante che lui, con amore, chiama Dominatrix.

Sì, è uno schiavo. Sì, ama il bondage, essere legato da lei, essere p u n i t o, preso a schiaffi. La sua Dominatrix ad esempio ama sputargli sul viso, offenderlo, alcune volte (lo so, è difficile da immaginare), con i suoi stiletto con tacco di tredici centimetri ama prenderlo a calci sui testicoli.

E vedete quei suoi ricci? Sapete quante volte lei ama stringerli nella sua mano con le unghie laccate di un rosso brillante e strattonarli con forza? E gli schiaffi sul viso e le volte in cui lo obbliga ad indossare, lui, un dirigente della Fiat di Torino, una minigonna in tessuto jeans? E noi siamo quì...

In questa tiepida mattina di ottobre. Attorno a lui ci sono i membri del Consiglio di Amministrazione. Lui deve essere sempre attento a non fare pensieri impuri. Se per caso cadesse nel tranello di avere una fantasia erotica, il suo pene, crescendo, sarebbe strozzato dalla fascetta in pelle scura. E il dolore sarebbe grandissimo...

Ma questo è un segreto. Nessuno quì, (una luce piena di pollini e di incanti arriva dalla finestra) conosce il suo segreto. Nessuno può intuire cosa si nasconda dietro questa amabilità, questa sicurezza, questa bellezza.

Dunque, c'è una lezione importante da apprendere in amore.

Il sesso esige i suoi segreti.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

21

giovedì, 15 ottobre 2009, 10:00

N°9.

Ha sempre amato i suoi capelli corti.

Prima, a dire la verità, amava le sue trecce.

Ma ora si sente bella. I capelli corti, alla maschietta.

Cammina lungo il corso nella nostra bella città di Pavia.

E' maggio, gli alberi ondeggiano leggeri ad un vento che porta gli odori e i profumi della bassa.

Ciò che ci colpisce, di lei, (ora, quì, seduti al tavolino di un bar) è il suo miniabito. Il sul microabito.

Leggero, vaporoso, grande... ora che cammina, (passa davanti al locale), ci viene in mente l'immagine di una tenda di lino, in una villa greca, che il vento (il vento di una finestra lasciata aperta) fà volare e danzare...

Ci alziamo, la seguiamo. Sembra che mille e mille fate danzino attorno a lei, il suo passo, la sua velocità (ai piedi espadrillas catalane), danno magia a questa mattina... e le macchine, gli aerei, il moto delle nuvole si fermano.

Un uomo cammina, la segue. Lei fà un piccolo balzo e ci regala così il suo segreto. Niente mutandine. Il suo miniabito... Abbiamo scritto che indossa un miniabito. No. Il termine è scorretto. Più correttamente, lei indossa un microabito. La falda del suo vestitino le arriva appena alla linea dei glutei... lì, proprio dove inizia la gamba.

E ciò che è meraviglioso sono questi giocosi balzi, questi saltelli. Lo scopo evidente è alzare il vestito, mostrare la sua nudità al pubblico muto e compiaciuto del corso, della strada. Ed ecco il momento unico. L'atto unico, il gesto indimenticabile.

Fà una piroetta su sé stessa. E il vestito si alza vaporoso, lei danzatrice di un palcoscenico urbano, fino all'ombelico. Una piroetta e vediamo, chiarissimi il suo nudo, depilato, monte di Venere. La sua m o n a...

Il gesto è violento, fortissimo, come un'ondata di un mare che ci travolge. Non possiamo far altro che fermarci.

Il cuore batte violento... e ragioniamo. Cerchiamo un contatto con la nostra razionalità.

Ecco: nel sesso c'è una regola importante.

Mostrando non puoi fare altro che rivelare la tua purezza.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

22

giovedì, 15 ottobre 2009, 10:16

N°10.

La sua cameretta.

Sul comodino un peluche.

Il suo peluche di bambina.

E' estate, mamma e papà dormono.

Lei, nei suoi sedici anni, riposa... una minigonna di cotone Replay...

Una canotta leggera, un reggiseno Yamay. Fuori, stridono i grilli. Non dovremo essere quì.

E' vero. E' eccessiva, invadente, la nostra presenza. Dovremo essere fuori... per strada. Ci sono cose, nell'erotismo, che non è giusto sapere.

Ma, se lo facessimo, saremo scorretti. L'erotismo, il sesso, infatti, non conosce la parola segreto. I segreti degli amanti, come scrive giustamente Georges Bataille, non sono altro che verità condivise.

Mamma e papà dormono, di là. Il papà ha un sonno pesante... russa. Lei, la nostra protagonista, non riesce a prendere sonno, il suo cuore batte forte... (pum pumm... pum pumm). La stanza ne è inondata.

Alza piano la mano e prende il suo peluche. (Un cane dolcissimo e grande). Divarica un po' le gambe e lo stringe. Lo porta sù (la minigonna risale...). Ci gioca. Si alza leggermente, getta il peluche d'un lato. Le è sembrato di sentire un rumore?

SI tira sù la minigonna. Mette i pollici sotto le mutandine e le sfila. E poi, veloce, con il cuore a mille, le prende e le nasconde sotto il cuscino... si riabbassa di corsa la gonna... ha sentito qualcosa? Mamma, per caso, stà camminando lungo il corridoio?

Il cuore, il suo martellare, è dolorosissimo. Piccoli istanti... nessun rumore. Un silenzio bellissimo. Solo Marco (Marco...) al primo piano ascolta musica classica (Shostakovich? Sì... lo ha cercato su Wikipedia...). Marco... il suo sorriso, la sua eleganza, la sua bellezza...

Mette dunque il peluche a contatto con il suo sesso. Tra le gambe. Lo stringe. Il pelo, leggerissimo, le accarezza le grandi labbra... la sua vagina si schiude. SI apre... leggera. E piccole gocce bianche le umettano. le piccole labbra. Ciò che ci colpisce è una nostra consapevolezza.

Non possiamo vederlo... ma sicuramente la clitoride (parola greca... la collina... dunque, femminile... ed è giusto che sia così. Lezione di grammatica amorosa: clitoride è un termine femminile. Abbandoniamo la stupida arroganza maschile di dire il clitoride. No... la clitoride. Le donne hanno il diritto di riconquistare questa parola, per loro preziosissima)... dicevamo: la clitoride deve essere cresciuta.

Lei sfiora il peluche. Ecco i movimenti del bacino. Il suo ondeggiare... il peluche stretto dalla gambe sotto la sua minigonna e nella stanza la sua fantasia. Marco che la bacia al muretto davanti alle sue amiche.

L'ondeggiare del peluche... le onde del piacere... il liquido lubrificante... perlaceo, brillante.

Ed ecco un gemito... il suo gemito. Il gemito di una ragazza di sedici anni...

Terrorizzata prende il peluche, scatta in piedi, apre il suo armadio.

Lo getta dentro... e il suo pensiero è: "Mi avrà sentita?"...

Dio... le viene da piangere. (Sì le viene da piangere...)

Nel sesso, dunque, c'è un aspetto di cui non abbiamo tenuto conto.

Spesso, si sono parole non dette.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

23

venerdì, 16 ottobre 2009, 12:17

N°11.

E' seduta sul divano.

Ha alzato la maglia e il reggiseno.

Con una piccola pompetta, stà aspirando il latte dal capezzolo del seno sinistro.

Lui la guarda, appoggiato allo stipite della porta. Ha solo un asciugamano sui fianchi.

Il tessuto di cotone preme sul suo pene. Sente il vapore della doccia bollente sulla pelle.

Ancora per un attimo... pensa al piccolino, al paflughino, il piccino che dorme di là. Si morde, con dolcezza, il pollice e il medio...

Lei è assorta, gira leggermente il capo, gli sorride. Lui si avvicina, scioglie l'asciugamano, il pene si erge turgido nella penombra della camera da letto.

Il piccolino di là, nella culla, dorme dolcissimo...lui si abbassa, accosta le labbra. Lei interrompe (meravigliata?) il suggere del latte. Allontana la pompetta e lui, con lentezza, accosta le labbra al capezzolo, ora sposo dell'aria.

Lo morde piano... e lei sente una cascata di elettricità lungo la schiena. Sorride. E' meravigliata. E il suo sposo, Lui, sugge... sente le gocce di latte sulla sua bocca. Lei guarda lungo la camera, cerca un appiglio, qualcosa che gli spieghi quella sensazione.

Ma non c'è nulla. E' come una sensazione di vuoto, un librarsi nell'aria... il suo sposo, il suo compagno, il amante, il suo uomo, in ginocchio, davanti a lei, con un pene turgido e svettante, le stà suggendo il latte dal capezzolo. Sà di dover far qualcosa, sà, lei, di dover agire e allora gli appoggia con dolcezza la mano sulla testa.

Si getta sul letto, lui la segue... sente pulsare il sesso sotto le mutandine di pizzo, sotto la gonna dei tailleur che indossa... la sente pulsare. (Pum pumm, pum pumm). La sua fica diventa un cuore. Stringe i suoi riccioli neri. Stringe la sua testa, vorrebbe fare qualcosa ma è smarrita, è un volo, è qualcosa di nuovo. E si accorge di una cosa.

Ride e piange.

Ride e piange quando lui le lappa i capezzoli... quando lui, uomo adulto, cerca il suo latte.

Questo è amore. Ed è una lezione importante.

Amare, lo sai, significa librarsi nel vuoto.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

24

venerdì, 16 ottobre 2009, 12:39

1000 e...

cos'è un Calibano?
judging a person does not define who they are, it defines who you are

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

25

venerdì, 16 ottobre 2009, 13:01

RE: 1000 e...

cos'è un Calibano?
E' una citazione colta.

E' un personaggio di un'opera di Shakespeare: "La tempesta".

In italiano, è la metafora di un uomo di eccezionale bruttezza.
Mein Herz, halt Dich an mir fest

lux

Utente Attivo

  • "lux" è una donna

Posts: 96

Activity points: 386

Data di registrazione: lunedì, 29 dicembre 2008

  • Invia messaggio privato

26

venerdì, 16 ottobre 2009, 13:02

complimenti, è davvero un piacere leggere queste piccole scene di vita che ci proponi!
spero continuerai , perchè io ti seguo :)

Annica

Giovane Amico

  • "Annica" è una donna

Posts: 199

Activity points: 632

Data di registrazione: martedì, 18 agosto 2009

Località: il mondo

  • Invia messaggio privato

27

venerdì, 16 ottobre 2009, 14:15

wow Pavely.. è stupefacente come tu riesca a descrivere non solo gli ambienti ma anche le sensazioni... è come se tu, se noi vivessimo quello che scrivi solamente leggendolo... è da pochi suscitare queste emozioni!
e poi tutti racconti diversi, veramente belli!
"...perché la vita è in due maniere,la parola è un’ala del silenzio,il fuoco ha una metà di freddo." Neruda.

pianista

Colonna del Forum

  • "pianista" è una donna

Posts: 2.091

Activity points: 6.602

Data di registrazione: giovedì, 10 settembre 2009

Lavoro: insegnante (una specie)

  • Invia messaggio privato

28

venerdì, 16 ottobre 2009, 15:09

1000 e...

Dimmi Pavèly... quanto ti stai divertendo?
judging a person does not define who they are, it defines who you are

Shantaram

viaggiatrice

  • "Shantaram" è una donna

Posts: 64

Activity points: 206

Data di registrazione: giovedì, 20 agosto 2009

Località: nei miei sogni

  • Invia messaggio privato

29

venerdì, 16 ottobre 2009, 19:56

Caro Pavèly,


Penso che tu abbia
una grande cultura letteraria e molta fantasia, scrivi perc hè ti piace farlo e
hai del talento. Ma spero di non offenderti se ti dico che tra tutte le tue
storielle l'unica che ho sentito vera e mi ha dato un minimo di emozione è quella
con lo scenario di Parigi. Sarà perché amo Parigi, di certo non sono io la
misura della tua capacità di scrivere, sarà perché c'è dentro la vita e nelle altre non l'ho sentita, sarà perché
ognuno si immedesima in ciò che gli è più simile. Non lo so.


Non riesco a
immedesimarmi nelle altre….non provo nulla. Cerchi sempre di intellettualizzare
dando un senso finale ad ogni tua storia. E' necessario?


So che starai
pensando allora perché non la scrivo io una storiella prima di giudicare quelle
degli altri?


Anche a me piace
scrivere, senza ambizioni letterarie, ma mai ho scritto una storiella erotica.
Sarebbe una prima assoluta e ho paura del fallimento totale, quindi ….





Ad ogni modo
piaci quindi vai avanti, ma se posso
permettermi un consiglio…. Mettici meno testa e più sensazioni TUE.

:friends:
"La nave dormiva.
Il mare si stendeva lontano,
immenso e caliginoso,
come l'immagine della vita,
con la superficie scintillante
e le profondità senza luce." (Joseph Conrad)

Pavély

Un uomo e il suo cuore hikikomori

  • "Pavély" è un uomo
  • "Pavély" è stato interdetto da questo forum
  • "Pavély" ha iniziato questa discussione

Posts: 3.480

Activity points: 12.379

Data di registrazione: mercoledì, 25 febbraio 2009

Località: Roma

Lavoro: Nessuno

  • Invia messaggio privato

30

venerdì, 16 ottobre 2009, 19:56

Siamo in un forum di psicologia.

CIò che dovrei provare sarebbe "eccitazione".

Pure, cartesianamente, provo "divertimento".

(Tanto).
Mein Herz, halt Dich an mir fest

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite